Mar. Gen 31st, 2023

Sergey Glazev, l’economista di Putin: “Cercano la guerra alla Russia”. Era il 2014…

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Tatiana Medvedev

ARTICOLO ORIGINALE

È uscito un nuovo libro dell’economista Sergey Glazev, “L’incidente ucraino: dall’aggressione americana alla guerra mondiale”. Il corrispondente della rivista russa “La Cultura” ha parlato con l’autore e ha cercato di comprendere gli intrecci della geopolitica mondiale, i meccanismi della crisi economica e le sue vie d’uscita.

Cultura: Secondo Lei, cosa succederà adesso nel mondo?

Glazev: Stiamo vivendo una crisi strutturale dell’economia mondiale legata al cambiamento dei modi tecnologici di produzione, che si realizza attraverso la corsa agli armamenti, la militarizzazione e la guerra.

Negli anni 70-80 del secolo scorso una simile guerra aveva avuto un carattere freddo.

Gli Stati Uniti, avendo sviluppato una corsa agli armamenti universale, sono diventati il ​​fulcro dell’informazione tecnologica. Quella superiorità tecnologica li ha fatti crescere a un tasso stabile del 25% all’anno – fino a poco tempo fa – che ha portato allo sviluppo dell’intera economia e fornito del necessario gli Stati Uniti.

In precedenza, un’analoga trasformazione strutturale ha richiesto 30 anni – attraverso la militarizzazione dei principali paesi europei – e ha portato all’incubo della seconda guerra mondiale.

Ora siamo di nuovo approssimativamente nella stessa situazione.

Cultura: la leadership mondiale passa dagli Stati Uniti ai paesi di Asia, Giappone, Corea del Sud, Cina. Perché loro?

Glazev: Il sistema educativo di cui si gode oggi in Cina e che, prima, si è goduto in Giappone e Corea, a causa dell’efficienza e del modo in cui è organizzata l’organizzazione dell’attività umana, supera di gran lunga il sistema americano del capitalismo oligarchico, in cui ora c’è un deprezzamento delle gigantesche masse di capitale attraverso le bolle finanziarie.

Il passaggio da un ciclo secolare di accumulazione a un altro ( esiste una teoria così nota a riguardo) nella storia è sempre stato accompagnato da guerre.

Inoltre, i paesi emergenti hanno cercato di non parteciparvi e ciò ha alimentato la possibilità di una rottura.

Come regola generale, le guerre hanno contrapposto il vecchio potere egemonico e una parte della periferia mondiale.

Nel primo ciclo secolare di accumulazione, nel XVII secolo – XVIII, la Spagna stava combattendo contro l’Inghilterra e la leadership passò ai Paesi Bassi.

Nel secondo ciclo (XIX secolo) fu il tempo delle guerre napoleoniche, il colpo di stato contro la Russia e l’ascesa dell’Inghilterra.

Il terzo ciclo ( secolo ХХ ): due guerre mondiali, con grandi perdite per Germania e Russia, hanno elevato gli Stati Uniti.

Cultura: E adesso?

Glazev: Ora abbiamo la stessa sceneggiatura geopolitica.

Gli americani devono vincere una guerra per preservare l’egemonia nel mondo, poiché non hanno possibilità nella competizione con la Cina.

Le due guerre mondiali hanno condizionato i flussi di capitali, le tecnologie e la mentalità dell’Europa secondo i desideri degli Stati Uniti, diventando una forza trainante per l’elevazione del capitalismo americano.

Seguendo questo percorso tradizionale, gli americani sponsorizzano i nazisti ucraini e formano il regime terroristico russo anti – in Ucraina.

Cultura: È difficile presentare Ucraina e Russia come nemici…

Glazev: Questa è la tattica degli americani. L’Ucraina — come parte del mondo russo — non può essere seriamente percepita da noi come un nemico.

A tale proposito, non possiamo applicare una soluzione duramente militare.

Il compito degli americani è stato quello di incitare la giunta ucraina contro la Russia e organizzare il genocidio della popolazione russa, provocando operazioni di risposta militare. Quindi mobilitano l’Europa – alleata della NATO – contro di noi.

L’obiettivo dichiarato è quello di usare i nazisti ucraini come ariete contro il sistema statale russo, per fare una serie di “rivoluzioni arancioni” nel nostro territorio, smembrare e stabilire il controllo sulla Russia, sull’Asia centrale.

