Lun. Dic 5th, 2022

la prossima grande depressione

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Philip Pilkington

ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO IN LINGUA INGLESE SU THE CRITIC

Il mondo occidentale, oggi, corre il serio rischio di scivolare in un’altra Grande Depressione. Questo rischio non è sorto a causa di un budget scarso redatto da un governo goffo, oppure a causa di qualche nefasta speculazione in atto sui mercati finanziari. Piuttosto, è sorto a causa del deterioramento delle relazioni economiche globali fino al punto di una guerra totale. Per capire perché questo sta provocando un rischio di depressione, dobbiamo risalire agli annali della storia per ricordare ciò che ha maledetto il mondo negli anni ’30.

Una volta, la domanda più importante in economia era: “Cosa ha causato la Grande Depressione?” Questa domanda iniziò a essere posta durante la depressione stessa e continuò a essere posta per gli anni a seguire, all’incirca fino agli anni ’80.

Dopo la crisi finanziaria del 2008 e la cosiddetta Grande Recessione, la domanda è tornata a ribollire ma, probabilmente, poiché la Grande Recessione non era una Grande Depressione, questa domanda è stata posta solo per pochi anni.

Gli economisti – essendo economisti – cercavano sempre una risposta semplice, con scuole diverse che si contendevano l’influenza sulla migliore. I keynesiani hanno attribuito la depressione alla mancanza di sostegno del governo a un’economia in crisi. I monetaristi sostenevano che fosse dovuto alla cattiva gestione dell’offerta di moneta da parte delle banche centrali. Gli austriaci sostenevano che la depressione fosse una risposta economica naturale alle spese troppo sconsiderate negli anni ’20 e che avrebbe dovuto essere autorizzato ad eliminare completamente il sistema.

La realtà è che queste semplici risposte non sono mai state convincenti.

La Grande Depressione è stata un evento storico e ha sempre richiesto una spiegazione storica. Prima che le scuole economiche si congelassero intorno ai loro vari dogmi, questo era risaputo. Lo stesso Keynes avrebbe ridacchiato alle successive semplicistiche spiegazioni “keynesiane” della depressione, per esempio. Aveva scritto un libro nel 1919, intitolato Le conseguenze economiche della pace, sulla Conferenza di pace di Parigi – alla quale era delegato – in cui avvertiva che il Trattato di Versailles avrebbe portato a una depressione.

La depressione, come aveva predetto Keynes, è nata dalla struttura economica sbilanciata emersa dalla prima guerra mondiale. La guerra su una scala così terribile aveva completamente sconvolto le relazioni economiche – sia a livello nazionale, a causa della riorganizzazione dell’economia per la produzione bellica; e a livello internazionale, mentre vari blocchi alleati si sono accovacciati e hanno chiuso fuori il resto del mondo.

La cosa saggia da fare dopo la guerra sarebbe stata quella di cercare di riportare i rapporti economici alla normalità il prima possibile.

I delegati alla Conferenza di pace di Parigi hanno fatto esattamente l’opposto. Consideravano il Trattato di Versailles, per parafrasare Clausewitz, una continuazione della guerra con altri mezzi. Le potenze alleate volevano punire la Germania, che incolpavano della guerra. Hanno gravato il paese con un carico di debiti impossibile e in seguito hanno occupato la Ruhr, la regione più produttiva della Germania. Anche gli americani volevano essere pagati. Gli alleati avevano accumulato enormi debiti con gli americani mentre acquistavano da loro armamenti durante la guerra. Invece di salire in alto e cancellare il debito – come avevano fatto fino ad allora gli alleati – gli americani chiesero di essere rimborsati a tassi di interesse relativamente alti.

Gli anni ’20 furono un decennio di debito e decadenza perché il sistema internazionale era costruito su un’instabile piramide di debiti. Nel 1929 tutto crollò.

Ma era solo un fattore scatenante. I debiti che si erano accumulati erano l’immagine speculare di rapporti economici iniqui e insostenibili tra i paesi. L’Europa era un’economia disperata a cui era stato permesso di cavarsela grazie alla fornitura di sempre più prestiti americani.

Quando la piramide è crollata, l’Europa l’ha seguita.

La depressione è iniziata davvero quando il crollo dell’Europa ha provocato un crollo del commercio globale. Tra il 1929 e il 1933, il commercio mondiale è diminuito di circa il 30%. In effetti, l’Europa è diventata un buco nero economico. Tutte le transazioni che aveva con altri paesi si sono prosciugate, e così i suoi problemi economici si sono diffusi come un cancro nell’economia globale. Questo cancro si è rivelato particolarmente virulento in America, che all’epoca era il principale partner commerciale dell’Europa.

Vari paesi, nel disperato tentativo di proteggere le loro economie nazionali, si sono poi impegnati in guerre commerciali imponendo tariffe sulle merci straniere. Il commercio globale è diminuito ancora più bruscamente.

Vediamo dinamiche molto simili in gioco nel mondo di oggi. Il debito si è accumulato nelle economie occidentali per decenni, ma è diventato particolarmente acuto negli ultimi tre anni. Ciò è dovuto, in primo luogo, all’enorme spesa necessaria per mantenere le persone nutrite durante i blocchi e, in secondo luogo, ai costi crescenti, in particolare i costi energetici, sostenuti a causa della guerra in Ucraina.

Ora sembriamo pronti a passare alla seconda fase della ripetizione storica: il collasso dell’Europa. Il collasso dell’Europa avverrà perché l’Europa non ha più accesso a energia sufficiente per i suoi bisogni economici. All’inizio, quando la Russia si è mossa per affamare l’Europa del gas tanto necessario, molte persone – me compreso – avrebbero potuto liquidare tale evento come uno sviluppo temporaneo. Una volta risolta la guerra, abbiamo ipotizzato che il flusso di gas sarebbe stato riattivato. Ma di recente i gasdotti che trasportano il gas dalla Russia all’Europa sono stati fatti saltare in aria in quello che sembra un atto di sabotaggio.

