Mar. Gen 31st, 2023

Reazioni della Repubblica Popolare Cinese alla visita a Taiwan della Presidente della Camera dei Rappresentanti Usa Nancy Pelosi

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

Centro Studi Eurasia e Mediterraneo

Phoenix TV: Il 5 agosto, il Segretario di Stato americano Antony Blinken, il Ministro degli Esteri australiano Penny Wong e il Ministro degli Esteri giapponese Hayashi Yoshimasa hanno rilasciato una dichiarazione congiunta dopo aver tenuto un dialogo strategico trilaterale. “Non vi è alcun cambiamento nelle rispettive politiche di una sola Cina, ove applicabili, e nelle posizioni di base su Taiwan di Australia, Giappone e Stati Uniti”, si legge nella dichiarazione. Una formulazione simile si trovava nella dichiarazione rilasciata in precedenza dai ministri degli Esteri del G7 e dall’Alto rappresentante dell’UE la scorsa settimana. Qual è il commento della Cina?

Wang Wenbin: Il principio di una sola Cina è un consenso internazionale consolidato e una norma di base ampiamente accettata nelle relazioni internazionali. Fa parte dell’ordine mondiale del secondo dopoguerra ed è affermato nella risoluzione 2758 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. È il fondamento politico per l’istituzione e lo sviluppo delle relazioni diplomatiche tra la Cina e i Paesi del mondo. L’Ufficio degli Affari legali del Segretariato delle Nazioni Unite ha sottolineato nei suoi pareri legali che “le Nazioni Unite considerano “Taiwan” come una provincia della Cina senza uno status separato”. Alcuni Paesi hanno aggiunto unilateralmente precondizioni e clausole alla politica di una sola Cina nel tentativo di distorcere, falsare e svuotare il loro impegno di una sola Cina. Questo è illegale, nullo e non valido. La Cina è fermamente contraria.

La definizione del principio dell’unicità della Cina è chiarissima: esiste una sola Cina al mondo, Taiwan fa parte della Cina e il governo della Repubblica Popolare Cinese è l’unico governo legale che rappresenta l’intera Cina. L’applicabilità di questo principio è universale, incondizionata e indiscutibile. Tutti i Paesi che intrattengono relazioni diplomatiche con la Cina e tutti gli Stati membri dell’ONU dovrebbero aderire incondizionatamente al principio di una sola Cina e seguire le indicazioni della Risoluzione 2758 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Quello che hanno fatto alcuni singoli Paesi è essenzialmente un tentativo di travisare e distorcere il principio di una sola Cina. Si tratta in effetti di una sfida ai principi fondamentali del diritto internazionale e alle norme di base che regolano le relazioni internazionali. Si tratta anche di una sfida all’ordine mondiale del secondo dopoguerra.

Una persona senza credibilità non ha posto nella società; e un Paese che perde la propria credibilità vacilla. Esortiamo alcuni Paesi ad assicurarsi di leggere la storia, di rispettare gli impegni che hanno seriamente preso nero su bianco e di riconoscere quanto sia pericoloso e dannoso agire in malafede e giustificare le forze separatiste “indipendentiste di Taiwan”. I tentativi di sfidare il principio di una sola Cina, lo Stato di diritto internazionale e l’ordine internazionale sono destinati a essere respinti dalla comunità internazionale e a non portare a nulla.

Bloomberg: Vorrei solo chiarire, il gruppo ASEAN ha appoggiato la Cina sulle recenti azioni di Taiwan? Lo chiedo perché anche Antony Blinken cita l’ASEAN a sostegno della posizione degli Stati Uniti. Mi chiedevo se potesse chiarire un po’ la risposta dell’ASEAN, nello specifico, alle recenti azioni della Cina a Taiwan.

Wang Wenbin: Sono felice di condividere con voi alcuni dettagli a questo proposito.

I ministri degli Esteri dell’ASEAN hanno rilasciato una dichiarazione sugli sviluppi dello Stretto ribadendo il loro impegno a favore della politica di una sola Cina.

Il portavoce del Ministero degli Affari Esteri del Laos ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma quanto segue: La Repubblica Democratica Popolare del Laos riafferma la sua politica coerente di sostegno alla “Politica di una sola Cina” e che Taiwan è una parte inalienabile della Cina, e si oppone a qualsiasi intenzione volta a creare una situazione di “due Cina” o “una Cina, una Taiwan”. La Repubblica Popolare Cinese ribadisce il proprio sostegno alla politica del Governo della Repubblica Popolare Cinese sulla riunificazione nazionale con mezzi pacifici.

