Sab. Set 25th, 2021

MAXIME VIVAS: “Nello Xinjiang non ci sono genocidi, siamo di fronte alla bugia del secolo”

Iscriviti alla newsletter del CeSEM

Maxime Vivas è un giornalista e scrittore francese che a fine 2020 ha dato alle stampe il libro Ouïghours, pour en finir avec les fake news, un volume in francese dedicato alla questione dello Xinjiang, una voce fuori dal coro che si batte contro il racconto reso dai media mainstream occidentali sugli eventi che interessano questa regione autonoma della Repubblica Popolare Cinese.


Salve signor Vivas, buongiorno e grazie per la sua disponibilità. Entriamo subito in argomento: i media occidentali parlano sempre dello Xinjiang. Per Washington e i suoi alleati questa regione amministrativa speciale della Repubblica Popolare Cinese non è altro che un mezzo per fare pressione sul Governo centrale della Cina. Di cosa parla, invece, Pechino quando parla dello Xinjiang?

Pechino parla di una delle sue regioni che occupa un sesto della superficie della Cina, ricca di minerali, che è il passaggio di gasdotti e oleodotti, che è l’inizio della Nuova Via della Seta e che diventerà un paese nemico se la battaglia contro le “tre piaghe” (separatismo, terrorismo, fondamentalismo) verrà perduta a favore di una teocrazia chiamata “Turkestan orientale”.

Si può parlare di una sorta di filo rosso che lega Hong Kong, Tibet e Xinjiang in una strategia di destabilizzazione del governo di Pechino messa in atto dalle forze occidentali, in primis gli Stati Uniti d’America? Con quali finalità?

La Cina ha ventitré province, cinque regioni autonome, quattro “municipalità” che dipendono direttamente dall’autorità centrale e due regioni amministrative speciali, ma i loro nomi (o anche la loro esistenza) ci sono sconosciuti; tranne Tibet, Hong Kong, Taiwan, Xinjiang.

Sono quattro regioni in cui è stato possibile creare disordini dall’esterno con l’obiettivo di separarli dalla Cina (quattro fallimenti per il momento), o per costringere la Cina a mobilitare parte delle sue forze per pacificarli.

In un video del 2018, il colonnello Lawrence Wilkerson, ex capo di stato maggiore di Colin Powell responsabile del settore dell’Asia orientale e del Pacifico, ha confessato: “[…] a 20 milioni di uiguri non piacciono i cinesi Han nella provincia dello Xinjiang, nella Cina occidentale, e se la CIA volesse organizzare un’operazione usando questi uiguri come ha fatto Erdogan in Turchia contro Assad, ce ne sono 20.000 a Idlib in Siria in questo momento, ad esempio; motivo per cui la Cina potrebbe schierare forze militari in Siria in un futuro molto prossimo per affrontare quegli uiguri che Erdogan ha invitato. Beh, la CIA vorrebbe destabilizzare la Cina e questo sarebbe il modo migliore per farlo, per creare problemi e unirsi a questi uiguri per fare pressione sui cinesi Han e il popolo di Pechino dall’interno piuttosto che dall’esterno”.

L’accerchiamento della Cina è cominciato, il fianco sud è organizzato, quello ad ovest si muove. Manca il fronte settentrionale. Potrebbe verificarsi nella Mongolia Interna il prossimo focolaio di disordini organizzati contro il governo di Pechino?

Non avendo dato i risultati sperati le operazioni di destabilizzazione nelle regioni del Tibet, Hong Kong, Taiwan, Xinjiang, altre operazioni di destabilizzazione potrebbero essere effettuate in questa regione, senza però abbandonare le operazioni nelle altre, anche se le possibilità di successo (I penso in particolare al Tibet) sono praticamente scomparse.

Ma è importante lasciar covare diversi focolai e accenderne di nuovi per disperdere le forze “dei vigili del fuoco” cinesi.

Di recente mi sono occupato di Hong Kong e ho scritto una serie di articoli sull’ingerenza straniera negli affari interni della Cina rilevando che è essenziale comprendere le dinamiche che muovono gli eventi per capire che c’è sempre una dinamica burattinaio-burattinaio legata a un flusso di finanziamenti da fuori. Il modello “follow the money” può essere applicato anche allo Xinjiang per capire meglio cosa sta succedendo in questa regione autonoma cinese? Chi sta realmente lavorando sul campo?

