Lun. Ott 3rd, 2022

Alcuni fatti sulla visita di Pelosi a Taiwan

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

Traduzione dall’inglese di Giulio Chinappi:

Il 25 agosto, la Missione della Repubblica Popolare Cinese presso l’Unione Europea ha pubblicato un nuovo documento che analizza il punto di vista di Pechino sulla questione di Taiwan e sulla provocatoria visita di Nancy Pelosi sull’isola. Di seguito la traduzione integrale del testo.

Introduzione

La presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, ha recentemente compiuto una visita provocatoria nella regione cinese di Taiwan, ignorando i severi avvertimenti della parte cinese. La visita viola gravemente la sovranità e la sicurezza della Cina, mina gravemente l’integrità territoriale della Cina, mette seriamente a repentaglio la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan ed erode gravemente le basi politiche delle relazioni Cina-USA. La parte cinese è stata costretta a prendere contromisure. La parte statunitense ha spinto la disinformazione per confondere il vero e il falso e confondere bianco e nero, criticando le legittime contromisure della Cina e cercando di fuorviare il mondo sulla questione di Taiwan. È necessario mettere le cose in chiaro con i fatti e mettere a nudo la natura egemonica e la logica mafiosa degli Stati Uniti.

Fatto n. 1: il principio di “una sola Cina” è il fondamento politico delle relazioni Cina-USA. Il significato di questo principio è chiaro e preciso. C’è una sola Cina al mondo, Taiwan fa parte della Cina e il governo della Repubblica Popolare Cinese (RPC) è l’unico governo legale che rappresenta l’intera Cina. Questo è il significato originario di “una sola Cina” e rappresenta un consenso universale della comunità internazionale. Gli Stati Uniti, pur affermando di sostenere la politica di “una sola Cina”, stanno in effetti usando la “tattica del salame” per distorcere, falsificare, oscurare e svuotare il principio di “una sola Cina”.

◆ Taiwan appartiene alla Cina fin dall’antichità. Questa affermazione ha una solida base nella storia e nella giurisprudenza.

Un gran numero di documenti storici e annali documentano lo sviluppo di Taiwan da parte del popolo cinese in periodi precedenti. I primi riferimenti si trovano nel 230 d.C. durante il periodo dei Tre Regni. A partire dalle dinastie Song e Yuan, i governi centrali della Cina avevano istituito organi amministrativi per esercitare la giurisdizione sulle isole Penghu e su Taiwan. Dopo la metà del XVI secolo, durante la dinastia Ming, i documenti ufficiali iniziarono a usare formalmente il nome Taiwan. Nel 1624, i colonialisti olandesi invasero e occuparono la parte meridionale di Taiwan. Nel 1662, l’eroe nazionale Zheng Chenggong guidò una spedizione per espellere gli occupanti olandesi e recuperare Taiwan. Successivamente, il governo della dinastia Qing aumentò gradualmente i suoi organi amministrativi a Taiwan. Nel 1684 fu istituita un’amministrazione della prefettura di Taiwan sotto la giurisdizione della provincia del Fujian.

Nel luglio 1894, il Giappone lanciò una guerra di aggressione contro la Cina, nota come la prima guerra sino-giapponese. Nell’aprile 1895, il governo Qing sconfitto fu costretto a cedere Taiwan e le isole Penghu al Giappone. Durante la guerra di resistenza popolare cinese contro l’aggressione giapponese, il Partito Comunista Cinese (PCC) fece proposte chiare per la riconquista di Taiwan. Durante una conversazione con il giornalista statunitense Nym Wales, il 15 maggio 1937, il compagno Mao Zedong disse che l’obiettivo della Cina era ottenere una vittoria finale nella guerra, una vittoria che non avrebbe solo permesso il recupero dei territori cinesi occupati nella Cina nord-orientale e a sud del Passo Shanhai, ma che assicurasse anche la liberazione di Taiwan.

Il 1° dicembre 1943, Cina, Stati Uniti e Regno Unito hanno emesso la Dichiarazione del Cairo, affermando che era scopo dei tre alleati che tutti i territori che il Giappone aveva sottratto alla Cina, come la Cina nord-orientale, Taiwan e le isole Penghu, dovessero essere restituiti alla Cina. Il 26 luglio 1945, Cina, Stati Uniti e Regno Unito firmarono la Proclamazione di Potsdam, a cui si aggiunse successivamente l’Unione Sovietica. Questa ha ribadito che “i termini della Dichiarazione del Cairo devono essere rispettati“. Nel settembre del 1945, il Giappone firmò lo strumento di resa, in cui prometteva di adempiere fedelmente agli obblighi previsti dalla Proclamazione di Potsdam. Il 25 ottobre, il governo cinese ha annunciato che avrebbe ripreso l’esercizio della sovranità su Taiwan, e a Taipei venne organizzata la cerimonia di accettazione della resa del Giappone nel teatro di guerra della provincia cinese di Taiwan. Da quel momento in poi, la Cina aveva recuperato Taiwan de jure de facto attraverso una serie di documenti con effetti legali internazionali.

Il 1 ° ottobre 1949, è stato fondato il governo popolare centrale della RPC, che ha sostituito il governo della Repubblica Cinese per diventare l’unico governo legittimo che rappresenta l’intera Cina. Il nuovo governo ha sostituito il precedente in una situazione in cui la Cina, in quanto soggetto di diritto internazionale, non è cambiata, e la sovranità e il territorio intrinseco della Cina non sono cambiati. Di conseguenza, il governo della RPC dovrebbe naturalmente godere ed esercitare la piena sovranità della Cina, che include la sua sovranità su Taiwan. A causa della guerra civile in Cina e dell’interferenza di forze esterne, le due sponde dello Stretto di Taiwan sono cadute in uno stato di prolungato confronto politico. Ma la sovranità e il territorio della Cina non sono mai stati divisi e non sarà mai permesso di essere divisi, e lo status di Taiwan come parte della Cina non è mai cambiato e non potrà mai cambiare.

◆ La risoluzione 2758 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha stabilito il principio di “una sola Cina” che è stato ampiamente rispettato dalla comunità internazionale.

Nella sua 26ma sessione nell’ottobre 1971, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato la risoluzione 2758, che si impegnava a “ristabilire tutti i diritti della Repubblica popolare cinese e a riconoscere i rappresentanti del suo governo come gli unici legittimi rappresentanti della Cina presso le Nazioni Unite, e a espellere immediatamente i rappresentanti di Chiang Kai-shek dal posto che occupano illegalmente presso le Nazioni Unite e in tutte le organizzazioni ad esse collegate“. Questa risoluzione ha risolto una volta per tutte le questioni politiche, legali e procedurali della rappresentanza dell’intera Cina, Taiwan inclusa, nelle Nazioni Unite. Ha anche chiarito che non c’è che una sede della Cina alle Nazioni Unite e che non esistono “due Cine” o “una Cina, una Taiwan”.

È stato chiaramente affermato nei pareri legali ufficiali del Segretariato delle Nazioni Unite che “le Nazioni Unite considerano ‘Taiwan’ una provincia della Cina senza uno status separato“, e che le ““autorità” di ‘Taipei’ non sono considerate godere di qualsiasi forma di stato di governo“. In pratica, Taiwan è indicata dalle Nazioni Unite come “Taiwan, Provincia della Cina”.

◆ Sostenere il principio di “una sola Cina” è un impegno politico assunto dagli Stati Uniti. È anche il prerequisito e la base per l’instaurazione delle relazioni diplomatiche tra Cina e Stati Uniti.

Nel comunicato di Shanghai del 1972, gli Stati Uniti esprimono chiaramente che “gli Stati Uniti riconoscono che tutti i cinesi su entrambi i lati dello Stretto di Taiwan sostengono che esiste una sola Cina e che Taiwan fa parte della Cina. Il governo degli Stati Uniti non contesta questa posizione”.

Nel comunicato congiunto sull’instaurazione dei rapporti diplomatici nel 1978, gli Stati Uniti esprimono chiaramente che “il governo degli Stati Uniti d’America riconosce la posizione cinese secondo cui la Cina è una sola e Taiwan fa parte della Cina. Gli Stati Uniti d’America riconoscono il governo della Repubblica Popolare Cinese come unico governo legale della Cina. In questo contesto, il popolo degli Stati Uniti manterrà relazioni culturali, commerciali e di altro tipo non ufficiali con il popolo di Taiwan“.

Nel comunicato congiunto del 17 agosto 1982, gli Stati Uniti esprimono chiaramente che “nel comunicato congiunto sull’instaurazione delle relazioni diplomatiche del 1º gennaio 1979 emesso dal governo degli Stati Uniti d’America e dal governo della Repubblica Popolare Cinese, gli Stati Uniti d’America hanno riconosciuto il governo della Repubblica Popolare Cinese come l’unico governo legale della Cina e hanno riconosciuto la posizione cinese secondo cui esiste una sola Cina e Taiwan fa parte della Cina. Il governo degli Stati Uniti non ha intenzione di violare la sovranità e l’integrità territoriale cinesi, o interferire negli affari interni della Cina, o perseguire una politica di “due Cine” o “una Cina, un Taiwan”“.

◆ Gli Stati Uniti continuano a sfidare il principio di “una sola Cina” attraverso attività di disinformazione.

