Lun. Ott 3rd, 2022

Vale la pena leggere il Manifesto Rivoluzionario Globale di Putin per comprendere la grande strategia russa

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Andrew Korybko

ARTICOLO ORIGINALE IN LINGUA INGLESE

La Russia post-sovietica non aveva mai avuto intenzione di farlo ma ora sta seguendo le orme rivoluzionarie globali del suo predecessore comunista; azioni che parlano di una tendenza intrigante connessa al ruolo storico di questa civiltà-stato nelle relazioni internazionali.

Il presidente Putin ha condiviso il suo manifesto rivoluzionario globale durante un discorso alla sessione plenaria del forum “Idee forti per un nuovo tempo”.

Il leader russo ha inveito contro l’ingiustizia della teoria del Golden Billion che ha dominato le relazioni internazionali fino a questo punto, ma ha predetto con sicurezza che la loro egemonia unipolare sta declinando irreversibilmente in seguito all’inizio dell’operazione militare speciale condotta dalla Russia in Ucraina. 

Quell’ordine mondiale razzista e neocoloniale, come lo ha giustamente descritto, sta rapidamente diventando una reliquia del passato mentre stati genuinamente sovrani si stanno sollevando per distruggere il sistema sovranazionale dell’élite occidentale che vuole controllare altri paesi per procura.

Il risultato che emerge, ha detto il presidente Putin, è che l’Africa, l’Asia e soprattutto l’India non saranno più derubate come lo sono state già da secoli.

Le argomentazioni di Putin hanno anche fatto eco alla conclusione cui era giunto il Ministro degli Esteri Lavrov alla fine del mese scorso secondo la quale l’Occidente ha paura di Paesi come la Russia poiché difendono la propria sovranità, consentendo loro di proteggere i propri modelli nazionali di sviluppo, anche nella sfera socioculturale, economica e politica. 

Il Centro Studi Eurasia e Mediterraneo propone ai suoi lettori la traduzione degli articoli più interesanti scritti da Andrew Korybko, stimato analista geopolitico.

Il leader russo ha poi concluso la parte più rilevante del suo intervento osservando che “Senza dubbio, una società civile responsabile, attiva, di mentalità nazionale e orientata a livello nazionale è la componente più importante della sovranità“, che è il nobile obiettivo per cui il suo Paese si batte.

Tutto ciò è fondamentale da tenere a mente poiché riflette la grande strategia in evoluzione della Russia alla luce delle condizioni internazionali drammaticamente cambiate determinate dall’operazione militare speciale in Ucraina che è stata costretta a iniziare per difendere l’integrità delle linee rosse della sua sicurezza nazionale. 

Riconoscendo quanto sia stata controproducente la risposta dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti contro il suo paese rispetto ai propri interessi oggettivi, il presidente Putin sembra aver deciso che ora è il momento perfetto per infliggere un colpo mortale alla loro élite sovranazionale al fine di liberare finalmente il resto della il mondo dal loro giogo.

Finora la Cina aveva assunto questo ruolo in modo informale, anche se indirettamente e attraverso mezzi puramente economici collegati alla serie di megaprogetti mondiali della sua Belt & Road Initiative (BRI), ma ora la Russia sta andando ancora oltre dopo essere stata letteralmente costretta a sostenere in modo sostenibile l’integrità delle sue linee rosse di sicurezza nazionale. Niente di meno che rivoluzionare veramente le Relazioni Internazionali rendendole genuinamente multipolari sarà sufficiente a garantirne gli interessi oggettivi. 

Mentre la Cina stava gradualmente portando avanti questo obiettivo attraverso la BRI, che per impostazione predefinita poneva determinati limiti su quanto veloce e lontano potesse andare, la Russia sta impiegando un kit di strumenti ibrido composto da mezzi economici, militari e politici.

La Russia post-sovietica non aveva mai avuto intenzione di farlo, ma ora sta seguendo le orme rivoluzionarie globali del suo predecessore comunista, che parla di una tendenza intrigante connessa al ruolo storico di questa civiltà-stato nelle relazioni internazionali. 

In virtù della sua vasta dimensione, della sua popolazione cosmopolita (che la impregna di creatività illimitata) e della difesa coerente della sovranità statale, la Russia è sempre stata in prima linea nel plasmare le tendenze globali, fatto che il più delle volte l’ha portata a lottare per riformare il mondo sistema per renderlo più equo, equo e giusto. 

Tale è lo stato delle cose ai giorni nostri, dove la Russia è tornata ad essere la principale forza rivoluzionaria del mondo.

0Shares