Mar. Lug 5th, 2022

Il referendum nazionale approva le riforme costituzionali in Kazakistan proposte dal presidente Tokayev

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Stefano Vernole

La grande maggioranza degli elettori ha votato Sì, con un’affluenza al 68,06%: questi sono i risultati ufficiali preliminari che mostrano un forte consenso popolare per le riforme approvate lo scorso 5 giugno.

Il 6 giugno 2022, la Commissione Referendum Centrale del Kazakistan ha annunciato i risultati ufficiali preliminari del referendum nazionale sull’adozione di emendamenti e integrazioni alla Costituzione del Paese proposti all’inizio di quest’anno dal Presidente del Paese Kassym-Jomart Tokayev.

Secondo i dati, il 77,18% degli elettori nel referendum nazionale del 5 giugno ha approvato gli emendamenti proposti, aprendo la strada alla modifica di 33, o un terzo degli articoli del documento inizialmente adottato nel 1995. Le riforme sono state promosse in quanto incrementano notevolmente i controlli e gli equilibri nella struttura politica kazaka, portandolo lontano da un sistema superpresidenziale ma rafforzando le competenze del Parlamento e delle autorità locali, nonché i meccanismi di protezione dei diritti umani.

Annunciando i risultati ufficiali preliminari della votazione sulla base delle copie elettroniche dei protocolli ricevuti da tutte le commissioni territoriali per il referendum, Nurlan Abdirov, presidente della Commissione referendaria centrale, ha dichiarato: “I calcoli delle schede elettorali in tutti i 10.012 seggi elettorali operativi in tutto il Paese e all’estero sono stati ora completati. Secondo la legge, il referendum è considerato valido se più del 50% dei cittadini aventi diritto al voto lo ha fatto in più dei due terzi delle regioni del Paese. Su 11.734.642 cittadini aventi diritto al voto, si ritiene che abbiano votato 7.986.293, [il che significa] un’affluenza del 68,06%… Quindi, il referendum può essere considerato valido… La [quota] di cittadini per aver risposto “Sì” alla domanda posta al referendum ha raggiunto il 77,18%, ovvero 6.163.863 cittadini, la maggioranza assoluta in ogni regione del Paese. Pertanto, le condizioni della legge sono state soddisfatte”, ha affermato.

Allo stesso tempo, il 18,66% degli elettori ha risposto “No”, mentre un ulteriore 4,16% dei voti espressi è stato ritenuto non valido.

Commentando l’importanza del voto nazionale a favore degli emendamenti alla Costituzione, Mukhtar Tileuberdi, Vice Primo Ministro – Ministro degli Affari Esteri del Kazakistan, ha dichiarato: “Il referendum è stato un momento storico per il Kazakistan. Gli emendamenti approvati alla Costituzione segnano una nuova fase nello sviluppo della nostra statualità poiché mirano chiaramente a rafforzare i meccanismi di protezione dei diritti umani e le istituzioni democratiche in Kazakistan”.

Secondo il Ministro, “Questi cambiamenti si tradurranno in una maggiore concorrenza nel sistema politico del nostro Paese e in una maggiore partecipazione dei cittadini al governo dello Stato. Un cambiamento importante sarà il divieto definitivo e inequivocabile della pena di morte, da annotare chiaramente nella Costituzione rinnovata, in linea con il nostro impegno relativo al Secondo Protocollo Opzionale al Patto sulle riforme civili e politiche del 1966 che il nostro Parlamento ha ratificato lo scorso anno.”

Il Ministro Tileuberdi ha inoltre sottolineato: “Accogliamo con favore l’elevata affluenza alle urne e la decisione dei nostri connazionali di sostenere queste riforme, che avranno un impatto positivo sulla vita di ogni cittadino. Siamo inoltre grati a numerosi osservatori nazionali e stranieri per il monitoraggio del referendum, che ci ha aiutato a svolgerlo in modo equo e trasparente, in linea con gli standard ei principi democratici. Pertanto, lo vediamo come un chiaro sostegno da parte della comunità internazionale per questo referendum e l’agenda di riforma del presidente Tokayev. In effetti, questo è solo il primo passo verso la costruzione di un Nuovo Kazakistan. Ci attende un lavoro significativo per attuare gli emendamenti a livello costituzionale e legislativo e non vediamo l’ora di lavorare con tutti i nostri partner mentre entriamo in un nuovo capitolo della storia moderna del Kazakistan”.