Secondo il diritto internazionale, gli Stati Uniti dovrebbero onorare i propri impegni con buona volontà e buona fede. Non possono rifiutarsi di adempiere ai loro impegni o obblighi ai sensi del diritto internazionale citando le proprie disposizioni legali nazionali, o distorcere unilateralmente i comunicati congiunti Cina-USA sulla base delle proprie assicurazioni segrete a posteriori. Tuttavia, dopo che l’amministrazione George W. Bush è entrata in carica nel 2001, gli Stati Uniti hanno presentato il proprio Taiwan Relations Act prima dei tre comunicati congiunti. L’amministrazione Trump, nella seconda metà del suo mandato, ha inserito clamorosamente le Sei Assicurazioni a Taiwan, qualcosa che aveva tenuto segreto a lungo, nella sua formulazione della politica di “una sola Cina”. La parte statunitense ha cancellato dichiarazioni chiave come “Taiwan fa parte della Cina” dal sito web del Dipartimento di Stato. Dopo la visita di Pelosi a Taiwan, gli Stati Uniti, insieme ai loro alleati, hanno rilasciato una cosiddetta dichiarazione che tenta di designare situazioni in cui la politica di “una sola Cina” è “applicabile” e lascia spazio a interpretazioni arbitrarie.

Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno trascurato la Dichiarazione del Cairo, la Proclamazione di Potsdam e altri documenti legali internazionali, hanno falsamente affermato che la risoluzione 2758 non ha risolto definitivamente la questione della rappresentanza di Taiwan e hanno giocato la carta del Trattato di San Francisco illegale e non valido. Hanno affermato che lo status di Taiwan deve ancora essere determinato e hanno dichiarato il loro sostegno alla “partecipazione significativa di Taiwan al sistema delle Nazioni Unite“. Il tentativo degli Stati Uniti è di cambiare lo status di Taiwan come parte della Cina, creare “due Cine” o “una Cina, un Taiwan” e raggiungere il loro scopo politico di usare Taiwan per contenere la Cina.

Ciò che gli Stati Uniti hanno fatto va contro i propri impegni politici, viola gravemente la dottrina dell’estoppel ai sensi del diritto internazionale e contrasta con i principi fondamentali del diritto internazionale stabiliti dalla Carta delle Nazioni Unite come la sovranità, l’integrità territoriale e la non interferenza. Questi atti sono chiaramente di natura illegale.

Fatto n. 2: il Congresso degli Stati Uniti fa parte del governo degli Stati Uniti. Le visite dei membri del Congresso a Taiwan sono contrarie all’impegno politico statunitense di mantenere solo relazioni non ufficiali con Taiwan e violano il principio di “una sola Cina” e i tre comunicati congiunti Cina-USA. Il governo degli Stati Uniti è responsabile di assicurarsi che i suoi impegni politici nei confronti della Cina siano onorati ed eseguiti da tutte le componenti del governo.

◆ Gli Stati Uniti, in quanto Paese, devono avere una sola politica estera. In quanto parte del governo degli Stati Uniti, il Congresso ha la responsabilità di mantenere gli impegni del governo degli Stati Uniti nei confronti di altri Paesi. Deve osservare rigorosamente la politica di “una sola Cina” e astenersi da qualsiasi scambio ufficiale con la regione cinese di Taiwan. In base né al diritto internazionale né alla legislazione interna degli Stati Uniti la “separazione dei poteri” offre agli Stati Uniti la scusa per sfidare gli obblighi internazionali e intraprendere azioni che vanno contro le norme di base che regolano le relazioni internazionali, effettuano provocazioni contro la sovranità della Cina e rompono il proprio impegno sulla questione di Taiwan.

◆ La visita di Pelosi è una palese violazione dell’impegno statunitense di “non sviluppare relazioni ufficiali con Taiwan”. In qualità di presidente della Camera, Pelosi è la figura numero tre nel governo degli Stati Uniti e la seconda in linea, dopo il vicepresidente, a succedere al presidente degli Stati Uniti. Ha viaggiato su un jet governativo fornito dalle forze armate statunitensi ed è stata ricevuta con un protocollo di alto profilo dalle autorità del Partito Democratico Progressista (PDP) di Taiwan. Durante il suo soggiorno a Taiwan, Pelosi ha affermato di rappresentare gli Stati Uniti in tutte le occasioni e ha affermato che “l’America sta con Taiwan“. Un comunicato stampa l’ha definita la prima visita ufficiale di un presidente della Camera degli Stati Uniti a Taiwan nell’arco di 25 anni. E le autorità del PDP hanno pubblicizzato la visita di Pelosi come un importante passo avanti nelle relazioni tra Taiwan e Stati Uniti.

◆ Gli errori del passato non devono servire da scusa per ulteriori trasgressioni, ancor meno possono giustificare gli errori di oggi. La visita dell’ex presidente della Camera degli Stati Uniti Newt Gingrich nella regione di Taiwan nel 1997 è stata di per sé un errore e la parte cinese vi si è sempre opposta fermamente. Gli Stati Uniti non dovrebbero usare l’errore di Gingrich per sorvolare sulla visita illegale di Pelosi a Taiwan, tanto meno dovrebbero creare nuove scuse per elevare ulteriormente i contatti ufficiali con Taiwan in futuro.

Fatto n. 3: la visita di Pelosi a Taiwan non ha nulla a che fare con la democrazia. Piuttosto, è una trovata politica e una seria provocazione che viola la sovranità e l’integrità territoriale della Cina, va contro la volontà degli oltre 1,4 miliardi di cinesi e sfida il consenso internazionale su “una sola Cina”.

◆ Sotto le spoglie della “democrazia”, Pelosi distorce intenzionalmente la natura della questione taiwanese, che è puramente un affare interno della Cina, e tenta di negare le motivazioni e la legittimità degli sforzi del governo cinese per salvaguardare la sovranità nazionale e l’integrità territoriale. È una pratica palese di manipolazione politica con l’obiettivo di violare la sovranità della Cina, minare la stabilità della Cina e contenere lo sviluppo della Cina.

◆ Creando la cosiddetta narrativa “democrazia contro autoritarismo” sulla scena internazionale, gli Stati Uniti si stanno aggrappando alla mentalità sbagliata della Guerra Fredda e del pensiero a somma zero. Stanno usando l’ideologia e i valori come strumento per far avanzare la propria strategia geopolitica e impiegano ogni mezzo possibile per preservare l’egemonia degli Stati Uniti e il centrismo occidentale.

◆La democrazia statunitense ha deviato dall’essenza della democrazia. La democrazia in stile USA è un gioco di soldi giocato dai ricchi. Il novantuno per cento delle elezioni del Congresso degli Stati Uniti sono vinte dai candidati meglio finanziati. “Una persona un voto” di nome, “governo dell’élite di minoranza” di fatto. Gli elettori ordinari vengono corteggiati quando i loro voti sono richiesti, ma messi da parte una volta che le elezioni sono terminate. I pesi e i contrappesi hanno portato a una “vetocrazia”, anteponendo gli interessi di una parte alla necessità dello sviluppo nazionale. Il sistema elettorale statunitense è visibilmente difettoso. La pratica del gerrymandering, che disegna i confini dei distretti elettorali mediante la manipolazione, mina l’equità e la giustizia. La democrazia statunitense è piena di problemi profondi. Problemi come la politica monetaria, la politica dell’identità, le dispute di parte, la polarizzazione politica, la divisione sociale, la tensione razziale e il divario di ricchezza sono diventati più acuti. La rivolta del Campidoglio ha scioccato il mondo. La morte di George Floyd ha scatenato ondate di proteste. La cattiva gestione del COVID-19 ha provocato una tragedia umana. Il problema de “i ricchi si arricchiscono e i poveri sono sempre più poveri” sta peggiorando. La disfunzione e il fallimento della democrazia in stile USA sono diventati un fatto inconfutabile.

Come mostrano numerosi sondaggi d’opinione condotti dal Pew Research Center e da altri sondaggisti, i popoli del mondo, compreso quello statunitense, hanno un’opinione negativa sullo stato della democrazia negli Stati Uniti. La deputata repubblicana degli Stati Uniti Marjorie Greene ha twittato: Pelosi “non sta in America e non risolve i problemi che affliggono il nostro popolo” ed è “ossessionata dal proprio potere che ha detenuto per decenni mentre il nostro intero Paese crolla… basta con questo falso ‘coraggio’ di difendere la democrazia”.

◆Nel corso degli anni, gli Stati Uniti, con il pretesto della democrazia, si sono volontariamente intromessi negli affari interni dei Paesi in via di sviluppo e hanno condotto interventi militari e aggressioni. È la più grande minaccia alla sicurezza regionale e internazionale. Dal 2001, le guerre e le operazioni militari lanciate dagli USA in Afghanistan, Iraq, Libia e Siria in nome della democrazia hanno provocato centinaia di migliaia di morti e milioni di feriti, decine di milioni di sfollati e causato disastri umanitari in diversi Paesi. Con il pretesto dei cosiddetti “valori democratici”, gli Stati Uniti sono intervenuti arbitrariamente negli affari interni di altri Paesi e hanno persino istigato un cambio di regime e sostenuto governi pro-USA. Gli Stati Uniti hanno implementato la nuova Dottrina Monroe in America Latina, hanno incitato le rivoluzioni colorate nella regione eurasiatica, e hanno orchestrato la Primavera araba nell’Asia occidentale e nel Nord Africa, portando disordine e calamità nei Paesi interessati e minando gravemente la pace, la stabilità e lo sviluppo nel mondo. Ancora oggi, gli Stati Uniti cercano ancora di dividere il mondo in “democrazie” e “non democrazie” secondo i loro standard e alimentano palesemente divisioni e confronti. Tali atti porteranno solo disordini e disastri ancora maggiori alla comunità internazionale.

