Sab. Mag 21st, 2022

Il futuro economico dello Xinjiang

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Stefano Vernole

La povertà estrema è stata sradicata, nonostante nell’era contemporanea fattori storici e naturali abbiano portato lo Xinjiang a essere a lungo sottosviluppato, con una grande fetta di popolazione economicamente disagiata. Le misure adottate dal Governo centrale, in collaborazione con le Autorità locali, si sono dimostrate efficaci e hanno ottenuto i risultati sperati.

Dal 1955 al 2020, il PIL dello Xinjiang è salito da 1,2 miliardi di RMB a 1,4 trilioni di RMB e il suo PIL pro capite è passato da 241 RMB a 53.593 RMB, un notevole aumento rispettivamente di circa 160 e 30 volte. Dal 1978 al 2020, il reddito disponibile pro capite dei residenti urbani è passato da 319 RMB a 34.838 RMB e quello dei residenti rurali da 119 RMB a 14.056 RMB, entrambi con una crescita di oltre 100 volte1.

Le prefetture di Hotan, Kashgar e Aksu e la prefettura autonoma di Kizilsu Kirgiz nel sud dello Xinjiang soffrivano di condizioni ambientali difficili, di basi economiche deboli e di opportunità di lavoro seriamente inadeguate. Classificate dallo Stato come aree gravemente povere, hanno ricevuto supporto dal Governo centrale e dai partner della regione nel programma nazionale di assistenza; lo Xinjiang ha quindi adottato misure di riduzione della povertà, come lo sviluppo di imprese, la creazione di opportunità di lavoro, il miglioramento dell’istruzione e della sanità, la ristrutturazione di case rurali fatiscenti e il trasferimento dei poveri da zone inospitali.

Alla fine del 2020, più di 2,7 milioni di residenti rurali dello Xinjiang che vivevano al di sotto dell’attuale soglia di povertà sono usciti dall’indigenza e 3.666 villaggi e 32 contee non vengono più classificati come poveri; questi cittadini hanno conosciuto una rapida crescita sia dei redditi che della spesa per i consumi. Il loro reddito disponibile pro capite era di 13.052 RMB nel 2020, un aumento medio annuo del 10,8 per cento dal 2012; la loro spesa per consumo pro capite è stata di 9.007 RMB nel 2020, un aumento medio annuo del 9% dal 2013. I diritti alla sussistenza e allo sviluppo della popolazione povera sono stati perciò garantiti.

Nel corso del XIII Piano quinquennale (2016-2020) sono stati completati complessivamente 1,2 milioni di abitazioni rurali per famiglie a basso reddito ed è iniziata la costruzione di 1,3 milioni di unità abitative urbane a prezzi accessibili, a beneficio di milioni di persone. Tutti i villaggi hanno accesso a strade asfaltate e cementate, servizi di autobus, alimentazione trifase e servizi a banda larga. Le superstrade e le ferrovie ad alta velocità sono state costruite da zero e le prime coprono tutte le prefetture e le città. Sono stati completati e aperti 22 aeroporti civili, il numero più alto tra tutte le unità amministrative di livello provinciale in Cina. I veicoli moderni e gli strumenti di comunicazione sono diventati comuni nelle famiglie sia urbane che rurali, aumentando gli sforzi per garantire la fornitura di servizi di consegna espressa in ogni villaggio.

Il governo locale ha intensificato gli sforzi nella formazione professionale. Per aumentare l’occupabilità dei lavoratori, incrementare le competenze e la programmazione ha sviluppato istituti professionali, tecnici, scuole tecniche secondarie, scuole e centri di formazione per l’impiego, centri di formazione per dipendenti delle imprese ecc.

Lo Xinjiang ha fornito ulteriore sostegno alle aree gravemente povere e a gruppi sociali chiave tra cui laureati, manodopera urbana e rurale in eccedenza, lavoratori provenienti da famiglie indigenti, persone che hanno difficoltà a trovare lavoro e donne nelle zone rurali. Ha fornito un’assistenza dinamica, categorizzata e mirata alle persone disoccupate e alle loro famiglie, in modo da garantire che ogni nucleo familiare abbia almeno un membro al lavoro.

Dal 2014 al 2020, la popolazione occupata totale nello Xinjiang è cresciuta da 11,4 milioni a 13,6 milioni, con un aumento di quasi il 20%. La popolazione occupata urbana è aumentata con una media annua di 470.000 persone, di cui 149.000, quasi il 32%, nel sud dello Xinjiang. Circa 2,8 milioni di opportunità lavorative nelle città sono state fornite ogni anno alla forza lavoro rurale in eccesso, di cui 1,7 milioni, più del 60%, sono state offerte a quelle nel sud dello Xinjiang.

Pur promuovendo l’occupazione, lo Xinjiang garantisce i legittimi diritti e interessi del lavoro in conformità con la legge, come pari opportunità occupazionale, retribuzione, assicurazione sociale, riposo, ferie e sicurezza rispetto agli infortuni. E’ stato messo in atto un sistema di supervisione per proteggere i diritti e gli interessi dei lavoratori, affrontando segnalazioni e denunce riguardanti arretrati salariali, mancata fornitura di contratti di lavoro e altre violazioni. Le autorità giudiziarie, i dipartimenti delle risorse umane e della previdenza sociale e le organizzazioni sindacali hanno lavorato a stretto contatto per indagare e correggere le violazioni di questi diritti e per tutelare i lavoratori.

Nel 2020, la spesa per l’istruzione pubblica ha raggiunto i 102 miliardi di RMB, inclusi 9,1 miliardi di RMB di sussidi diretti per 6,7 milioni di studenti. Alla fine del 2020, 160.200 studenti dello Xinjiang, inclusi 138.500 studenti di minoranze etniche, hanno frequentato la scuola superiore o l’istruzione professionale secondaria in classi progettate per loro nelle aree più sviluppate del Paese.

Nello Xinjiang è stato istituito un moderno sistema di istruzione professionale; attualmente ci sono 37 scuole professionali e tecniche, di cui 3 scuole strategiche a livello nazionale, 11 scuole chiave a livello regionale e 147 scuole professionali secondarie. Anche l’istruzione superiore nello Xinjiang sta migliorando; ora esistono 56 università regolari, con un totale di 2,1 milioni di laureati entro il 2020, inclusi 767.000 laureati appartenenti alle minoranze etniche.

