Mar. Gen 31st, 2023

GLI USA SOGNANO DI “DECOLONIZZARE” LA RUSSIA

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

A cura di Geopolitika.ru

Fonte dell’articolo: https://www.geopolitika.ru/it/article/gli-usa-sognano-di-decolonizzare-la-russia

Recentemente è stato pubblicato un curioso articolo di Luke Coffey, un ricercatore americano della Hudson University. La pubblicazione ha come titolo “Preparare il crollo finale dei sovietici”, riferendosi ovviamente alla Russia. La caduta del muro di Berlino nel 1989 e le dimissioni di Mikhail Gorbaciov da presidente dell’Unione Sovietica nel 1991 hanno segnato l’inizio del crollo dell’URSS, ma non il crollo stesso. Sebbene l’URSS abbia cessato di esistere come entità giuridica dopo il 1991, il crollo dell’URSS è ancora in atto oggi.

Le due guerre cecene, l’operazione della Russia in Georgia nel 2008, la restituzione della Crimea alla Russia nel 2014, le periodiche scaramucce di confine tra Kirghizistan e Tagikistan e la seconda guerra del Karabakh tra Armenia e Azerbaigian del 2020 sono solo alcuni esempi che dimostrano che “l’Unione Sovietica sta cadendo a pezzi ancora oggi”.

Coffey scrive che “gli storici probabilmente descriveranno l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022 come il momento più importante, se non quello finale, del crollo dell’Unione Sovietica. Non si sa quando finirà la guerra in Ucraina, ma è probabile che significhi il crollo della Federazione Russa (il successore dell’Unione Sovietica) così come è conosciuta oggi. La Russia ha indubbiamente subito un duro colpo alla sua economia, la distruzione del suo potenziale militare e l’indebolimento della sua influenza nelle regioni in cui un tempo aveva influenza. Probabilmente tra 10 o 20 anni i confini della Federazione Russa non avranno lo stesso aspetto di oggi su una mappa. Poiché la disintegrazione finale dell’Unione Sovietica è completata e la Federazione Russa si trova di fronte alla possibilità di disintegrazione, i politici devono iniziare a pianificare una nuova realtà geopolitica nel continente eurasiatico”.

In questo rapporto, il ricercatore descrive che la Russia continuerà a frammentarsi, proseguendo così la sua “disintegrazione”.  La disgregazione della Federazione Russa, sia di fatto che di diritto, potrebbe dividere la Russia dal punto di vista geopolitico. Questa ulteriore frammentazione non sarà probabilmente così diretta o “pulita” come la nascita di 15 nuovi Stati dopo la dissoluzione legale dell’URSS nel 1991. I politici dovrebbero presumere che l’ulteriore frammentazione della Russia sarà più simile alla Cecenia del 1994, ad esempio, che all’Estonia del 1991.

Tutto questo suona piuttosto strano e puzza di teorie della cospirazione. La teoria avanzata dallo storico Coffey non ha in realtà alcuna giustificazione concreta, piuttosto sembra essere solo una teoria che appare come una mera assunzione da parte di un gruppo di individui. Questo scenario è improbabile. Tuttavia, questi temi non sono rari tra gli storici americani.

I ricercatori americani spiegano la “disintegrazione della Federazione Russa” con i seguenti parametri. Nei prossimi 20-40 anni, la Federazione Russa potrebbe disintegrarsi come i suoi predecessori, l’Impero Russo e l’Unione Sovietica; i principali fattori di questo imminente collasso sono l’età di Putin, la mancanza di un erede competente, l’opposizione giovanile, il crescente separatismo delle minoranze, il declino economico e l’arretratezza. Ma per capire l’impatto di questi fattori è necessario comprendere alcuni dei contesti della condizione attuale della Russia.

Tuttavia, queste argomentazioni sono solo tesi, che non hanno alcun fondamento nei fatti. Ma queste teorie affondano le loro radici in idee precedenti avanzate da ricercatori stranieri come Brzezinski.

Brzezinski e i suoi seguaci

Brzezinski una volta disse che senza l’Ucraina, la Russia avrebbe cessato di essere un impero. È un’affermazione banale, ma non è vera. Anche se Vladimir Putin non riuscisse a reclamare l’Ucraina, il suo Paese rimarrebbe un’amalgama disordinata di regioni e nazioni con storie, culture e lingue estremamente diverse. “Il Cremlino continuerà a controllare i possedimenti coloniali in luoghi come la Cecenia, il Tatarstan, la Siberia e l’Artico”.

Durante e dopo il crollo dell’Unione Sovietica, quando l’Impero russo era al suo apice moderno, gli Stati Uniti si sono rifiutati di difendere l’indipendenza appena conquistata di diversi Stati post-sovietici, adducendo il timore mal riposto di umiliare Mosca. Incoraggiata dalla riluttanza dell’Occidente, Mosca ha iniziato a recuperare il terreno perduto. “Ora il revanscismo della Russia, favorito dalla nostra inazione e dalla generale ignoranza della storia dell’imperialismo russo, ha ravvivato la possibilità di un conflitto nucleare e ha provocato la peggiore crisi di sicurezza che il mondo abbia visto negli ultimi decenni. Una volta che l’Ucraina avrà impedito il tentativo di ricolonizzazione da parte della Russia, l’Occidente dovrà sostenere la completa libertà dei sudditi dell’impero russo”, è la visione degli attuali falchi statunitensi.

