Mar. Ago 16th, 2022

Discorso del capo di Stato Kassym-Jomart Tokayev alla sessione straordinaria del Consiglio di sicurezza collettiva CSTO

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

Cari colleghi!Lo svolgimento del nostro vertice straordinario è associato a eventi straordinari.In pochi giorni di gennaio, il Kazakhstan ha vissuto una grande crisi.È stata il crisi più grave nei 30 anni di storia dell’indipendenza.

Anche la nostra Organizzazione nel suo insieme ha mai affrontato una minaccia così reale.

Vorrei ringraziare il nostro Presidente Nikola Vovayevich Pashinyan per il suo rapido lavoro di coordinamento dei documenti necessari.Vorrei esprimere un ringraziamento speciale al presidente Vladimir Vladimirovich Putin della Federazione Russa per la sua comprensione e la rapida decisione di schierare un contingente di pace CSTO in Kazakhstan.

Con Lei, caro Vladimir Vladimirovich, siamo stati in costante comunicazione fin dai primi giorni dell’attacco terroristico al nostro paese.Ringrazio Alexander Grigoryevich Lukashenko, Sadyr Nurgojovich Zhaparov e Emomali Sharipovich Rakhmon per la loro fratellanza politica e anche militare.

Oggi abbiamo un lutto nazionale per le persone uccise nella tragedia in Kazakhstan.

Vi ringrazio sinceramente per le vostre condoglianze in questa occasione.

Vorrei esprimere la mia gratitudine al segretario generale della CSTO, Stanislav Vasilyevich Zass, e a tutta la squadra del segretariato e dello stato maggiore congiunto della nostra organizzazione.

In effetti, questa è la prima volta che il potenziale di mantenimento della pace della CSTO è stato effettivamente utilizzato per garantire la sicurezza, la stabilità e l’integrità di uno dei suoi Stati membri.

Per noi, non solo l’aspetto militare ma anche, soprattutto, il sostegno morale dei nostri partner CSTO è di fondamentale importanza.

Tutti gli Stati partecipanti dell’Organizzazione hanno parlato con una sola voce e hanno sostenuto risolutamente l’appello del Kazakhstan.

* * *

A questo punto vorrei informarvi sulla situazione attuale nel nostro paese e su ciò che è successo negli ultimi giorni.Avendo un quadro completo degli eventi, posso responsabilmente affermare che tutti gli eventi dall’inizio di quest’anno sono anelli di una catena.

Sono subordinati a un unico schema distruttivo, la cui preparazione ha richiesto molto tempo. Quanto tempo ci sia voluto – un anno, due o tre anni – lo dimostrerà l’indagine.

Forze distruttive hanno ripetutamente tentato di minare la stabilità e creare disordini. Si stava svolgendo una sorta di test della stabilità e della durata dello Stato. Tutte queste azioni sono state risolutamente soppresse.

Ma gli organizzatori non hanno abbandonato i loro piani e sono passati a preparare azioni armate. Hanno usato come pretesto l’insoddisfazione della popolazione in un certo numero di regioni per l’aumento del prezzo del gas per motori. Si sono tenuti i raduni in cui i partecipanti hanno fatto richieste socio-economiche e socio-politiche. Tutti loro sono stati ascoltati e soddisfatti dal Governo.

Il Governo si è dimesso, i prezzi del gas per auto sono stati congelati al livello precedente.

Abbiamo annunciato una serie di misure sociali ed economiche concrete e un chiaro piano di riforme sociali e politiche. Ma per gli organizzatori dell’aggressione contro il Kazakhstan, questo non aveva più alcuna importanza. Sotto l’apparenza di proteste spontanee, si è sviluppata un’ondata di disordini di massa. Come per un solo comando sono apparsi radicali religiosi, elementi criminali, gangster criminali, predoni e piccoli teppisti.Le richieste socio-economiche e socio-politiche sono state relegate al secondo o terzo posto, dimenticate.

