Mar. Ago 16th, 2022

IL RUOLO FONDAMENTALE DELLA DONNA NEL RAGGIUNGIMENTO DELL’ARMONIA INTERREGISTRALE E DEL BENESSERE SOCIALE

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Lazzat Ramazanova, vicepresidente della Commissione nazionale presidenziale per gli affari femminili e la politica demografica della Repubblica del Kazakistan

Nonostante i numerosi sforzi per portare avanti l’agenda per l’uguaglianza delle donne a livello globale, c’è ancora molto da fare. Sebbene la promozione dell’uguaglianza di genere nei settori economico, politico e sociale faccia spesso notizia, un’area che viene raramente considerata è l’uguaglianza nella sfera del lavoro interreligioso, del dialogo religioso e in connessione con questo è il contributo delle donne alla risoluzione dei conflitti e al consolidamento della pace. La religione è stata storicamente più associata agli uomini. Ciò non sorprende dato che per anni le donne hanno lottato per ottenere l’uguaglianza in tutti i settori della vita, dalla casa al posto di lavoro, e soprattutto in posizioni di leadership. Eppure, la religione gioca un ruolo significativo nella vita delle donne. Solo negli Stati Uniti, l’86% delle donne è affiliato a una religione, con il 63% che afferma che la religione è importante nella propria vita.

Le donne possono svolgere un ruolo significativo come operatrici di pace, sostenitrici della nonviolenza e della tolleranza e contribuire all’armonia interreligiosa e al dialogo tra culture e civiltà diverse. Uno studio dell’International Peace Institute su 182 accordi di pace firmati tra il 1989 e il 2011 ha rilevato che quando le donne sono incluse nei processi di pace, c’è un aumento del 35% nella probabilità che un accordo di pace duri 15 anni o più. Le prove indicano che le donne partecipanti ai processi di pace di solito si concentrano meno sul bottino della guerra e più sulla riconciliazione, lo sviluppo economico, l’istruzione e la giustizia di transizione, tutti elementi critici di una pace duratura. Eppure, nonostante queste statistiche positive, le donne sono spesso escluse dai processi formali di pace. Tra il 1992 e il 2019, le donne hanno costituito, in media, il 13% dei negoziatori, il 6% dei mediatori e il 6% dei firmatari nei principali processi di pace nel mondo. A questo proposito, è importante notare che il Kazakistan ha adottato il suo primo piano d’azione nazionale sulla Risoluzione 1325 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sull’agenda Donne, Pace e Sicurezza nel dicembre 2021.

È quindi fondamentale che le società promuovano l’inclusione delle donne negli sforzi per costruire ponti tra comunità e Paesi, in particolare quelli con credenze religiose ed etnie diverse.

Dal 14 al 15 settembre, il Kazakistan ospiterà il VII Congresso dei Leader delle Religioni Mondiali e Tradizionali. Mentre l’evento si concentrerà principalmente sul ruolo dei leader religiosi nello sviluppo socio-spirituale dell’umanità nel periodo post-pandemia, una delle sezioni del Congresso è dedicata al contributo delle donne al benessere e allo sviluppo sostenibile di società. L’obiettivo è trovare il modo per i leader religiosi di formulare e considerare proposte sulla promozione del ruolo delle donne. Il Congresso di quest’anno sarà significativo con la partecipazione di diversi leader religiosi di alto rango, tra cui papa Francesco, il grande imam di al-Azhar Ahmed el-Tayeb, il patriarca Kirill della Chiesa ortodossa russa, il rabbino capo ashkenazita di Israele David Lau e il capo Rabbino sefardita di Israele Yitzhak Yosef, così come molti altri leader spirituali. Questo livello di partecipazione crea un’importante opportunità per facilitare la creazione di un’atmosfera globale di pace e tolleranza.

Negli ultimi anni il Kazakistan ha compiuto sforzi significativi per promuovere l’uguaglianza di genere nella società con risultati positivi. Le donne costituiscono il 48,1% della forza lavoro nel paese e il 48,9% dei lavoratori. Le donne sono altamente rappresentate nelle imprese. Il numero di imprese guidate da donne è aumentato del 9,1% nel corso dell’anno e ha raggiunto 625.100 aziende entro la fine del 2021. Anche il numero di imprenditrici sotto i 29 anni è aumentato del 37,2% e ha raggiunto 88.700 persone. L’imprenditoria femminile contribuisce per circa il 40% al PIL del Paese. I progressi realizzati fino ad oggi mostrano l’importanza e il contributo significativo delle donne all’economia.

Ovviamente c’è spazio per miglioramenti. Ad esempio, in termini di divario retributivo di genere, gli uomini guadagnano il 21,7% in più rispetto alle donne in settori simili. Tuttavia, il Governo del Kazakistan ha posto la promozione e la protezione delle donne come una priorità assoluta. L’anno scorso, il presidente Tokayev ha firmato un decreto “Su ulteriori misure del Kazakistan nel campo dei diritti umani”, che include l’eliminazione della discriminazione contro le donne. La discussione sul ruolo delle donne al prossimo Congresso è molto in linea con le priorità del governo.

Il Kazakistan ospita anche più di 100 etnie e rappresentanti di 18 gruppi religiosi. Tale livello di diversità del Paese ci ha incoraggiato a convocare il Congresso dei leader delle religioni mondiali e tradizionali, che si tiene in Kazakistan dal 2003.

Poiché il ruolo delle donne nella società continua ad espandersi e l’uguaglianza di genere diventa un obiettivo sempre più importante, è importante garantire che anche le donne siano in grado di svolgere un ruolo chiave nel lavoro interreligioso, nonché nella costruzione della pace e nella mediazione. Per risolvere molte delle attuali sfide globali, comprese le crisi geopolitiche e i conflitti in corso, è necessario utilizzare le competenze che le donne possiedono. Anche se un solo evento non risolverà completamente questo problema, il prossimo VII Congresso dei leader delle religioni mondiali e tradizionali contribuirà a consolidare gli sforzi per realizzare progressi nell’eliminazione dello squilibrio di genere nella religione e sviluppare nuove idee e raccomandazioni sull’espansione del ruolo delle donne.

0Shares