Mar. Dic 6th, 2022

https://www.leader.ir/fa/pictures/album/2504/grid?img=72797_300.jpg

IL MONDO SI STA AVVICINANDO A UN NUOVO ORDINE IN CUI GLI STATI UNITI SARANNO ISOLATI E L’ASIA SALIRÀ AL POTERE

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

ARTICOLO ORIGINALE IN LINGUA INGLESE

Mercoledì 2 novembre, il leader della rivoluzione islamica, l’Imam Khamenei, ha incontrato centinaia di studenti nell’Imam Khomeini Hussainiyah. Questo incontro si è tenuto in occasione della Giornata nazionale degli studenti e della Giornata nazionale della lotta contro l’arroganza globale e l’imperialismo che si celebrano il 13 di Aban (4 novembre).

Nel descrivere il 13 di Aban come una giornata storica ed educativa, Khamenei ha affermato: “L’atteggiamento degli americani verso questo giorno importante – insieme ai suoi incontri congeniali e unificanti – è quello di rabbia e frustrazione, perché questo giorno è sia l’incarnazione dei mali degli Stati Uniti e l’incarnazione e la prova della vulnerabilità dell’America e della possibilità della sua sconfitta”.

Ricordando gli eventi storici del 13 di Aban, il Leader della Rivoluzione ha fatto riferimento al discorso di denuncia e all’esilio dell’Imam Khomeini del 4 novembre 1964, aggiungendo: “l’Imam Khomeini non tollerava la legge che prevedeva che decine di migliaia di americani stanziati in Iran fossero immuni dalle conseguenze giudiziarie dei loro crimini. Questa legge è stata approvata per ordine diretto di Mohammad Reza Pahlavi al Parlamento di quel giorno. È stato a causa di questa disapprovazione che [Imam Khomeini] è stato esiliato”.

L’Imam Khamenei ha anche raccontato dell’uccisione di un certo numero di studenti avvenuta davanti all’Università di Teheran il 4 novembre 1978, così come l’attacco degli studenti all’ambasciata americana il 4 novembre 1979. “Durante quell’attacco, molti documenti furono scoperti; documenti che hanno rivelato i molti atti di tradimento, interferenze e furti di risorse iraniane da parte del governo americano durante il periodo del regime tirannico, nonché le loro varie cospirazioni contro la rivoluzione islamica.

Il Leader ha etichettato come una grande bugia l’insistenza degli Stati Uniti sul fatto che l’inizio della disputa tra la nazione iraniana e gli Stati Uniti fosse dovuto all’attacco allo Spy Den (ambasciata americana). Ha detto a tal riguardo: “Questa disputa iniziò il 19 agosto 1953, quando gli Stati Uniti, con l’aiuto dell’Inghilterra, rovesciarono il governo nazionale di Mosaddeq organizzando un colpo di stato riprovevole. Mosaddeq non era né un “hujjat ul-islam” [chierico], né affermava di volere l’Islam. Il suo unico crimine è stato aver detto che il petrolio iraniano dovrebbe essere nelle mani della nazione iraniana, non degli inglesi. Tuttavia, a causa dei loro interessi, neppure gli americani potevano tollerare questa persona. Contrariamente alle aspettative di Mosaddeq – cioè che gli Stati Uniti lo avrebbero aiutato. – lo hanno pugnalato alle spalle e lo hanno rovesciato spendendo denaro, con l’aiuto di un certo numero di traditori e teppisti.

L’Imam Khamenei ha continuato, poi, descrivendo le parole degli attuali politici americani sul sostegno alla nazione iraniana come il culmine della spudoratezza e dell’ipocrisia: “C’è qualcosa che avete avuto la capacità di fare contro la nazione iraniana negli ultimi quattro decenni, che non avete fatto? Se non vi siete impegnati in una guerra militare diretta, è stato perché non potevate farlo o perché avevate paura della gioventù iraniana”.