L’Ucraina è già sotto controllo. Non che a Washington siano avvoltoi e antropofagi. Il problema è nelle leggi oggettive:la guerra è necessaria per l’oligarchia americana. E per preservare il dominio nel mondo, cerca di scatenare una guerra in Europa. Questo è argomento del mio libro. Mostra le forze trainanti oggettive, i meccanismi e le ragioni dell’incidente ucraino.

Cultura: Come possiamo resistere a questo?

Glazev: Secoli fa, Alexander Nevsky ha detto una frase che è alla base della nostra dottrina geopolitica: appoggiarsi a “forza, Dio e verità. L’esercito americano — che assorbe metà della spesa militare mondiale — sviluppa nuovamente una mostruosa corsa agli armamenti.

Ma se non abbiamo paura della verità, troveremo nel mondo molti alleati non interessati all’escalation della guerra.

Possiamo formare una coalizione globale contro la guerra – che impedirà agli americani di isolarci. Usano il principio “divide et impera” per indisporre le nostre relazioni con gli stati vicini.

Se riusciamo a preservare l’unità strategica con la Cina, l’India e creare nuovi centri di influenza politica nel blocco BRICS, che copre più della metà dell’umanità, concentrandosi sui nostri partner e amici nello spazio post – sovietico, i piani degli americani di scatenare la nuova guerra mondiale saranno condannati alla sconfitta.

Cultura: Quale verità dovremmo allora prendere in considerazione?

Glazev: La verità che siamo in uno stato di guerra, guerra che gli Stati Uniti hanno già scatenato. È una guerra ibrida – attualmente non comporta l’uso di colonne di carri armati e armi di distruzione di massa. È supportato da un gigantesco arsenale di altri metodi che hanno: informativo, finanziario.

La guerra finanziaria contro di noi si sta seriamente svolgendo. Stiamo già rinunciando a fonti di credito esterne. I piani per disconnettere il sistema finanziario russo dalle comunicazioni globali per lo scambio interbancario sta avanzando.

Le sanzioni sono state approvate, in una grave violazione del diritto civile, commerciale e finanziario internazionale.

Nel Donbass c’è anche una guerra contro di noi, non dobbiamo dubitare di questo. Per trascinarvi l’Europa, il consiglio americano di Kiev abbatté l’aereo malese. L’Ucraina è ora un quasi – Stato terrorista.

È necessario dire la verità sull’Ucraina, dove c’è un’usurpazione di potere. Non sono stati eletti alle elezioni presidenziali, ma dall’ambasciatore americano e dai servizi speciali. Questo è esattamente il modo in cui si sono svolte le elezioni nella Verkhovna Rada.

Tutto ciò che accade in Ucraina è una festa dell’illegalità. Gli avvocati ne traggono una conclusione: il referendum della Crimea, che proclamava la riunificazione con la Russia, era assolutamente legale, corrispondeva alle norme del diritto internazionale, si basava sulla legge sullo status della Crimea, accettata in precedenza. Anche i referendum nel Donbass sono assolutamente legali. Secondo il diritto internazionale, il popolo ha basi per la proclamazione della propria sovranità e indipendenza.

In realtà, in Ucraina lo Stato è occupato, è sotto il controllo dei servizi speciali statunitensi. Il potere in Ucraina viene esercitato dall’esterno. Pertanto, gli accordi di cessate il fuoco e di difesa della popolazione civile non funzionano. La leadership ucraina li viola sistematicamente. Ogni giorno a Donetsk vengono bombardati e la gente muore. I paesi della NATO li sostengono e la propaganda nazista sfigura gli eventi.

Cultura: Il potere degli Stati Uniti si basa sul dollaro…

Glazev: Sì, in sostanza, il potere americano è nell’uso del dollaro come valuta mondiale. Ma è un potere non tanto dello Stato americano quanto della sua oligarchia, che vive come un parassita di quello Stato. Negli Stati Uniti ci sono giganteschi problemi interni. Migliaia di persone vengono represse nelle insurrezioni degli afroamericani. Il tenore di vita non è cresciuto da vent’anni. Intere città sono diventate baraccopoli.

La guerra è necessaria all’oligarchia americana. Non è per il bene – essere del popolo americano o per il destino dei centri industriali del paese, dove milioni di persone non hanno il lavoro. Ha bisogno del dominio del mondo, perché grazie ad esso riceve super benefici. Il colpo più grave all’egemonia americana sarebbe una rinuncia all’uso del dollaro come valuta mondiale.