Nel mio libro sulla falsa ONG Reporters senza frontiere (2007) e nel mio libro sul Dalai Lama (2011), ho dimostrato che l’organizzazione National Endowment for Democracy (NED) è un grossolano schermo della CIA. Il NED interviene finanziariamente ovunque gli Stati Uniti cerchino di destabilizzare o addirittura rovesciare un governo.

A Hong Kong, il NED ha sovvenzionato le associazioni che hanno guidato la ribellione contro il governo cinese.

Possiamo andare a vedere in particolare il sito del NED dove sono elencati i fondi donati nel 2019 ad associazioni di Hong Kong – https://www.ned.org/ regione / asia / hong-kong-cina-2019 /

Per agitare lo Xinjiang, invece, il NED usa il World Uyghur Congress (WUC). Per il WUC, lo Xinjiang è il Turkestan orientale.

Diversi leader del WUC hanno ricoperto posizioni di rilievo presso Radio Free Asia (RFA) e Radio Free Europe / Radio Liberty (RFE / RL), agenzie di stampa create dalla CIA.

Fin dal suo inizio, il WUC è stato generosamente finanziato dal National Endowment for Democracy.

I dollari americani pagati dal NED tra il 2016 e il 2019 al Congresso mondiale uiguro (WUC) e ad altre organizzazioni che intervengono nello Xinjiang sono destinati ad azioni che perlomeno assomigliano a intrusioni negli affari interni di un paese sovrano per scopi ostili. Pertanto, il donatore chiede ai beneficiari di sensibilizzare il pubblico e gli opinion leader cinesi, di organizzare seminari di formazione, di impegnarsi in una difesa globale a favore degli uiguri, di intervenire per questo alle Nazioni Unite, al Parlamento europeo, a sostegno degli uiguri diaspora, per coinvolgere efficacemente altre ONG per i diritti umani, la comunità internazionale e i media, per pubblicare rapporti che serviranno da fonte documentaria.

Le somme totali pagate dal NED per lo Xinjiang tra il 2016 e il 2019 ammontano a $ 2.643.698, di cui $ 1.275.000 per il WUC, così distribuite (Fonte: sito web NED, novembre 2020): 2016: $ 295.000, 2017: $ 246.000, 2018: $ 354.000, 2019: $ 380.000.

Va inoltre precisato che tali somme devono essere oggetto di una richiesta (il NED sceglie solo tra i richiedenti) che prevede la compilazione di un modulo lungo e preciso.

Si trova facilmente in diverse lingue (incluso il francese) sul sito NED.

Dietro il sorriso. Il lato nascosto del Dalai Lama è il libro di Maxime Vivas pubblicato in italiano da Anteo Edizioni

Maxime Vivas Archivi – Anteo Edizioni

Richiedi la tessera del Centro Studi Eurasia e Mediterraneo e ottieni il 20% di scontro sull’acquisto del libro

Anche gli organi di rappresentanza del popolo uiguro in effetti meriterebbero un approfondimento, vista la sospetta collocazione occidentale dei loro uffici…

Assolutamente. Fondato nel 2004, con sede a Monaco di Baviera, in Germania, il Congresso mondiale uiguro (WUC) si propone come organizzazione umanitaria per la difesa dei diritti umani ma sta conducendo una campagna per l’indipendenza dello Xinjiang.

Molti dei suoi leader vivono negli Stati Uniti.

Se non erro, Lei ha visitato lo Xinjiang al seguito di un gruppo di giornalisti francesi. Cosa hanno visto i suoi occhi?