Secondo il piano nazionale per garantire l’accesso universale alla sicurezza sociale, la copertura effettiva dell’assicurazione di base per la vecchiaia per i residenti urbani e rurali nello Xinjiang è superiore al 95%. I regimi di disoccupazione, infortuni sul lavoro e maternità sono stati estesi ai vari gruppi professionali. Tutte le persone povere sono ora coperte da un’assicurazione medica di base, vecchiaia e malattie gravi.

A partire dal 2020, 5,9 milioni di persone risultavano coperte dall’assicurazione di base per la vecchiaia per i dipendenti urbani, 7,3 milioni dall’assicurazione di base per la vecchiaia per i residenti urbani rurali e non lavoratori, 23,2 milioni dall’assicurazione medica, 3 milioni dall’assicurazione contro la disoccupazione e 3,5 milioni dall’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. Un totale di 293.000 residenti urbani e quasi 1,7 milioni di residenti rurali hanno ricevuto indennità di soggiorno.

Nel 2020, l’indennità di sussistenza mensile media per i residenti urbani è aumentata a 500 RMB pro capite e l’indennità di sussistenza media annua per i residenti rurali è aumentata a 4.100 RMB pro capite, crescendo di oltre il 180% e quasi del 400% rispetto al 2010.

Le prestazioni pensionistiche di base vengono adeguate secondo necessità. I dipendenti delle imprese in pensione hanno visto aumentare le loro rendite nel corso degli anni e i benefici nel 2020 sono stati 4,6 volte superiori a quelli del 2005. Nel 2020 sono stati emessi un totale di 9,4 miliardi di RMB come fondo di soccorso per circa 2 milioni di persone bisognose sia nelle aree urbane che nelle aree rurali.

Il COVID-19 è stato effettivamente messo sotto controllo. Dando sempre la priorità alla salute e alla sicurezza delle persone, lo Xinjiang ha adottato misure mirate per tenere sotto controllo la trasmissione in entrata e quella locale e ha adottato un approccio scientifico al trattamento dei pazienti.

Il sistema sanitario ha fornito l’accesso universale ai test e alla vaccinazione gratuiti dell’acido nucleico. Un’indennità mensile di 450 RMB viene fornita alle persone bisognose che non hanno reddito o altre fonti di sostegno a causa dell’epidemia. I fondi per i soccorsi di emergenza sono stati istituiti a livello di sub-distretti/municipi per garantire una risposta tempestiva. L’assistenza sociale e le indennità di soggiorno vengono adeguate quando l’indice dei prezzi al consumo oscilla oltre un certo intervallo e vengono emesse sovvenzioni temporanee sui prezzi, se necessario. Nel 2020, circa 3,9 milioni di vittime di malattie, disastri naturali ed epidemie hanno ricevuto 2,1 miliardi di RMB di sovvenzioni temporanee.

A partire dal 2019, lo Xinjiang può contare su 18.376 istituzioni mediche con 186.426 posti letto. Ci sono 7,4 posti letto e 2,7 medici ogni mille persone. Una rete di servizi sanitari è ora in atto per servire le comunità nelle aree urbane e rurali. I centri sanitari e le cliniche di villaggio a livello comunale soddisfano gli standard richiesti e tutti i villaggi hanno medici. È stata aperta una piattaforma di informazione sulla salute pubblica e le piattaforme locali in tutta la regione sono gestite e regolamentate secondo standard unificati.

I servizi di telemedicina sono disponibili presso tutte le istituzioni mediche a livello di contea, prefettura e regione autonoma e nell’85% dei centri sanitari di Comuni e comunità. Il maggiore utilizzo di Internet consente a più persone di accedere ai medici di famiglia, ai servizi infermieristici su prenotazione online, alle consulenze mediche tramite collegamento video e ad altri nuovi servizi sanitari basati sulla Rete.

Quattordici forme di servizio sanitario pubblico di base sono fornite gratuitamente ai residenti urbani e rurali, coprendo quasi l’intero ciclo di vita. Nel 2016 è stato istituito un fondo per i controlli sanitari, nel quale fino ad oggi sono stati iniettati 8,2 miliardi di RMB, in modo che ogni residente nello Xinjiang possa avere un controllo sanitario annuale gratuito per individuare i primi segni di malattia. Le principali epidemie e malattie endemiche si trovano oggi sotto controllo.

Le persone con hukou rurale (registrazione residente) possono essere ammesse e ricevere cure presso qualsiasi istituto medico designato in contee, distretti, città e prefetture prima di saldare i loro conti, e l’accordo è gestito su base one-stop. Ciò ha reso i viaggi in ospedale più convenienti e agevoli. Sono stati compiuti grandi sforzi dal Governo centrale per associare 56 ospedali nelle contee povere dello Xinjiang con 63 ospedali leader nella regione e in altre parti del Paese, per rafforzare i servizi medici e la gestione ospedaliera nelle aree povere.

La popolazione ora gode di una salute migliore con servizi sanitari più efficienti. L’aspettativa di vita media è passata da 30 anni nel 1949 a 74,7 anni nel 2019.

Lo Xinjiang dà pieno spazio al ruolo delle federazioni femminili nella salvaguardia dei diritti e degli interessi legittimi delle donne. Esiste una campagna attiva e alcune misure legislative per prevenire e fermare la violenza domestica contro le donne. Vengono censiti 226 rifugi per donne e bambini vittime di abusi nella regione, che forniscono consulenza legale, consulenza psicologica e assistenza sociale temporanea a coloro che non possono tornare a casa dopo aver subito violenza domestica.

Dando priorità al benessere dei bambini, lo Xinjiang ha migliorato i servizi disponibili a livello di contea, comune e villaggio e ha pienamente garantito i diritti degli infanti alla sussistenza e allo sviluppo, compiendo notevoli progressi. L’assistenza sanitaria dei bambini è notevolmente migliorata. Il tasso di mortalità infantile è sceso dal 23,5 per mille nel 2000 al 6,75 per mille nel 2020. Lo Xinjiang ha continuato a implementare un programma per migliorare l’alimentazione dei bambini, fornendo pacchetti nutrizionali gratuiti a quelli delle zone rurali in età scolare, migliorando così la loro salute e alimentazione. La copertura vaccinale tra i bambini nello Xinjiang rimane ad un livello elevato, con oltre il 90% nell’ambito del programma nazionale di vaccinazione, e la capacità della Regione di prevenire le malattie infantili è stata rafforzata. Nel 2020, la copertura vaccinale BCG era del 99,4%, la polio (terza dose) del 99,6% e il DPT (terza dose) del 97,4%.

