Mar. Mag 24th, 2022

PhotoSource: https://ooduarere.com/news-from-nigeria/world-news/hate-news-fake-news-is-western/

Sei cose che i media non ti diranno sull’Ucraina

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Ted Snider

ARTICOLO ORIGINALE

Il 10 gennaio, funzionari americani e russi si sono incontrati per discutere la proposta di Putin sulle garanzie di sicurezza reciproca. I media occidentali e gli analisti politici hanno analizzato le richieste di Putin riguardanti il fatto che la NATO non si espanda più a est in Ucraina e che la NATO non stabilisca basi militari negli ex stati sovietici né le utilizzi per svolgere attività militare come audace e impossibile.
Ecco sei elementi cruciali di fondo che i media occidentali non ti diranno.

La promessa della NATO

Le richieste avanzate da Putin sono audaci solo se è audace chiedere alla NATO di mantenere le sue promesse; le sue richieste sono impossibili solo se è impossibile per la NATO mantenere le sue promesse.

Il 9 febbraio 1990, il Segretario di Stato James Baker assicurò a Gorbaciov che se la NATO avesse ottenuto la Germania – un’enorme concessione – la NATO non si sarebbe espansa di un pollice a est della Germania. Il giorno successivo, il ministro degli Esteri della Germania occidentale Hans-Dietrich Genscher fece la stessa promessa al suo omologo sovietico, Eduard Shevardnadze.

In precedenza, il 31 gennaio 1990, Genscher nel corso di un importante discorso aveva già pubblicamente dichiarato che non ci sarebbe stata “un’espansione del territorio della NATO a est, in altre parole, più vicino ai confini dell’Unione Sovietica“.

Documenti recentemente declassificati chiariscono che tutte le potenze occidentali, inclusi non solo Stati Uniti e Germania, ma anche Regno Unito e Francia, hanno ripetutamente fatto la stessa promessa alla Russia.

Sette anni dopo, quando gli Stati Uniti avevano già infranto quella promessa, Clinton fece alla Russia una seconda promessa. Avendo ampliato la NATO nell’estremo est della Germania, promise almeno che non ci sarebbero state forze di combattimento sostanziali in modo permanente. Questa era la promessa firmata dagli Stati Uniti nell’atto istitutivo del trattato NATO-Russia sulle relazioni reciproche. Era una reiterazione della precedente promessa del febbraio 1990: non solo l’espansione della NATO, ma anche le truppe della NATO non si sarebbero estese a est.

Quindi, lungi dall’essere audaci o chiedere il ridicolo, ciò che i media non ti diranno è che Putin non sta chiedendo nuove concessioni da parte degli occidentali.

Chiede solo che l’Occidente onori gli impegni che ha già preso.

Il colpo di Stato

Il catalizzatore della crisi odierna in Ucraina è stato il colpo di stato del 2014. Quel colpo di stato è stato organizzato e sostenuto dagli Stati Uniti. Il presidente ucraino Viktor Yanukovich si è trovato di fronte alla scelta dell’alleanza economica con l’Unione Europea o con la Russia.

I sondaggi dell’epoca mostravano chiaramente che gli ucraini erano quasi equamente divisi su quale alleanza economica scegliere. La scelta di Yanukovich di uno dei due pacchetti avrebbe diviso il paese. Putin ha offerto a Yanukovich una via d’uscita: sia la Russia che l’UE avrebbero potuto aiutare l’Ucraina e Yanukovich non sarebbe stato costretto a scegliere. Gli Stati Uniti e l’UE hanno respinto l’offerta di pace avanzata da Putin.

Secondo Stephen Cohen, professore emerito di studi russi a Princeton, “è stata l’Unione Europea, sostenuta da Washington, a dire a novembre al presidente democraticamente eletto di un Paese profondamente diviso, l’Ucraina, ‘Devi scegliere tra Europa e Russia.’”.

La scena era, ora, pronta per il conflitto in Ucraina.

E gli Stati Uniti hanno alimentato quel conflitto. Guidati dal senatore John McCain e dall’assistente del segretario di Stato per gli affari europei ed eurasiatici, Victoria Nuland, gli Stati Uniti hanno pubblicamente appoggiato e sostenuto i manifestanti del colpo di stato. La Casa Bianca ha poi fornito copertura e legittimità ai violenti manifestanti scesi nelle strade. Attraverso il National Endowment for Democracy, gli Stati Uniti hanno anche finanziato progetti che hanno contribuito ad alimentare il colpo di Stato.

