Mar. Ago 16th, 2022

IL BILANCIO 2022 DEL PENTAGONO CERCA L’ACCERCHIAMENTO DELLA CINA

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

Analisi di Michael Klare

Il 27 dicembre, il presidente Biden ha firmato il National Defense Authorization Act (NDAA) per l’anno fiscale 2022, atto che ha assegnato 740 miliardi di dollari al Dipartimento della Difesa (DoD) per gli appalti e le operazioni militari per l’anno 2022 stabilendo anche obiettivi politici chiave. Come negli anni passati, gran parte dei finanziamenti autorizzati dalla NDAA andrà a coprire le spese per il carburante, munizioni e stipendi del personale militare, ma quest’anno, più che mai, c’è una forte attenzione alla preparazione delle forze statunitensi e alleate per un possibile guerra con la Cina.

Questa attenzione alla Cina è stata sottolineata per la prima volta nella richiesta di bilancio del Dipartimento della Difesa per l’esercizio 2022, inviata al Congresso lo scorso maggio. “La Cina rappresenta la più grande sfida a lungo termine per gli Stati Uniti“, si afferma nella richiesta. “Di conseguenza, il Dipartimento della Difesa darà la priorità alla Cina e alla sua modernizzazione militare come nostra sfida per tenere il ritmo“. Per affrontare questa sfida e fornire altri elementi essenziali militari, la richiesta del Pentagono prevedeva una spesa di 715 miliardi di dollari nell’esercizio 2022.

Ma anche i 715 miliardi di dollari nella richiesta di budget originale da parte del Dipartimento della Difesa non sono stati ritenuti sufficienti per la maggioranza dei Democratici e dei Repubblicani al Congresso, che hanno aggiunto altri 24 miliardi di dollari all’autorizzazione per l’esercizio 2022 al fine di rafforzare ulteriormente le forze statunitensi mirate a contrastare la Cina.

I finanziamenti aggiuntivi che abbiamo ottenuto … aiutano gli Stati Uniti a rimanere la principale potenza militare mondiale“, ha affermato il rappresentante Rob Wittman (R-Va.), membro del Comitato per i servizi armati della Camera. “Grazie a questa forza, gli Stati Uniti saranno in grado di proiettare forza e scoraggiare i conflitti mentre lavoriamo per… controllare l’influenza maligna della Cina“.

La maggior parte di questi finanziamenti aggiuntivi verrà utilizzata per acquisire più navi e aerei al fine di sostenere le forze statunitensi assegnate alla regione indo-pacifica e per programmi volti a rafforzare i legami militari con gli alleati statunitensi che si trovano nella regione.

Tra le altre cose, l’incremento da 24 miliardi di dollari consentirà alla Marina di procurarsi un terzo cacciatorpediniere con missili teleguidati e all’Air Force di ricevere altri sei caccia stealth F-35.

Alcuni dei fondi aggiuntivi verranno utilizzati anche per rinvigorire la Pacific Deterrence Initiative (PDI), una serie di attività volte a rafforzare i legami militari statunitensi con i suoi alleati nella regione indo-pacifica e stringere il cappio militare che circonda la Cina. La PDI è stata istituita dalla NDAA nell’anno fiscale 2021 e il suo obiettivo dichiarato è “modernizzare e rafforzare la presenza delle forze armate degli Stati Uniti” e “costruire le capacità di difesa e sicurezza, la capacità e la cooperazione di alleati e partner” nella regione indo-pacifica. Un totale di 2,2 miliardi di dollari è stato stanziato a questo scopo nell’NDAA FY 2021.

Per l’anno fiscale 2022, l’amministrazione Biden ha aumentato la richiesta di budget del PDI a $ 5,1 miliardi e il Congresso ha aggiunto altri $ 2 miliardi, portando l’autorizzazione totale a $ 7,1 miliardi per l’anno fiscale 2022. Parte di questo budget sarà utilizzato per acquisire hardware militare avanzato destinato a un possibile combattimento con la Cina, inclusi missili ipersonici e una varietà di navi di superficie e sottomarine senza pilota. Nella loro dichiarazione esplicativa congiunta sull’NDAA FY22, i leader dei comitati per i servizi armati della Camera e del Senato hanno anche ordinato al Dipartimento della Difesa di destinare più fondi a articoli vitali diversi dalle munizioni, come il carburante per aumentare la presenza quotidiana delle forze militari statunitensi nella regione indo-pacifica.

A parte la Pacific Deterrence Initiative, la NDAA FY 2022 è satura di altre misure volte a rafforzare la rete di alleanze volte a contenere l’ascesa della Cina in Asia e rafforzare i legami militari degli Stati Uniti con Taiwan.

La sezione 1252 della NDAA, “Sense of Congress on Defense Alliances and Partnerships in the Indo-Pacific Region“, costituisce un progetto per realizzare un sistema di alleanze militari guidato dagli Stati Uniti che circondi la Cina e sia dedicato al suo confinamento militare; afferma che la leadership del Pentagono dovrebbe “rafforzare le alleanze e le partnership di difesa degli Stati Uniti nella regione indo-pacifica in modo da promuovere il vantaggio comparativo degli Stati Uniti nella competizione strategica con la Repubblica popolare cinese“.