Gli Stati Uniti sono un paese aggressore. L’aggressività non deve necessariamente essere applicata dalle forze armate. Esistono diversi modi.

Ma se noi riconosciamo che gli Stati Uniti sono gli aggressori, non dovremmo usare la valuta americana, o avere relazioni finanziarie con loro, o sponsorizzarli e sovvenzionarli.

E il nostro sistema finanziario utilizza annualmente circa 120 – $ 140 miliardi a beneficio del sistema finanziario americano.

Acquistando obblighi dagli Stati Uniti, sponsorizziamo la guerra contro di noi.

Il potere dell’avversario si basa sul monopolio dell’oligarchia della Federal Reserve, il centro di emissione di dollari. Stampano la valuta mondiale.

Guarda i grafici, il debito pubblico degli Stati Uniti aumenta esponenzialmente. In matematica la chiamano progressione geometrica. Quando il sistema entra in un tale regime, inevitabilmente fallisce. L’egemonia americana finirà, è una legge oggettiva. Prima usciremo dalla piramide finanziaria del dollaro, meno perdite avremo: non solo finanziaria, ma anche umana. Una parte considerevole dell’emissione di dollari, che sovvenzioniamo quando abbiamo riserve in questa valuta, va alle operazioni militari e terroristiche.

Cultura: C’è forza nell’economia russa?

Glazev: C’è. L’industria russa lavora a 2 / 3 del suo potenziale. Il carico della potenza di produzione, in particolare nel settore della capacità scientifica, nella costruzione di macchinari, è compreso tra il 40 e il 60 %.

L’occupazione nell’industria ci consente di aumentare la produzione senza ricorrere a manodopera aggiuntiva. Abbiamo infinite riserve di risorse naturali. Non vi è alcuna causa oggettiva per il calo degli investimenti e dei volumi di produzione. È probabile che tutti noi abbiamo una crescita da 6 a 8% all’anno.

Cultura: Cosa si fa con il rublo?

Glazev: La caduta del corso del rublo è una conseguenza della politica incompetente della Banca centrale e dei poteri monetari.

La gestione della Banca centrale non si pone il compito di stabilizzare la valuta nazionale. In considerazione di ciò, possiamo solo fidarci di ciò che riesce a fare per frenare gli speculatori attraverso gli organi protettivi.

L’incompetenza si manifesta nel seguire i dogmi accettati alla fine degli anni ’80, negli accordi di Washington, ovvero il dogma sull’impossibilità del controllo valutario. Se non c’è controllo, significa che al capitale americano nel Paese vengono date infinite possibilità. Se non controlliamo il movimento dei capitali, non saremo in grado di competere e peseremo sempre meno nel mercato mondiale. Il suo potenziale finanziario è determinato come segue: per ricevere valuta estera, devi esportare e vendere. Invece, gli Stati Uniti non hanno nulla a che fare con tutto questo. Entrano in stampa e dispongono già di enormi risorse finanziarie, con le quali possono continuare a crescere. Ecco perché il capitale americano domina in quei paesi dove non c’è il controllo dei cambi. Questi paesi sono soggetti a uno sfruttamento implacabile.

Cultura: Ha una ricetta su come uscire dalla crisi?

Glazev: Se vogliamo avere successo e avere uno sviluppo stabile, dobbiamo passare alle fonti interne di credito, creare meccanismi di concessione del credito per l’economia.

Per questo, è necessario chiudere il riflusso di capitali, proteggere il nostro sistema finanziario dagli attacchi speculativi dall’estero. Introdurre il controllo del movimento transfrontaliero di capitali e delle operazioni in valuta. Senza questo non possiamo passare alle fonti interne di credito e saremo condannati alla sconfitta nella guerra finanziaria.

Le nostre prospettive per i prossimi anni dipendono interamente dalle decisioni politiche.

Il presidente Vladimir Putin ha designato parte di loro nel suo discorso federale, ad esempio l’amnistia ai capitali che ritornano. Dopo la loro accettazione, una parte dei capitali tornerà necessariamente, sta già tornando.

Il margine delle nostre possibilità è molto ampio. Siamo capaci di compiere un miracolo economico, andando avanti e rimettendoci tra i Paesi leader. Respingere l’aggressione americana e riprendere il ruolo di essere uno dei centri più influenti che determinano lo sviluppo mondiale. È l’unica cosa che ci assicurerà una completa disorganizzazione e distruzione.

0Shares