Lo Xinjiang ha istituito un meccanismo di assistenza e protezione per i bambini bisognosi delle aree urbane e rurali, tra cui segnalazione obbligatoria, risposta alle emergenze, valutazione e assistenza e intervento di tutela. Ha migliorato il sistema di gestione, ricongiungimento familiare e reinsediamento dei bambini di strada. Lo Xinjiang ha anche implementato completamente l’assistenza istituzionale agli orfani. L’indennità mensile media per gli orfani raccolti dagli istituti di assistenza all’infanzia è passata da 900 RMB a persona nel 2012 (1.000 RMB a persona nello Xinjiang Production and Construction Corps e 900 RMB a persona in altre parti dello Xinjiang) a 1.100 RMB a persona nel 2020.

Lo Xinjiang ha rafforzato il quadro giuridico per la protezione dei bambini e ha istituito 73 centri di assistenza legale per i minori. Essi assicurano che i bambini con disabilità ricevano l’istruzione obbligatoria nelle scuole regolari o scuole di educazione speciale, o siano istruiti dagli insegnanti nelle loro case. Alla fine del 2020, i bambini con disabilità che studiavano nelle scuole dell’obbligo erano 28.000, con un tasso di iscrizione lordo del 98,5%. La Regione autonoma ha 32 scuole di educazione speciale con 5.000 studenti. Attualmente ci sono 165 centri di riabilitazione per bambini con disabilità, mentre un totale di 2.850 bambini hanno ricevuto assistenza riabilitativa nel 2020.

I rapporti con l’Occidente

Nonostante le sanzioni2, l’interscambio commerciale tra lo Xinjiang e i Paesi europei è aumentato. In particolare le esportazioni italiane in Cina hanno segnato + 58.5 % ad agosto 2021, aumento massimo tra tutti i partner occidentali.

Le importazioni dei Paesi UE dallo Xinjiang sono aumentate del 131% nei primi sei mesi del 2021 su base annua. È questo il dato sorprendente – ma fino ad un certo punto – che emerge dalle statistiche rilasciate dall’Amministrazione Doganale del Paese asiatico. A darne notizia è stato il South China Morning Post, quotidiano di Hong Kong, in un articolo firmato da Finbarr Bermingham, dove si legge che le cifre assumono proporzioni importanti anche rispetto alla crescita delle importazioni dalla Cina nel suo insieme (+35%) [F. Bermingham, Xinjiang’s exports to the EU boom, despite political concerns over forced labour, SCMP, 25/7/2021].

Nel complesso, il volume delle importazioni europee di beni provenienti dallo Xinjiang tra gennaio e giugno scorsi si attesta ad un valore pari a 373,2 milioni di dollari, più del triplo rispetto a quanto importato nello stesso periodo dagli Stati Uniti. Il dato, come sottolinea l’autore, è solo parzialmente condizionato dall’interruzione delle catene logistiche dell’anno scorso a causa della pandemia. Confrontandolo con il primo semestre del 2019, infatti, l’export dello Xinjiang verso l’UE resta comunque in forte aumento (+103,5%). Nel primo semestre di quest’anno, la sola Germania ha fatto registrare un incremento degli acquisti di beni dalla Regione autonoma cinese pari al 143% rispetto allo stesso periodo del 2020, l’Olanda del 187% e il Belgio addirittura del 1.591%, pur partendo da un volume di interscambio molto più basso. Per l’Italia, invece, l’aumento delle importazioni dallo Xinjiang è più contenuto (+32%). La Gran Bretagna, ormai fuori dall’UE, segna un trend analogo (+192,2%) a quello olandese3.

In generale, l’import è trainato da beni come prodotti a base di pomodoro, lavorati del cotone, componenti per fibre artificiali e attrezzature per l’energia eolica, malgrado le sanzioni approvate lo scorso marzo da Bruxelles, le prime dal 19894. Contraddicendo quanto decretato dall’Unione Europea, la vicepresidente dell’Associazione per la Scienza e la Tecnologia dello Xinjiang, Gulnar Obul, ha invece sottolineato l’efficacia del sistema di autonomia etnica sub-regionale sperimentato da anni in cinque prefetture (Bayingolin, Bortala, Changji, Ili e Kizilsu) e sei contee (Barkol, Tashkurgan, Hoboksar, Mori, Yanqi e Qapqal), sottolineando l’elevata inclusione istituzionale delle minoranze, che ad oggi occupano il 64,42% dei seggi nell’assemblea regionale, il 54,22% nei consigli di livello prefetturale e municipale, il 59,11% nei consigli di livello conteale ed il 73,46% nei consigli a livello cittadino. Il livello di integrazione politica delle minoranze è risultato decisivo per il miglioramento delle condizioni di vita dell’intera popolazione dello Xinjiang.

Contemporaneamente sono state concesse nuove agevolazioni agli investimenti nelle zone economiche speciali. Secondo la circolare n. 27 sulle politiche di imposta sul reddito preferenziale per le imprese di nuova costituzione nelle aree in via di sviluppo dello Xinjiang, Kashi e Huoerguosi, ci sono incentivi fiscali speciali in queste aree specifiche. Imprese che rientrano nell’ambito del Catalogo dell’imposta sul reddito delle industrie privilegiate nelle aree in via di sviluppo dello Xinjiang, che sono state costituite recentemente nelle due zone economiche speciali di Kashi e Huoerguosi, possono essere esentate dall’imposta sul reddito d’impresa nei primi cinque anni a partire dall’anno d’imposta in cui percepiscono il primo reddito di produzione. Le imprese rientranti nel Catalogo si riferiscono a quelle la cui attività principale riguarda i progetti industriali previsti al momento dell’insediamento e le cui entrate da attività principale rappresentano oltre il 60% dei propri ricavi totali. Il primo reddito di produzione si riferisce al primo reddito guadagnato da un importante progetto industriale sostenuto dopo che è stato completato e messo in funzione5.