Nel 2016 ho visitato lo Xinjinag con quaranta giornalisti di venti nazionalità: Giappone, Grande Bretagna, Russia, Canada, Thailandia, Kirghizistan, Pakistan, Kazakistan, Paesi Bassi, Arabia Saudita, Indonesia, Malesia, Belgio, Australia, Afghanistan, Iran, Turchia, Francia…

Ci sono tornato con il mio compagno nel 2018 per scrivere insieme un libro (piuttosto turistico, ma non solo…) su questa regione. Abbiamo attraversato lo Xinjiang in auto, minibus, aereo. Abbiamo visitato fabbriche, fattorie, scuole, ospedali, ecc. In Francia, illustri uigurologi che non hanno messo piede nello Xinjiang mi accusano di non aver visto tutto. Questo è vero. Ma quello che ho visto, l’ho visto, e questo spesso contraddice quello che dicono senza essermi mosso da Parigi.

E molte cose le ha riportate in un libro uscito alla fine del 2020 intitolato Uiguri, per porre fine alle fake news. Quali sono state le reazioni al momento dell’uscita? Ho letto che è stato etichettato come il “francese che difende i cinesi”…

Le reazioni sono state violente, odiose, ingannevoli. Quando il libro non era ancora stato stampato, avevo previsto che gli attacchi si sarebbero moltiplicati, non contro il libro (è inconfutabile), ma contro il suo autore (gli attacchi ad hominem).

Ed è quello che è successo. Diversi media francesi (stampa scritta, radio, televisione), incapaci di trovare informazioni false nel mio libro, hanno voluto punirmi affermando che sono ingenuo, incompetente, pagato dai cinesi, cospiratore o “rosso-bruno”, è che è, allo stesso tempo, comunista, antisemita e nazista (“bruno” si riferisce alle “camicie marroni” indossate dalle SA, una sezione d’assalto creata da Hitler e antenata delle SS).

Questo è il metodo della “reductio ad Hitlerum“.

Un giornalista di un importante quotidiano ha perquisito i conti del mio editore, sperando di trovare qualche motivo per squalificarla (yuan?). Un altro ha contato il numero di volte che il direttore francese del sito Quotidiano del Popolo mi ha citato su Twitter.

Con un’eccezione (il quotidiano “La Marsigliese”, vicino ai comunisti) tutti i media hanno condotto interviste sotto forma di processo, o addirittura di trappola. Un noto sito di informazione a pagamento, “Arrêt Sur Images”, mi ha teso un’imboscata al telefono. Ma l’ho visto arrivare e ho registrato l’intervista che ho pubblicato integralmente sul mio sito (legrandsoir.info) e sui social network. Apparvero le enormi bugie del racconto dell’intervistatore.

In verità, non sono pro-cinese, sono pro-verità.

Non sto difendendo i cinesi, ma i media difendono gli Stati Uniti.

Non hanno morale.

Parlando del libro. Quanta disinformazione c’è nella narrativa dei media occidentali sullo Xinjiang, in particolare, e sulla Cina, in generale? Siamo di fronte a quella che il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha detto essere “la menzogna del secolo inventata dalle forze anti-cinesi appoggiate dagli Stati Uniti nello Xinjiang”?

Ho detto più volte nel mio libro, scritto durante l’estate e l’autunno del 2020, che non una parola è vera nella campagna anti-Cina sullo Xinjiang.

Avrei potuto essere più attento. Un accenno di dubbio sotto la mia penna, una morbida concessione sarebbe stata gradita.

Ma la verità è che è tutto inventato. Nello Xinjiang non ci sono genocidi, persecuzioni di musulmani, campi di concentramento, schiavi nei campi di cotone, stupri, sterilizzazioni di donne, ecc.

Ha ragione il portavoce del ministero degli Esteri cinese: siamo di fronte alla “bugia del secolo”. È stato detto così tante volte che sembra una verità che non c’è bisogno di verificare.

Il 9 giugno 2021, in una trasmissione televisiva letteraria di cui era ospite unico, il sociologo Edgar Morin, la cui autorevole parola, ha parlato, in una frase, del martirio degli uiguri. Quest’uomo dei dossier, delle indagini sul campo, questo cacciatore di dicerie professionista (ha scritto un libro sull’argomento) ne nutre, tanto crede che sia un fatto indiscutibile.

Tra i giornalisti c’è più ignoranza, pregiudizio o volontà di manipolare?

C’è tutto: ignoranza, pregiudizio, una volontà deliberata di manipolare.