Questa è stata seguita dalla “fase calda”. I gruppi militanti armati che aspettavano dietro le quinte hanno cominciato ad agire. Lo scopo principale divenne ovvio: minare l’ordine costituzionale, distruggere le istituzioni di Governo, prendere il potere. Stiamo parlando di un tentativo di colpo di stato.

Ora è chiaro che tutte queste azioni militari sono state coordinate da un unico centro, un’operazione attentamente pianificata è entrata nella sua fase decisiva.

Lo dimostrano gli attacchi sincronizzati – sottolineo sincronizzati – agli edifici del governo regionale, alle forze dell’ordine, ai centri di detenzione preventiva, alle strutture strategiche, alle banche, alle torri televisive e ai canali televisivi. Gli aeroporti sono stati sequestrati, le strade e le ferrovie bloccate, le ambulanze e i vigili del fuoco bloccati.

Le bande hanno tentato di impadronirsi di armi e attrezzature militari in attacchi contro unità militari e posti di blocco dell’esercito.

Ad Almaty e in altre città ci sono state vere e proprie battaglie. Per esempio, i combattimenti intorno all’edificio del Dipartimento degli Affari Interni nella città di Almaty sono durati due notti. Gli agenti di polizia hanno respinto gli attacchi terroristici.Solo ad Almaty, sette negozi di armi sono stati sequestrati. Erano attacchi di professionisti ben addestrati, compresi cecchini con fucili speciali.I terroristi hanno usato le loro comunicazioni, si sono travestiti con le uniformi dei militari e delle forze dell’ordine.

Si sono cinicamente travestiti da rivoltosi che servivano come scudi umani.Avendo un vantaggio numerico di almeno 5 volte, i banditi hanno attaccato polizia e soldati, picchiandoli con particolare crudeltà e decapitando due militari. Ci sono stati attacchi barbari agli ospedali. Per disperdere le risorse dello Stato, gli organizzatori dell’attacco hanno schierato il fronte più ampio possibile.

L’aggressione ha riguardato simultaneamente 11 regioni. Ma il colpo principale era diretto contro Almaty. Come sapete, questa è la nostra città più grande e il centro finanziario del paese, dove si concentrano i più importanti snodi di trasporto e comunicazione .La caduta di questa città avrebbe aperto la strada alla cattura di tutto il sud densamente popolato, e poi di tutto il paese. I terroristi speravano di richiamare le forze dell’ordine per poi attaccare la capitale del Kazakhstan. Abbiamo visto concentrazioni di militanti intorno alla residenza del Presidente.

In sostanza, è stata una vera e propria guerra terroristica scatenata contro il nostro stato con diversi metodi. Ciò ha richiesto l’adozione di misure senza precedenti. Le forze di sicurezza kazake sono state in grado nel più breve tempo possibile di mobilitare e respingere gli aggressori, prendendo la situazione sotto il loro controllo. Sfortunatamente, ha avuto un prezzo molto alto: perdite tra le forze dell’ordine e i civili. Sedici membri delle forze di sicurezza sono stati uccisi e più di 1.300 sono stati feriti. Purtroppo ci sono state anche vittime civili, il numero esatto è in fase di chiarimento. In tutto il paese 1.270 imprese sono state colpite. Più di 100 centri commerciali e banche sono stati saccheggiati. Circa 500 veicoli solo della polizia sono stati danneggiati e bruciati. Sono stati causati danni materiali enormi, la cui entità viene valutata da una commissione governativa speciale.

Sono sicuro che i terroristi, compresi i militanti stranieri, erano direttamente coinvolti nell’aggressione contro il Kazakhstan.

Non è un caso che i banditi attaccavano gli obitori di notte e portavano via i corpi dei loro partner morti. Hanno anche preso i corpi dei combattenti direttamente dal campo di battaglia.

Questa è la pratica dei terroristi internazionali di origini note. È così che coprono le loro tracce. C’è chiaramente un complotto per formare una zona di caos sul nostro territorio con la conseguente presa del potere.