Lo Xinjiang nel contesto macroregionale

L’Afghanistan è stato centrale nelle recenti notizie internazionali, da quando i soldati statunitensi e della NATO si sono ritirati da una guerra in cui sono stati impegnati per 20 anni. Con l’ultimo aereo militare statunitense che ha lasciato l’aeroporto strategico di Bagram, questa importante base è stata conquistata e molti dei suoi contenuti saccheggiati. Apparentemente, nessuno da parte degli Stati Uniti si è nemmeno preso la briga di dire al comandante locale della loro partenza. Nel frattempo, i Talebani hanno vinto la loro campagna militare per conquistare il Paese a spese del Governo guidato dal presidente Ashraf Ghani, un economista politico precedentemente con la Banca Mondiale e la John Hopkins University che era al suo secondo mandato. Adesso tocca alla Russia (per la seconda volta) e alla Cina riempire il vuoto di sicurezza e di governo. Quello che succederà è fondamentale per la sicurezza non solo dell’Afghanistan ma anche della macroregione asiatica e, in una certa misura, degli Stati Uniti e della NATO. Mentre gli USA hanno accusato la Cina di aver creato trappole del debito con la Belt and Road Initiative ai Paesi partecipanti, Washington ha lasciato a Pechino una trappola mortale sotto forma di Afghanistan6?

Sia la Russia che la Cina si stanno facendo avanti per quanto riguarda un nuovo tentativo di ristrutturazione dell’Afghanistan. Invece di invadere e poi usare proiettili e attacchi aerei per scioccare e intimidire la gente del posto, i cinesi si dimostrano maggiormente rispettosi delle opinioni degli anziani afgani – la cui saggezza acquisita con una grande esperienza di vita è maggiore di quello di un diciottenne che altrimenti sotto i “valori democratici occidentali” avrebbe lo stesso diritto di voto. I cinesi rispettano anche i loro anziani e gestiscono un sistema parzialmente democratico all’interno della loro struttura di partito fatto di ideali di discussione, ricerca, tentativi ed errori7. Quell’ideologia si adatta meglio al modo di pensare afghano. I cinesi stanno anche attenti a non essere visti come “invasori” – una linea che risale ai tempi di Alessandro Magno.

Dal punto di vista militare, i russi hanno addestrato l’esercito pakistano a trattare con gli insorti, con Islamabad ora meno interessata ai conflitti e più alla creazione di stabilità e ricchezza. La Russia conta anche su truppe stanziate nei Paesi vicini dell’Afghanistan, tutti membri dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai insieme alla Cina e il cui mandato include la sicurezza regionale. Le attività di intelligence e operative saranno condivise tra loro. Il Ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov ha recentemente affermato che la base aerea militare russa al confine tra Tagikistan e Afghanistan “farà di tutto per prevenire qualsiasi mossa aggressiva contro i nostri alleati, compreso l’utilizzo della base militare russa al confine tra Tagikistan e Afghanistan. Gli obblighi nell’ambito dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (un’alleanza militare di sicurezza eurasiatica) rimangono pienamente in vigore. Rappresentanti del Segretariato dell’organizzazione, i suoi delegati hanno visitato una sezione del confine tagiko-afghano, hanno valutato la situazione e riferiranno al consiglio permanente”. Lavrov ha affermato che il presidente russo Vladimir Putin ha avuto colloqui con i suoi omologhi del Tagikistan e dell’Uzbekistan ed è in contatto con altri leader dell’Asia centrale8.

Lo scorso 24 agosto, la Russia ha fatto capire che non vuole vedere le truppe nordamericane dislocate in Asia Centrale, per bocca del Ministro degli Esteri Serghei Lavrov: “La presenza dei soldati Usa nei Paesi limitrofi all’Afghanistan trasformerebbe queste nazioni in un obiettivo”. Il giorno successivo il presidente russo Vladimir Putin ha avuto un colloquio telefonico con il suo omologo cinese Xi Jinping. Le due parti hanno avuto un approfondito scambio di opinioni sulla situazione in Afghanistan. “I leader hanno detto di essere pronti ad intensificare gli impegni per la lotta al terrorismo e al traffico di droga provenienti dall’Afghanistan” si legge nella nota “e hanno sottolineato l’importanza di impedire la diffusione della instabilità afghana verso i Paesi limitrofi. Putin ha osservato che la Russia e la Cina condividono posizioni e interessi simili sulla questione afghana e ha sottolineato che la Russia è disposta a comunicare e a coordinarsi da vicino con la Cina, partecipando attivamente ai meccanismi multilaterali che si occupano della questione afghana”. La Cina rispetta “sovranità, indipendenza e integrità territoriale dell’Afghanistan”, non interferisce negli affari interni, puntando a “un ruolo costruttivo” per una soluzione politica. Il presidente Xi Jinping ha detto all’omologo russo che la Cina ”è disposta a rafforzare comunicazione e coordinamento con tutte le parti della Comunità Internazionale e a incoraggiare tutte le parti afghane a negoziare una struttura politica aperta e inclusiva”. La Russia – ha concluso Putin nel colloquio – è disposta a coordinarsi con la Cina per una “transizione graduale della situazione in Afghanistan, per combattere il terrorismo, per porre fine al traffico di droga e prevenire la propagazione dei rischi alla sicurezza”.

Il 27 agosto 2021 l’Organizzazione del Trattato per la Sicurezza Collettiva (CSTO) ha annunciato che in autunno svolgerà esercitazioni con alcune migliaia di militari in Kirghizistan e Tagikistan, Paese quest’ultimo che confina con l’Afghanistan. Secondo il portavoce della CSTO, Vladimir Zainetdinov, l’esercitazione “Rubezh 2021” si svolgerà dal 7 al 9 settembre in Kirghizistan, mentre le esercitazioni delle forze di ricognizione “Poisk 2021”, quelle delle forze di logistica “Echelon 2021” e quelle delle forze di reazione rapida “Interaction 2021” avranno luogo in ottobre in Tagikistan, non lontano dal confine con l’Afghanistan. Sempre in Tagikistan a novembre sono in programma le esercitazioni “Cobalt 2021”.

I due Paesi hanno anche discusso delle opportunità economiche derivanti dalla nuova situazione afghana. Cina e Russia sembrano essere sulla stessa lunghezza d’onda nel riconoscere che i Talebani sono essenziali per assicurare la pace in Afghanistan. Ciò significa sostenere il loro Governo con finanziamenti e aiuti, sostenere il loro diritto a governare e, così facendo, prevenire la faziosità che ha dato vita ad Al-Qaeda e all’ISIL.