Il Ministro degli Esteri cambogiano Prak Sokhonn ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno recentemente violato la sovranità della Cina, rinnegato la loro stessa promessa e acuito la tensione attraverso lo Stretto di Taiwan, mettendo in luce l’incapacità di Washington di far corrispondere alle parole i fatti e la sua natura egemonica. La Cambogia sostiene gli sforzi della Cina per salvaguardare i propri diritti e interessi legittimi e rispondere con fermezza alle mosse provocatorie degli Stati Uniti.

Il ministro degli Esteri di Singapore Vivian Balakrishnan ha dichiarato, durante i colloqui con il consigliere di Stato e ministro degli Esteri Wang Yi a margine degli incontri dei ministri degli Esteri della cooperazione per l’Asia orientale, che Singapore ha una politica chiara e coerente di “Una sola Cina” e si oppone all’indipendenza di Taiwan e a qualsiasi mossa unilaterale per cambiare lo status quo.

L’inviato speciale del primo ministro malese in Cina ha rilasciato una dichiarazione in cui esorta le nazioni occidentali a non adottare due pesi e due misure, cercando di paragonare Taiwan all’Ucraina. “Da un lato condannano l’aggressione della Russia all’Ucraina… ma dall’altro intendono interferire negli affari interni della regione dello Stretto di Taiwan”, ha dichiarato. Questi atti sono esempi tipici dell’uso della democrazia come pretesto per interferire e violare la sovranità di altri Paesi, in violazione dei principi fondamentali del diritto internazionale.

In realtà, non solo i Paesi dell’ASEAN, ma più di 170 Paesi della comunità internazionale hanno espresso, con vari mezzi, un convinto sostegno alla Cina sulla questione di Taiwan. Essi costituiscono una maggioranza schiacciante rispetto agli Stati Uniti e ai suoi pochi seguaci.

China Daily: Secondo quanto riportato, il 6 agosto un portavoce della Casa Bianca ha dichiarato che le attività della Cina all’interno e intorno allo Stretto di Taiwan rappresentano un’escalation significativa dei suoi sforzi per cambiare lo status quo e sono provocatorie e irresponsabili. Ha qualche commento da fare?

Wang Wenbin: L’errata caratterizzazione di questi eventi da parte degli Stati Uniti non copre un fatto evidente: sono gli Stati Uniti che cercano di cambiare lo status quo nello Stretto di Taiwan e che hanno provocato un’escalation della situazione; sono gli Stati Uniti che hanno compiuto provocazioni sconsiderate; sono gli Stati Uniti che hanno agito in modo irresponsabile. 

Da quattro mesi a questa parte, la Cina ha ripetutamente chiarito agli Stati Uniti, attraverso molteplici canali e a vari livelli, la nostra posizione rigida sulla visita di Pelosi nella regione di Taiwan. Abbiamo sottolineato che tale visita violerebbe gravemente il principio di una sola Cina e i tre comunicati congiunti sino-statunitensi e costituirebbe una grave escalation delle provocazioni statunitensi. Abbiamo anche chiarito che la Cina non rimarrà inattiva in caso di tale visita; che gli Stati Uniti non devono nutrire alcuna illusione o fare calcoli sbagliati al riguardo; e che tutte le conseguenze che ne deriveranno saranno a carico degli Stati Uniti. La Cina ha tentato in tutti i modi di mettere in guardia sulle conseguenze di tale visita. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno scelto di seguire una linea d’azione sbagliata, ignorando la dissuasione e gli avvertimenti della Cina. Come ha detto il Consigliere di Stato e Ministro degli Esteri Wang Yi, quanto è accaduto è stato orchestrato e provocato dagli Stati Uniti e il contesto, la causa e il corso degli eventi sono chiarissimi. La Cina ha adottato contromisure legittime solo dopo la provocazione degli Stati Uniti. Le nostre contromisure sono volte a sostenere la sovranità e la sicurezza della Cina e sono coerenti con il diritto internazionale e con il diritto interno cinese. Gli Stati Uniti hanno imboccato una strada sbagliata che si discosta dal principio di una sola Cina, eppure accusano la Cina di aver inasprito la situazione. È una logica da gangster.