Tali sforzi dovrebbero includere, tra le altre cose: il rafforzamento della cooperazione militare degli Stati Uniti con l’Australia, il Giappone e la Corea del Sud; “ampliare l’impegno degli Stati Uniti con l’India, anche attraverso il dialogo quadrilaterale sulla sicurezza”; sviluppare maggiori legami militari con Singapore, Thailandia e Filippine; e “rafforzare la partnership degli Stati Uniti con Taiwan“.

Molte altre disposizioni dell’NDAA, incluso il PDI, forniscono il finanziamento per misure volte a rafforzare i legami degli Stati Uniti con gli alleati tradizionali, come Australia, Giappone e Corea del Sud.

Ma Taiwan rappresenta un caso speciale, in quanto non è, formalmente, un alleato militare degli Stati Uniti.

Nel 1979, nel riconoscere la Repubblica Popolare Cinese come governo legittimo della Cina, gli Stati Uniti hanno deciso di porre fine alle loro relazioni diplomatiche e di difesa con Taiwan e di ritirare tutte le forze militari statunitensi dall’isola. A quel tempo, Washington ha anche riconosciuto la posizione di Pechino secondo cui “c’è una sola Cina e Taiwan fa parte della Cina”.

Tre anni dopo, sotto il “Comunicato sulla vendita di armi” del 17 agosto 1982, Washington affermò inoltre “che non cerca di attuare una politica a lungo termine di vendita di armi a Taiwan, che le sue vendite di armi a Taiwan non supereranno, in termini qualitativi o quantitativi, il livello di quelli forniti negli ultimi anni dall’instaurazione delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Cina, e che intende ridurre gradualmente le sue vendite di armi a Taiwan”.

Nonostante queste promesse, i funzionari statunitensi non si sono mai pienamente riconciliati con i termini dell’accordo di riconoscimento del 1979 o del comunicato sulla vendita di armi del 1982. In conformità con il Taiwan Relations Act (TRA) del 1979, gli Stati Uniti intrattengono relazioni quasi ufficiali con Taiwan e forniscono ai propri militari un’ampia varietà di hardware militare.

Negli ultimi anni, e soprattutto durante l’amministrazione Trump, alti funzionari hanno messo in dubbio la legittimità della politica della “Cina unica” e hanno intensificato la vendita di armi e la sensibilizzazione diplomatica a Taiwan.

L’isola è vista sempre più spesso da alti funzionari non come “parte della Cina” ma piuttosto come un’entità autonoma la cui partecipazione al sistema di alleanze guidato dagli Stati Uniti che circonda la Cina è considerata essenziale per la sicurezza americana – un punto di vista articolato da Ely Ratner, assistente segretario per gli affari di sicurezza indo-pacifici, in una testimonianza davanti alla commissione per i servizi armati del Senato a dicembre. “Taiwan“, ha affermato, “si trova in un nodo critico all’interno della prima catena di isole [che si estende dal Giappone alle Filippine], ancorando una rete di alleati e partner statunitensi che è fondamentale per la sicurezza della regione e fondamentale per la difesa di Interessi degli Stati Uniti nell’Indo-Pacifico“.

Questa prospettiva sembra aver in gran parte governato la posizione della NDAA su Taiwan. La sezione 1246, “Senso del Congresso sulle relazioni di difesa di Taiwan“, afferma essenzialmente che le precedenti restrizioni sui legami militari statunitensi con Taiwan possono ora essere ignorate dato il “comportamento sempre più coercitivo e aggressivo” della RPC nei confronti dell’isola. In contrasto con i termini del comunicato sul commercio di armi del 1982, si chiede anche la vendita di armi sempre più sofisticate a Taiwan.

Viene, inoltre, richiesta una maggiore frequenza di esercitazioni militari congiunte tra le forze statunitensi e taiwanesi, una maggiore consultazione tra alti funzionari militari statunitensi e taiwanesi e potenziati collegamenti (“interoperabilità”) tra i sistemi di sorveglianza marittima e di difesa aerea statunitensi e taiwanesi. A seguito di ciò, la Sezione 1248 invita il Segretario della Difesa a condurre uno studio sulle vulnerabilità di Taiwan a un possibile attacco cinese e a identificare i modi in cui gli Stati Uniti possono aiutare Taiwan a superare tali vulnerabilità, anche fornendo tecnologia avanzata per la produzione di armi e attraverso il condivisione di dati di intelligence. Ancora un’altra misura, la Sezione 1249, richiede un briefing sulla possibile cooperazione tra la Guardia Nazionale degli Stati Uniti e quella di Taiwan.

Infine, la Sezione 6511 ordina al Presidente di comporre una “grande strategia rispetto alla Cina” e di presentarla al Congresso in circa dieci mesi.

Tra le altre cose, la “Strategia cinese”, come viene definita, consiste nell’includere una valutazione completa delle sfide militari, economiche, politiche e militari cinesi agli interessi globali degli Stati Uniti e le corrispondenti capacità statunitensi necessarie “per attuare la strategia di sicurezza nazionale di gli Stati Uniti in relazione alla nuova era di concorrenza con la Repubblica popolare cinese”. 

Dal punto di vista della Cina, tutto ciò deve rappresentare un progetto coerente e altamente minaccioso che mira a garantire la superiorità militare permanente degli Stati Uniti e per circondare la Cina con una catena impenetrabile di poteri ostili – una valutazione che può solo portare a maggiori sospetti e paranoia a Pechino mentre alimenta un’implacabile corsa agli armamenti sempre più pericolosa.

0Shares