Ma anche una precarietà della professione, il moltiplicarsi dei contratti precari.

Ho bei ricordi del figlio di un vecchio amico, un giornalista alle prime armi, che doveva scrivere un articolo sullo Xinjiang.

L’ho visto crescere, l’ho portato sulle ginocchia, l’ho avvertito e gli ho comunicato tutta la mia documentazione. Ha pubblicato un articolo sul ‘martire’ degli uiguri con la testimonianza di quattro testimoni anonimi di cui non conosciamo i nomi e di cui non si mostra il volto.

A quel tempo, mi sono risentito con lui. Poi ho pensato tra me e me che se avesse scritto un articolo sulla verità, non sarebbe stato pubblicato, e avrebbe fatto conoscenza della disoccupazione.

Se fosse chiamato alla definizione di un paradigma veritiero per guidare la narrativa mediatica dello Xinjiang, quali sarebbero i punti di partenza? E quali sono le prime fake news da smentire?

Se prendiamo la definizione di paradigma in uso nell’epistemologia e nelle scienze umane e sociali, cioè “una rappresentazione del mondo, un modo di vedere le cose, un modello coerente del mondo che si fonda su una base definita” , direi questo: l’unica spiegazione plausibile del martirio di un’etnia di 12,5 milioni di abitanti è l’intrinseca, genetica crudeltà dei governanti di Pechino che, senza sosta millenni di cultura cinese, di virtuosismo acquisito nell’arte di governare e negoziare, comincerebbe a comportarsi come i clown africani Jean-Bedel Bokassa e Idi Amin Dada.

Come soldati! Per credere alle bugie occidentali sul destino degli uiguri, si dovrebbe credere che i governanti cinesi siano sia crudeli che sciocchi.

Ma poiché non sono niente di tutto questo, lungi dal martirizzare questo gruppo etnico musulmano, lo coccolano, lo aiutano, lo promuovono e lo proteggono contro una violenta minoranza di “pazzi di Allah” che sognano di creare una teocrazia in uno stato indipendente, “Turkestan orientale ” su un sesto del territorio cinese.

Quali sono le prime fake news da smentire? Tutte allo stesso moodo, ma senza dimenticare di porsi la domanda: perché i cinesi dovrebbero mai fare ciò di cui sono accusati?

Il livello delle accuse contro Pechino è aumentato: da accuse di violazione dei diritti umani del popolo uiguro ad accuse di vero e proprio genocidio. Cosa cercano gli Stati Uniti – perché, diciamocelo, l’Occidente sta facendo un gioco che solo Washington ha interesse a giocare – con questa strategia? E quanto sarà preparata Pechino ad accettare l’esposizione dell’accusa?

La popolazione uigura, che è più che raddoppiata in 40 anni, continua a crescere più velocemente durante il “genocidio” rispetto a quelli di altre regioni cinesi.

Per riuscire a far credere al “genocidio” (dal secondo dopoguerra sappiamo in Europa di cosa si tratta) dobbiamo rinunciare alla definizione della parola inscritta nelle sue radici: geno-, razza, –cidio, morte.

Gli anticinesi hanno cercato un articolo da una risoluzione delle Nazioni Unite a Ginevra nel 1948 sugli impedimenti alla procreazione.

Ma se prendiamo questa definizione rivista, ci rendiamo conto che la politica cinese del figlio unico imposta alla maggioranza Han (e solo su di essa) è il genocidio più lungo della storia e che tutte le politiche di pianificazione familiare, vale a dire il controllo delle nascite sono genocidi. Pechino sarebbe pronta ad accettare ispezioni, inchieste giornalistiche? Ma lo fa. Sono la prova vivente. Centinaia di altri, diplomatici, funzionari eletti stranieri sono venuti nello Xinjiang.

Ad altri viene rifiutato il visto? Questo è vero. Credo che questi siano quelli di cui sappiamo di cosa scriveranno. Seneca disse: “Che senso ha viaggiare se ti porti con te?“.

Personalmente, non lascerei entrare in casa mia un vicino che mi odia e che vuole farmi del male a frugare nei miei cassetti.