Devo sottolineare che le risolute contromisure della Cina contro la visita di Pelosi non sono solo un passo necessario per difendere la propria sovranità e integrità territoriale, ma anche una mossa legittima per salvaguardare le norme fondamentali che regolano le relazioni internazionali e l’ordine internazionale stabilito dopo la seconda guerra mondiale. Il principio di una sola Cina è stato riconosciuto dalle Nazioni Unite e dalla stragrande maggioranza dei Paesi del mondo, è diventato una norma di base ampiamente accettata nelle relazioni internazionali e costituisce una parte importante dell’ordine mondiale del secondo dopoguerra. Sostenere con determinazione il principio di una sola Cina e respingere con fermezza i tentativi di aggiustare e svuotare la politica di una sola Cina significa sostenere inequivocabilmente il principio di non ingerenza negli affari interni degli altri Paesi e il principio del diritto internazionale di rispettare la sovranità e l’integrità territoriale dei Paesi. Per molto tempo, in nome della democrazia e dei diritti umani, gli Stati Uniti hanno interferito in modo sconsiderato negli affari interni dei Paesi in via di sviluppo e hanno lanciato interventi militari e aggressioni contro di loro. Ciò rappresenta la più grande minaccia alla sicurezza regionale e internazionale. Opponendoci fermamente alle provocazioni degli Stati Uniti sulla questione di Taiwan, diciamo no alla prepotenza e alla prepotenza degli Stati Uniti, proteggiamo la pace tra le due sponde dello Stretto e la stabilità regionale e sosteniamo l’equità e la giustizia internazionali.

Le misure legittime della Cina hanno ottenuto un ampio sostegno da parte della comunità internazionale. Più di 170 Paesi nel mondo hanno espresso il loro forte sostegno alla Cina per il mantenimento della sua sovranità e del principio di una sola Cina. Essi superano di gran lunga gli Stati Uniti e i loro pochi sostenitori. Se gli Stati Uniti continueranno ad agire in modo sconsiderato e arbitrario sulla questione di Taiwan, né il popolo cinese, né i popoli di tutto il mondo diranno di sì. 


Wang Yi: su questione Taiwan gli Stati Uniti hanno commesso triplice errore

http://www.italian.people.cn/n3/2022/0808/c416703-10132586.html

Durante la sua visita in Bangladesh il 7 agosto 2022, ora locale, il Consigliere di Stato e Ministro cinese degli Esteri, Wang Yi, in risposta alla recente situazione e agli irragionevoli sofismi degli Stati Uniti, ha sottolineato che questi ultimi hanno commesso un triplice errore riguardo alla visita della Pelosi a Taiwan.

Gli Stati Uniti hanno, in primo luogo, interferito in modo violento negli affari interni della Cina. In secondo luogo hanno sostenuto le forze dell'”indipendenza di Taiwan” e, in terzo luogo, hanno deliberatamente minato la pace nello Stretto di Taiwan.

Wang Yi ha sottolineato poi che il principio di non interferenza negli affari interni è la “regola d’oro” delle relazioni tra Stati e lo “scudo protettivo” dei Paesi in via di sviluppo per salvaguardare la loro sovranità e sicurezza. Egli ha aggiunto che la Cina ringrazia tutti i Paesi che hanno espresso comprensione e sostegno alla sua posizione. In un momento in cui le pratiche di prepotenza unilaterale sono dilaganti, la comunità internazionale dovrebbe forgiare un consenso più chiaro e far sentire una voce più forte per sostenere congiuntamente le norme fondamentali delle relazioni internazionali e del diritto internazionale, e salvaguardare congiuntamente i diritti e gli interessi legittimi di tutti i Paesi in via di sviluppo.


Il Ministero degli Affari Esteri annuncia contromisure in risposta alla visita di Nancy Pelosi a Taiwan

In barba alla forte opposizione e alle serie rimostranze della Cina, la presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha visitato la regione Taiwan di Cina. Il 5 agosto, il Ministero degli Affari Esteri ha annunciato le seguenti contromisure in risposta:

1. Annullamento del colloquio Cina-Stati Uniti tra comandanti di teatro.

2. Annullamento dei colloqui di coordinamento della politica di difesa tra Cina e Stati Uniti (DPCT).

3. Annullamento delle riunioni dell’Accordo consultivo militare marittimo (MMCA) tra Cina e Stati Uniti.

4. Sospensione della cooperazione Cina-Stati Uniti sul rimpatrio degli immigrati clandestini.

5. Sospensione della cooperazione Cina-Stati Uniti sull’assistenza legale in materia penale.

6. Sospensione della cooperazione Cina-Stati Uniti contro i crimini transnazionali.

7. Sospensione della cooperazione Cina-Stati Uniti in materia di lotta agli stupefacenti.

8. Sospensione dei colloqui Cina-Stati Uniti sul cambiamento climatico.

0Shares