Ancora più sinistro, gli Stati Uniti sono stati profondamente coinvolti nel complotto del colpo di stato stesso. Nuland è stata sorpresa a complottare chi per scegliere chi per gli americani sarebbe dovuto essere il vincitore del cambio di regime. Questo può essere ascoltato in una chiamata intercettata in cui dice all’ambasciatore americano a Kiev, Geoffrey Pyatt, che Arseniy Yatsenyuk è la scelta dell’America per sostituire Yanukovich (e lo ha fatto).

Soprattutto, Pyatt si riferisce all’Occidente che ha bisogno di “essere la levatrice di questa cosa”, un’ammissione metaforica del ruolo dell’America nella guida del colpo di stato. A un certo punto, Nuland sembra persino dire che l’allora vicepresidente Biden, in persona, sarebbe disposto a fare da levatrice.

Nuland ha, quindi, fatto pressioni sulle forze di sicurezza affinché smettessero di sorvegliare gli edifici governativi e consentissero l’ingresso ai manifestanti del colpo di Stato.

L’opposizione ha quindi approfittato dell’assenza di parlamentari del Sud e dell’Est del Paese a causa di un congresso pre-programmato di politici regionali e, insieme, delle intimidazioni che hanno costretto molti altri a fuggire in modo da assicurarsi di avere i numeri per prendere il controllo del Parlamento in un colpo di stato travestito da democrazia.

Quindi, invece di un presidente fantoccio russo che tradisce il suo popolo e abbandona un’alleanza economica con l’Unione Europea a favore di un’alleanza economica con la Russia, ciò che i media non vi diranno è che il catalizzatore dell’attuale crisi è stato un progetto ideato e sostenuto dagli Stati Uniti di un colpo di stato contro un presidente democraticamente eletto.

La connessione

I media non vi parleranno nemmeno del collegamento cruciale tra la promessa della NATO di non espandersi a est e il colpo di Stato in Ucraina. L’alleanza economica con l’UE non è stato il pacchetto benevolo presentato al pubblico occidentale. Non era solo un’offerta economica.

Secondo il professore emerito di studi russi a Princeton, Stephen Cohen, la proposta dell’Unione europea “includeva anche disposizioni sulla “politica di sicurezza”. . . ciò apparentemente subordinerebbe l’Ucraina alla NATO“. Le disposizioni obbligavano l’Ucraina ad “aderire alle” politiche militari e di sicurezza dell’Europa“.

Quindi la proposta non era un accordo economico benigno: era una minaccia alla sicurezza per la Russia in veste economica.

Richard Sakwa, professore di politica russa ed europea all’Università del Kent, afferma: “l’allargamento dell’UE apre la strada all’adesione alla NATO” e sottolinea che, dal 1989, ogni nuovo membro dell’UE è diventato membro della NATO. Non solo il pacchetto dell’UE ha subordinato l’Ucraina alla NATO, ma dall’entrata in vigore del Trattato di Lisbona dell’UE nel 2009, tutti i nuovi membri dell’UE sono tenuti ad allineare le proprie politiche di difesa e sicurezza con la NATO.

Lungi dall’essere solo un accordo economico, l’articolo 4 dell’accordo di associazione dell’UE con l’Ucraina afferma che l’accordo “promuoverà una graduale convergenza su questioni estere e di sicurezza con l’obiettivo di un coinvolgimento sempre più profondo dell’Ucraina nello spazio di sicurezza europeo“.

L’articolo 7 parla della convergenza di sicurezza e difesa e l’articolo 10 afferma che “le parti esploreranno il potenziale della cooperazione militare e tecnologica“.

quindi, l’alleanza economica dell’UE era un pacchetto aggressivo che nascondeva al suo interno l’espansione della NATO fino al confine con la Russia.

Neanche i media te lo diranno.

Cosa vuole la Crimea

Ciò che ha reso l’annessione della Crimea da parte della Russia così minacciosa per gli Stati Uniti non è stata l’annessione in sé stessa.

Di per sé, la Crimea non è così importante per gli Stati Uniti.

Ciò che era così minaccioso era il significato dell’annessione in termini di relazioni della Russia con gli Stati Uniti e in termini di ruolo mutevole nell’ordine mondiale.

Alexander Lukin, capo del dipartimento di relazioni internazionali presso la National Research University Higher School of Economics di Mosca e un’autorità in materia di politica russa e relazioni internazionali, spiega che il motivo per cui l’annessione della Crimea è stata cruciale è che, prima di allora, dalla fine della Guerra Fredda, la Russia era stata considerata un partner subordinato dell’Occidente.