Fatto n. 4: sono gli Stati Uniti e le forze separatiste dell’“indipendenza di Taiwan” che stanno cambiando lo status quo attraverso lo Stretto di Taiwan e alimentando la crisi.

◆ Il vero status quo dello Stretto di Taiwan è questo: c’è una sola Cina al mondo; Taiwan fa parte della Cina; e il governo della Repubblica Popolare Cinese è l’unico governo legale che rappresenta l’intera Cina. Le due parti attraverso lo Stretto di Taiwan appartengono alla stessa Cina. La sovranità e il territorio della Cina non sono mai stati divisi.

◆Le autorità del PDP stanno modificando lo status quo dello Stretto di Taiwan: si attengono alla loro agenda separatista per l’“indipendenza di Taiwan” e continuano a fare provocazioni. Incorporano il “perseguimento dell’indipendenza” nella loro piattaforma di partito. Si rifiutano di riconoscere il principio di “una sola Cina”, affermano che Taiwan e la terraferma non dovrebbero essere subordinate l’una all’altra e proclamano una nuova teoria dei “due Stati”. A Taiwan premono costantemente per la “desinizzazione” e promuovono “l’indipendenza incrementale”. Incitano i separatisti radicali dentro e fuori il PDP a fare pressioni per emendamenti alla loro “costituzione” e alle loro “leggi”. Ingannano il popolo di Taiwan, incitano all’ostilità contro la terraferma e ostacolano gli scambi, la cooperazione e lo sviluppo interconnesso attraverso lo Stretto. Hanno costantemente costruito forze militari alla ricerca dell’”indipendenza” e per ostacolare la riunificazione. Essi cooptano forze esterne per seminare i semi di “due Cine” o “una Cina, un Taiwan”, andando ancora più avanti lungo la strada della ricerca dell’“indipendenza di Taiwan”.

◆ Gli Stati Uniti stanno cambiando lo status quo dello Stretto di Taiwan giocando la “carta di Taiwan” per contenere la Cina e sostenendo e connivendo con le forze separatiste dell’“indipendenza di Taiwan”.

Gli Stati Uniti, tradendo la loro promessa di mantenere solo relazioni non ufficiali con Taiwan, continuano ad aumentare il livello di impegno con Taiwan, come dimostrano le successive visite o interazioni del loro Segretario alla Salute e dei Servizi Umani, del Sottosegretario di Stato e di altri alti funzionari, come così come i membri del Congresso degli Stati Uniti e i suoi inviati diplomatici. Nel gennaio 2021, l’allora segretario di Stato americano Mike Pompeo ha annunciato la revoca delle restrizioni ai contatti dei suoi funzionari con Taiwan. Nell’aprile 2021, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha emesso nuove linee guida per incoraggiare il coinvolgimento tra i funzionari statunitensi con le loro cosiddette “controparti di Taiwan”. La visita di Pelosi, terza carica del governo degli Stati Uniti, nella regione di Taiwan, ha notevolmente migliorato le interazioni ufficiali degli Stati Uniti con Taiwan.

In violazione della loro promessa di ridurre gradualmente la vendita di armi a Taiwan, portando, per un periodo di tempo, a una risoluzione finale, gli Stati Uniti continuano ad aumentare le vendite di armi a Taiwan, incoraggiando le attività separatiste dell’“indipendenza di Taiwan”. Nonostante l’interruzione delle loro relazioni diplomatiche con le autorità taiwanesi nel 1979, gli Stati Uniti hanno migliorato senza sosta le dimensioni e le prestazioni delle armi vendute a Taiwan. Negli ultimi 43 anni hanno venduto armi a Taiwan per un valore di oltre 70 miliardi di dollari USA. La sola amministrazione Trump ha condotto vendite di armi a Taiwan 11 volte in quattro anni, avvicinandosi a 20 miliardi di dollari USA. L’amministrazione in carica ha approvato cinque volte la vendita di armi a Taiwan, coprendo attrezzature avanzate come il sistema di difesa missilistica Patriot, l’artiglieria semovente e i veicoli di rifornimento di munizioni.

Gli Stati Uniti hanno continuato a contestare il consenso della comunità internazionale affermando che lo status di Taiwan deve ancora essere determinato. Continuano ad aiutare Taiwan ad espandere il suo cosiddetto spazio internazionale. Gli Stati Uniti hanno chiesto a gran voce la partecipazione di Taiwan come osservatore alla 75ma Assemblea Mondiale della Sanità. Hanno affermato che ogni Paese dovrebbe essere in grado di determinare i contorni della propria politica di “una sola Cina” e incoraggiano i Paesi che hanno “relazioni diplomatiche” con Taiwan a mantenere o addirittura rafforzare tali relazioni. Va sottolineato che la partecipazione della regione cinese di Taiwan alle attività delle organizzazioni internazionali può essere gestita solo secondo il principio di “una sola Cina”. Questo è un principio importante sancito dalla risoluzione 2758 dell’Assemblea generale dell’ONU e un consenso internazionale che non dovrebbe essere manipolato.

◆ Gli Stati Uniti sono stati criticati da molti in patria per la loro posizione sulla questione di Taiwan. Al World Economic Forum di Davos nel maggio 2022, l’ex segretario di Stato USA Henry Kissinger ha sottolineato l’imperativo di attenersi al principio di “una sola Cina” e ha messo in guardia gli Stati Uniti dallo sviluppo di “una soluzione a due Cine” con sotterfugi o un processo graduale. Thomas Friedman, giornalista statunitense esperto ed editorialista del New York Times, ha osservato in un articolo del 1º agosto 2022 che se la Pelosi andrà avanti con una visita a Taiwan, farà qualcosa di “assolutamente sconsiderato, pericoloso e irresponsabile“, da cui non verrà nulla di buono, e “Taiwan non sarà più sicura o più prospera come risultato di questa visita puramente simbolica“.

◆ Il principio di “una sola Cina” definisce chiaramente lo status quo dello Stretto di Taiwan. Qualsiasi tentativo di violare o contestare questo principio significa cambiare lo status quo. Il popolo cinese ha la ferma determinazione, la forte volontà e l’enorme capacità di difendere la sovranità nazionale e l’integrità territoriale. La Cina lavorerà con la comunità internazionale per sostenere risolutamente il principio di “una sola Cina” e spezzare l’illusione delle autorità del PDP di cercare il sostegno degli Stati Uniti per il loro programma di indipendenza. Qualsiasi tentativo di utilizzare Taiwan per contenere la Cina sarà vanificato.

Fatto n. 5: sono gli Stati Uniti che hanno avviato e pianificato la visita di Pelosi a Taiwan. Tutti i pro e i contro sono cristallini. Chi ha ragione e chi ha torto è evidente. Gli Stati Uniti e Taiwan hanno colluso e provocato per primi, e la Cina sta solo adottando legittime contromisure per l’autodifesa. Le contromisure della Cina sono ferme, efficaci, proporzionate e in linea con il diritto interno cinese, il diritto internazionale e la consuetudine internazionale.

◆ La visita di Pelosi a Taiwan costituisce una grave violazione del principio di “una sola Cina” e delle disposizioni dei tre comunicati congiunti Cina-USA. Essa mette in pericolo gli interessi fondamentali della Cina e crea tensioni, alimenta il confronto e istiga alla divisione nella regione. Di fronte al comportamento provocatorio degli Stati Uniti, la Cina ha fatto più volte dichiarazioni serie. Nonostante i ripetuti avvertimenti della Cina, gli Stati Uniti hanno scelto di procedere con la visita. È perfettamente giustificato che la Cina adotti contromisure risolute.

◆ La Cina ha compiuto i massimi sforzi diplomatici per evitare questa crisi iniziata dagli Stati Uniti e imposta alla Cina. Negli ultimi quattro mesi, la parte cinese ha chiarito alla parte statunitense, ancora una volta, attraverso molteplici canali e a vari livelli, la sua posizione solenne secondo cui la Cina si oppone risolutamente alla visita della presidente della Camera degli Stati Uniti a Taiwan. La Cina ha sottolineato che questa mossa provocatoria degli Stati Uniti avrebbe innescato una crisi e che la Cina non sarebbe rimasta a guardare. Abbiamo esortato la parte statunitense a evitare illusioni e giudizi errati e avvertito che tutte le conseguenze derivanti dalla visita saranno interamente a carico della parte statunitense.

◆ Tutte le contromisure adottate dal governo cinese in risposta alla visita di Pelosi sono ciò che la Cina ha pieno diritto di fare per salvaguardare la propria sovranità e integrità territoriale. Si tratta di contromisure difensive necessarie e tempestive volte a salvaguardare la sovranità e la sicurezza della Cina e a impedire alle forze statunitensi e dell’“indipendenza di Taiwan” di andare oltre su una strada sbagliata e pericolosa. Le misure pertinenti sono un avvertimento per i provocatori e uno sforzo per salvaguardare la pace attraverso lo Stretto di Taiwan e la stabilità nella regione.