I Talebani sono a loro volta consapevoli che dovranno raccogliere fondi per sostenere il proprio Governo. Questo è il motivo per cui il progetto di gasdotto Turkmenistan-Afghanistan-Pakistan-India (TAPI) proposto può procedere: da esso si possono ottenere entrate legittime dalle tasse di transito. In Afghanistan, il gasdotto TAPI sarà costruito lungo l’autostrada Kandahar-Herat nell’Afghanistan occidentale, e poi via Quetta e Multan in Pakistan. È quasi completo, con alcuni ritardi causati in passato dagli stessi Talebani che combattevano le forze statunitensi. La Cina, intanto, forse per dare più potere al nuovo Governo di Kabul, ha manifestato interesse ad estendere il progetto fino allo Xinjiang.

È stata anche discussa la ferrovia trans-afgana, progettata per collegare i mercati dell’Uzbekistan senza sbocco sul mare fino ai porti meridionali del Pakistan. 573 km di questo percorso attraverserebbero l’Afghanistan dal confine uzbeko a Termez e collegherebbero Mazar-e-Sharif, la quarta città più grande dell’Afghanistan, a Kabul e a Peshawar, congiungendosi con la rete ferroviaria nazionale del Pakistan. Finora, i contatti di Pechino con l’ex Governo afghano erano stati di basso profilo, poiché Kabul, dipendente dagli Stati Uniti, rimaneva cauta nell’incoraggiare forti relazioni con la Cina.

Alcuni test di fattibilità logistica sono iniziati, con le merci già transitate con successo dal porto pachistano di Gwadar all’Afghanistan. I nuovi corridoi di accesso stanno iniziando solo ora ad aprirsi e il portavoce dei Talebani ha fatto intendere che il nuovo Governo di Kabul accetterà molto volentieri di estendere all’Afghanistan i progetti della Belt and Road Initiative, assicurando che gli studenti delle scuole coraniche non sosterranno in alcun modo i separatisti islamisti dello Xinjiang.

La Cina ha apparentemente elaborato piani per estendere il Corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC) in Afghanistan e Islamabad fornirà ottimi riferimenti a Kabul per impegnarsi in tale direzione. Sembra che Pechino abbia offerto 62 miliardi di dollari di finanziamenti alle infrastrutture per garantire che ciò accada e per mantenere la pace. Ciò include la costruzione di un’autostrada tra Kabul e Peshawar, lo stesso percorso previsto della ferrovia transafgana. La Cina ha aperto la strada ad una zona economica e di sviluppo speciale nella regione dalla parte pakistana: la ZES di Rashaki è progettata per servire in parte i mercati locali e afghani. Se la pace reggerà, sarà necessario assumere un gran numero di uomini ben disciplinati, desiderosi di apprendere nuovi mestieri e provvedere alle famiglie invece di subire violenze. I Talebani dal canto loro hanno dichiarato che sosterranno progetti di sviluppo se questi serviranno gli interessi nazionali afghani.

L’Afghanistan darebbe alla Cina e ad altre nazioni dell’Asia Centrale una spinta strategica poiché il Paese è posto come un hub centrale che collega il Medio Oriente, l’Asia centrale e l’Europa. Con una popolazione totale di 32 milioni di abitanti, esso è anche un mercato attraente per molti, anche se ci vorrà un programma attentamente gestito per sollevarlo dalla povertà – le guerre in corso hanno lasciato l’Afghanistan al 169simo posto su 180 Paesi nella classifica dell’indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite.

Confinante con il Pakistan a sud, con l’Iran a ovest, Uzbekistan, Turkmenistan e Tagikistan a nord e nord-est e con la Cina ad est, con nuovi collegamenti stradali e ferroviari BRI pianificati ed esistenti che l’uniscono all’Asia Centrale, un Governo afghano in grado di educare e riposizionare i suoi uomini nell’industria e disposto a intraprendere scambi e investimenti come alternativa a proiettili e bombe, possiede certamente un grande potenziale. La macroregione dell’Asia Centrale nell’immediato raggio di esportazione dell’Afghanistan contiene 400 milioni di persone.

Tutti i Paesi che vi appartengono, forniscono rotte di parti terze che collegano già la Cina all’Afghanistan. Il centro di tutto questo commercio e interscambio sarà però lo Xinjiang e, in particolare, la capitale regionale, Urumqi. È la città più ricca e la seconda più grande dell’Asia Centrale. Oltre a Urumqi, le altre tre principali città dello Xinjiang di Hami, Karamay e Turpan hanno tutte un PIL pro capite più alto di qualsiasi altra città regionale dell’Asia Centrale. La ricchezza dello Xinjiang, e certamente quella di Urumqi, sarà la chiave per finanziare il commercio e il soft power cinese nell’area.

Urumqi è anche il punto focale del Western Development Project della Cina (la campagna Go West) che è entrato nei piani Congresso Nazionale del Popolo nel 2004. Questo è ancora in vigore e regolarmente aggiornato (ad esempio le ultime aggiunte previste per lo sviluppo dizone economiche e-commerce). In linea di massima, i piani del 2004 richiedevano “lo sviluppo delle infrastrutture (trasporti, comunicazioni, energia idroelettrica), la protezione ecologica (riforestazione) e il miglioramento dell’istruzione”. Il progetto di “sviluppo occidentale” si è manifestato nel corso degli anni per includere massicce spese economiche nella Cina occidentale, e in particolare nello Xinjiang, tra cui oltre 100 progetti significativi e una spesa regionale stimata in oltre 100 miliardi di dollari. Si può sostenere che la genesi dell’intera Belt and Road Initiative della Cina sia nata dall’esperienza di Pechino nello sviluppo dello Xinjiang e nell’osservazione dei suoi risultati. Non è un caso che Xi Jinping abbia annunciato l’originale politica One Belt One Road nel vicino Kazakistan nel 2013 – nove anni dopo l’inizio del progetto iniziale Go West9.

Il porto di Horgos, al confine dello Xinjiang con il Kazakistan, nel frattempo è diventato il più grande porto interno della regione, eguagliato solo da quello di Khorgos (chiamato in modo simile si trova proprio di fronte al Kazakistan), che a sua volta non esisterebbe nella sua forma attuale se non fosse per il commercio della Cina con l’Asia Centrale, la Russia e Europa. Horgos ha inviato oltre 3.600 treni merci in Europa durante i primi sette mesi del 2021, con un aumento del 44% su base annua.