C’è un fatto bizzarro in tutta la recente vicenda dello Xinjiang: gli Stati Uniti fanno pressione sulla Cina ma analizzando i dati commerciali, vediamo che i due Paesi continuano a fare affari tra loro, tra l’altro a scapito dell’Europa che, anzi, con le sanzioni volute da Washington – che ovviamente non rispetta – perde terreno e, soprattutto, vantaggi economici. Come possiamo spiegarlo?

Gli affari sono affari.

Marx diceva che i capitalisti avrebbero venduto anche la corda per impiccarsi.

Non dimentichiamo che la Cina ha bisogno di esportare per continuare il suo sviluppo. Il PIL pro capite è ancora basso; (82° nel 2107 nella classifica delle nazioni secondo il FMI).

Per quanto riguarda l’Europa, accetta anche di pagare le sanzioni agli Stati Uniti quando commercia con paesi banditi da Washington.

“L’Occidente ha capito che la Cina sarà (se non lo è già) la prima potenza mondiale. E gli americanofili cercano invano di opporsi a questa realtà”

Maxime Vivas

A tal proposito, nel suo libro c’è una frase breve ma che è un riassunto di ciò che sta accadendo ora riguardo allo Xinjiang: “questa lotta degli americani non è nostra”. I paesi europei hanno davvero abbandonato ogni prospettiva di autonomia e difesa dei loro diritti per inginocchiarsi al volere del padre-padrone americano? Fino a che punto l’Occidente è disposto a seguire un declino che sembra inarrestabile e soprattutto quando se ne rende conto? Dopotutto, il mondo raccontato dagli occidentali non esiste più.

Non dobbiamo essere solidali con gli Stati Uniti nella loro lotta per mantenere la leadership mondiale grazie alla quale non passa quasi un anno senza che questo Paese massacri un popolo (preferibilmente lontano e debole) e non gli permetta di rubare le sue risorse.

La Francia della Rivoluzione del 1789, la Francia della Dichiarazione dei diritti dell’uomo dovrebbe invece rallegrarsi all’idea che il peso degli USA su decine di paesi sarà alleggerito dalla riduzione del suo potere e quindi della sua quasi impunità.

Quindi questa lotta degli americani non è nostra.

Non siamo in concorrenza con il Cina per il primo posto.

Non abbiamo alcun interesse a farne un nemico.

Tanto più che la Cina, con la nuova Via della Seta (o Belt and Road Initiative) apre interessanti prospettive di cooperazione.

Ad oggi, l’Europa, la Francia, si posizionano come servi degli Stati Uniti, ma è un terribile errore storico. Scommettiamo sui meno pacifici e su un futuro perdente.

Il terrorismo eterofinanziato è un mezzo di destabilizzazione abbandonato o potrebbe ripresentarsi in caso di necessità?

Non è mai stato abbandonato, non sarà mai abbandonato dalle potenze occidentali.

Il terrorismo che può indebolire i (molti) paesi che gli Stati Uniti vedono come nemici sarà sempre un’arma usata.

Questo spiega l’estrema vigilanza della Cina nello Xinjiang, regione che confina con il Pakistan.

Cosa può fare l’opinione pubblica per far sì che sia necessaria un’inversione di tendenza politica e, soprattutto, per fermare un’escalation che, nella ricerca del mantenimento dell’egemonia occidentale, pone le popolazioni in una posizione contraria ai propri interessi?

Non lo so, mi dispero, in Francia tutti i media (facciamo 99%) martellano opinioni con il dramma degli uiguri.

È un bombardamento incessante.

I miei concittadini, anche quelli che non sanno veramente dove sia lo Xinjiang, figuriamoci la sua capitale, “sanno” che gli uiguri sono sterminati.

Abbiamo perso la battaglia mediatica (forse non l’abbiamo combattuta).

Io, scrivo articoli sul mio sito legrandsoir.info, ho scritto un libro sul Tibet, uno sullo Xinjiang, rispondo a interviste che a volte sono esercizi di equilibrio sopra la fossa dei coccodrilli, faccio polemica, accetto discredito, attendo il momento.

La historia me abssolvera” aveva lanciato Fidel Castro ai suoi giudici.