◆Le risolute contromisure della Cina contro la visita di Pelosi non sono solo una mossa necessaria per salvaguardare la propria sovranità e integrità territoriale, ma anche un’azione legittima per salvaguardare le norme fondamentali delle relazioni internazionali e dell’ordine internazionale instaurato dopo la seconda guerra mondiale. Il principio di “una sola Cina” è stato riconosciuto dalle Nazioni Unite e dalla stragrande maggioranza dei Paesi. È diventato una norma di base ampiamente riconosciuta che disciplina le relazioni internazionali ed è parte integrante dell’ordine internazionale del dopoguerra. Sostenendo fermamente il principio di “una sola Cina” e opponendosi risolutamente alla pratica di oscurare e svuotare il principio di “una sola Cina”, la Cina sostiene inequivocabilmente i principi di base del diritto internazionale, compresa la non interferenza negli affari interni e il rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale di tutti i Paesi.

◆ Se la Cina non ha preso contromisure contro le azioni statunitensi che interferiscono negli affari interni e minano la sovranità di un altro Paese, e non è riuscita a resistere risolutamente alle mosse sconsiderate e irresponsabili degli Stati Uniti, gli scopi della Carta delle Nazioni Unite e le norme di base che regolano le relazioni internazionali, compreso il rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale sarebbero ridotte a parole vuote. Qualsiasi membro del mondo in via di sviluppo che rappresenta l’80% della popolazione mondiale può diventare il prossimo obiettivo in qualsiasi momento. Rifiutando fermamente le provocazioni statunitensi sulla questione di Taiwan, la Cina dice no all’egemonia e al bullismo statunitensi e sostiene l’equità e la giustizia internazionali.

◆ Secondo il diritto internazionale, tutti i Paesi sono obbligati a rispettare la sovranità e l’integrità territoriale degli altri Paesi e a non interferire negli affari interni degli altri Paesi. Ogni Paese ha il diritto di adottare le misure necessarie per salvaguardare la propria sovranità e integrità territoriale e fermare le interferenze esterne.

Fatto n. 6: è legittimo e lecito per l’esercito cinese condurre esercitazioni e addestramenti militari nelle acque vicino all’isola cinese di Taiwan. La mossa degli Stati Uniti di utilizzare Taiwan per contenere la Cina è la causa principale dei problemi che minano la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan e persino nel mondo.

◆ Taiwan è una parte inalienabile del territorio cinese. Le esercitazioni militari e l’addestramento da parte cinese nelle acque vicino all’isola cinese di Taiwan sono state condotte in modo aperto, trasparente e professionale. La parte cinese ha emesso in anticipo promemoria di sicurezza e avvisi di navigazione. Le attività della Cina rispettano pienamente il diritto interno, il diritto internazionale e la prassi internazionale consuetudinaria.

◆ Le normali esercitazioni militari e l’addestramento dell’esercito cinese nelle acque vicino all’isola cinese di Taiwan hanno lo scopo di salvaguardare la sovranità e l’integrità territoriale della Cina, scoraggiare il tentativo degli Stati Uniti di usare Taiwan per contenere la Cina, mandare in frantumi la fantasia delle autorità taiwanesi di cercare il sostegno degli Stati Uniti per la cosiddetta “indipendenza di Taiwan” e il mantenimento della pace attraverso lo Stretto di Taiwan e stabilità nella regione.

◆ Sono gli Stati Uniti ad aver esacerbato le tensioni nello Stretto di Taiwan. Gli Stati Uniti hanno mostrato i muscoli e provocato problemi a loro piacimento nelle acque vicino alla Cina. La legge sull’autorizzazione della difesa nazionale statunitense per l’anno fiscale 2020 ha proposto di “continuare i transiti regolari delle navi della marina statunitense attraverso lo Stretto di Taiwan” e di “incoraggiare alleati e partner a seguire l’esempio nella conduzione di tali transiti“.

Finora gli Stati Uniti hanno venduto armi e attrezzature per un valore di decine di miliardi di dollari a Taiwan e hanno chiesto a gran voce di aiutare Taiwan a migliorare la sua capacità di “guerra asimmetrica”. Un alto funzionario del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha affermato che gli Stati Uniti potrebbero utilizzare Taiwan come fulcro strategico della prima catena di isole e ha minacciato di bloccare il processo di riunificazione della Cina. Nella “Strategia indo-pacifica” pubblicata nel febbraio 2022, gli Stati Uniti hanno affermato che sosterranno le capacità di autodifesa di Taiwan, introducendo così la questione di Taiwan nella loro strategia regionale. Questo è un tentativo di giocare a giochi geopolitici, esagerare la tensione e provocare il confronto, il che espone pienamente la loro sinistra intenzione di minare la pace e la stabilità nell’Asia-Pacifico.

◆Sono anche gli Stati Uniti che minacciano la pace e la stabilità nel mondo. Gli Stati Uniti hanno lanciato operazioni militari in tutto il mondo, devastando civili innocenti. Durante gli oltre 240 anni di storia degli Stati Uniti, ci sono stati solo 16 anni in cui gli Stati Uniti non sono stati in guerra. Secondo statistiche incomplete, dalla fine della seconda guerra mondiale al 2001, 248 conflitti armati si sono verificati in 153 regioni, di cui 201 sono stati avviati dagli Stati Uniti. Dal 2001, le guerre e le operazioni militari condotte dagli Stati Uniti hanno ucciso più di 900.000 persone, di cui circa 335.000 civili, provocando milioni di feriti e decine di milioni di sfollati. La rivista statunitense The National Interest ha citato Dakota Wood, un ricercatore senior per i programmi di difesa presso la Heritage Foundation, che ha scritto che gli Stati Uniti hanno costantemente bisogno di schierare forza militare ogni 15 anni circa. 

Fatto n. 7: coloro che si attengono al principio di “una sola Cina” rappresentano la stragrande maggioranza dei Paesi del mondo. Oltre 170 Paesi, compresi i paesi dell’ASEAN, hanno espresso il loro impegno per il principio di “una sola Cina”. A questo proposito, sono gli Stati Uniti e pochissimi altri Paesi ad essere isolati.

◆Secondo le statistiche preliminari, in risposta alla visita di Pelosi, oltre 170 Paesi e organizzazioni internazionali hanno espresso il loro forte sostegno al principio di “una sola Cina”. Governi, partiti politici e alti funzionari di oltre 100 Paesi e diverse organizzazioni internazionali hanno pubblicamente dichiarato il loro sostegno alla Cina nella salvaguardia della sovranità e dell’integrità territoriale. I Paesi che insieme detengono più dell’80% della popolazione mondiale sono con la Cina, dalla parte giusta della storia e dalla parte dell’equità e della giustizia. Insieme, sosteniamo il rispetto degli scopi e dei principi della Carta delle Nazioni Unite, rispettando le norme di base che regolano le relazioni internazionali, e opponendosi risolutamente all’ingerenza di qualsiasi Paese negli affari interni di altri Paesi e alla violazione della sovranità e dell’integrità territoriale di altri Paesi. Questa è la voce principale della comunità internazionale. Gli Stati Uniti non possono cambiare la realtà che una mossa ingiusta trova scarso sostegno.

Sia il Presidente dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che il Segretario Generale delle Nazioni Unite hanno affermato chiaramente che le Nazioni Unite continueranno a rispettare la Risoluzione 2758 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il cui fulcro è il principio di “una sola Cina”.

Il presidente della Russia Vladimir Putin ha dichiarato alla 10ma conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale che la fuga degli Stati Uniti verso Taiwan non è solo un viaggio di un politico irresponsabile, ma fa parte di una strategia statunitense mirata e deliberata, progettata per destabilizzare la situazione e seminare il caos nella regione e il mondo. È una sfacciata dimostrazione di mancanza di rispetto per gli altri Paesi e per i propri impegni internazionali. La Russia considera questo come una provocazione accuratamente pianificata. Il ministero degli Esteri russo ha rilasciato una dichiarazione in cui descrive la visita di Pelosi come una chiara provocazione in linea con la politica aggressiva degli Stati Uniti di contenimento globale della Cina. Ha affermato che le relazioni tra le due sponde dello Stretto di Taiwan sono esclusivamente affari interni della Cina. La parte cinese ha il diritto di adottare tutte le misure necessarie per proteggere la propria sovranità e integrità territoriale in relazione alla questione di Taiwan. La posizione di principio della Russia rimane invariata: operiamo sul presupposto che esiste una sola Cina, il governo della RPC è l’unico governo legittimo che rappresenta tutta la Cina e Taiwan è una parte inalienabile della Cina.

Il presidente del Nicaragua Daniel Ortega ha affermato che esiste una sola Cina al mondo e la visita di Pelosi equivale a un’invasione della Cina, il che dimostra che la pratica dell’invasione è nel sangue dell’impero yankee.

Rispondendo a una domanda dei media, il portavoce del ministero degli Esteri della Repubblica Popolare Democratica di Corea (RPDC) ha affermato che l’impudente ingerenza degli Stati Uniti negli affari interni di altri Paesi e leloro intenzionali provocazioni politiche e militari sono, in effetti, la causa principale delle vessazioni della pace e della sicurezza nella regione. Taiwan è una parte inseparabile della Cina e la questione di Taiwan riguarda gli affari interni della Cina. La RPDC denuncia con veemenza l’interferenza di qualsiasi forza esterna nella questione di Taiwan e sostiene pienamente la posizione giusta del governo cinese di difendere risolutamente la sovranità del Paese e l’integrità territoriale. Il piano statunitense per disturbare la crescita e lo sviluppo della Cina e i loro sforzi per rallentare la causa della riunificazione sono destinati a fallire.

