Mar. Ago 16th, 2022

“La NATO minaccia la Francia, la civiltà occidentale e tutte le forme di civiltà”

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

Intervista a Lucien Cerise a cura di Observateur Continental

Lucien Cerise, ricercatore in ingegneria sociale, risponde alle domande di Observateur Continental sulla NATO in occasione della nuova edizione del suo libro sulla guerra ibrida della NATO in Ucraina.

Come valuta le differenze della guerra ibrida della NATO tra il 2017 e oggi in Ucraina?

Lucien Cerise: L’esercito russo ha deciso di spostare i termini del dibattito lanciando un’operazione convenzionale, simmetrica e a porte aperte, ponendo così fine alla guerra ibrida della NATO in Ucraina.

La guerra ibrida si basa essenzialmente su forze per procura, o “proxy“, paramilitari e terroristiche, false rivoluzioni o “rivoluzioni colorate” che sono però veri colpi di stato, armi non convenzionali, biologiche o di altro tipo, furtività, astuzia, segretezza, bugie, complicità mediatica e militarizzazione dei civili, a volte a loro insaputa.

L’esercito russo ha deciso di porre fine a questa forma subdola e indiretta di guerra lanciata in Ucraina dal 2013 e alla rivoluzione colorata Euromaidan.

Da parte sua, la NATO continua con gli imbrogli, con una messa in scena morbosa come quella di Boutcha o sull’Isola dei Serpenti, e l’uso dei civili come scudi umani o “attori di crisi”.

Cosa segna l’intervento russo in Ucraina per la globalizzazione sulla scacchiera geopolitica?

L’Occidente non è più al centro della scacchiera.

Una pagina nella storia del mondo sta girando.

La NATO non fa più paura, perché vediamo le sue deboli capacità reali di fronte a un esercito serio. George Bush Sr. annunciò nel 1992 l’avvento del nuovo ordine mondiale dopo la caduta dell’URSS.

Questa parentesi è durata circa trent’anni.

Perché i media occidentali chiedono ai francesi di sostenere l’Ucraina?

I media occidentali sono militarizzati per svolgere operazioni psicologiche rivolte al grande pubblico.

Le reti di azione clandestina della NATO – quelle che una volta si chiamavano reti Gladio – integrano due tipi di agenti operativi: sul terreno, ci sono paramilitari e terroristi (Daesh, al-Qaeda, reggimento Azov, ecc.), mentre nei media, ci sono reti di agenti dormienti civili, giornalisti ed esperti di televisione, la cui missione è sostenere il morale delle truppe, in modo da creare un sostegno popolare per questi paramilitari e terroristi presentandoli come vittime.

In Siria, i media ci hanno chiesto di sostenere gli islamisti, noti come “ribelli moderati”.

In Ucraina, i media stanno cercando di creare empatia per i gruppi combattenti neonazisti, minimizzando i loro riferimenti a Hitler e al III Reich. Gli Spin Doctor della NATO – come un certo Jamie Shea, che si è distinto nel 1990 per aver trasformato l’opinione pubblica occidentale a favore del bombardamento dell’ex Jugoslavia – stanno ancora manovrando per far sì che le popolazioni alimentate forzatamente con discorsi sui diritti umani accettino di uccidere civili senza motivo.

I media fanno quindi parte dell’apparato militare impegnato a fabbricare il consenso occidentale alla guerra, ma anche all’economia di guerra che ne deriva. La privazione e il razionamento devono essere accettati. L’intervento russo in Ucraina è solo un pretesto.

Prima del 24 febbraio 2022, lo storytelling, la costruzione da parte della narrazione mediatica della percezione della realtà delle masse (reality-building) ha reso la “crisi sanitaria” responsabile della “crisi alimentare” e della “crisi energetica” che sarebbe arrivata.

Ora è la Russia. Il cambiamento è avvenuto nel giro di pochi giorni.

Qualunque cosa può essere incolpata di qualsiasi cosa. Il linguaggio è plastico e permette di inventare nuove relazioni causa-effetto, indipendentemente dal fatto che siano arbitrarie e fittizie. Siamo nella post-verità e nella post-realtà. I fatti materiali e oggettivi non contano, sono scomparsi e sono sostituiti da una narrazione soggettiva degli eventi, quella del potere, che si impone nelle soggettività prese di mira dal grande pubblico perché sa toccare i punti sensibili dell’inconscio collettivo, il più delle volte invertendo l’aggressore e l’aggredito così da poter attribuire alla NATO il ruolo del salvatore che interporrà e quindi legittimerà le sue operazioni di interferenza in Paesi sovrani.

Come descrivere l’attuale scontro tra Occidente e Russia?

Questo è il vero scontro di civiltà; o più precisamente lo scontro tra ciò che resta della civiltà occidentale, che sta crollando e cercando di trascinare con sé il mondo intero, e la Russia, che forma una civiltà a sé stante e non vuole scomparire.

Più in generale, nelle parole di Jean Baudrillard, è uno scontro tra il reale, incarnato dalla Russia e dai suoi alleati, e il virtuale, l’impero delle menzogne, come Putin ha descritto l’Occidente.

Fortunatamente, il regime di Bruxelles è un’idiocrazia suicida, guidata da malati di mente e deboli di mente, e quindi partecipa attivamente alla propria distruzione.

La NATO è più di un’alleanza politica e militare?

La NATO non è solo un’alleanza militare di natura tecnica, ha un obiettivo politico che il suo Segretario Generale, Jens Stoltenberg, ha ripetutamente descritto come la protezione della società aperta, i cui due pilastri sono l’immigrazione alternativa e LGBT (“Le nostre società libere e aperte devono essere protette”).

La NATO può quindi essere vista come il braccio armato di George Soros e della sua agenda globalista.

Si può dire che la NATO minaccia la Francia e la civiltà occidentale?

La NATO è un’organizzazione militare e ritiene che i suoi valori – società aperta, diversità inclusiva, dittatura delle minoranze, ecc. – possano essere imposti dalla guerra, se necessario, come abbiamo visto in Ucraina dal 2013, e come era previsto per la Russia a medio termine.

La NATO minaccia quindi la Francia, la civiltà occidentale e qualsiasi forma di civiltà. Più in generale, è il regime euro-atlantista di Bruxelles che minaccia il mondo, perché anche l’Unione europea è guerra.

Petro Poroshenko, il presidente ucraino emerso dal putsch del 2014, lo ha riconosciuto quando ha parlato della doppiezza ucraina sugli accordi di Minsk, che avrebbero dovuto ripristinare la pace, ma che, in realtà, sono serviti a preparare la guerra e…l’ingresso nell’Unione europea: “Tuttavia, la firma di Minsk-2 ha permesso all’Ucraina di guadagnare ‘otto anni per creare un esercito’ e ripristinare l’economia del paese“, ha detto Poroshenko in un’intervista a Deutsche Welle nel giugno 2022. “Abbiamo guadagnato otto anni per continuare le riforme ed entrare nell’Unione europea“, ha aggiunto.

In un’intervista al Financial Times nel maggio 2022, aveva già affermato che “gli accordi di Minsk hanno fatto risparmiare tempo all’Ucraina per costruire il suo esercito, congelando il conflitto con la Russia”.

0Shares