L’ora della verità scoccherà.

Già notiamo un cambio di politica molto recente in Cina: non accetterà più senza reagire di lasciarsi trascinare nel fango. In Francia, l’ambasciatore cinese ha sorpreso coloro che avevano l’abitudine di colpire senza rischi.

Cosa non è in grado di capire l’Occidente della Cina?

L’Occidente ha capito che la Cina sarà (se non lo è già) la prima potenza mondiale. E gli americanofili cercano invano di opporsi a questa realtà.

Quello che l’Occidente non ha capito è che la Cina può essere portatrice di prosperità e pace. Di fronte a un falco come gli Stati Uniti, con più di 750 basi militari nel mondo, c’è una Cina il cui presidente Xi Jinping ribadisce di volere lo sviluppo in una “comunità di destini”.

Questo è quello che l’Occidente non ha capito perché la polemica politica chiude il ragionamento manicheo “la Cina è la Cina, e il resto del mondo è il resto del mondo…” (André Malraux). Questo significa che una civiltà molto diversa dalla nostra è da scoprire e senza dubbio da amare.

De Gaulle disse: “La Cina è una cosa enorme. Lei è lì. Vivere come se non esistesse è essere ciechi, soprattutto perché esiste sempre di più”. Il proclama è ancora valido?

Queste parole di De Gaulle sono più vere che mai.

Vedi: tre porti dell’Unione Europea sono stati in parte acquistati dai cinesi nell’ambito dell’istituzione della Via della Seta: Pireo, Venezia, Rotterdam. Ci sono altre partecipazioni cinesi sulle infrastrutture europee…

Come sta l’Occidente? C’è ancora spazio per il pensiero unipolare americano o stiamo vivendo negli ultimi giorni dell’impero?

Viviamo negli ultimi giorni dell’Impero, ma l’agonia può essere lenta e violenta. Devo citarti Gramsci: “Il vecchio mondo sta morendo, il nuovo mondo tarda ad apparire e in questa luce-oscurità compaiono i mostri“?

Quali sviluppi si aspetta nel prossimo futuro e quali invece si augura?

In Europa molto dipende dai colori politici dei governi dell’Unione Europea. In Francia, se Jean-Luc Mélenchon fosse eletto presidente nel 2022, il nostro atteggiamento nei confronti della Cina cambierebbe con, forse, un effetto a catena per altri paesi della Comunità.

Un’ultima domanda. La narrazione occidentale pone grande enfasi sulla “trappola di Tucidide”. Crede che gli Stati Uniti e la Repubblica Popolare Cinese siano, alla fine, destinati alla guerra?

Non posso (nessuno può) prevedere la prossima guerra.

Ma quello che sappiamo è che gli strateghi statunitensi stanno considerando scenari di guerra preventiva. Leggono lo stratega e storico ateniese Tucidide: meglio colpire un potenziale nemico che lasciarlo diventare potente.

Tuttavia, amano le guerre contro paesi piccoli, deboli e scarsamente armati. Non si scandalizzano di uccidere gli stranieri a decine di migliaia, ma non amano che i loro soldati vengano uccisi, tanto più civili nella distruzione delle città, uno scenario che vedono solo nel cinema o nei servizi sulla Jugoslavia e sul Medio Oriente.

Nel libro Cosa resta dell’Occidente? »(Grasset, 2014) co-scritto con Renaud Girard, da Le Figaro, Régis Debray nota che l’Occidente soffre dell’handicap che chiama “La negazione del sacrificio“.

Riunisce due cifre: 26.000 soldati francesi uccisi il 24 agosto 1914 senza particolare commozione da parte dei nostri funzionari cittadini.

Il 18 luglio 2011, 7 soldati francesi sono caduti in Afghanistan. “Omaggio della Nazione, elogio del presidente […] commozione mediatica“. È che “Goliath è diventato molle“.

Gli Stati Uniti non smettono mai di gemere al ricordo di due torri crollate sul loro territorio nel 2001, loro che ne hanno distrutte a decine in tutto il pianeta. Lo zio Sam è molle e questa fragilità paralizza il suo desiderio di bombardare la Cina.