Per l’Europa, adesso, non si può tornare indietro.

Con un accesso insufficiente all’energia, il prezzo dell’energia in Europa rimarrà estremamente elevato per gli anni a venire. L’industria europea, per la quale l’energia è un input chiave, diventerà non competitiva. Se i produttori europei vogliono continuare a fare affari, dovranno aumentare i prezzi dei loro prodotti. Ciò renderà questi beni non competitivi con i beni stranieri provenienti dall’America, diciamo, o dalla Cina. Entrambi non soffrono altrettanto per la carenza di energia. Ciò metterà fuori mercato i produttori europei, l’Europa perderà come in una emorragia posti di lavoro chiave, il marciume, invece, si diffonderà poiché gli aspiranti dipendenti della produzione non avranno salari da spendere nell’economia e avremo una depressione in Europa.

Alcuni potrebbero presumere che ciò possa fornire un’opportunità per altri paesi occidentali. Molti pensano che, per esempio, l’America potrebbe essere in grado di “riponderare” la manifattura europea. È improbabile che sia così. Se l’industria europea si sgretola, l’Europa diventa ancora una volta un buco nero economico, come negli anni ’30. Il commercio si prosciugherà e i suoi principali partner commerciali ne risentiranno. In breve, se l’America prova a spedire la produzione europea sulle sue coste, scoprirà presto che non c’è nessuno a comprare i prodotti.

Consideriamo le statistiche. L’Office of the United States Trade Representative stima che nel 2019 gli Stati Uniti abbiano effettuato scambi commerciali per oltre 5,6 trilioni di dollari, circa il 26% del PIL. Nello stesso anno, il commercio con l’Unione Europea è stato stimato a 1,1 trilioni di dollari, circa il 20% del commercio totale. Se l’Europa sprofonda nell’abisso, gran parte di questo commercio si prosciugherà.

Come significherà questo per gli Stati Uniti?

Per prima cosa, le esportazioni verso l’Europa diminuiranno e i lavoratori americani perderanno il lavoro. Non si tratterà di una semplice perdita ciclica di posti di lavoro – come accade in una recessione – dove i posti di lavoro tornano quando il business torna alla normalità. No, questi posti di lavoro andranno perduti finché l’Europa lavorerà (o, più precisamente, non lavorerà) con costi energetici incredibilmente alti. Ci saranno anche alcune importazioni per le quali gli Stati Uniti faranno affidamento sull’Europa, che non possono essere sostituite commerciando con un’altra nazione o producendole a livello nazionale. Gli Stati Uniti saranno costretti ad acquistare questi beni a un prezzo più alto, abbassando così il reddito reale per i cittadini americani.

Quando l’Europa si sveglierà nel caos in cui si trova, probabilmente dovrà rispondere cercando di salvare le proprie industrie attraverso i dazi. In una tale situazione, l’opzione meno negativa per l’Europa – non per l’economia globale, ma per l’Europa in particolare – sarà quella di aumentare le tariffe sul commercio per rendere i prodotti internazionali costosi quanto i prodotti nazionali che soffrono dell’inflazione dei costi energetici. Ancora una volta, siamo tornati agli anni ’30 in cui è nell’interesse individuale di ogni paese impegnarsi in una guerra commerciale, ma non è nell’interesse collettivo di nessuno.

Uno scenario da incubo.

Eppure c’è una differenza fondamentale tra il mondo degli anni ’20 e ’30 e quello odierno. Nel periodo tra le due guerre, non esisteva un vero blocco economico rivale in Occidente. La Russia era un attore piccolo, la Cina era un’economia agricola e quelle che oggi chiamiamo “economie in via di sviluppo” (Brasile, India, Sud Africa ecc.) erano tutt’altro che in via di sviluppo. Non è più così. Sulla scia della guerra in Ucraina, il mondo in via di sviluppo ha iniziato a unirsi nell’alleanza BRICS+. Questa alleanza sembra mirare il più possibile al disaccoppiamento dall’economia occidentale.

I BRICS+ sono una forza da non sottovalutare. Ha un ampio accesso all’energia, con la Russia e l’Arabia Saudita che sono due dei maggiori produttori di petrolio al mondo. Ha accesso alle risorse fondamentali: il Brasile è il primo produttore mondiale di minerale di ferro. E ha un’impressionante economia manifatturiera per trasformare la roba nel terreno in roba sullo scaffale: la Cina.

Non è chiaro se l’alleanza BRICS+ verrà abbattuta con l’Occidente se quest’ultimo cadesse in depressione. Non soffre gli stessi problemi con il debito, per esempio. Né gran parte dell’alleanza BRICS+ si trova di fronte a un imminente collasso industriale a causa di prezzi dell’energia incredibilmente alti, come l’Europa oggi. A parte qualche potenziale di grave conflitto geopolitico – in Ucraina e Taiwan – i BRICS+ sembrano avere un certificato di buona salute economica e molto spazio per crescere in futuro.

Le decisioni prese che hanno portato alla grande guerra energetica europea del 2022 passeranno probabilmente alla storia come alcuni dei più grandi errori di calcolo economici e geopolitici nella storia dell’umanità.

Si uniranno al Trattato di Versailles e alle guerre tariffarie degli anni ’30 nel paniere dei paria politici che alle generazioni future verrà insegnato a evitare a tutti i costi. Come siamo arrivati ​​qui? Come sono state prese decisioni così sbagliate per nostro conto? Lascerò che siano gli storici futuri a risolverlo, probabilmente quando gli archivi saranno aperti.

0Shares