Il portavoce del ministero degli Esteri del governo ad interim afghano ha sottolineato l’adesione alla politica di “una sola Cina” e ha esortato tutti i Paesi ad astenersi da decisioni che sono considerate una violazione della sovranità nazionale degli Stati e getterebbero le basi per azioni provocatorie.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano ha affermato in una dichiarazione che la visita di Pelosi a Taiwan è un esempio del comportamento invadente degli Stati Uniti in diverse regioni e Paesi del mondo. Ha notato che questo comportamento non farà che intensificare l’instabilità e mettere in evidenza le differenze e, in quanto tale, è deplorevole.

Il ministero siriano degli Affari Esteri e degli Espatriati ha affermato in una dichiarazione che la Siria condanna con la massima fermezza l’escalation senza precedenti e la politica di provocazione praticata dagli Stati Uniti contro la Cina. La Cina ha il diritto non negoziabile o non negoziale di adottare le misure e che decide per difendere il suo diritto di proteggere e preservare la sua sovranità, indipendenza e integrità territoriale.

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale degli Emirati Arabi Uniti ha rilasciato una dichiarazione, riaffermando il suo sostegno alla sovranità e all’integrità territoriale della Cina, nonché l’importanza del rispetto del principio di “una sola Cina”, chiedendo al contempo l’adesione alle pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite. Gli Emirati Arabi Uniti hanno espresso preoccupazione per l’impatto di eventuali visite provocatorie sulla stabilità e sulla pace internazionale.

Il ministero degli Esteri dell’Eritrea ha affermato in una dichiarazione che, in un momento in cui i difetti e le follie della sua politica globale sono diventati più evidenti e nel tentativo di intensificare la sua politica di contenimento della Cina, Washington ha messo in piedi la visita provocatoria di Pelosi a Taiwan con tutte le sue pericolose ramificazioni. L’ultimo atto non è che una continuazione delle politiche sconsiderate che l’amministrazione statunitense ha perseguito negli ultimi anni in Asia per portare avanti questo singolare obiettivo, che è deplorevole.

Il presidente dell’Assemblea Nazionale del Sudafrica ha affermato in un’intervista che la mossa degli Stati Uniti rappresenta una grave interferenza negli affari interni della Cina, rovinando anni di sforzi per mantenere la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan. Questa metterà inevitabilmente in pericolo la pace, la stabilità e lo sviluppo regionali e mondiali.

Il ministro dell’Informazione, della Pubblicità e dei Servizi di Trasmissione dello Zimbabwe e portavoce del governo ha affermato che lo Zimbabwe sostiene pienamente la Repubblica Popolare Cinese di fronte alla visita invadente e provocatoria di Pelosi, che viola gravemente il principio di “una sola Cina”.

Il ministero degli Affari Esteri della Bielorussia ha affermato in un comunicato di aver seguito con profonda preoccupazione l’aumento della tensione provocato dall’irresponsabile persistenza con cui gli Stati Uniti hanno organizzato la visita di Pelosi a Taiwan. La Bielorussia sostiene le misure coerenti adottate dalla Cina per riunificare il Paese.

Il ministro degli Affari Esteri ed Europei del Lussemburgo ha affermato che la visita di Pelosi è una provocazione inutile e che con questo viaggio non ci sarà più fiducia tra Stati Uniti e Cina. Ha anche ribadito il sostegno del Lussemburgo alla politica di “una sola Cina”.

Il vicepresidente del Senato del Messico ha pubblicato un articolo, affermando che la visita illegale di Pelosi a Taiwan è un’azione interventista che viola gravemente la sovranità di un altro Paese e mina la pace e la stabilità regionali.

Il ministero degli Esteri cubano ha rilasciato una dichiarazione in cui ribadisce il suo fermo rifiuto alle azioni volte a danneggiare la sovranità e l’integrità territoriale della Cina, condannando l’interferenza negli affari interni della Cina e sottolineando la sua preoccupazione per le crescenti tensioni e l’ulteriore deterioramento della situazione riguardante Taiwan come diretto risultato della politica aggressiva e dell’elevata presenza militare degli Stati Uniti e dei loro alleati nello Stretto di Taiwan, dei contatti militari e della vendita regolare di armi che minano la pace internazionale e regionale.

Il ministero degli Esteri del Commonwealth della Dominica ha affermato in una dichiarazione che molte parti e la comunità internazionale hanno espresso serie preoccupazioni per la visita di Pelosi a Taiwan, e che questa visita costituisce una grave violazione della sovranità e dell’integrità territoriale della Cina.

Il ministero degli Esteri venezuelano ha dichiarato sul suo account Twitter che la visita di Pelosi è una provocazione diretta e una seria minaccia all’indipendenza e all’integrità territoriale della Cina, e il Venezuela sostiene fermamente il principio di “una sola Cina” ed esorta gli Stati Uniti a rispettare la sovranità cinese.

◆ Durante la 55,a Riunione dei Ministri degli Esteri dell’ASEAN e le relative riunioni tenutesi a Phnom Penh, la capitale della Cambogia, i ministri degli Esteri dell’ASEAN hanno rilasciato una Dichiarazione sullo sviluppo della situazione lungo lo Stretto, ribadendo il sostegno degli Stati membri dell’ASEAN alla loro rispettiva politica di “una sola Cina”. I Paesi dell’ASEAN, attraverso dichiarazioni dei ministeri degli esteri e dei portavoce, hanno anche pubblicamente sottolineato che Taiwan è una parte inalienabile del territorio cinese e si sono opposti all’“indipendenza di Taiwan” e a tutti i tentativi di creare “due Cine” o “una Cina, un Taiwan”. Sostengono il governo cinese nel sostenere la sovranità e l’integrità territoriale e nel raggiungere la riunificazione nazionale attraverso mezzi pacifici.

Il consigliere per la sicurezza nazionale delle Filippine ha affermato in un’intervista che le Filippine rispettano la politica di “una sola Cina”, il che significa che esiste una sola Cina al mondo e che Taiwan è una parte inalienabile della Cina. Le Filippine continueranno a onorare la politica di “una sola Cina”.

Il ministero degli Affari Esteri di Singapore ha diffuso un comunicato stampa sull’incontro tra il ministro degli Esteri Vivian Balakrishnan e il Consigliere di Stato Wang Yi, in cui Balakrishnan afferma che Singapore ha una politica chiara e coerente di “una sola Cina” e si oppone all’”indipendenza di Taiwan” e a qualsiasi mossa unilaterale per cambiare lo status quo, e sottolinea la necessità di relazioni stabili Cina-USA, che sono vitali per la pace e la sicurezza.

Il ministero degli Esteri del Myanmar ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che la visita di Pelosi a Taiwan sta causando un’escalation delle tensioni nello Stretto di Taiwan. Il Myanmar si oppone a qualsiasi azione provocatoria che causi instabilità nella regione e a tentativi che mirino a interferire negli affari interni di altri Paesi. Il Myanmar sostiene pienamente la politica di “una sola Cina” e riafferma che Taiwan è parte integrante della Repubblica Popolare Cinese.

Il portavoce del ministero degli Esteri indonesiano ha affermato che la visita di Pelosi a Taiwan potrebbe intensificare lo scontro tra Cina e Stati Uniti. Se non gestita bene, potrebbe portare a un conflitto aperto e sconvolgere la pace e la stabilità, anche nello Stretto di Taiwan. L’Indonesia continua a rispettare la politica di “una sola Cina”.

Il ministero degli Affari Esteri del Laos ha rilasciato una dichiarazione in cui riafferma la sua politica coerente di sostegno alla politica di “una sola Cina”, e che Taiwan è una parte inalienabile della Cina, opponendosi a qualsiasi intenzione mirante a creare una situazione di “due Cine” o “una Cina, una Taiwan”, e ribadendo il suo fermo sostegno alla politica della Cina sulla riunificazione nazionale con mezzi pacifici.

Il portavoce del governo cambogiano ha dichiarato in un’intervista a China-Cambogia Friendship Radio FM 105 che la visita di Pelosi a Taiwan viola il principio di “una sola Cina” ed è una mossa provocatoria che suscita problemi e potrebbe innescare altre crisi. Il mondo intero è quindi preoccupato. Il governo cambogiano elogia vivamente le contromisure adottate dalla Cina.

L’inviato speciale del primo ministro malese in Cina ha rilasciato una dichiarazione in cui esorta le nazioni occidentali a non praticare i doppi standard cercando di confrontare Taiwan con l’Ucraina, a non cercare di accerchiare la Russia e chiedere da un lato il rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina mentre si intromettono negli affari interni della Cina e intendono utilizzare Taiwan per dividere la Cina. Ciò significherebbe usare la democrazia come pretesto per interferire e violare la sovranità cinese, il che viola i principi fondamentali del diritto internazionale.

◆ I think tank e i media di molti Paesi sottolineano che la visita di Pelosi a Taiwan viola il principio di “una sola Cina”, mina la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan ed è una mossa seriamente provocatoria. La mossa provocatoria di Pelosi sulla questione taiwanese porta gli USA e il mondo al disordine e all’instabilità. Le tensioni attraverso lo Stretto sono causate dall’infrazione da parte degli Stati Uniti dell’intesa comune raggiunta con la Cina.

