Dom. Set 26th, 2021

Alain de Benoist: “La NATO non è cerebralmente morta. L’Europa lo è!”

Iscriviti alla newsletter del CeSEM

Intervista condotta da Nicolas Gauthier – place-armes.fr

Abbiamo già avuto modo di parlare della NATO, organizzazione che avrebbe dovuto logicamente essere sciolta contemporaneamente al Patto di Varsavia, poiché creata al solo scopo di resistere all’Unione Sovietica, oggi mancante. Ma non è stato così, poiché si è evoluta in una grande organizzazione di “difesa globale” che ora opera in tutto il mondo. Quali sono le sue priorità oggi?

Come tutti sanno, i suoi nemici designati oggi sono la Federazione Russa prima e la Cina secondariamente. La notizia è che con l’elezione di Joseph (“Joe”) Robinette Biden, il partito della guerra è tornato. Gli Stati Uniti hanno già ricominciato a bombardare la Siria, Putin è stato definito un “killer” da Biden e nuove sanzioni sono state appena adottate contro la Cina. Allo stesso tempo, è in corso una vasta offensiva propagandistica per “cementare la centralità del legame transatlantico”, vale a dire per far credere agli europei che i nemici degli americani sono necessariamente i loro. Torniamo al ricatto di protezione dell’era della Guerra Fredda: agli europei viene ordinato di allinearsi alle posizioni di Washington in cambio della protezione americana, e quindi di giurare fedeltà al comandante supremo delle forze alleate in Europa. Che è, come sempre, un generale americano. In breve: protettorato contro la vassalizzazione.

Questa è anche l’opinione dell’editoriale pubblicato recentemente sul mensile “Capital”, che è stata firmato da diversi alti ufficiali militari. Il minimo che si possa dire è che i suoi firmatari non usano mezzi termini, dal momento che affermano che la sovranità della Francia è direttamente minacciata dai piani della NATO …

La lettera aperta inviata a Jens Stoltenberg, Segretario generale della NATO, dai membri del Cercle de réflexion interarmées è infatti un vero e proprio atto d’accusa contro il progetto “NATO 2030”, che definisce le missioni dell’Organizzazione per i prossimi dieci anni. Questo progetto è descritto come un “monumento di pacifica malafede”, che ha il merito di essere chiaro. Ma dobbiamo andare oltre se vogliamo capire qual è la posta in gioco. Il fatto importante è che la dottrina della NATO si è evoluta costantemente negli ultimi anni verso l’integrazione della guerra nucleare in tutte le fasi della battaglia. Nel 2008, la NATO aveva già rifiutato di firmare il Patto di sicurezza europeo proposto da Mosca. Nel 2010, al vertice di Lisbona, la difesa missilistica antibalistica americana istituita in Europa aveva assunto un carattere chiaramente diretto contro il “nemico russo”. Dal 2015, i primi sistemi antimissili americani in confezioni da 24 lanciatori Mk 41, impiantati nei pressi di tutta la Russia, non erano più progettati per consentire solo il fuoco difensivo, ma anche il fuoco offensivo. Nel 2019, gli Stati Uniti hanno stracciato il Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF) firmato nel 1987 da Gorbaciov e Reagan. Proprio di recente, un gruppo di dieci esperti nominato da Stoltenberg, nel suo libro NATO 2030: United for a New Era, si è espresso a favore del dispiegamento in Europa di nuovi missili nucleari a medio raggio equipaggiati con bombe nucleari B61-12. Questo ci riporta al concetto di una “battaglia nucleare in avanti”. Ciò significa che il concetto di un attacco nucleare tattico teatrale è ancora una volta messo in opera e che la NATO ora vede l’Europa come il suo futuro campo di battaglia, con gli Stati Uniti, ovviamente, che rimangono gli unici padroni della marcia verso l’opzione nucleare.

Dichiarando, due anni fa, che la NATO era “in uno stato di morte cerebrale”, Emmanuel Macron aveva fatto scalpore, questa dichiarazione essendo stata interpretata come un appello agli europei a dotarsi di una difesa comune, che fosse autonoma. Apparentemente non è stato fatto.

Nell’intervista a cui alludi, Macron ha anche detto che “se accettiamo che altre grandi potenze, compresi gli alleati, compresi gli amici, si mettano nella posizione di decidere per noi, la nostra diplomazia, la nostra sicurezza, allora non possiamo essere più sovrani “. Il capo dello Stato aveva emesso parole d’oro. Ma sfortunatamente! ha appena giocato al pifferaio, poiché lo scoppio previsto non è avvenuto. Quando, nel 2009, Nicolas Sarkozy aveva deciso di tornare alla struttura militare della NATO, ha anche strombazzato che stava rimuovendo così un ostacolo all’instaurazione di una difesa europea. Era altrettanto illusorio. O altrettanto falso. Ancora più significativo: dopo le dichiarazioni di Donald Trump che hanno lasciato aleggiare lo spettro di un disimpegno di Washington, si sarebbe pensato che gli europei si sarebbero preoccupati più seriamente di provvedere alla propria sicurezza. È successo il contrario. Tutti i governi europei, al contrario, hanno gareggiato in gesti di fedeltà nella speranza di influenzare la posizione degli Stati Uniti. Tutti hanno preso d’assalto le offerte atlantiste su argomenti come la designazione della Cina e della Russia come nuovi nemici comuni, l’inclusione dello spazio tra i teatri delle operazioni della NATO o l’accesso degli Stati Uniti ai programmi europei di armamento. La stessa Francia si è finalmente allineata alle posizioni americane e non fa più sentire una voce originale su nessun argomento. Se così non fosse, inizierebbe dissociandosi dalle sanzioni contro la Russia e ristabilendo le sue relazioni diplomatiche con la Siria! Una difesa europea non sta per vedere la luce per il semplice motivo che la maggior parte degli Stati europei, a cominciare dalla Germania, non la vuole, non solo perché ritengono che sia troppo cara ma in quanto immaginano che i buoni sentimenti siano sufficienti per regolare i rapporti di forza, ma anche perché sanno benissimo che è impossibile difendere l’Europa senza prendere il posto della NATO, di cui è prerogativa. Come ha detto il generale Vincent Desportes, “più l’ombrello americano è un sogno irrealizzabile, più gli europei vi si aggrappano”. Mentre gli Stati Uniti hanno un budget militare di quasi 750 miliardi di dollari (contro meno di 70 miliardi per la Russia), i budget militari della maggior parte dei Paesi europei sono indigenti, questi stessi Paesi preferiscono inoltre acquistare aerei da guerra e sistemi balistici americani piuttosto che europei per favorire il complesso militare-industriale americano. Macron ha sbagliato molto a parlare di “morte cerebrale” riguardo alla NATO. La NATO non è affatto cerebralmente morta. È l’Europa che lo è, poiché si rifiuta di dotarsi dei mezzi di potere. Il generale Vincent Desportes lo dice anche senza mezzi termini: “La NATO è una minaccia per l’Europa”, prima di aggiungere che “il futuro dell’Europa è eurasiatico, non euroatlantico”. Ovviamente nessuno vuole riconoscerlo. Il risveglio sarà terribile.

Traduzione per il CeSEM di Stefano Vernole

Alain de Benoist: intellettuale, filosofo e politologo