In tutti i disaccordi tra Russia e Stati Uniti fino a quel momento, la Russia era scesa a compromessi e i disaccordi furono risolti piuttosto rapidamente. “La crisi in Ucraina e la reazione della Russia ad essa hanno cambiato radicalmente questo consenso“, afferma Lukin. “La Russia ha rifiutato di rispettare le regole“.

La Crimea ha segnato la fine del mondo unipolare dell’egemonia americana.

La Russia ha tracciato la linea e si è affermata come un nuovo polo in un ordine mondiale multipolare.

Ecco perché gli Stati Uniti si sentono così minacciati dalla risposta della Russia agli eventi del 2014 e al colpo di stato statunitense. È la battaglia per la quale verrà combattuta l’egemonia degli Stati Uniti.

Il colpo di stato in Ucraina ha portato all’annessione russa della Crimea. Ma non è stato un atto di aggressione ma, bensì, una reazione difensiva all’invasione occidentale in profondità nella sua sfera di influenza e fino ai suoi confini. È stata una reazione difensiva all’oppressione delle persone di lingua russa ai suoi confini.

L’espansione della NATO aveva bussato alle porte della Russia. Nel 2014, “è arrivata alla”fraterna” Ucraina“, come dice Lukin, “una regione per la quale la Russia ha sentimenti speciali e la maggior parte dei cui residenti si considera russa“. Quella era la linea rossa della Russia che ha annesso la Crimea. Ma non come atto di aggressione. Piuttosto l’annessione era “in risposta alle aspirazioni della maggioranza dei suoi residenti“.

Sakwa afferma: “È chiaro che la maggior parte della popolazione della Crimea era favorevole all’unificazione con la Russia“. La maggioranza ha votato per l’unificazione con la Russia quando la questione è stata sottoposta a referendum.

L’accuratezza del risultato esatto è stata oggetto di dibattito, ma Sakwa afferma che “anche in condizioni perfette, la maggioranza in Crimea avrebbe votato per l’unione con la Russia“.

Quindi, la presa della Crimea è lungi dall’essere un atto di aggressione russa, ciò che i media non vi diranno è che la Russia stava rispondendo all’aggressione occidentale e ha risposto all’appello della maggioranza della popolazione della Crimea.

Quello che il Donbas e la Russia vogliono

Mentre i media statunitensi e occidentali esagerano nel parlare della minaccia di un’invasione russa non provocata dell’Ucraina – sulla possibilità di un’invasione russa Noam Chomsky ha recentemente affermato che “gli analisti più seri dubitano” – quello che non ti diranno è che la Russia vuole assolutamente non invadere l’Ucraina . Ecco perché non lo fanno da sette anni.

Anatol Lieven, ricercatore senior presso il Quincy Institute for Responsible Statecraft, sottolinea che “la Russia non ha annesso Donetsk e Luhansk (le due province ucraine che compongono il Donbas) né ha riconosciuto la loro indipendenza“. Dice che “l’annessione non è l’opzione preferita dalla Russia per il futuro della regione [del Donbas]“, e aggiunge l’importante promemoria che “Mosca avrebbe potuto annettere il Donbas (come ha fatto la Crimea) in qualsiasi momento negli ultimi sette anni, ma ha si è astenuto dal farlo”.

Quando la regione del Donbas dell’Ucraina orientale ha cercato di seguire il percorso della Crimea verso la Russia, Putin ha cercato di impedire i loro referendum anche se in precedenza aveva accettato quello svoltosi in Crimea.

Sakwa riferisce a Frontline Ukraine che “Putin ha mostrato scarsi segni di volere un’acquisizione della regione in stile Crimea, rifiutando ripetutamente le richieste di accettare il territorio come parte della Russia“. Quando in Donbas si sono tenute le elezioni, Putin ha “rispettato” i risultati, ma ha rifiutato di accettarli o di esserne vincolato.

Oltre al fatto che le azioni russe sono di natura difensiva e non espansionistiche, ci sono una serie di ragioni per cui Putin sarebbe riluttante a invadere l’Ucraina. Uno è la promessa degli Stati Uniti che “risponderanno in modo decisivo“. Un’altra è la difficoltà nel vincere, controllare e mantenere la regione del Donbas. Ma un altro è che è strategicamente più vantaggioso per la Russia non annettere il Donbas.

