Lun. Ott 3rd, 2022

Gli errori di calcolo negli Stati Uniti sono ormai innumerevoli, ma cosa fare ora?

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Ted Galen Carpenter

ARTICOLO ORIGINALE IN LINGUA INGLESE PUBBLICATO SU NEWKONTINENT.ORG

L’adattamento – a un mondo multipolare in cui Washington non ha più tutto sotto controllo – è il primo passo.

L’amministrazione Biden continua a fraintendere le realtà internazionali rispetto alla politica statunitense nei confronti della Russia.

Una caratteristica comune che collega questi molteplici errori di calcolo è l’arroganza. I funzionari statunitensi si aggrappano alle ipotesi di un’era passata in cui il potere e l’influenza degli Stati Uniti hanno ampiamente eclissato quella di qualsiasi altra nazione – o combinazione di nazioni. 

Washington godette di questo status nei primi decenni dopo la seconda guerra mondiale, quando dovette affrontare un solo avversario credibile, l’URSS. 

Le ambizioni apparentemente aggressive di Mosca hanno indotto le piccole e medie potenze al di fuori dell’orbita sovietica a mettersi al riparo dietro lo scudo di sicurezza di Washington e (con rare eccezioni) a assecondare i desideri di Washington.

Con lo scioglimento dell’Unione Sovietica nel dicembre 1991, gli Stati Uniti hanno goduto di un altro periodo di dominio diplomatico e strategico, nonostante il mondo diventasse economicamente sempre più multipolare. In effetti, per alcuni aspetti, il predominio politico e militare degli Stati Uniti nel decennio successivo fu persino maggiore di quanto non fosse stato nell’immediato dopoguerra, dal momento che gli Stati Uniti non avevano nemmeno l’Unione Sovietica come sfidante.

Gli anni ’90 e i primi anni del ventunesimo secolo incarnavano quello che Charles Krauthammer definì il ” momento unipolare” dell’America. Il commento del presidente George HW Bush secondo cui  “quello che noi [gli Stati Uniti] dicono va bene”,  rifletteva l’atteggiamento adottato dai politici. 

Le successive amministrazioni statunitensi, tuttavia, non riuscirono a capire che si trattava di un “momento” unipolare, non di una nuova era permanente

Sfortunatamente, i funzionari dell’amministrazione Biden operano come se il momento unipolare esistesse ancora. Nel processo, hanno ampiamente sopravvalutato la capacità di Washington di imporre la propria volontà ad altri paesi. I leader dell’amministrazione hanno respinto i ripetuti avvertimenti del Cremlino secondo cui cercare di fare dell’Ucraina una risorsa militare della NATO avrebbe oltrepassato una linea rossa rispetto alla sicurezza della Russia. Hanno scoperto tardivamente che Vladimir Putin non aveva intenzione di accucciarsi e accettare i diktat statunitensi semplicemente perché gli Stati Uniti insistevano sul fatto che l’Ucraina avesse il “diritto” di aderire alla NATO. Né ha accettato la proposta che Washington avesse il diritto di fare dell’Ucraina un alleato militare statunitense de facto arroccato al confine con la Russia.

Le politiche amministrative dall’inizio della guerra sono state ugualmente inette. L’ingenua aspettativa di Biden e del suo team di politica estera che altri importanti attori internazionali si unissero obbedientemente alla crociata di Washington per costringere Mosca non si è concretizzata. Biden inizialmente ha insistito sul fatto che il mondo fosse unito contro l’aggressione della Russia. I funzionari dell’amministrazione hanno propagandato un voto dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite pochi giorni dopo l’inizio dell’invasione che avrebbe confermato tale unità, osservando che solo cinque membri avrebbero votato contro una risoluzione che criticava l’invasione. 

In realtà, il voto è stato un  segnale di avvertimento precoce che gli Stati Uniti potevano aspettarsi di scarso sostegno alle azioni sostanziali contro la Russia al di fuori del proprio blocco. Sebbene la risoluzione fosse una misura puramente simbolica e sdentata che non impegnava nessun paese a fare alcunché, 35 membri delle Nazioni Unite si sono astenuti, rifiutandosi di placare Washington. 

Da allora le cose sono peggiorate. La coalizione che gli Stati Uniti sono stati in grado di mettere insieme era composta quasi interamente dai Paesi membri della NATO e dagli alleati militari di lunga data dell’America nell’Asia orientale. 

Il resto della mappa globale conferma che praticamente nessun paese del Medio Oriente, dell’Asia centrale e meridionale, dell’Africa e nemmeno dell’America Latina ha risposto favorevolmente alle pressioni di Washington e ha imposto sanzioni economiche. 