Gli Stati Uniti hanno già avuto l’opportunità di smantellare l’impero russo. Nel settembre 1991, mentre l’Unione Sovietica si stava disintegrando, il Presidente George H.W. Bush convocò il Consiglio di Sicurezza Nazionale. Nel periodo precedente l’incontro, la Casa Bianca è sembrata incerta su come comportarsi con la superpotenza in via di scissione. Alcuni dei più stretti consiglieri di Bush hanno persino invocato un tentativo di mantenere unita l’Unione Sovietica.

Il Segretario alla Difesa Dick Cheney non era tra questi. “Potremmo ancora avere un regime autoritario [in Russia]”, ha avvertito durante l’incontro. “La mia preoccupazione è che tra circa un anno, se le cose andranno male, come potremo rispondere che non abbiamo fatto di più”. Il suo obiettivo finale era chiaro: come scrisse in seguito il vice consigliere per la sicurezza nazionale Robert Gates, Cheney “voleva vedere il crollo non solo dell’Unione Sovietica e dell’Impero russo, ma della Russia stessa, in modo che non potesse mai più essere una minaccia per il resto del mondo”.

Bush ha controbattuto. Invece di accelerare il crollo dell’Unione Sovietica, ha cercato di evitare di inimicarsi Mosca, anche quando l’amministrazione del presidente Boris Eltsin ha iniziato a promuovere una posizione anti-ucraina. Per anni – mentre la Russia si stabilizzava e alla fine prosperava, e mentre Cheney presiedeva alcune delle decisioni di politica estera americana più disastrose degli ultimi decenni – molti hanno creduto che Bush avesse scelto una strategia migliore. L’Armageddon, come dice uno storico, è stato evitato.

Cambiare l’ordine mondiale

L’autorevole pubblicazione americana The Atlantic ha pubblicato la seguente posizione su ciò che sta accadendo nel 2022. “Nel 2022, quando Putin sta cercando di ricostruire l’impero russo disseminando l’Ucraina di cadaveri, la posizione di Bush sembra miope. Lui – e i politici americani dopo di lui – non hanno visto la fine dell’Unione Sovietica per quello che era: non solo la sconfitta del comunismo, ma anche la sconfitta del colonialismo. Invece di stroncare le aspirazioni imperiali della Russia quando ne avevano la possibilità, Bush e i suoi successori si sono limitati a guardare e a sperare per il meglio”. Come disse in seguito il consigliere per la sicurezza nazionale di Bush, Brent Scowcroft, a proposito del crollo dell’Unione Sovietica: “Alla fine, non abbiamo preso alcuna posizione. Abbiamo lasciato che le cose accadessero”.

La “decolonizzazione della Russia” non richiederebbe necessariamente il suo completo smantellamento, come suggerito da Cheney. Gli Stati Uniti hanno interesse a cambiare la politica interna della Russia con la scusa di maggiori diritti per i cittadini delle regioni. Ma anche i Paesi vicini lo sono. “Per quanto la decolonizzazione della Russia sia importante per i territori che occupava in passato, la rielaborazione della sua storia è fondamentale anche per la sopravvivenza della Russia all’interno dei suoi attuali confini”, hanno scritto di recente Botakoz Kasymbekova ed Erika Marat.

Il giornalista americano Michael Casey ha scritto un articolo sul Wall Street Journal sulla “Decolonizzazione della Russia”, in cui espone i seguenti punti: “Tuttavia, finché l’impero di Mosca non sarà rovesciato, la regione – e il mondo – non saranno al sicuro. E la Russia non lo farà. Scrive che l’Europa rimarrà instabile e gli ucraini, i russi e tutti i popoli colonizzati costretti a combattere per il Cremlino continueranno a morire. “La Russia non ha modo di andare avanti con Putin e non ha modo di andare avanti senza affrontare il suo passato e presente imperiale”, ha twittato l’analista Anton Barbashin. “Rinunciare all’impero e cercare di prosperare o aggrapparsi ad esso e continuare a degradarsi”. Ma tutto questo sembra essere solo la spada di un giornalista, che si basa solo sulle sue ipotesi.

Sempre nel suo articolo Casey ha detto un’altra frase: “La Russia ha condotto la più grande guerra che il mondo abbia visto negli ultimi decenni, tutto al servizio dell’impero”. Per evitare il rischio di altre guerre e di altri insensati spargimenti di sangue, il Cremlino deve perdere l’impero che ancora conserva. Il progetto di decolonizzazione della Russia deve essere finalmente completato. Qui si può notare la profonda antipatia e l’evidente soggettivismo dell’autore. Si può anche citare la politica statunitense dei due pesi e delle due misure. Quando l’amministrazione statunitense ha partecipato al bombardamento della Jugoslavia nel 1999 e ha condotto operazioni speciali in Iraq e Afghanistan, non è stata considerata una guerra devastante.

L’amministrazione statunitense prende sempre e solo le decisioni che le fanno comodo. Gli alleati possono rivoltarsi contro il nemico in un batter d’occhio se dicono il contrario, il che è l’opposto della posizione americana.

Da ciò possiamo trarre le seguenti conclusioni. L’unico obiettivo del Dipartimento di Stato americano è sempre stato quello di indebolire l’influenza della Russia nel mondo, distruggere la sua economia e dividerla in parti. Questo è il ragionamento alla base delle teorie e delle argomentazioni. L’Occidente convincerà il mondo intero che la Russia è sull’orlo della catastrofe ad ogni occasione, un conflitto imminente, ma ogni volta che qualcosa non va secondo i loro piani.

0Shares