Come notato in precedenza, gli emendamenti approvati incideranno su un terzo della Costituzione (33 articoli). La loro attuazione faciliterà una trasformazione globale dell’intero modello statale del Kazakistan, inclusa la transizione da una forma di governo “super-presidenziale” a una repubblica presidenziale con un parlamento influente e un governo responsabile. Inoltre, saranno ridotti i poteri del Presidente, si rafforzerà significativamente il ruolo del parlamento e degli enti locali e si rafforzeranno i meccanismi di tutela dei diritti umani, anche ricostituendo la Corte costituzionale e conferendo mandato costituzionale al Commissario per i diritti umani.

In precedenza, il presidente del Kazakistan Kassym-Jomart Tokayev ha affermato che l’obiettivo principale della riforma costituzionale è “la democratizzazione del Paese e l’ampliamento delle opportunità per le persone di partecipare all’azione di governo”.

Nelle intenzioni dei promotori, gli emendamenti proposti alla Costituzione e le riforme politiche dovrebbero avere il seguente impatto:

• Maggiore democratizzazione del sistema politico.

• Una transizione da una forma di governo superpresidenziale a una repubblica presidenziale con un parlamento forte.

• Ulteriore miglioramento del sistema di controlli ed equilibri tra i rami del potere statale, nella direzione di limitare i poteri presidenziali, riformattare l’attività di entrambe le camere del parlamento e rafforzare il ruolo del Mazhilis (camera bassa del Parlamento).

• Democratizzazione del sistema elettorale: transizione verso un modello misto proporzionale-maggioritario e ulteriore liberalizzazione del processo di registrazione dei partiti.

• Maggiore ruolo dei maslikhats (organo di rappresentanza locale) e loro indipendenza.

3. In sintesi, le riforme mirano a un’ulteriore democratizzazione dei processi politici in Kazakistan mediante:

– limitazione dei poteri del Presidente

– rafforzamento del ruolo del parlamento

– promuovere un sistema politico multipartitico e una maggiore concorrenza politica.

– rafforzare ulteriormente la protezione dei diritti umani.

La riforma costituzionale vuole ampliare la partecipazione dei cittadini alla governance e assicurare un’autentica democratizzazione dei processi politici.

Sebbene molte delle riforme siano incentrate sulla politica, il programma del Presidente include anche misure volte alla deloligopolizzazione e alla demonopolizzazione dell’economia del Kazakistan. Il governo ha anche il compito di aumentare il potere d’acquisto della popolazione e ridurre la povertà. Inoltre, saranno effettuati maggiori investimenti nelle regioni rurali del Kazakistan, anche nei settori della salute e dell’istruzione.

Va riconosciuto che alcuni dei partner del Kazakistan avevano delle riserve sul sistema politico del Paese. Nonostante le riforme progressiste degli ultimi tre anni, si temeva che il Kazakistan non stesse facendo abbastanza per liberalizzare e democratizzare il proprio sistema politico. Dopo i tragici eventi di gennaio, si temeva che il governo del Kazakistan avrebbe invertito il suo programma di riforme. Tali previsioni si sono rivelate sbagliate. Al contrario, le riforme porteranno a un nuovo livello di democratizzazione del Paese, mai visto prima in Kazakistan.

Le riforme sono considerate importanti al di fuori del Kazakistan perché attraverso di esse il Paese dimostra di voler abbracciare i principi politici più in linea con le democrazie sviluppate. Il Kazakistan vuole stare dalla parte del progresso politico, mostrare rispetto per il diritto internazionale e contribuire alla sicurezza e allo sviluppo globali. In un mondo che deve far fronte a incertezze e minacce geopolitiche ed economiche, questo passo dovrebbe essere accolto favorevolmente.

Di seguito uno schema delle principali riforme proposte e approvate con il referendum:

Limitare i poteri presidenziali

• Il divieto di appartenenza del Presidente a partiti politici per il periodo della sua presidenza. Il divieto di adesione riguarderebbe anche i presidenti e i membri della Commissione elettorale centrale, della Commissione per i conti e del Consiglio costituzionale.

• Un divieto a livello costituzionale per i parenti stretti del Presidente di ricoprire incarichi dirigenziali in strutture statali e parastatali.