È particolarmente significativo che potenze chiave come Cina, India, Sud Africa, Indonesia, Brasile e Messico rimangano in disparte.

Sebbene Washington insista sul fatto che respingere l’aggressione russa contro l’Ucraina sia essenziale per la preservazione dell'”ordine internazionale liberale basato sulle regole”, i governi e le popolazioni del “Sud globale”  vedono le cose in modo diverso . 

Per loro, la guerra sembra più una banale lotta di potere tra la Russia e uno stato vassallo occidentale. Come ha affermato uno studioso africano : “molti in Africa e nel resto del Sud del mondo non considerano – e non hanno mai considerato – l’ordine internazionale liberale come particolarmente liberale o internazionale”. 

Anche gli avvertimenti e le minacce implicite dell’amministrazione Biden non hanno impedito a tali paesi di rifiutarsi di unirsi allo sforzo guidato dagli Stati Uniti per isolare la Russia. Tale risposta illustra graficamente i limiti in rapida crescita all’influenza di Washington e il continuo rifiuto dei leader statunitensi di affrontare quella realtà.

I responsabili delle politiche dell’amministrazione statunitense hanno anche sopravvalutato l’impatto negativo delle sanzioni economiche della coalizione più piccola che gli Stati Uniti sono stati in grado di guidare. Non c’è dubbio che l’economia russa abbia sofferto, ma l’effetto sulla politica ucraina del Cremlino sembra essere nullo. Inizialmente, il valore del rublo è precipitato e il presidente Biden lo ha definito, in modo derisorio, “le macerie”.  Tuttavia, anche questa strategia ha prodotto risultati contrastanti. 

Il rublo è  rimbalzato in modo impressionante e l’economia russa ha attutito gli altri shock aumentando i suoi legami con la Cina, l’Iran e altri paesi. 

Inoltre, il governo di Putin ha dimostrato di avere una propria leva significativa. Limitando le sue esportazioni di energia al mercato globale, in particolare il gas naturale verso i paesi europei, Mosca ha contribuito a far salire drasticamente i prezzi dell’energia. La tensione economica che questi e altri paesi stanno affrontando ora ha portato a crescenti critiche alle politiche che la NATO e l’UE stanno perseguendo. 

In effetti, si potrebbe sostenere che i paesi occidentali stanno soffrendo almeno quanto la Russia per il regime delle sanzioni. Come minimo, le sanzioni USA-NATO sono state tutt’altro che gratuite per i loro iniziatori. 

Anche all’interno del blocco NATO stanno cominciando a emergere crepe riguardo a tale politica. La Turchia si comporta più come un aspirante mediatore per porre fine alla guerra Russia-Ucraina che come un membro fedele della campagna dell’Alleanza per isolare Putin. L’ungherese Viktor Orban ha recentemente affermato che l’Unione Europea non si è semplicemente sparata sui piedi abbracciando la strategia delle sanzioni di Washington,  ma si è sparata nei polmoni . Tale malcontento sta emergendo mesi prima che la manipolazione russa delle forniture di gas naturale possa portare a un inverno freddo e molto scomodo in tutta Europa.

Washington ha bisogno di apportare alcuni importanti aggiustamenti politici e, forse ancora più importante, imparare alcune lezioni più ampie necessarie per prevenire il ripetersi degli attuali fallimenti. 

Fondamentalmente, i leader statunitensi devono capire che le grandi potenze come la Russia non possono e non saranno intimidite. 

L’amministrazione Biden ha agito, invece, come se fare pressioni sulla Russia e ignorare le preoccupazioni per la sicurezza di quel paese fosse simile alla stessa strategia che gli Stati Uniti hanno usato contro potenze di secondo o terzo livello, come Serbia, Iraq, Iran, Siria e Corea del Nord

La diplomazia della capitolazione di Washington non ha funzionato bene nemmeno in quei contesti; ha fallito completamente rispetto a una grande potenza. Invece di diventare più realistici e flessibili, tuttavia, i responsabili delle politiche amministrative hanno reagito con petulanza. 

Solo ora c’è stato un incontro annunciato tra il segretario di Stato Tony Blinken e il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il primo dall’inizio della guerra in Ucraina. Questo non è un approccio salutare per trattare con un paese che possiede diverse migliaia di armi nucleari.

Infine, i leader statunitensi devono, alla fine, rendersi conto che il mondo è multipolare politicamente, diplomaticamente e strategicamente, oltre che economicamente. Il momento unipolare è passato da tempo e gli Stati Uniti devono imparare di nuovo a operare in un tale sistema. Washington non è più in controllo delle questioni importanti. L’amministrazione Biden deve smettere di comportarsi come se potesse ancora farlo e dovrebbe adattarsi di conseguenza.

0Shares