La studiosa di Singapore Kishore Mahbubani ha affermato che la visita di Pelosi a Taiwan è sconsiderata, pericolosa e irresponsabile, e che costei sta cercando di usare Taiwan. L’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger ha avvertito gli Stati Uniti di fermare i loro continui confronti con la Cina. Eppure, essendo la figura politica n. 3 degli Stati Uniti, Pelosi ha rifiutato di ascoltare le parole di Kissinger e ha messo in pericolo gli interessi degli Stati Uniti e del suo popolo. Ha alimentato le fiamme nel nostro vicinato, ma ha rifiutato di assumersi la responsabilità delle pericolose conseguenze che ha creato da sola, che dovrebbero essere condannate.

La fondatrice dell’Istituto francese per le relazioni internazionali Dominique Moisi ha scritto in un articolo su Les Echos che la visita di Pelosi a Taiwan riguarda principalmente la sua immagine personale e serve i suoi interessi nelle elezioni di medio termine del Congresso degli Stati Uniti. La mossa irresponsabile degli Stati Uniti ha aggiunto incertezze a un mondo già incerto e fragile, aumentando i rischi che la situazione sfugga al controllo e incrementando i rischi di complicazioni e guerre.

Matthias Hartwig, studioso di diritto internazionale tedesco ed ex ricercatore presso il Max Planck Institute for Comparative Public Law and International Law, ha pubblicato un articolo sul Frankfurter Allgemeine Zeitung sottolineando che l’argomento secondo cui Cina e Taiwan sono due Paesi indipendenti non regge. Tutti i tentativi di sostenere la separazione di Taiwan dalla Cina, inclusa la visita di Pelosi a Taiwan, costituiscono un’ingerenza negli affari interni della Cina e violano il diritto internazionale.

Un esperto di politica internazionale romeno ha sottolineato in un’intervista televisiva che Pelosi ha insistito per recarsi a Taiwan nonostante la forte opposizione del governo e del popolo cinese, con l’intenzione di innescare una crisi geopolitica. Il principio di “una sola Cina” è in linea con la storia e il diritto ed è un consenso della comunità internazionale. Il presidente dell’Istituto diplomatico rumeno ha affermato in un video dibattito che il principio di “una sola Cina” è la base politica su cui 181 Paesi hanno stabilito relazioni diplomatiche con la Cina, ed è scritto nero su bianco nei tre comunicati congiunti Cina-USA. La risposta della Cina alla questione dimostra razionalità e saggezza. Il presidente ha espresso pieno sostegno alla posizione della Cina.

Fatto n. 8: la questione di Taiwan e la questione dell’Ucraina sono di natura diversa. Taiwan non è e non è mai stato un Paese. È una parte della Cina. La questione di Taiwan e la questione dell’Ucraina non sono affatto paragonabili.

◆Taiwan è una parte inalienabile del territorio cinese. La questione di Taiwan è un residuo della guerra civile cinese e degli affari interni puramente cinesi. La questione ucraina è una disputa tra due Paesi, Russia e Ucraina. Alcune persone negli Stati Uniti hanno deliberatamente tracciato parallelismi tra la questione di Taiwan e la questione ucraina per definire erroneamente la natura della questione di Taiwan, una questione che è puramente un affare interno della Cina. Questo è anche il loro tentativo di cercare di negare la legittimità e la razionalità degli sforzi del governo cinese per salvaguardare la sovranità nazionale e l’integrità territoriale e per servire l’interesse geostrategico ed economico degli Stati Uniti a scapito del benessere delle persone su entrambi i lati dello Stretto e della pace e della stabilità regionali.

◆ I dettagli della questione ucraina sono chiarissimi. In qualità di colui che ha avviato la crisi ucraina e il principale fattore che l’ha alimentata, gli Stati Uniti hanno guidato cinque round di espansione della NATO verso est nell’arco di due decenni circa dal 1999. La NATO ha aumentato i suoi membri da 16 a 30 Paesi e ha spinto la sua frontiera di oltre 1.000 chilometri verso est fino al confine della Russia, costringendo quest’ultima passo dopo passo all’angolo. Thomas Friedman, un veterano dei media statunitensi e editorialista del New York Times, ha sottolineato in un articolo che la decisione sconsiderata degli Stati Uniti di espandere la NATO ha portato al deterioramento dei legami con la Russia e il governo degli Stati Uniti merita gran parte della colpa.

Dallo scoppio della crisi ucraina, gli Stati Uniti non hanno fatto nulla per promuovere i colloqui di pace, ma hanno cercato di trarre vantaggio dalla crisi attraverso una guerra per procura. Ciò ha portato alla continua escalation delle tensioni e ha ampliato, prolungato e complicato il conflitto. Questo ha completamente messo in luce la natura egoistica della parte statunitense.

◆ Pur sottolineando il rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina, gli Stati Uniti hanno calpestato la linea rossa sulla questione di Taiwan e minato la sovranità e l’integrità territoriale della Cina. Questo non è altro che puro doppio standard.

◆ Il ringiovanimento e la riunificazione del Paese sono una tendenza in aumento. È qui che risiede il maggiore interesse nazionale, ed è ciò che il popolo desidera. Il PCC ha cercato di perseguire la storica missione di risolvere la questione di Taiwan e realizzare la completa riunificazione della Cina. Lavoreremo con la massima sincerità ed eserciteremo i massimi sforzi per raggiungere la riunificazione pacifica, perché questo funziona meglio per le persone di entrambe le parti e per l’intera nazione.

Non rinunciamo all’uso della forza e ci riserviamo la possibilità di prendere tutte le misure necessarie. Questo per proteggersi dalle interferenze esterne e da un numero esiguo di separatisti e dalle loro attività separatiste per “l’indipendenza di Taiwan”. Ciò non prende di mira in alcun modo i nostri connazionali a Taiwan. I mezzi non pacifici rimarranno sempre l’ultima risorsa.

Fatto n. 9: le sanzioni della Cina contro Pelosi sulla scia della sua visita nella regione di Taiwan sono giustificate e legittime. In quanto Paese sovrano, la Cina ha tutto il diritto di farlo.

◆ Le mosse degli Stati Uniti per minare la sovranità e la sicurezza della Cina hanno indignato il popolo cinese e suscitato una forte opposizione da parte della comunità internazionale. La Cina ha adottato le misure pertinenti in conformità con la legge sulle sanzioni contro gli stranieri. La risposta della Cina è anche ben fondata nel diritto internazionale e irreprensibile.

◆ Numerosi fatti e cifre dimostrano che gli Stati Uniti sono il Paese più senza scrupoli che abusa delle sanzioni. Per molto tempo, gli Stati Uniti hanno usato la democrazia, i diritti umani e la sicurezza nazionale come pretesti per imporre sanzioni unilaterali e la “giurisdizione a braccio lungo” sugli altri, per impadronirsi degli interessi geopolitici ed economici e mantenere la propria egemonia. Ciò ha gravemente minato le norme fondamentali nelle relazioni internazionali sostenute dagli scopi e dai principi della Carta delle Nazioni Unite. Ha violato il diritto allo sviluppo dei Paesi interessati e il diritto alla sussistenza dei loro cittadini.

Gli Stati Uniti hanno emanato leggi nazionali come l’International Emergency Economic Powers Act, il Global Magnitsky Human Rights Accountability Act e il Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act e hanno escogitato una serie di ordini esecutivi per imporre direttamente sanzioni a Paesi, organizzazioni o individui specifici. Hanno arbitrariamente ampliato la giurisdizione delle leggi nazionali statunitensi con teorie ambigue come il “contatto minimo” e il “principio degli effetti” e hanno abusato dei canali di contenzioso nazionale per esercitare la “giurisdizione a braccio lungo” su entità e individui in altri Paesi.

Le statistiche mostrano che la precedente amministrazione statunitense ha imposto un totale di oltre 3.900 misure sanzionatorie, equivalenti a tre sanzioni in media giornaliera. Il numero di designazioni di sanzioni dell’Office of Foreign Assets Control (OFAC) del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti è cresciuto da 912 nel 2000 a 9.421 nell’ottobre 2021, con un aumento del 933%. Daniel W. Drezner, Professore alla Tufts University e Senior Fellow alla Brookings Institution, ha pubblicato un articolo su Foreign Affairs nel settembre 2021, affermando che gli Stati Uniti d’America ​​sono diventati gli “Stati Uniti delle sanzioni“.

◆Gli Stati Uniti usano spesso la loro egemonia globale per imporre sanzioni arbitrariamente a Paesi che considerano nemici o avversari. Dal 1962, gli Stati Uniti hanno imposto a Cuba l’embargo sistemico commerciale, il blocco economico e le sanzioni finanziarie più lunghi e severi della storia moderna. Nel 2021, l’Assemblea generale dell’ONU ha adottato risoluzioni che chiedono la fine dell’embargo statunitense nei confronti di Cuba per il 29° anno consecutivo. Tuttavia, il governo degli Stati Uniti mantiene l’embargo a prescindere dalle voci giuste della comunità internazionale. Dalla fine degli anni ’70, gli Stati Uniti hanno imposto blocchi e sanzioni a lungo termine all’Iran. Nel maggio 2018, il governo degli Stati Uniti si è ritirato unilateralmente dal Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) e successivamente ha ripreso e aggiunto una serie di sanzioni contro l’Iran. Gli Stati Uniti hanno anche imposto sanzioni unilaterali a Bielorussia, Siria, Zimbabwe e altri Paesi per anni, e hanno intensificato la “massima pressione” sulla RPDC, il Venezuela e altri Paesi.

