Il Pakistan e l’Iran svilupperanno congiuntamente un piano di implementazione del gasdotto

Start

a cura della redazione di Pakistan Today

In uno sviluppo positivo, il Pakistan e l’Iran hanno deciso di sviluppare congiuntamente un piano di implementazione di consenso per il gasdotto naturale Iran-Pakistan (IP), ha riferito venerdì The news.

La decisione è arrivata dopo un incontro tra le due parti a Teheran, durante il quale Islamabad aveva chiesto un allentamento della scadenza di febbraio-marzo 2024 per evitare una penale di 18 miliardi di dollari per la mancata posa del gasdotto sul proprio territorio.

FONTE ARTICOLO

L’anno scorso l’Iran aveva chiesto al Pakistan di costruire parte del progetto di gasdotto sul suo territorio entro febbraio-marzo 2024 o di pagare una multa di 18 miliardi di dollari.

I negoziati sul piano inizieranno nelle prossime due o tre settimane.

Tuttavia, la scadenza iraniana per spostare l’arbitrato internazionale al settembre 2024 rimarrà in campo, lasciando così il tempo di esplorare le vie bilaterali.

Il ministro dell’Energia Muhammad Ali The news “Abbiamo avuto colloqui costruttivi a Teheran e il Pakistan ha rinnovato il suo impegno per il progetto.

“Abbiamo convinto il Paese vicino del nostro insufficiente regime energetico, per cui abbiamo anche intensificato i lavori sul progetto del gasdotto TAPI. La parte iraniana ci ha ascoltato con attenzione e ha accettato di aumentare gli impegni attivi per attivare il progetto IP”.

Durante i colloqui, la parte iraniana ha anche offerto di esportare più elettricità al Pakistan per Gwadar e Chaman e il primo ha accettato di prenderla in considerazione. Il Pakistan importa già 104 MW di elettricità dall’Iran.

Ali ha affermato che, a suo avviso, il Pakistan ha bisogno di più elettricità dall’Iran per Gwadar, ovviamente a una tariffa negoziata migliore. Sebbene la Cina stia installando a Gwadar una centrale elettrica a carbone da 300 MW importati, questa potrebbe non soddisfare il fabbisogno futuro.

“Una volta installata la rete nazionale a Gwadar, il Pakistan potrà utilizzare più elettricità iraniana per il suo uso nazionale”, ha dichiarato il ministro.

Alla domanda sul progetto del gas naturale e sulla questione delle sanzioni da 18 miliardi di dollari, il ministro dell’Energia ha risposto che entrambi i Paesi hanno deciso di esplorare i modi per realizzare il progetto.

La Pakistan Interstate Gas Systems e la National Iranian Natural Gas Company hanno firmato un accordo rivisto nel settembre 2019 per il gasdotto.

L’accordo prevedeva che l’Iran non si sarebbe rivolto ad alcun tribunale internazionale per eventuali ritardi fino al 2024, ma sarebbe stato libero di farlo in seguito. Il Pakistan non ha potuto costruire il gasdotto soprattutto a causa del rischio di sanzioni statunitensi che qualsiasi progetto con l’Iran avrebbe comportato.

Durante i colloqui, la parte iraniana ha sostenuto che non ci sarebbero state sanzioni da parte degli Stati Uniti, poiché già esportava gas in Azerbaigian e Turkmenistan, che non sono stati esposti a sanzioni. In questo scenario, lo stesso sarebbe positivo per il Pakistan.

Iscriviti alla nostra Newsletter
Enter your email to receive a weekly round-up of our best posts. Learn more!
icon

Tesserati!

MATERIALI CORSO ANALISTA GEOPOLITICO 2023

Il CeSE-M sui social

Naviga il sito

Progetto di Ricerca CeSE-M

Scenari di crisi

Tirocini Universitari

Partnership

Leggi anche