Anatol Lieven mi ha detto in una corrispondenza personale che “ha molto più senso che la Russia lasci il Donbas come parte dell’Ucraina e lo usi come leva prima per bloccare l’espansione della NATO e in secondo luogo (se può diventare una parte autonoma dell’Ucraina) influenzare la politica ucraina dall’interno”. Finché il Donbas fa parte dell’Ucraina, può votare contro l’adesione alla NATO; se la Russia lo annette, perde quel voto.

Quindi, contrariamente al messaggio dei media, la Russia non vuole nemmeno annettere il Donbas. E cosa vuole la gente del Donbas?

Gli Stati Uniti sostengono che non è di aiuto promettere che l’Ucraina non entrerà a far parte della NATO perché spetta al popolo ucraino prendere questa decisione. Questo è ironico perché non è chiaro se il popolo ucraino voglia aderire alla NATO, e certamente non è chiaro se lo voglia fare il popolo del Donbas.

Contrariamente alla rappresentazione riportata dai media di un popolo disperato nel fuggire dalla Russia e nel correre nelle braccia della NATO, Volodymyr Ishchenko, ricercatore associato presso l’Istituto di studi sull’Europa orientale, Freie Universität Berlin, riferisce che “gli ucraini sono tutt’altro che uniti a sostegno di appartenenza alla NATO”.

Ishchenko afferma che la maggioranza degli ucraini non è favorevole all’adesione alla NATO.

Riferisce che il supporto è di circa il 40%, ma che anche quel numero di minoranza è ingannevolmente gonfiato. Il numero è salito al 40% non includendo più gli ucraini delle regioni filo-russe della Crimea e del Donbas nei sondaggi. Aggiunge anche che, laddove il sostegno per un’alleanza con la Russia è diminuito, non è migrato nel campo della NATO ma bensì nel campo “neutrale”.

Quindi il quadro reale è quello che i media non ti diranno: la Russia non vuole il Donbas e il Donbas, e forse anche l’Ucraina, non vuole la NATO.

Ipocrisia

I russi inoltre sentono pungere anche l’ipocrisia quando si tratta di Ucraina e Crimea. Indicano il Kosovo e Cuba.

Nel 2008, gli Stati Uniti hanno sostenuto la secessione del Kosovo nonostante le obiezioni della Russia, ma chiamano la secessione della Crimea una grave violazione del diritto internazionale da parte della Russia. “Di conseguenza“, dice Lukin, “la Russia vede la posizione dell’Occidente sulla Crimea. . . come nient’altro che un caso di estrema ipocrisia”.

Sakwa sottolinea in Frontline Ukraine che il Kosovo ha dichiarato unilateralmente l’indipendenza dalla Serbia senza nemmeno un referendum. Eppure “molti paesi occidentali, con gli Stati Uniti in testa, avevano riconosciuto l’indipendenza del Kosovo nonostante le ripetute risoluzioni delle Nazioni Unite a sostegno dell’integrità territoriale della Jugoslavia“.

Sakwa sottolinea anche che gli Stati Uniti nell’occasione hanno approvato “il famigerato parere consultivo della Corte internazionale di giustizia. . . che la dichiarazione di indipendenza del Kosovo «non ha violato il diritto internazionale generale». Perché ciò che è giusto per il Kosovo non è giusto per l’Ucraina?

E che dire delle truppe e delle armi della NATO che si spingono fino ai confini della Russia? Come risponderebbero gli Stati Uniti se la Russia piazzasse truppe e armi al confine con l’America? La dottrina Monroe ci dice chiaramente come gli Stati Uniti interpreterebbero l’invasione russa nella sfera americana. E la crisi dei missili cubani ci dice chiaramente come reagirebbero gli Stati Uniti alle truppe e alle armi russe al confine con l’America.

L’annessione della Crimea non è stato un atto da parte di Mosca né di espansione aggressiva o un intervento. Si è trattato della difesa di una linea rossa contro l’espansionismo statunitense che ha rotto le promesse fondamentali fatte dagli Stati Uniti e della NATO e un’azione contro un colpo di stato interventista sostenuto dagli Stati Uniti. La Russia non è stata disposta ad annettere il Donbas e, in Crimea, ha risposto alla volontà della maggioranza di essere annessa alla Federazione.

Gli Stati Uniti sono minacciati dall’attività russa perché la Russia ha tracciato la linea e non sta più svolgendo, come in precedenza, un ruolo sottomesso e cooperativo nell’ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti. Il confine orientale ucraino-russo è la linea su cui si combatte la battaglia dell’egemonia statunitense.

Ma i media occidentali non te lo dicono.

0Shares