Urumqi si è successivamente industrializzata ed è passata da un’economia principalmente basata sull’agricoltura alla produzione, in particolare macchinari e veicoli pesanti, apparecchiature di trasmissione di potenza, fertilizzanti, BioPharm e nuova energia. Chiunque abbia viaggiato da Urumqi a Turpan avrà familiarità con la vista di migliaia di turbine eoliche e pannelli solari allineati nel deserto del Taklimakan. Non è un caso che questi siano esattamente i prodotti di cui l’Afghanistan avrà bisogno durante la sua ricostruzione e che l’Asia Centrale sta già utilizzando.

Urumqi si è anche preparata a motivare gli investitori cinesi e stranieri sviluppando zone economiche speciali come quella di sviluppo industriale ad alta tecnologia e la zona di sviluppo economico e tecnico. Esse offrono agevolazioni fiscali per gli investitori e garantiscono zone vincolate: i prodotti possono essere importati esenti da dazio, combinati con componenti cinesi e riesportati senza incorrere in tasse o IVA. Nel maggio di quest’anno è stata istituita una zona di commercio elettronico nella città di Aksu nello Xinjiang, principalmente al servizio di punti vendita kazaki e mongoli; è quasi garantito che, man mano che la raffinatezza dei consumatori migliorerà in Afghanistan e negli altri Paesi dell’Asia Centrale, appariranno ulteriori zone di commercio elettronico a Urumqi e Kashgar. Le vendite al dettaglio online di prodotti rurali nello Xinjiang sono infatti aumentate del 29% lo scorso anno.

Mentre l’Occidente ha condannato gli investimenti nello Xinjiang per ragioni ampiamente travisate riguardo al trattamento di parti della popolazione uigura, va sottolineato che altri Paesi musulmani risultano i principali investitori nello Xinjiang. In effetti, i principali partner commerciali e di investimento esteri dello Xinjiang sono Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan, tutti Paesi musulmani. Il commercio è andato a gonfie vele; i dati pubblicati il ​​26 agosto 2021 dalla dogana dello Xinjiang mostrano che durante il periodo gennaio-luglio di quest’anno, le esportazioni della Regione autonoma sono aumentate del 33%, mentre le importazioni sono aumentate del 14%. Questa è un’area in cui sono richieste una comprensione dell’Islam e una conoscenza pratica del mandarino, del russo e dell’arabo: pochissimi occidentali possiedono queste capacità.

Gli Investimenti Diretti Esteri (IDE) nello Xinjiang sono cresciuti e hanno raggiunto i 33 miliardi di dollari nel 2019. Per contestualizzare, il PIL totale dell’Afghanistan quell’anno era di soli 19 miliardi di dollari, anche dopo che gli Stati Uniti avevano investito 2,6 trilioni di dollari nel Paese. Le differenze di politica tra gli investimenti cinesi nelle infrastrutture e gli investimenti statunitensi nell’esercito non potrebbero essere più marcate, e nemmeno i risultati finali: aumento del commercio, contro un’economia in rovina e caos politico. È una lezione che la Cina osserva da tempo.

Gli investitori primari nello Xinjiang includono i Paesi confinanti precedentemente menzionati, cioè Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan, ma includono anche Russia, Uzbekistan, Pakistan, India, Mongolia e una piccola quantità di afgani. È probabile che questi ultimi aumentino, sia negli IDE che negli scambi. Questo perché Kazakistan, Kirghizistan e Russia sono tutti membri dell’Unione Economica Eurasiatica (UEE), mentre l’Uzbekistan sta valutando la possibilità di aderirvi. Ciò è significativo perché la Cina ha firmato un accordo di libero scambio con l’UEE nel settembre 2018. Al momento non è preferenziale, il che significa che non sono stati concordati meccanismi di riduzione delle tariffe. Tuttavia, esso è oggetto di negoziati in corso e, una volta effettuato, aumenterà significativamente il commercio dello Xinjiang con questi Paesi. È inoltre pertinente notare che sia l’India che il Pakistan stanno attualmente negoziando un accordo di libero scambio con l’Unione Economica Eurasiatica. L’Afghanistan non è ancora in questo quadro: la sua economia è troppo fragile per essere vincolata a un tale accordo in questo momento. Tuttavia, si tratta di un punto controverso: il Paese ha accordi tariffari preferenziali in atto progettati per incentivare le esportazioni afgane. Tale passaggio sarà incoraggiato dalla Cina come pilastro del desiderio comune di sviluppare la pace regionale attraverso il commercio.

Nel giugno di quest’anno, Xinjiang Daqo, un produttore regionale di energia solare, è diventata la prima azienda dello Xinjiang a quotarsi sul mercato Star della borsa di Shanghai. Ha mancato di poco il ruolo di Unicorn raccogliendo l’equivalente di 938 milioni di dollari. Il valore azionario è triplicato dopo il suo debutto. Si possono guadagnare soldi investendo nelle infrastrutture e nelle attività energetiche dello Xinjiang, soprattutto se si considerano la sua centralità regionale e le opportunità di sviluppo a portata di mano.

Altre importanti aziende dello Xinjiang coinvolte nel tipo di infrastruttura necessaria per sviluppare l’Afghanistan e la macroregione dell’Asia Centrale includono Goldwind, (turbine eoliche), TBEA (Power Transformers), Pacific Construction (infrastrutture, nominata da Fortune nelle top 100 attività globali, con ricavi di 87 miliardi di dollari nel 2018), Ba Yi (produzione di acciaio) Xin Xin (estrazione di nichel) e Chalkis (lavorazione agricola). Ci sono molti altri esempi. Le sinergie tra queste attività e le esigenze regionali per lo sviluppo dell’Asia Centrale non sono ancora al massimo.

Perché continuare ad investire in Xinjiang?

Mentre la situazione in Afghanistan si dispiega, le sue prospettive diventeranno più chiare. Ma ciò che è evidente è che la Cina si sta preparando da quasi vent’anni a questa situazione. Lo stesso sviluppo regionale dello Xinjiang lo ha visto accrescersi, prima di Belt & Road Initiative, fino a diventare un modello di ruolo della BRI a sé stante. La Regione autonoma dello Xinjiang ha sviluppato industrie che possono essere utilizzate specificamente per riqualificare l’Asia Centrale e l’Afghanistan. La capitale regionale, Urumqi, è pronta a diventarne un attore chiave. Gli investitori stranieri dovrebbero prenderne atto10.

