Lun. Dic 5th, 2022

Tre punti chiave della strategia di sicurezza nazionale dell’amministrazione Biden

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Valerie Insinna

ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SU BREAKING DEFENSE

La strategia di sicurezza nazionale (NSS) è finalmente uscita, dopo 22 mesi di amministrazione Biden. Ma cosa dice in realtà?

WASHINGTON — Ventidue mesi dopo il suo insediamento, l’amministrazione Biden ha finalmente rilasciato la sua strategia di sicurezza nazionale, ponendo fine a un lungo processo che è stato aggravato dall’invasione russa dell’Ucraina a febbraio.

Nel complesso, la strategia ha riservato poche sorprese sostanziali. Le preoccupazioni per l’ascesa della Cina – e la minaccia che lo stato autocratico rappresenta sia per i suoi vicini che per gli Stati Uniti – continuano a essere il principale obiettivo di sicurezza nazionale per l’amministrazione.

E mentre la guerra in Ucraina ha portato un senso di immediatezza e maggiore attenzione alla minaccia ancora rappresentata dalla Russia, il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha affermato che il conflitto non ha comportato modifiche sostanziali alla strategia.

Tuttavia, il diavolo è sempre nei dettagli, hanno detto gli esperti della difesa a Breaking Defense. Ecco quelli che vedono come i principali punti da tenere bene in considerazione.

Il concetto di “deterrenza integrata” potrebbe già essere in difficoltà

Sebbene una versione non classificata della Strategia di difesa nazionale non sia stata ancora rilasciata, i funzionari del Pentagono – incluso il Segretario alla Difesa Lloyd Austin in una dichiarazione rilasciata sull’NSS – hanno chiarito che una pietra angolare dell’NDS sarà un concetto chiamato “deterrenza integrata ”, che chiede alle forze armate statunitensi di collaborare con altre agenzie governative statunitensi e partner internazionali per imporre sanzioni a tutto campo ad un Paese nemico.

Faremo affidamento sulla deterrenza integrata, come dettagliato nella Strategia di difesa nazionale del Dipartimento, che sarà presto rilasciata in forma non classificata“, ha affermato Austin nella dichiarazione, definendo così il concetto: “unendo senza soluzione di continuità le nostre capacità per convincere potenziali avversari che i costi delle loro attività ostili superano di gran lunga qualsiasi possibile beneficio, in tutti i teatri, in tutti i domini e attraverso lo spettro di potenziali conflitti”.

Sebbene la “deterrenza integrata” è stata menzionata nell’NSS, tale concetto è citato soltanto in una sezione sulla modernizzazione militare degli Stati Uniti; il che potrebbe indicare che si tratta di un concetto del Dipartimento della Difesa che non sarà ampiamente adottato da altre agenzie governative, ha affermato Stacie Pettyjohn, direttore del programma di difesa presso il Center for a New American Security.

La deterrenza integrata, a mio avviso, ha sempre avuto più senso come fulcro della strategia di sicurezza nazionale in cui il Dipartimento della Difesa si concentra sulla deterrenza di fascia alta”, ha detto a Breaking Defense.

E siccome l’NSS “coscrive in modo più restrittivo” la porzione di deterrenza integrata del Dipartimento della Difesa come il tradizionale rinforzo delle capacità convenzionali e nucleari, il concetto “non sembra essere il fulcro di esso nel modo in cui si potrebbe sperare, dal momento che la deterrenza integrata include un focus su tutti gli strumenti del governo, e che ciò accada è al di là del mandato del Dipartimento della Difesa”, ha affermato.

Anche la definizione di deterrenza integrata nella strategia non è riuscita a risolvere una questione importante sul concetto, secondo Pettyjohn: minacciare un avversario con così tante potenziali forme di punizione rende effettivamente gli Stati Uniti più credibili, in particolare in una situazione in cui gli Stati Uniti non seguiranno effettivamente tutte le linee d’azione?

“Se è questo enorme comprensivo di tutte le cose, penso che in realtà ciò renda più difficile avere una minaccia deterrente esplicita e credibile che alleati e avversari comprendano“, ha detto.

Il vecchio problema “strategia contro realtà”

L’NSS dipinge una sfida complessa e preoccupante per gli Stati Uniti, che si trovano all’inizio di un “decennio decisivo” in cui devono fare i conti con la minaccia di concorrenti vicini come Cina e Russia, mitigando allo stesso tempo problemi come inflazione, pandemie, cambiamenti climatici e altri problemi che minacciano la prosperità americana e quella delle nazioni in tutto il mondo.

Bradley Bowman, director senior del centro sul potere militare e politico della Foundation for Defense of Democracies, ha affermato che la strategia fa un buon lavoro nel descrivere la portata e l’urgenza dei problemi che devono affrontare gli Stati Uniti; tuttavia, mancano dettagli su come l’amministrazione pianifichi l’implementazione di soluzioni che assicureranno che la nazione sia in grado di raggiungere i suoi obiettivi strategici.

Sono d’accordo sul fatto che siamo a un punto di svolta. Sono d’accordo che questo è un decennio decisivo“, ha detto. “Ma quando guardo ai dettagli, quando guardo alla nostra posizione delle forze, quando guardo ai budget insufficienti per la difesa, quando guardo al modo in cui non stiamo acquistando sistemi d’arma vitali alla massima capacità di produzione… vedo un grande e sempre più pericoloso divario tra parole e azioni”.