In conformità con la decisione del Consiglio di sicurezza del Kazakhstan, sulla base di un’analisi completa delle forze dell’ordine e dei servizi speciali, la situazione è stata qualificata come una minaccia di terrorismo e un atto di aggressione. Gli eventi in Kazakistan sono diventati critici. Almaty e nove centri regionali si sono trovati nelle mani dei banditi.Abbiamo dichiarato un’operazione antiterrorismo. Il Kazakhstan si è rivolto al CSTO per l’assistenza che si è rivelata estremamente tempestiva. Dopo aver saputo dell’arrivo di tre aerei da trasporto militare nella capitale, i militanti hanno abbandonato i piani per impadronirsi della residenza presidenziale.

Questo ci ha dato l’opportunità di inviare ulteriori forze ad Almaty e di respingere la città dai terroristi. In conformità con le decisioni del Consiglio di sicurezza collettiva, una forza di pace collettiva CSTO di 2.030 persone e 250 unità di equipaggiamento è stata dispiegata in Kazakhstan e ha iniziato a svolgere i compiti assegnati. Essi forniscono copertura e sicurezza per aeroporti, magazzini militari e altre strutture strategiche.

Tra poco, sentiremo un rapporto del segretario generale della CSTO sulla situazione e sui compiti che si stanno svolgendo. Come ho già detto, questa è la prima missione di pace della CSTO. Sono sicuro che l’organizzazione otterrà un’utile esperienza positiva. Si analizzeranno i colli di bottiglia, si trarranno delle conclusioni e si faranno degli aggiustamenti nei documenti normativi. In generale, vorrei sottolineare che la CSTO ha dimostrato la sua rilevanza ed efficacia come organizzazione politico-militare credibile. È un meccanismo realmente funzionante per assicurare la stabilità e la sicurezza dei nostri Stati. Di fatto, gli eventi che hanno avuto luogo hanno segnato una svolta nello sviluppo dell’Organizzazione, che ha acquisito una nuova qualità come forte istituzione internazionale.

Le minacce affrontate dal Kazakhstan sono comuni a tutto lo spazio di sicurezza collettiva. Pertanto, è importante per noi rafforzare ulteriormente il potente potenziale della CSTO. Il Kazakhstan darà il proprio contributo a questo scopo.

Una possibile raccomandazione potrebbe essere quella di ottimizzare i tempi di risposta alle crisi. Dobbiamo aumentare la velocità con cui elaboriamo e adottiamo le decisioni di approvazione del Consiglio di Sicurezza Collettiva e di altri organismi. È anche importante assicurare il massimo sostegno politico alla decisione di utilizzare una forza di pace della CSTO, soprattutto da parte dell’ONU e di altre autorevoli organizzazioni internazionali, dei principali media mondiali e dei think tank di vari paesi. Stiamo già vedendo che ci sono domande sulla legittimità dell’introduzione delle forze della CSTO. Questo è dovuto alla mancanza di informazioni affidabili e all’incomprensione dell’intera situazione.

In alcuni casi la comunità internazionale, compresi i media stranieri, ha un’interpretazione completamente sbagliata sia dell’uso delle forze CSTO che della lettura della situazione in Kazakhstan. Nonostante tutti i fatti forniti, alcune fonti affermano che le autorità del Kazakhstan stanno combattendo i manifestanti pacifici.

Questa è disinformazione totale.

Non abbiamo mai usato e non useremo mai la forza armata contro manifestanti pacifici. Sapendo questo, gli organizzatori dell’attacco al Kazakhstan hanno messo in scena diverse ondate di aggressione. Nella prima fase, come ho già detto, ci sono state proteste pacifiche.

Poi, in particolare, si sono tenuti raduni politici ad Almaty, e poi militanti armati sono scesi sulla città da tre direzioni, come un enorme branco di iene.All’inizio, hanno finto di essere dimostranti pacifici, hanno ingannato le forze dell’ordine e persino gli abitanti della città, e poi hanno iniziato quella che passerà alla storia come “tragedia di Almaty”.

