Lun. Dic 5th, 2022

Ufficio di lavoro su Taiwan: “C’è solo una Cina al mondo e Taiwan fa parte della Cina”

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

L’Ufficio di lavoro su Taiwan del Comitato centrale del PCC rilascia una dichiarazione sulla visita di Pelosi a Taiwan (china-embassy.gov.cn)

L’Ufficio di lavoro su Taiwan del Comitato Centrale del Partito comunista cinese martedì ha rilasciato una dichiarazione sulla visita nella regione cinese di Taiwan da parte di Nancy Pelosi, presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

Di seguito è riportato il testo integrale della dichiarazione:

La presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha visitato la regione cinese di Taiwan martedì, segnando un’escalation nella collusione tra Stati Uniti e Taiwan. La mossa è di natura eclatante e ha gravi conseguenze. Viola gravemente la sovranità e l’integrità territoriale della Cina, viola gravemente il principio di una sola Cina e le tre dichiarazioni congiunte Cina-Stati Uniti, calpesta seriamente il diritto internazionale e le norme fondamentali che regolano le relazioni internazionali, rompe il serio impegno politico che gli Stati Uniti hanno preso nei confronti della Cina e inviano un segnale gravemente sbagliato alle forze che cercano “l’indipendenza di Taiwan“.

Ci opponiamo fermamente alla mossa ed esprimiamo la nostra ferma condanna e protesta.

C’è solo una Cina al mondo e Taiwan fa parte della Cina. Il principio di una sola Cina è una norma ampiamente riconosciuta delle relazioni internazionali e un consenso accettato dalla comunità internazionale. La questione di Taiwan è una questione di affari interni della Cina e non consente interferenze esterne.

Per qualche tempo, il governo degli Stati Uniti ha ripetuto atti e osservazioni sbagliate riguardo alla questione di Taiwan, hanno continuato ad aggiornare i livelli degli scambi ufficiali con Taiwan, hanno intensificato la loro collusione militare e hanno continuato le vendite di armi a Taiwan per sostenere il tentativo di Taiwan di “resistere alla riunificazione con l’uso della forza”.

Il Congresso degli Stati Uniti ha ripetutamente fatto false osservazioni su Taiwan, ha presentato, deliberato e approvato più disegni di legge negativi riguardanti Taiwan.

Tali mosse degli Stati Uniti tentano di distorcere e svuotare il principio di una sola Cina, giocare “la carta di Taiwan”, “contenere la Cina con Taiwan” e ostacolare la completa riunificazione della Cina e il ringiovanimento della nazione cinese.

L’attuale amministrazione statunitense non ha corretto i gravi errori commessi dalla precedente amministrazione. Invece, si è mossa ulteriormente per coinvolgere gli alleati e unirsi a loro per giocare “la carta di Taiwan”, attaccare in modo flagrante la risoluzione 2758 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite e diffondere l’errata teoria dello “status incerto di Taiwan” nel tentativo di internazionalizzare la questione di Taiwan.

Il tentativo separatista di cercare “l’indipendenza di Taiwan” è il più grande ostacolo alla riunificazione della madrepatria e un serio potenziale pericolo per il ringiovanimento nazionale della Cina. Le autorità del Partito Democratico Progressista (DPP) si sono trincerate nella posizione errata dell”indipendenza di Taiwan”, sono servite come strumento per le forze anti-cinesi negli Stati Uniti per contenere la Cina e sono diventate ancora più sfacciate nel tentativo provocatorio di cercare “l’indipendenza”. Questo è un totale errore di valutazione e di calcolo della situazione.

Per le loro motivazioni egoistiche, le autorità del DPP si sono intestardite nel voler sfidare il principio di una sola Cina, hanno rifiutato di riconoscere il consenso generale del 1992, hanno acceso lo scontro attraverso lo Stretto e si sono aggrappate al sostegno degli Stati Uniti per cercare “l’indipendenza”.

Le azioni separatiste delle autorità del DPP e la collusione con gli Stati Uniti, che tradiscono gli interessi nazionali della Cina, faranno solo precipitare Taiwan nell’abisso del disastro e porteranno grandi sofferenze ai compatrioti di Taiwan.

La riunificazione della madrepatria e il ringiovanimento della nazione cinese sono diventati un’inevitabilità storica. La Cina deve essere e sarà sicuramente riunificata.

Questo non cambierà indipendentemente dalla volontà di alcune forze anti-Cina irriducibili da parte degli Stati Uniti o dall’illusione delle forze separatiste che cercano “l’indipendenza di Taiwan”.

Il tempo e il flusso per raggiungere la riunificazione alla Madrepatria sono sempre stati tenuti saldamente nelle nostre mani. Il fatto che Taiwan faccia parte della Cina non sarà cambiato, indipendentemente dalle azioni intraprese dalle forze anti-cinesi negli Stati Uniti e dalle autorità del DPP.

Il processo storico della riunificazione cinese non sarà fermato, non importa come Nancy Pelosi e i suoi simili tentino di “contenere la Cina sostenendo Taiwan”.

Esortiamo la parte statunitense a rimanere lucida sui dettagli storici della questione di Taiwan, a riconoscere il fatto e lo status quo che entrambe le parti dello Stretto di Taiwan appartengono a una stessa Cina, a rispettare rigorosamente il principio di una sola Cina con azioni concrete, ad attuare le disposizioni delle tre dichiarazioni congiunte Cina-Stati Uniti e astenersi dal scivolare ulteriormente sulla strada sbagliata.

Esortiamo le autorità del DPP a rinunciare completamente agli schemi separatisti che cercano “l’indipendenza di Taiwan”, smettere di andare più in basso sulla strada condannata dell'”indipendenza di Taiwan” fino al punto di non ritorno.

Qualsiasi attività che cerchi “l’indipendenza di Taiwan” sarà distrutta dalle potenti forze anti-secessione e pro-riunificazione del popolo cinese.

0Shares