Sab. Giu 3rd, 2023

Quanto è Importante il Ritorno della Siria nella Lega Araba?

0Shares

FONTE ARTICOLO: https://www.aljazeera.com/news/2023/5/19/analysis-how-important-is-syrias-return-to-the-arab-league

Molti stati arabi hanno accettato che, in Siria, il governo di Bashar al-Assad sia sopravvissuto e, adesso, vogliono tornare alle normali relazioni.

Il ritorno della Siria in seno alla Lega araba, con la presenza del presidente Bashar al-Assad all’ultimo vertice dell’organizzazione tenutosi in Arabia Saudita, riguarderà, principalmente, il simbolismo; Tuttavia, riflette un importante cambiamento nel modo in cui gli attori regionali vedono la realtà della sopravvivenza del governo di al-Assad in Siria; modi che sono in contrasto con l’Occidente.

Più di 11 anni dopo che la Siria è stata sospesa dall’istituzione panaraba con una decisione seguita alla brutale repressione dei manifestanti dell’opposizione e della conseguente guerra scoppiata nel paese; il consenso emergente nelle capitali arabe oggi, a torto o a ragione, è che affrontare i problemi della Siria richieda impegno con Damasco.

Comprendendo la crisi siriana come un problema arabo, gli stati arabi sono determinati a perseguire strategie arabe per superare gli impatti tossici e destabilizzanti di questo conflitto sulla regione. Secondo gli analisti, gli Stati arabi sperano che mitigando il conflitto, possano iniziare a invertire le reti associate al traffico di droga, le crisi dei rifugiati, l’indebolimento della sicurezza delle frontiere e il ruolo intensificato delle forze iraniane e delle milizie sostenute da Teheran in Siria.

Secondo Aron Lund, un collega del Century International e analista del Medio Oriente, riconquistare l’appartenenza a pieno titolo alla Lega Araba segna una vittoria importante per il governo siriano, .

Il permesso di rientrare dimostra che la Siria si sta reintegrando nella regione e che altri leader arabi sono fiduciosi che Assad sia qui per restare. Quindi, è una vittoria politica per il governo di Damasco”, ha detto Lund ad Al Jazeera. “Di per sé, porta pochissimi cambiamenti concreti. La Siria ha un disperato bisogno di aiuti e investimenti. La Lega Araba non può fornire nulla di tutto ciò, ma ci sono stati del Golfo Arabo che possono farlo”.

L’Arabia Saudita come un peso massimo regionale

Uno spartiacque nella reintegrazione della Siria nell’ovile diplomatico del mondo arabo è arrivato all’inizio di quest’anno, quando l’Arabia Saudita ha iniziato a muoversi verso la riconciliazione con Damasco.

Sia i terremoti del 6 febbraio che l’accordo diplomatico saudita-iraniano del 10 marzo hanno accelerato il movimento di Riyadh verso la rinormalizzazione delle relazioni con il regime di al-Assad.

È giusto concludere che il ritorno della Siria nella Lega araba è diventato possibile solo dopo che l’Arabia Saudita ha cambiato posizione.

Sebbene alcuni stati arabi come Qatar, Kuwait e Marocco non abbiano rinormalizzato i rapporti con Damasco e continuino a sostenere che il governo di al-Assad sia illegittimo, Riyadh ha usato la sua influenza di leader nel mondo arabo e islamico per convincerli a non ostacolare il ritorno della Siria alla Lega Araba.

La mossa è pragmatica, con Riyad e altre capitali arabe che scelgono di trattare con Damasco in base a come percepiscono gli interessi nazionali dei loro paesi.

Dal punto di vista di molti governi arabi, l’attuale strategia degli Stati Uniti e di altre potenze occidentali di isolare la Siria è insostenibile.

Il pensiero tra molti funzionari arabi è che tali politiche manterranno Damasco saldamente nell’orbita di influenza dell’Iran e che gli stati arabi potrebbero anche provare a riportare la Siria nel loro ovile coinvolgendo il regime di al-Assad.
Il governo siriano ha bisogno di sostegno finanziario e legittimità – entrambi i quali Damasco crede potrebbero, almeno alla fine, arrivare attraverso una riapertura delle relazioni formali con l’Arabia Saudita e altre ricche nazioni arabe.

Assad è molto pragmatico e prende i soldi da dove provengono“, ha detto Andreas Krieg, professore associato presso il Dipartimento di studi sulla difesa del King’s College di Londra, in un’intervista ad Al Jazeera. “Non importa se proviene dai sauditi, dagli iraniani o dai russi. In questo contesto, il regime farà tutto ciò che è nel proprio interesse. Li abbiamo visti essere molto fiduciosi nel modo in cui coinvolgono altri paesi arabi, in particolare l’Egitto, dicendo che faremo tutto ciò che è nell’interesse della Siria e non stiamo facendo grandi concessioni“.