Nel frattempo, lo Statuto delle Nazioni Unite riconosce il diritto intrinseco di ogni Stato all’autodifesa individuale o collettiva in caso di attacco armato.Nel prossimo futuro, dopo il completamento delle indagini preliminari, presenteremo alla comunità mondiale ulteriori prove della preparazione e dell’attuazione dell’aggressione terroristica contro il nostro paese. Per come la vediamo noi, certi media e istituzioni pubbliche continuano a piantare false informazioni basate su invenzioni e fatti non verificati. Sono convinto che le organizzazioni internazionali, tra cui l’ONU, l’OSCE, la SCO, la CICA e le organizzazioni umanitarie internazionali sono interessate a un’indagine completa e imparziale sulle azioni illegali di terroristi, criminali e malfattori. Non bisogna trarre conclusioni affrettate. Io ringrazio tutti coloro che hanno avuto fiducia fin dall’inizio che il Kazakhstan supererà questa difficile fase della nostra storia recente.

In particolare questo riguarda la CSTO. Sono fiducioso che con sforzi congiunti, renderemo il dispiegamento temporaneo della forza di pace CSTO in Kazakhstan il più sicuro ed efficace possibile. Devo dire senza mezzi termini che la missione delle capacità di mantenimento della pace della CSTO è stata estremamente efficace, utile. Da parte nostra, penso che non dobbiamo assolutamente permettere che un vuoto di informazione sia riempito da provocatori o malintenzionati. Purtroppo, nel nostro caso questo continua ad accadere. Nella situazione attuale, la nostra recente decisione di creare l’istituzione del rappresentante speciale del segretario generale della CSTO per le operazioni di mantenimento della pace conferma la sua rilevanza.

Vorrei chiarire che difenderemo fermamente il diritto del popolo del Kazakhstan di esprimere pacificamente la propria volontà e di impegnarsi in un dialogo aperto con le autorità. Allo stesso tempo, sopprimeremo rigorosamente qualsiasi forma di estremismo violento, in particolare le azioni armate contro il Kazakhstan, come è successo di recente.

Non permetteremo alcun attentato alla nostra sovranità statale e integrità territoriale. Voglio assicurarvi che il Kazakhstan rispetterà fermamente i suoi obblighi internazionali.

Cari amici, colleghi! Attualmente, l’ordine costituzionale è stato ripristinato in Kazakhstan.

Le minacce pericolose per la sicurezza del paese sono state evitate. Come parte dell’operazione antiterroristica, si sta lavorando per identificare le persone coinvolte nei crimini. Circa 8.000 persone sono state portate finora davanti alla polizia. Le forze dell’ordine e le agenzie speciali stanno verificando il loro coinvolgimento nel terrorismo, nell’omicidio, nel saccheggio e in altri crimini. Sono state sequestrate 116 unità di armi. L’operazione sta continuando e si stanno affinando i piani per identificare i fuggitivi, che stanno impiegando nuove tattiche di mimetizzazione, travestendosi in abiti civili, radendosi la barba e così via.

C’è molto lavoro da fare, anche i veterani delle forze dell’ordine e dell’esercito sono coinvolti. Tutti gli enti governativi stanno lavorando duramente per riportare il paese alla normalità.

Domani, presenterò al Parlamento una proposta sul nuovo governo e fisserò dei compiti specifici per risolvere i problemi acuti nella sfera socio-economica. Nel prossimo futuro, l’operazione antiterrorismo su larga scala finirà, insieme alla missione efficace e di successo del contingente CSTO .La cosa più importante è di impedire la ripetizione di tali eventi in tutto lo spazio di sicurezza collettiva in futuro. Penso che questo sia il nostro compito principale per il prossimo futuro. Il Kazakhstan è pronto per questo lavoro e sosterrà sempre i suoi alleati.

Grazie per l’attenzione.

0Shares