Oltre alla capitale regionale e a Kashgar, si può citare Ganquanbao ETDZ che è stata fondata nel 2007. Si trova nel nord di Urumqi, a 55 chilometri dal centro della città. Ganquanbao ETDZ è stato promosso a zona economica e di sviluppo a livello nazionale perchè risolve il problema della mancanza di spazio di costruzione e sviluppo a Urumqi. Sta formando un nuovo cluster industriale con l’elettricità dal carbone, l’industria chimica, l’industria petrolifera e petrolchimica e le energie alternative.

Shihezi è invece una città a livello di sub-prefettura nello Xinjiang settentrionale, a 150 chilometri sempre da Urumqi. Mentre gran parte del commercio dello Xinjiang ruota attorno a colture, come pomodori, meloni, frutta e noci, Shihezi è una delle principali aree di produzione del cotone dello Xinjiang ed è un centro tessile della Cina. La zona di sviluppo economico e tecnologico di Shihezi è stata istituita nel 1992 ed è stata promossa a zona economica a livello nazionale nel 2000. Questa città serve come porta di accesso regionale al mondo esterno e ha beneficiato di un aumento degli investimenti in quanto rappresenta una delle principali vie del commercio tra Cina, Russia e i Paesi dell’Asia Centrale. Le sue principali industrie includono il tessile, l’alimentare, le moderne attrezzature agricole e la chimica.

La prefettura autonoma kazaka di Ili (nota anche come Yili) è una prefettura autonoma per il popolo kazako nello Xinjiang settentrionale, in Cina, una delle cinque prefetture autonome della Regione. Confina con Mongolia, Russia e Kazakistan. Compresi Khorgas, Bakhty e Jeminay, ci sono nove porti di ingresso a livello nazionale. Con il vantaggio della posizione unica, Ili è stato un importante hub commerciale e canale internazionale di apertura verso ovest. Esiste anche la Zona di sviluppo industriale ad alta tecnologia Yining. Si tratta della principale zona economica di Ili, essendo stata approvata e istituita nel 2013 sulla base della precedente area di cooperazione economica di confine. Le sue principali industrie includono la biotecnologia, la tecnologia dell’informazione, la lavorazione profonda dei prodotti agricoli, i nuovi materiali da costruzione, il carbone, l’elettricità, la chimica, la produzione di macchinari e attrezzature, la lavorazione di tessuti e indumenti e quella dei servizi moderna. La zona offre vantaggi in incentivi fiscali e maggiori libertà finanziarie per le imprese che investono nell’area, con l’obiettivo principale del commercio con il Kazakistan e il resto dell’Asia Centrale. Nell’area sono state registrate ben 1.136 imprese, 31 delle quali con un fatturato annuo superiore a 100 milioni di RMB (15,25 milioni di dollari).

Nel 2020, nonostante la pandemia di COVID-19, le importazioni e le esportazioni di merci dello Xinjiang sono state pari a 21,387 miliardi di dollari, con esportazioni per 15,836 miliardi di dollari e importazioni per 5,551 dollari. L’eccedenza di importazioni ed esportazioni di beni (esportazioni meno importazioni) è stata di 10,285 miliardi di dollari, inferiore a quella dell’anno precedente, ma ancora entro un intervallo ragionevole11.

Lo Xinjiang ha avuto 179 Paesi e regioni partner commerciali nel 2020, tra cui il volume di importazioni ed esportazioni in Kazakistan ha raggiunto 10,937 miliardi di dollari (in aumento dello 0,3 percento); al Kirghizistan, 1,47 miliardi di dollari (in calo del 56,8 per cento); alla Russia, 1,75 miliardi di dollari (più 23,3%); negli Stati Uniti, 961 milioni di dollari (più 56,6%); al Tagikistan, 599 milioni di dollari (in calo del 39,3%).

Lo Xinjiang gode anche di una politica preferenziale per il commercio estero e gli investimenti che assegna concessioni agli investitori stranieri in settori che non sono consentiti altrove in Cina. I primi cinque settori che attraggono il maggior numero di IDE sono la produzione, l’estrazione mineraria, il leasing e i servizi alle imprese, il software e la tecnologia dell’informazione e la finanza. Inoltre, anche l’industria agricola e l’industria al dettaglio e all’ingrosso hanno un buon rendimento nell’attrarre investimenti stranieri.

È in atto un trattamento favorevole per le imprese a investimento estero (FIE) impegnate in attività commerciali nei settori incoraggiati dallo Xinjiang, tra cui: Imposta sul reddito delle società (CIT) ridotta (per le FIE nei settori incoraggiati nelle regioni centrali, occidentali e nordorientali che soddisfano i requisiti, l’aliquota CIT può essere ridotta al 15%); Esenzioni tariffarie sulle attrezzature importate per l’autoconsumo: nell’ambito dell’importo totale dell’investimento, l’importazione può essere esentata dai dazi doganali; Accesso dei terreni e regolamentazione più flessibile degli usi del suolo: la terra può essere fornita in modo preferenziale con un suo uso intensivo. Il prezzo di riserva può essere determinato al 70% del costo minimo nazionale per il trasferimento dei terreni industriali, che tuttavia non deve essere inferiore a quello dei terreni locali.

Gli IDE nelle industrie indicate nel Catalogo, il cui importo effettivo dell’investimento è superiore a 5 milioni di dollari USA, possono godere del sussidio fiscale non superiore al 10% dell’imposta sul valore aggiunto (IVA) pagata dalle imprese entro cinque anni dalla data di produzione e funzionamento.

Dal 2011 al 2020, per le imprese di nuova costituzione il cui volume delle esportazioni rappresentava il 50% o più del volume totale delle vendite e per le imprese esistenti il ​​cui volume delle esportazioni rappresenta il 70% o più del volume totale delle vendite, sono state esentate dal CIT (la quota versata agli enti locali), l’imposta sugli immobili ad uso autonomo e l’imposta sull’uso del suolo urbano sui terreni ad uso autonomo. Questo trattamento favorevole può essere goduto per non più di cinque anni. Dal 1 gennaio 2010 al 31 dicembre 2020, le imprese di nuovo insediamento nelle aree colpite dalla povertà dello Xinjiang sono state esentate dalla CIT per il primo e secondo anno; esse hanno anche avuto diritto alla detrazione del 50% della CIT dal terzo al quinto anno – con effetto dal primo anno d’imposta in cui deriva il primo elemento di reddito da attività manifatturiera e commerciale. Sebbene le ultime due politiche preferenziali siano scadute lo scorso anno, le aziende dovrebbero prestare attenzione ad eventuali proroghe.