• Il diritto di approvare i candidati alle cariche di presidente della Corte costituzionale e del Consiglio superiore della magistratura sarebbe trasferito ai membri del Senato.

• Esclusione del diritto del Presidente di sospendere o revocare atti di akim di regioni e città di rilevanza nazionale, nonché il diritto di rimuovere dall’incarico gli akim di distretto e villaggio.

Rafforzare il Parlamento

• La riforma rafforzerebbe il potere rappresentativo e il sistema di pesi e contrappesi e aumenterebbe l’indipendenza dei maslikhats (consigli regionali e locali).

• Il Mazhilis (camera bassa del Parlamento) sarebbe completamente formato con un sistema elettorale misto basato su liste di partito e distretti territoriali uninominali.

• Verrà introdotto un meccanismo di revoca che consentirebbe ai cittadini di richiamare i parlamentari eletti nel sistema maggioritario che non hanno giustificato il voto degli elettori.

• La quota per le nomine presidenziali al Senato verrebbe ridotta da 15 a 10 membri.

• Il Senato avrebbe solo il diritto di approvare o respingere le leggi già adottate dai Mazhilis. Di conseguenza, il Mazhilis è investito del diritto di approvare leggi.

• La Camera dei Conti Superiori sostituirà la Commissione dei Conti per il Controllo sul Bilancio Nazionale. Riferirà ai Mazhilis due volte l’anno.

Modernizzare il processo elettorale

• Introduzione di un sistema misto (proporzionale-maggioranza) per formare i Mazhilis nel rapporto di 70/30 ed eleggere i deputati dei maslikhats regionali nel rapporto di 50/50, nonché il passaggio a un sistema maggioritario di elezioni della città e maslikhat distrettuali. Questa misura aumenterebbe il grado di partecipazione diretta dei cittadini alla formazione dei Mazhilis e dei Maslikhats.

Autorità locali esecutive e rappresentative

• Gli emendamenti garantiscono una maggiore indipendenza politica ed economica di akim e maslikhat, ampliando i loro poteri e riducendo il grado di influenza su di essi da parte del Presidente e degli organi centrali dello Stato.

• Verranno ampliati i poteri dei maslikhats in termini di autogoverno locale. Il Presidente propone in via alternativa almeno due candidati alla carica di akim. (governatore o sindaco) per ottenere il consenso dei deputati dei maslikhats situati nel territorio della regione e dei deputati dei maslikhats delle città di importanza nazionale e della capitale.

• Per ampliare l’indipendenza delle regioni, è in fase di elaborazione una legge separata “Sull’autogoverno locale nella Repubblica del Kazakistan”.

• Rafforzare l’indipendenza economica degli organi di autogoverno locale ampliando le opportunità finanziarie dei villaggi e introducendo il finanziamento diretto dei bilanci del governo locale.

• Divieto agli akim e ai loro deputati di ricoprire incarichi nei rami di un partito politico.

• Limite al numero dei vice akim (non più di tre, quattro in casi eccezionali).

Tutela dei diritti umani

• Viene istituita la Corte Costituzionale. Chiunque ritenga che atti giuridici violino i loro diritti costituzionali potrebbe adire la Corte e ottenere protezione.

• Inoltre, il Procuratore Generale e il Commissario per i Diritti Umani otterrebbero il diritto di ricorrere in appello alla Corte Costituzionale.

• La Costituzione vieterebbe esplicitamente la pena di morte.

• Lo status di Commissario per i diritti umani verrebbe rafforzato a livello di Costituzione e di legge costituzionale.

• Sarebbe rafforzata l’indipendenza del difensore civico da organi e funzionari statali, nonché le garanzie della sua inviolabilità. Lo status giuridico e l’organizzazione delle attività del Commissario sarebbero regolati da una nuova legge costituzionale.

Misure aggiuntive

• Altri settori che rientrano in importanti riforme comprendono il miglioramento della struttura amministrativo-territoriale del Kazakistan, nonché l’attuazione di misure prioritarie anticrisi. Quest’ultimo punto comporta l’adozione di misure per prevenire la carenza e l’aumento dei prezzi dei generi alimentari e lo sviluppo di un nuovo pacchetto di riforme strutturali dell’economia e della pubblica amministrazione.

0Shares