◆Da tempo gli Stati Uniti hanno lanciato sanzioni economiche e finanziarie contro la Russia. Secondo le statistiche della Duma di Stato russa, dal 2014 all’inizio di maggio 2022 il numero di sanzioni imposte alla Russia ha raggiunto la cifra senza precedenti di 10.218, rendendo la Russia il Paese più sanzionato al mondo, superando l’Iran. Dallo scoppio della crisi ucraina, gli Stati Uniti hanno continuato a intensificare le sanzioni unilaterali contro la Russia e hanno costretto il mondo a schierarsi. Michail Popov, vice segretario del Consiglio di sicurezza russo, ha affermato che mentre facevano pressioni sui Paesi europei affinché sanzionassero la Russia, gli Stati Uniti hanno aumentato le importazioni di petrolio greggio dalla Russia e hanno consentito alle loro società di importare fertilizzanti minerali russi. La guerra e le sanzioni hanno causato l’afflusso di rifugiati, il deflusso di capitali e la carenza di energia in Europa, ma hanno permesso agli Stati Uniti di trarne profitto e arricchirsi.

◆Gli Stati Uniti non hanno esitato a sanzionare i propri alleati. Nel 1982, il governo degli Stati Uniti ha arrestato i dipendenti Hitachi e Mitsubishi con l’accusa di spionaggio industriale per reprimere le aziende high-tech giapponesi. Nel 2013, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha arrestato quattro alti dirigenti della società francese Alstom, costringendo la società a vendere attività principali come energia e rete a General Electric a prezzi bassi. Per calcolo geopolitico ed energetico, gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni al progetto del gasdotto Nord Stream 2 dal dicembre 2019. Nell’agosto 2020, nella controversia tra Stati Uniti e UE sui sussidi per Boeing e Airbus, gli Stati Uniti hanno annunciato che avrebbero mantenuto la loro precedente decisione di imporre una tariffa del 15% sui grandi aeromobili civili di Airbus. Nello stesso mese, l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato che, al fine di fornire mezzi efficaci per affrontare la compromissione della sicurezza nazionale degli Stati Uniti, minacciata dalle importazioni di alluminio dal Canada, gli Stati Uniti avrebbero reimposto la tariffa del 10% sulle importazioni di alluminio canadese. A dicembre, il governo degli Stati Uniti ha annunciato sanzioni contro la Turchia per la sua “transazione significativa” con la Russia per l’acquisto del sistema missilistico di difesa aerea S-400.

◆ Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno sanzionato le istituzioni e il personale cinesi con il pretesto di questioni relative allo Xinjiang, Hong Kong, i diritti umani e altre questioni che sono tutti affari interni della Cina. Hanno inoltre promulgato e attuato, sulla base di menzogne ​​e disinformazione, il cosiddetto “Uyghur Forced Labour Prevention Act“, che vieta completamente l’importazione di merci prodotte nello Xinjiang. Inoltre, gli Stati Uniti hanno imposto le cosiddette restrizioni sui visti a oltre 96 milioni di membri del PCC e alle loro famiglie.

Gli Stati Uniti esagerano il concetto di sicurezza nazionale, inventano varie scuse, abusano delle misure di controllo delle esportazioni e usano il potere statale per sopprimere irragionevolmente le istituzioni e le imprese cinesi. Tutto ciò ha gravemente minato la concorrenza leale, i principi dell’economia di mercato e le regole economiche e commerciali internazionali. Gli Stati Uniti hanno inserito più di 1.000 imprese e istituzioni cinesi in vari elenchi di sanzioni; hanno designato la biotecnologia e l’intelligenza artificiale come tecnologie chiave sulle quali sono rafforzati i controlli sulle esportazioni e intensificate le revisioni degli investimenti; e hanno soppresso applicazioni di social media tra cui TikTok e WeChat.

Con il pretesto di salvaguardare la sicurezza nazionale e la privacy dei cittadini, l’amministrazione Trump ha lanciato un programma “Clean Network”. Questo richiede esplicitamente la rimozione di società cinesi come Huawei, Baidu e Alibaba dagli operatori di telecomunicazioni, app store mobili, app mobili, servizi cloud e cavi sottomarini.

◆ La Cina si oppone alle sanzioni unilaterali illegali e ritiene che le sanzioni non siano mai il modo primario o efficace per risolvere i problemi. Brandire il bastone delle sanzioni infliggerà solo serie difficoltà all’economia e al sostentamento delle persone nei Paesi interessati. 

Fatto n. 10: la visita di Pelosi a Taiwan ha gravemente minato le basi politiche delle relazioni Cina-USA e ha creato ostacoli agli scambi e alla cooperazione tra le due parti. Gli Stati Uniti devono assumersene la piena responsabilità.

◆ La questione di Taiwan è al centro degli interessi fondamentali della Cina. Gli Stati Uniti, mentre minano seriamente gli interessi fondamentali della Cina, chiedono la cooperazione della Cina dove ne hanno bisogno. Gli Stati Uniti si aspettano che la Cina accetti un fatto compiuto e ingoi il frutto amaro di vedere seriamente danneggiati i suoi interessi fondamentali. Questa è la tipica mentalità egemonica e logica mafiosa.

◆ La cosa più importante nella cooperazione è il rispetto reciproco e il vantaggio reciproco. Affinché la cooperazione avvenga, ci devono essere l’atmosfera e le condizioni giuste. Prima della visita di Pelosi, la Cina ha presentato proposte di cooperazione in otto aree e un elenco sostanziale per il dialogo e la cooperazione, che hanno dimostrato pienamente la volontà della Cina di cooperare. Tuttavia, gli Stati Uniti vogliono solo cooperazione nelle aree di loro interesse e mancano di sincerità riguardo alle proposte di cooperazione della Cina. Inoltre, gli Stati Uniti hanno continuato a introdurre misure negative nei confronti della Cina, il che ha seriamente interrotto lo scambio e la cooperazione Cina-USA.

◆ L’attuale amministrazione statunitense ha più volte articolato alla Cina l’impegno dei “cinque no” (cioè che gli Stati Uniti non cercano una nuova Guerra Fredda con la Cina, non mirano a cambiare il sistema cinese, il rilancio delle loro alleanze è non mirato alla Cina, non sostengono “l’indipendenza di Taiwan” e non hanno intenzione di cercare un conflitto con la Cina). Tuttavia, dicono una cosa e ne fanno un’altra, e hanno costantemente interferito negli affari interni della Cina e danneggiato gli interessi della Cina su questioni riguardanti gli interessi principali e le principali preoccupazioni della Cina.

Aggrappandosi alla mentalità della Guerra Fredda e alla logica egemonica, gli Stati Uniti hanno cercato una politica di blocco e inventato la narrativa “democrazia contro autoritarismo”. Hanno legato altri Paesi ai loro circoli ristretti, hannoi rafforzato l’alleanza Five Eyes, hanno implementato il Quad, hanno creato l’AUKUS e hanno intensificato le alleanze militari bilaterali. Hanno anche provato ogni mezzo possibile per costruire una versione Asia-Pacifico della NATO e un avanzato un “deterrente integrato” contro la Cina.

Gli Stati Uniti hanno emanato il CHIPS and Science Act del 2022, che vieta l’utilizzo di fondi CHIPS per investimenti in Cina e alle società cinesi di partecipare alla rete Manufacturing USA. Chiede inoltre di rafforzare le precauzioni di sicurezza per la ricerca scientifica contro la Cina e di valutare la “minaccia” cinese per la scienza e la tecnologia degli Stati Uniti. L’amministrazione Trump ha violato gravemente le regole dell’OMC e ha lanciato una guerra commerciale su larga scala con la Cina. Citando la cosiddetta indagine della Sezione 301, gli Stati Uniti hanno imposto tre round di tariffe aggiuntive elevate su merci cinesi per un valore di circa 360 miliardi di dollari USA. Questa mossa erronea non è stata ancora rettificata.

◆ La Cina, mentre si oppone fermamente a tutti i tipi di azioni eclatanti degli Stati Uniti che minano la cooperazione, ha sempre cercato di promuovere il sano e costante sviluppo delle relazioni Cina-USA per il benessere dei popoli di entrambi i Paesi e anche del mondo, secondo l’aspettativa della comunità internazionale e dei popoli del resto del mondo. Sono gli Stati Uniti, non la Cina, a minare le relazioni, gli scambi e la cooperazione tra Cina e Stati Uniti. Gli Stati Uniti dovrebbero riflettere seriamente su ciò che hanno fatto.

Fatto n. 11: La responsabilità della sospensione dei colloqui sul clima Cina-USA è degli Stati Uniti. Quando si tratta di cambiamenti climatici e altre questioni relative alla governance globale dell’ambiente, la Cina continuerà a impegnarsi nella cooperazione internazionale e continuerà a onorare i propri impegni con azioni reali.

◆ La Cina si è adoperata al massimo per aumentare la sua risposta al cambiamento climatico. Nel 2020, la Cina ha annunciato nuovi obiettivi per i suoi contributi determinati a livello nazionale. Ci adopereremo per raggiungere il picco delle emissioni di anidride carbonica prima del 2030 e raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio prima del 2060. Ci impegniamo a passare dal picco di carbonio alla neutralità del carbonio in un arco di tempo molto più breve di quello che potrebbero richiedere molti Paesi sviluppati.