A breve termine, il denaro arabo probabilmente non inizierà immediatamente a fluire in Siria semplicemente a causa del ritorno del governo di al-Assad nella Lega Araba. Le sanzioni imposte dall’Occidente alla Siria, in particolare il Caesar Act di Washington, sono, attualmente, il più grande ostacolo agli investimenti effettuati da Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e altri paesi arabi.

Gli esperti concordano sul fatto che senza che i membri del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC) possano investire in Siria, sarà difficile immaginare che Damasco prenda le distanze dall’Iran.

Se non è possibile effettuare investimenti in Siria al di fuori della ristretta portata dell’assistenza umanitaria, e se le sanzioni rimangono in vigore senza alcuna deroga, come è al momento, non c’è modo che gli Emirati Arabi Uniti o l’Arabia Saudita investano denaro in Siria e quindi fornire al regime di [al-]Assad qualsiasi incentivo a svezzare i russi o gli iraniani”, ha spiegato Krieg. “Allo stesso modo, perché dovrebbero fermare il commercio di Captagon se ora stanno perdendo un paio di miliardi di dollari ogni anno da quel traffico di droga e quella perdita non può essere compensata dai soldi del Golfo?

Tuttavia, gli analisti ritengono che Abu Dhabi e Riyad vedano le sanzioni Caesar come un ostacolo temporaneo che Washington solleverà o allenterà, anche se non necessariamente in tempi brevi, con gli Emirati e i sauditi che presumono che arriverà un punto in cui potranno iniziare a mettere denaro nella Siria della fase postbellica e, sfruttando le loro reti, ottenere una maggiore influenza geopolitica nel paese.

Qatar e Kuwait

Dopo essersi astenuti dal rinormalizzare i rapporti con il governo di al-Assad, la posizione del Qatar e del Kuwait è che Damasco non ha intrapreso alcuna azione che meriti una riabilitazione del regime siriano.

Il Qatar si è posizionato come l’oppositore più intransigente del mondo arabo al regime di [al-]Assad”, ha detto Lund ad Al Jazeera. “Non dubito che rifletta l’opinione di molti a Doha, ma ci sono anche ragioni pragmatiche ed egoistiche per questa posizione“.

I funzionari del Qatar inquadrano la loro posizione anti-Assad dalla parte del popolo arabo, della giustizia sociale e dei movimenti di base, al contrario dei regimi arabi autocratici. Considerando i ruoli storici che Doha e Kuwait City hanno svolto in Medio Oriente, le loro posizioni nei confronti del governo di al-Assad sono più facili da capire.

Il Qatar e il Kuwait hanno una storia diversa nella regione, con il loro aiuto che va principalmente a progetti di sviluppo e rafforzamento delle istituzioni piuttosto che al sostegno del regime“, Nabeel Khoury, membro anziano non residente del Gulf International Forum ed ex vice capo missione degli Stati Uniti a Yemen, ha detto ad Al Jazeera. “Il Qatar, in particolare, sceglie di rimanere al di fuori degli assi e delle alleanze che stanno prendendo forma, soprattutto per quanto riguarda Israele, [ed] è probabile che… conservi il suo ruolo di mediatore nei conflitti regionali e le sue politiche pro-palestinesi in atto”.

Tuttavia, né il Qatar né il Kuwait hanno ostacolato il ritorno della Siria nella Lega araba e i due paesi non hanno partecipato all’incontro del 7 maggio.

Per Doha, c’erano preoccupazioni su come impedire un consenso arabo sulla Siria avrebbe potuto minare le relazioni del Qatar con i paesi del Golfo e altrove nel mondo arabo. La posizione del Qatar nei confronti del governo di al-Assad gli consente di continuare con una politica estera che ritiene favorevole ai diritti umani, senza turbare eccessivamente i suoi colleghi stati arabi sulla questione siriana.

Dopo il vertice di al-Ula del gennaio 2021, che ha risolto la crisi del Golfo del 2017-21, Doha ha evitato di inimicarsi i suoi immediati vicini nella penisola arabica e in Egitto. I qatarioti “hanno mostrato pragmatismo” non ostacolando il ritorno della Siria nella Lega Araba, secondo Krieg. “Sostengono gli sforzi dell’Arabia Saudita per diventare e riposizionare [l’Arabia Saudita] come leader del mondo arabo“.

[Il Qatar] ha segnalato la propria opposizione alla risoluzione della Lega Araba, ma non è andato oltre“, ha spiegato Lund. “Sembra che non ci sia stato alcun serio tentativo da parte del Qatar di fermare la risoluzione, solo una serie di dichiarazioni e fughe di notizie ai media per evidenziare la posizione di Doha“.

Infatti, non ostacolando il ritorno della Siria nella Lega Araba, il Qatar stava facendo una concessione a Damasco. Ma il Qatar non ha incentivi a fare presto ulteriori concessioni al governo di al-Assad e ci sono buone ragioni per credere che Doha sarà l’ultima capitale araba a considerare legittimo il governo siriano.

Iscriviti alla nostra Newsletter
Enter your email to receive a weekly round-up of our best posts. Learn more!
icon
0Shares