Nell’esaminare i crimini e le cospirazioni cui gli Stati Uniti hanno preso parte in seguito alla vittoria della Rivoluzione, l’Imam Khamenei ha fatto riferimento: al sostegno di Washington ai gruppi separatisti all’inizio della Rivoluzione, al tentativo di colpo di stato alla base dell’esercito Nojeh Base ad Hamedan, il loro sostegno al terrorismo cieco dell’MKO che ha portato all’uccisione di migliaia di martiri in tutto il paese, il loro sostegno al brutale Saddam Hussain durante la guerra imposta dall’Iraq all’Iran, gli attacchi missilistici statunitensi e l’abbattimento del’aereo passeggeri iraniano nei cieli del Golfo Persico che ha provocato la morte di oltre 300 persone e la loro condotta spudorata in onore del capitano di marina che ha abbattuto questo aereo passeggeri, le loro sanzioni alla nazione iraniana dal primo anno della Rivoluzione, imponendo severe sanzioni a livelli massimi a cui la storia abbia mai assistito negli ultimi anni, così come il loro sostegno ai disordini e alla sedizione in Iran.

L’Imam Khamenei ha detto: “Prima della sedizione nel 2009, Obama ci ha scritto una lettera amichevole, ma in seguito gli americani hanno dichiarato apertamente il loro sostegno ai sedizionisti nella speranza che potessero distruggere la Repubblica islamica in questo modo“.

Il Leader della Rivoluzione ha anche fatto riferimento all’atto criminale di assassinare il martire Soleimani e i suoi compagni. Rivolgendosi agli americani, ha dichiarato: “Voi americani avete apertamente dichiarato di aver ucciso il nostro impavido generale. L’avete ucciso e ne siete orgogliosi e avete annunciato di aver dato gli ordini. Il martire Soleimani non era solo un eroe nazionale. Era l’eroe della regione. Il martire Soleimani ha svolto un ruolo importante e senza precedenti nella risoluzione dei problemi di diversi paesi della regione. Avete martirizzato questo grande uomo e i suoi compagni: il martire Abu Mahdi al-Muhandis e molti altri. Non dimenticheremo mai il martirio del martire Soleimani. Abbiamo detto cose su questo e manteniamo la nostra parola. Accadrà al momento giusto, nel posto giusto, a Dio piacendo”.

Rivolgendosi ai funzionari statunitensi, ha aggiunto: “Avete sostenuto coloro – i sionisti – che hanno assassinato i nostri scienziati nucleari. Congelando miliardi di dollari dei beni della nazione iraniana negli Stati Uniti e in altri paesi, avete negato al popolo iraniano l’uso dei propri beni per ridurre i propri problemi. Le vostre impronte digitali possono essere viste nella maggior parte degli eventi anti-iraniani. E poi mentite con assoluta insolenza e spudoratezza, affermando di entrare in empatia con la nazione iraniana? Naturalmente, la nazione iraniana, avendo la meglio su di voi, ha contrastato molte di queste inimicizie“.

Il Leader della Rivoluzione ha anche indicato i segni del declino degli Stati Uniti. “I segni di questo evidente declino possono essere visti nei problemi interni senza precedenti dell’America in campo economico, sociale e morale, così come nei conflitti interni e nelle divisioni sanguinolente all’interno degli Stati Uniti“.

L’Imam Khamenei ha considerato un ulteriore segno del declino dell’America l’errore di calcolo degli affari mondiali. “Un esempio di questo errore di calcolo è stato l’attacco degli Stati Uniti all’Afghanistan 20 anni fa per sradicare i talebani. Questo attacco è stato accompagnato da un gran numero di crimini e omicidi. Tuttavia, a causa delle delusioni circa i problemi, sono stati costretti a lasciare l’Afghanistan dopo 20 anni, consegnando il paese ai talebani“.