La Cina ha lavorato costantemente verso il suo picco di carbonio e gli obiettivi di neutralità carbonica. Da quando il presidente Xi Jinping ha dichiarato tali obiettivi nel 2020, il governo cinese ha annunciato in più occasioni importanti misure di politica interna sulla risposta climatica e ha continuato a costruire un quadro politico 1+N sul picco di carbonio e sulla neutralità carbonica. Nell’ottobre 2021, la guida di lavoro per il picco delle emissioni di anidride carbonica e la neutralità carbonica nella piena e fedele attuazione della nuova filosofia di sviluppo emessa dal Comitato centrale del Partito Comunista Cinese e dal Consiglio di Stato e il piano d’azione per il picco delle emissioni di anidride carbonica prima del 2030 sono stati rilasciati, che insieme sono diventato il progetto di punta che attraversa le due fasi del picco di carbonio e della neutralità carbonica della Cina. Sono satti introdotti piani di attuazione per settori, tra cui quello energetico, il ​​risparmio energetico e la riduzione delle emissioni, l’economia circolare, il consumo verde, lo sviluppo industriale, lo sviluppo urbano e rurale e i trasporti. Il quadro politico 1+N è stato sostanzialmente messo in atto.

◆La Cina ha seguito la filosofia dello sviluppo ecologico e ha ottenuto risultati nella transizione verde. La citazione del presidente Xi Jinping secondo cui l’acqua limpida e le montagne verdi sono preziose quanto l’oro e l’argento è diventata un’opinione condivisa dal pubblico cinese. Nel 2020, l’intensità delle emissioni di carbonio della Cina è diminuita del 18,8% rispetto a quella del 2015, superando l’obiettivo vincolante stabilito nel 13° Piano quinquennale. È scesa del 48,4% rispetto al livello del 2005, il che significa che la Cina ha superato l’obiettivo di ridurre l’intensità dal 40 al 45% nel 2020 rispetto al 2005, un impegno che la Cina ha assunto nei confronti del mondo. La Cina ha ridotto di circa 5,8 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2 in termini cumulativi e la rapida crescita delle emissioni di CO2 è stata ampiamente invertita. Dall’inizio di questo secolo, La Cina ha rappresentato un quarto del nuovo rimboschimento mondiale. La Cina ha raggiunto gli obiettivi precedenti poiché i suoi compiti di prevenzione e controllo dell’inquinamento sono stati completati con notevole successo e ha ridotto significativamente il numero di giorni di forte inquinamento. Nel rapporto pubblicato nel giugno 2022, l’Energy Policy Institute dell’Università di Chicago ha sottolineato che l’inquinamento da PM2,5 in Cina è diminuito di quasi il 40% tra il 2013 e il 2020, che è quasi equivalente alla riduzione effettuata dagli Stati Uniti nell’arco di trent’anni a partire dal 1970 .

I contributi della Cina al risparmio energetico, all’efficienza energetica, allo sviluppo delle energie rinnovabili, ai trasporti e all’edilizia rappresentano sostanzialmente dal 30 al 50% del totale globale. Nel 2021, l’energia non fossile rappresentava il 16,6% del consumo energetico in Cina. La Cina è stato il primo consumatore di energia non fossile al mondo. L’uso di energia rinnovabile da parte della Cina e la capacità totale di generazione di energia hanno raggiunto livelli record, con la proporzione di energia idroelettrica, eolica, fotovoltaica e da biomassa che si mantiene ai vertici del mondo. La Cina si è impegnata a raggiungere una capacità totale di 1,2 miliardi di kilowatt di energia eolica e solare entro il 2030, che da sola supererà la capacità di potenza totale degli Stati Uniti. La produzione e le vendite cinesi di veicoli a nuova energia si sono classificate al primo posto nel mondo per sette anni consecutivi. La quota della Cina nella produzione di energia elettrica da carbone è scesa storicamente al di sotto del 50% nel 2020, le emissioni totali dell’industria energetica a carbone sono diminuite di quasi il 90% in un decennio e il consumo di carbone delle unità termoelettriche è stato ridotto in modo significativo, risparmiando oltre 700 milioni di tonnellate di carbone grezzo nel decennio.

◆ La Cina promuove attivamente la costruzione di un sistema globale di governance climatica e ambientale equo, ragionevole, cooperativo e reciprocamente vantaggioso. In qualità di importante partecipante alla governance climatica globale, la Cina ha sempre partecipato attivamente ai negoziati del canale principale sui cambiamenti climatici e ha fornito contributi storici alla conclusione della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e del suo Protocollo di Kyoto e dell’Accordo di Parigi. La Cina ha ospitato la prima parte della 15ma riunione della Conferenza delle parti della Convenzione sulla diversità biologica nell’ottobre 2021, che ha dato nuovo slancio alla governance globale sulla biodiversità.

◆La Cina sostiene fortemente lo sviluppo di energia verde e a basse emissioni di carbonio nei Paesi in via di sviluppo. La Cina sostiene il concetto di “insegnare alle persone a pescare” e fa del suo meglio per aiutare i Paesi in via di sviluppo, in particolare i piccoli Paesi insulari, i Paesi africani e i Paesi meno sviluppati, a ridurre l’impatto negativo del cambiamento climatico e migliorare la loro capacità di farvi fronte. Negli ultimi 10 anni e oltre, la Cina ha investito circa 1,2 miliardi di yuan nella cooperazione Sud-Sud sui cambiamenti climatici e ha firmato 40 documenti di cooperazione con 35 Paesi. Per quasi otto anni fino al 2021, la Cina ha attuato più di 200 progetti di aiuto per sostenere altri Paesi ad affrontare i cambiamenti climatici, fornito prodotti e attrezzature per il risparmio energetico e nuove energie a quasi 40 Paesi e formato circa 2,000 funzionari e professionisti nel campo del cambiamento climatico per 120 Paesi in via di sviluppo. Nell’aprile 2022, la Cina ha lanciato il Centro di cooperazione per l’azione per il clima tra Cina e Paesi insulari del Pacifico per dare nuovo slancio all’azione per il clima nei piccoli Paesi insulari.

◆ Gli Stati Uniti hanno una scarsa esperienza sui cambiamenti climatici. Gli Stati Uniti sono il più grande emettitore mondiale di gas serra in termini cumulativi. Le loro emissioni di carbonio pro capite sono rimaste elevate. Sono più del doppio di quelli della Cina. Gli Stati Uniti si rifiutano di ratificare il Protocollo di Kyoto. A un certo punto si sono ritirati dall’accordo di Parigi e sno lenti nell’adempiere ai propri impegni finanziari nell’ambito del Green Climate Fund. Hanno anche utilizzato le cosiddette questioni relative allo Xinjiang come pretesto per sanzionare e reprimere le società fotovoltaiche cinesi, ostacolando lo sviluppo globale della nuova energia. Gli Stati Uniti non hanno ancora aderito alla Convenzione sulla diversità biologica e sono rimasti a lungo fuori dal sistema globale di protezione della biodiversità.

◆ Dalla Conferenza di Copenaghen sui cambiamenti climatici del 2009, gli Stati Uniti non hanno ancora adempiuto seriamente ai propri impegni di fornire finanziamenti per il clima ai Paesi in via di sviluppo. Secondo un rapporto pubblicato dal World Resources Institute nell’ottobre 2021, gli indicatori, tra cui il PIL e le emissioni cumulative di gas serra, suggeriscono che gli Stati Uniti dovrebbero contribuire tra il 40 e il 47% dello sforzo totale di 100 miliardi di dollari USA per il finanziamento per il clima nel 2018. Ma gli Stati Uniti hanno fornito meno del 20% della sua propria dovuta con un deficit di almeno 21 miliardi di dollari USA e fino a 40 miliardi di dollari USA. La mancanza di credibilità e responsabilità degli Stati Uniti ha gravemente minato il processo di governance globale del clima.

◆ Nel giugno 2022, una sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso che l’Agenzia per la protezione dell’ambiente non ha il diritto di limitare le emissioni di gas serra a livello statale e non può costringere le centrali elettriche ad abbandonare i combustibili fossili e a rivolgersi verso le energie rinnovabili. Questa decisione indebolirà ulteriormente la capacità dell’amministrazione Biden di rispondere ai cambiamenti climatici. Stéphane Dujarric, portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite, ha indicato nel consueto briefing di mezzogiorno che la sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti rappresenta una battuta d’arresto nella lotta globale contro il cambiamento climatico e rende ancora più difficile il raggiungimento degli obiettivi dell’accordo di Parigi.

◆ La Cina, come sempre, parteciperà attivamente alla cooperazione internazionale e multilaterale per affrontare il cambiamento climatico. La Cina continuerà a muoversi con fermezza verso gli obiettivi del picco di carbonio e della neutralità delle emissioni carbonio, parteciperà attivamente ai negoziati del canale principale sui cambiamenti climatici, fornirà supporto e assistenza ai Paesi in via di sviluppo al meglio delle sue capacità e darà il proprio contributo per affrontare il problema globale della sfida del cambiamento climatico.

◆ La cooperazione tra Cina e Stati Uniti nel campo del cambiamento climatico non può essere separata dall’ambiente generale delle relazioni Cina-USA. A causa dell’impatto eclatante della visita provocatoria di Pelosi a Taiwan, la Cina ha dovuto sospendere i colloqui bilaterali sul clima con gli Stati Uniti. Tutte le conseguenze che ne derivano saranno a carico degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti devono smettere di cercare nuove scuse per la loro inazione sul cambiamento climatico. 

0Shares