Mar. Ago 16th, 2022

TOKAYEV RIFERISCE SU INDAGINI SUI DISORDINI DI GENNAIO E SULLE PROSSIME RIFORME ISTITUZIONALI

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

Traduzione Paolo Marcenaro

Il Presidente Kazako Tokayev ha espresso le condoglianze alle vittime dei tragici eventi dello scorso gennaio promettendo di assicurare alla giustizia coloro che han fomentato i violenti disordini. Secondo lui, quasi 2.000 responsabili di violenze sono stati finora detenuti.

Molti cittadini sono stati rilasciati, mentre coloro che avevano commesso reati gravi saranno ritenuti pienamente responsabili davanti alla legge. Fare altrimenti significherebbe tradire la memoria delle vittime innocenti”, ha detto Tokayev alla sessione che ha riunito deputati, il Governo in carica, rappresentanti delle ONG e dei media.

Ha ribadito che le violenze di gennaio sono scaturite da un’azione su larga scala e ben coordinata con l’obiettivo finale di prendere il potere.
C’erano persone famose che hanno cercato di fare un colpo di stato. Alcuni alti funzionari corrotti hanno tradito lo Stato. Hanno impedito alle forze dell’ordine di agire in conformità con la legge e fornito false informazioni al Governo sulla situazione nelle città”, ha affermato.

Ha anche riconosciuto l’uso della tortura da parte di alcuni agenti delle forze dell’ordine, affermando che “tali barbare manifestazioni degne del Medioevo sono contrarie ai principi di qualsiasi società progressista”.
Mentre l’indagine sul coinvolgimento delle forze di sicurezza in un tentativo di colpo di stato è in corso e riservata, la nazione rimane ferma nel suo impegno per le riforme.

Tokayev ha affermato che molte delle riforme annunciate erano in preparazione molto prima dei disordini.

Molte persone pensavano che ci sarebbe stata una battuta d’arresto: avremmo iniziato a stringere le viti e ridurre il ritmo della modernizzazione. Ma non ci allontaneremo dal nostro percorso e, al contrario, accelereremo i cambiamenti sistemici in tutte le sfere della vita pubblica. Il nostro Paese ha bisogno di riforme radicali, altrimenti ristagnerà”, ha detto al raduno.

Ha riconosciuto che gli eventi di gennaio “hanno danneggiato la reputazione internazionale del Kazakistan”, ma ha promesso che sarebbe stato ricostruito con “duro lavoro”.
Il fulcro del messaggio riformista del Presidente Tokayev é stato la necessità di trasformare la distribuzione del potere dall’ufficio della Presidenza a un Parlamento forte attraverso il rafforzamento del potere e delle responsabilità dell’organo legislativo e del Governo.

Le riforme a livello costituzionale per limitare i poteri del Presidente includono un divieto legislativo al Presidente di essere membro di qualsiasi partito politico per il periodo del suo mandato. In precedenza, il Presidente aveva annunciato che interromperà la propria carica di guida del partito al governo del paese – Amanat (precedentemente chiamato Nur Otan).

Dovrebbe essere abolito anche l’attuale diritto del Presidente di annullare o sospendere l’azione degli akims (sindaci) regionali e comunali, perché “contribuisce all’eccessiva pratica dell’“amministrazione manuale” e riduce l’indipendenza degli organi esecutivi locali”.

Tokayev ha affermato che le riforme per rafforzare il ruolo del Parlamento dovrebbero partire dalla revisione della formazione e delle funzioni del Senato (camera alta del Parlamento) e del Mazhilis (camera bassa del Parlamento). “L’obiettivo chiave della modernizzazione politica del Paese è aumentare il ruolo dei cittadini nel governo dello stato attraverso processi elettorali”.

Ha proposto il compito di riformare il sistema elettorale del Parlamento. Il sistema elettorale dei Mazhilis si trasformerà in un modello misto proporzionale-maggioritario, in cui il 70% dei deputati sarà eletto da un modello proporzionale e il 30% da una regola maggioritaria. Ciò consentirà la partecipazione di candidati che non sono membri di partiti politici.

Tra le altre priorità il capo dello Stato ha menzionato l’introduzione di norme sul ritiro obbligatorio dalle liste di partito dei presidenti e dei membri della Commissione elettorale centrale del Comitato di conteggio e del Consiglio costituzionale, nonché i divieti per gli akim (sindaci cittadini) e i loro deputati a ricoprire incarichi nei rami del partito. “Tali decisioni consentiranno la formazione di un sistema di partiti multipolari”, ha affermato il presidente.

Saranno attuate alcune modifiche legislative anche per quanto riguarda i parenti più stretti del Presidente. Tokayev ha proposto un divieto legislativo per i parenti più stretti del presidente di ricoprire posizioni elevate come funzionari politici e posizioni esecutive nel settore semi-pubblico.
Uno dei grandi cambiamenti proposti dal Presidente riguarda la quota presidenziale al Senato, che sarà ridotta da 15 a 10 membri, e cinque di loro saranno raccomandati dall’Assemblea del Popolo del Kazakistan, non eletti da essa, come accade ora.

Il Presidente Tokayev ha giustificato la proposta affermando che “la quota presidenziale al Senato non deve essere vista come un mezzo di controllo, ma come un meccanismo per tenere conto delle voci e delle opinioni dei gruppi sociali scarsamente rappresentati in Parlamento”.

La quota dell’Assemblea del popolo del Kazakistan nel Mazhilis sarà trasferita al Senato e ridotta da nove a cinque deputati. Di conseguenza, il numero totale di viceseggi nel Majilis diminuirà. “Meno, ma meglio”, ha concluso il Presidente.

Il nostro Senato deve diventare una camera che rappresenti davvero gli interessi delle regioni del Paese, e ciò richiederà una riforma dei suoi poteri”, ha affermato Tokayev in prefazione alla sua proposta di modifica del potere legislativo del Senato.
Secondo la Costituzione, il Senato ha pieno diritto di respingere i progetti di legge approvati dai Mazhilis, il che significa che i Mazhilis non hanno alcuna possibilità di superare le obiezioni della camera alta.

Tokayev ha suggerito di introdurre una regola che dia al Senato solo il diritto di approvare o non approvare le leggi già adottate dai Mazhilis, conferendogli più potere di approvare leggi.

0Shares