L’amministrazione Biden deve essere onesta su dove deve affrontare il rischio e garantire che si lavori per mitigare le lacune di capacità e correggere potenziali vulnerabilità, ha affermato.

Quali sono i requisiti urgenti indo-pacifici che non vengono soddisfatti in questo momento?” Si è, inoltre, chiesto. “Se dici che questo è un punto di svolta o un decennio decisivo, penso che l’onere della prova spetti a questa amministrazione e spiegare tutti i casi in cui stanno ignorando requisiti seri in particolare [US Indo-Pacific Command], ma anche [US European Command],” ha detto.

Emma Ashford, una senior fellow dello Stimson Center, ha paragonato l’ambito dell’NSS a “Lean In“, il popolare libro di auto-aiuto per le donne sul posto di lavoro, scritto dall’ex direttore operativo di Facebook Sheryl Sandberg, che postulava che le donne potrebbero avere un enorme successo in tutte le aree se solo lo volessero.

Ma le persone – e le nazioni – devono affrontare dei vincoli, ha affermato Ashford, e se gli Stati Uniti non hanno le risorse o la capacità per raggiungere i propri obiettivi strategici, devono moderare tali obiettivi.

L’NSS vuole avere tutto: competizione con la Cina, contenimento della Russia, costruzione di coalizioni globali sui cambiamenti climatici e pandemie; democrazia condivisa come principio unificante e promozione della democrazia pur continuando a lavorare con le autocrazie, un primo approccio diplomatico pur mantenendo il primato militare globale; utilizzare il commercio come componente centrale della politica estera rifiutando i nuovi accordi commerciali che non “rendono paritario il campo di gioco”; basandosi sulle alleanze esistenti e stabilendone di nuove“, ha scritto su Twitter.

In breve, l’NSS “riconosce che viviamo in un mondo sempre più multipolare, accetta che ci siano limitazioni al potere degli Stati Uniti ma, quindi, non cambia la politica in risposta”, ha affermato.

Il cambiamento climatico è una priorità assoluta…e al Partito Repubblicano (GOP) non piacerà

Rispetto alla guida strategica provvisoria dell’amministrazione Biden nel marzo 2021, la strategia di sicurezza nazionale sottolinea la competizione tra democrazie (come gli Stati Uniti) e regimi autoritari (come i suoi rivali, Cina e Russia), un cambiamento probabilmente dovuto all’invasione russa dell’Ucraina, ha affermato Mark Cancian, un consulente senior del programma di sicurezza internazionale del Center for International and Strategic Studies.

C’è una maggiore preoccupazione per “l’irredentismo: il fatto che Russia e Cina non siano soddisfatte dei loro attuali confini e mirino forse ad espanderli“, ha affermato.

Tuttavia, ha aggiunto che le descrizioni di Cina e Russia che ne fa la strategia suggeriscono una differenza di tono piuttosto che un cambiamento sostanziale nella politica.

Come la strategia dell’amministrazione Trump del 2017, la NSS dell’era Biden continua a concentrarsi sulla Cina come la più grande minaccia militare ed economica per gli Stati Uniti e allo stesso modo dichiara la necessità di modernizzare l’esercito e investire nella tecnologia americana, ha affermato Cancian.

Tuttavia, l’attenzione posta dalla strategia sulle cause progressiste – in particolare il cambiamento climatico, che secondo il documento è il “più grande [problema] e potenzialmente esistenziale per tutte le nazioni” – attirerà probabilmente le ire dei repubblicani, che potrebbero sostenere che l’attenzione dovrebbe, invece, rimanere esclusivamente sulla concorrenza contro Cina e Russia, ha detto lo stesso Cancian.

Il clima è menzionato [circa] 65 volte nel documento“, ha detto. “Naturalmente, questo è molto diverso dal documento sulla sicurezza nazionale Trump in cui si parlava di dominio energetico e incoraggiamento della produzione di combustibili fossili“.

Diversi democratici di alto profilo hanno già rilasciato dichiarazioni pubbliche in cui esprimono sostegno all’NSS. Il presidente della Commissione per i servizi armati della Camera Adam Smith, D-R.I., ha affermato che il documento è “proprio al bersaglio“, mentre il suo omologo, il presidente della Commissione per i servizi armati del Senato Jack Reed, D-R.I., l’ha definita una “visione forte e ponderata per avanzare gli interessi dell’America”.

Nel frattempo, i repubblicani stanno iniziando a criticare la strategia. Il rappresentante dell’Alabama Mike Rogers, il repubblicano di HASC, ha criticato il documento perché afferma che gli Stati Uniti dovrebbero essere disposti a lavorare con Cina e Russia su aree in cui condividono obiettivi comuni con gli Stati Uniti.

La strategia prodotta dall’amministrazione Biden impiega 48 pagine per non dire nulla. Si basa in un mondo fantastico in cui tutte le nazioni, anche gli avversari, lavorano insieme per promuovere il bene comune“, ha affermato Rogers in una nota. “I nostri avversari sono pericolosi, non si preoccupano del bene comune e non vogliono lavorare con noi per raggiungere obiettivi altruistici, vogliono distruggerci”.

0Shares