Ha anche aggiunto che l’attacco statunitense all’Iraq e il mancato raggiungimento degli obiettivi desiderati è stato un altro esempio dell’errore di calcolo degli americani. “Fin dall’inizio, gli americani hanno cercato di insediare individui americani o persone a loro carico. L’attuale situazione in Iraq e la presenza di politici iracheni ai vertici elettorali non è mai stata intesa da loro. Ma anche qui hanno fallito.

L’Imam Khamenei ha anche indicato i tentativi falliti degli Stati Uniti in Siria e Libano, specialmente durante la recente questione della determinazione dei confini dei giacimenti di gas marittimi, come altri esempi di fallimenti calcolati male e ha aggiunto: “Un segno del declino dell’America è l’elezione di persone come il attuale e l’ex presidente. Nel mandato precedente, uno come Trump che il mondo considera pazzo, e dopo essere stato sconfitto, un uomo come quello attuale sale al potere, un uomo di cui tutti conoscono la condizione”.

Il Leader ha proseguito parlando dell’ovvio ruolo giocato dei nemici dell’Iran nei disordini che si sono verificati nel Paese nelle ultime settimane: “Gli eventi che hanno avuto luogo in queste ultime settimane non sono stati solo disordini di strada. Erano trame dettagliate. Il nemico ha iniziato la guerra ibrida. Il nemico, vale a dire gli Stati Uniti, il regime sionista, alcune potenze europee insidiose e maligne e alcuni gruppi, sono venuti sulla scena con tutte le loro capacità”.

L’imam Khamenei ha denunciato l’attacco terroristico al santuario di Shahcheragh [a Shiraz] e l’uccisione di persone e bambini innocenti come un crimine efferato. “Cosa avevano fatto i ragazzi della scuola martirizzati in questo incidente per meritarsi questo? Il ragazzo che ha perso il padre, la madre e il fratello in questo atto criminale e ha subito un dolore così immenso, cosa ha fatto per meritarsi questo? Il giovane, pio e religioso studente, il nostro caro Arman, che è stato martirizzato mentre veniva torturato e il suo corpo senza vita è stato abbandonato per le strade di Teheran, cosa ha fatto per meritarsi questo?

L’imam Khamenei ha anche criticato i cosiddetti sostenitori dei diritti umani per il loro silenzio dopo l’attacco terroristico, affermando: “Perché non hanno condannato l’incidente di Shiraz? Perché ripetono una falsa affermazione migliaia di volte sulle loro piattaforme su Internet, ma vietano il nome di “Arsham” [uno dei bambini vittime dell’attacco terroristico]? Questi cosiddetti sostenitori sono veri sostenitori dei diritti umani?

Il Leader della Rivoluzione ha anche fatto riferimento ai segni del cambiamento nell’ordine mondiale e all’emergere di un nuovo ordine mondiale. “Le dimensioni e la natura del nuovo ordine non sono esattamente note, ma la sua disposizione può essere disegnata. La prima linea fondamentale del nuovo ordine è “l’isolamento degli Stati Uniti”. A differenza del passato, quando gli americani si consideravano l’unica potenza dominante al mondo, gli USA non hanno una posizione importante nel nuovo ordine e sono isolati. Non avrà altra scelta che smettere di interferire in varie parti del mondo”.

Nelle sue osservazioni conclusive, l’Ayatollah Khamenei ha affermato: “È stata la Rivoluzione islamica a risvegliare i giovani, sia durante la rivolta, nell’ultimo anno di questa quando i giovani sono entrati in scena su istruzioni dell’Imam Khomeini, sia dopo la rivolta, fino ad oggi. I nostri giovani crescono ogni giorno. Per neutralizzare lo stato della nostra giovinezza, il nemico ha iniziato a creare contenuti che prendono di mira le menti dei nostri giovani. La grande quantità di bugie prevalenti sulle piattaforme di social media è il risultato di ciò. È necessario creare contenuti che contengano informazioni veritiere e corrette e trasmetterle ai giovani prima che il nemico crei contenuti falsi, fuorvianti e pieni di bugie“.

0Shares