NOTE AL TESTO

1 THE STATE COUNCIL THE PEOPLE’S REPUBLIC OF CHINA, Respecting and Protecting the Rights of All Ethnic Groups

in Xinjiang, Luglio 2021, www.gov.cn.

2 Washington sanziona 23 aziende cinesi per lo Xinjiang e non solo, “Luiss – Osservatorio sulla sicurezza internazionale”, 9 luglio 2021.

3 Andrea Fais, Cina. Raddoppia l’import UE dallo Xinjiang, la realpolitik riporta alla ragione?, “Agenzia Stampa Italia”, 27 luglio 2021: “Ciononostante, a marzo, in accordo con i Governi di Stati Uniti, Regno Unito e Canada, l’UE aveva sanzionato quattro alti ufficiali del Partito Comunista Cinese dello Xinjiang per le supposte violazioni dei diritti umani ai danni degli Uiguri, in base al meccanismo, ispirato al Magnitsky Act statunitense del 2012, approvato tre mesi prima con la Decisione (PESC) 2020/1999 e il Regolamento 2020/1998, noto come “Regime globale di sanzioni per i diritti umani”, che permette a Bruxelles di colpire – con divieto di ingresso e/o congelamento dei beni in UE – individui, entità ed organismi ritenuti responsabili di abusi e violazioni in qualsiasi luogo del mondo. La reazione di Pechino non si era fatta attendere e pochi giorni dopo sono stati sanzionati dieci individui europei, tra parlamentari e ricercatori, e quattro entità riconducibili alle istituzioni UE. Il clima di tensione ha così congelato l’iter di approvazione dell’Accordo Globale sugli Investimenti (CAI), che sino alla fine dello scorso anno sembrava viaggiare a vele spiegate sotto lo sguardo speranzoso di migliaia di imprenditori europei, che vedrebbero così maggiormente tutelati i propri interessi in Cina. Che il Magnitsky europeo potesse cozzare con il diritto internazionale era evidente sin dalla sua approvazione. La legge, tanto più in casi come questo, rischia infatti di violare l’Art. 2 della Carta dell’ONU, toccando una materia estremamente delicata. Può essere ritenuto giuridicamente corretto concludere, senza dirette indagini in loco indipendenti ed affidabili, ma soltanto sulla base di uno o due rapporti di ricerca stranieri, che in un Paese estraneo alla giurisdizione UE siano in atto violazioni dei diritti umani? Se anche questi abusi fossero oggettivamente provati, su quali basi sarebbe lecito colpire individualmente uno o più funzionari senza prima dimostrarne la responsabilità diretta?”.

4 Oltre alle sanzioni, lo Xinjiang si è dovuto scontrare anche con un’azione di boicottaggio condotta da alcune aziende occidentali che però sono andate incontro a diversi problemi. Ad esempio, H&M è stato tra i numerosi marchi che hanno sollevato preoccupazioni per presunte violazioni dei diritti umani contro i musulmani uiguri nella provincia cinese dello Xinjiang. La sua dichiarazione ha portato le celebrità cinesi a tagliare i legami con il marchio e ad abbandonare le piattaforme di e-commerce di H&M. Il crollo delle vendite è arrivato, anche se l’attività globale di H&M è tornata in utile con l’attenuazione dell’impatto della pandemia. La Cina ha rappresentato circa il 5% delle vendite del gruppo al dettaglio lo scorso anno e rimane uno dei suoi maggiori fornitori. Le vendite di H&M in Cina sono diminuite del 23% in valuta locale per il secondo trimestre del 2021, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. “Per quanto riguarda la Cina, la situazione rimane complessa. Oltre a ciò, ci riferiamo a ciò che abbiamo detto prima”, ha affermato l’amministratore delegato Helena Helmersson mentre H&M ha quantificato per la prima volta l’impatto del boicottaggio. Ciò è avvenuto quando il secondo rivenditore di moda più grande al mondo ha registrato un utile ante imposte di $ 420 milioni (£ 305 milioni) superiore al previsto per il trimestre, dopo una perdita nello stesso periodo nel 2020”. Il boss della Nike, che ha dovuto affrontare anch’essa un boicottaggio in Cina, ha fatto una strenua difesa degli affari del colosso dell’abbigliamento sportivo nel Paese di Mezzo. L’amministratore delegato John Donahoe ha dichiarato che “Nike è un marchio della Cina e per la Cina” in risposta a una domanda sulla concorrenza dei marchi cinesi. Donahoe ha fatto i commenti durante una discussione sui guadagni del quarto trimestre di Nike, che ha mostrato che i ricavi sono raddoppiati a 12,3 miliardi di dollari (8,8 miliardi di sterline) migliori del previsto per i tre mesi fino alla fine di marzo. cfr. H&M: Fashion giant sees China sales slump after Xinjiang boycott, “BBC News”, 2 luglio 2021.

5 Lorenzo Riccardi, Xinjiang Special Zones Kashi and Huoerguosi, “RsA Asia”, luglio 2021.

6 DEBORAH BRAUTIGAM (Bernard L. Schwartz è Professor of International Political Economy at the School of Advanced International Studies at Johns Hopkins University) e MEG RITHMIRE (F. Warren McFarlan è Associate Professor at Harvard Business School) hanno dimostrato che la “trappola del debito cinese” è un mito della propaganda USA, cfr. l’articolo di “The Atlantic”: THE CHINESE ‘DEBT TRAP’ IS A MYTH, ripubblicato dal CeSEM il 15 febbraio 2021.

7 Chris Devonshire-Ellis, The Afghanistan Belt And Road: China’s Opportunity Or A US Exited Death Trap?, “Silk Road Briefing”, 7 luglio 2021.

8 Elvio Rotondo, Il potenziale ruolo della Shanghai Cooperation Organization in Afghanistan, “Analisi Difesa”, 26 agosto 2021.

9 Chris Devonshire-Ellis, Xinjiang – Central Asia’s Wealthy, Prepared, & Influential Trade & Investment Partner, “Silk Road Briefing”, 30 agosto 2021.

10Qian Zhou and Zoey Zhang, Investing in Xinjiang: Economy, Industry, Trade, and Investment Profile, “China Briefing”, 9 aprile 2021.

11 Ibidem.

0Shares