Mar. Dic 6th, 2022

Pensatori strategici che hanno messo in guardia per l’espansione della NATO

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Marc Vandepitte

Strategic Thinkers Who Warned for NATO Expansion – Global ResearchGlobal Research – Centre for Research on Globalization

Uno degli aspetti più affascinanti della guerra in Ucraina è il gran numero di eminenti pensatori strategici che da anni avvertono che questa guerra sarebbe imminente se avessimo continuato su questa strada. Elenchiamo le più importanti di queste avvertenze.

George Kennan, architetto della Guerra Fredda, nel 1998:

Penso che sia l’inizio di una nuova guerra fredda. Penso che i russi reagiranno gradualmente in modo piuttosto negativo e ciò influenzerà le loro politiche. Penso che sia un tragico errore. Non c’era alcun motivo per questo. Nessuno stava minacciando nessun altro.

Ovviamente ci sarà una brutta reazione da parte della Russia, e poi [gli espansori della NATO] diranno che vi abbiamo sempre detto che è così che sono i russi, ma questo è semplicemente sbagliato“.

Henry Kissinger, ex Segretario di Stato statunitense, nel 2014:

Se l’Ucraina vuole sopravvivere e prosperare, non deve essere l’avamposto di nessuna delle due parti contro l’altra, dovrebbe fungere da ponte tra di loro. L’Occidente deve capire che, per la Russia, l’Ucraina non può mai essere solo un paese straniero.

Anche famosi dissidenti come Aleksandr Solzhenitsyn e Joseph Brodsky hanno insistito sul fatto che l’Ucraina fosse parte integrante della storia russa e, in effetti, della Russia.

L’Ucraina non dovrebbe aderire alla NATO“.

John Mearsheimer, uno dei massimi esperti di geopolitica negli Stati Uniti, nel 2015:

La Russia è una grande potenza e non ha alcun interesse a consentire agli Stati Uniti e ai loro alleati di prendere un grosso pezzo di proprietà immobiliare di grande importanza strategica sul confine occidentale e incorporarlo in Occidente.

Questo non dovrebbe sorprendere gli Stati Uniti d’America poiché tutti voi sapete che abbiamo una dottrina Monroe. La dottrina Monroe dice che l’emisfero occidentale è il nostro cortile e nessuno da una regione lontana è autorizzato a spostare forze militari nell’emisfero occidentale.

Ricordate come siamo diventati completamente pazzi all’idea che i sovietici mettessero forze militari a Cuba. Questo è inaccettabile. Nessuno mette forze militari nell’emisfero occidentale. Ecco di cosa tratta la dottrina Monroe.

Riuscite a immaginare tra 20 anni una potente Cina che formerà un’alleanza militare con Canada e Messico e sposterà le forze militari cinesi sul suolo canadese e messicano e noi stiamo semplicemente lì a dire, questo non è un problema?

Quindi nessuno dovrebbe sorprendersi del fatto che i russi siano rimasti apoplettici all’idea che gli Stati Uniti mettano l’Ucraina sul lato occidentale del libro mastro. […] Ma non abbiamo fermato i nostri sforzi per rendere l’Ucraina parte dell’Occidente.

L’Occidente sta guidando l’Ucraina lungo la via dell’inferno e il risultato finale è che l’Ucraina sarà distrutta […] Quello che stiamo facendo è, in effetti, incoraggiare quel risultato.

Se pensiamo che queste persone a Washington (e la maggior parte degli americani) abbiano problemi a trattare con i russi, non puoi credere a quanti problemi avremo con i cinesi“.

Jack F. Matlock, l’ultimo ambasciatore degli Stati Uniti in Unione Sovietica, nel 1997:

L’espansione della NATO è stato l’errore strategico più profondo commesso dalla fine della Guerra Fredda.

Lungi dal migliorare la sicurezza degli Stati Uniti, dei suoi alleati e delle nazioni che desiderano entrare nell’Alleanza, potrebbe incoraggiare una catena di eventi che potrebbe produrre la più grave minaccia alla sicurezza per questa nazione [Russia] dal crollo dell’Unione Sovietica .

Se la NATO deve essere lo strumento principale per unificare il continente, logicamente l’unico modo in cui può farlo è espandersi per includere tutti i paesi europei. Ma questo non sembra essere l’obiettivo dell’amministrazione, e anche se lo è, il modo per raggiungerlo non è ammettere nuovi membri a pezzi“.

William Perry, Segretario alla Difesa sotto Bill Clinton, nel 1996:

Temevo che l’allargamento della NATO in questo momento ci avrebbe spinto a fare marcia indietro. Credevo che una regressione qui potesse sperperare le relazioni positive che avevamo sviluppato così minuziosamente e pazientemente nel periodo opportunistico del dopo Guerra Fredda.

Credevo che avessimo bisogno di più tempo per portare la Russia, l’altra grande potenza nucleare, nel circolo di sicurezza occidentale. La priorità assoluta per me era ovvia.

Quando ho considerato che la Russia aveva ancora un enorme arsenale nucleare, ho dato una priorità molto alta al mantenimento di quella relazione positiva, soprattutto per quanto riguarda qualsiasi futura riduzione della minaccia delle armi nucleari“.

Noam Chomsky, uno dei più importanti intellettuali viventi, nel 2015:

L’idea che l’Ucraina possa unirsi a un’alleanza militare occidentale sarebbe del tutto inaccettabile per qualsiasi leader russo. Questo risale al 1990, quando l’Unione Sovietica crollò. C’era una domanda su cosa sarebbe successo con la NATO. Gorbaciov ha accettato di consentire alla Germania di essere unificata e di aderire alla NATO. Questa è stata una concessione davvero notevole, con un quid pro quo che la NATO non si sarebbe estesa di un pollice a est.

Cosa è successo. La NATO incorporò immediatamente la Germania dell’Est. Poi Clinton ha ampliato la NATO fino ai confini della Russia. Il nuovo governo ucraino ha votato per entrare a far parte della NATO. Il presidente Poroshenko non stava proteggendo l’Ucraina, ma la minacciava con una grande guerra“.

Jeffrey Sachs, massimo consigliere del governo degli Stati Uniti e dell’ONU, tre giorni prima dell’invasione:

Gli Stati Uniti non sarebbero molto felici se il Messico si unisse a un’alleanza militare guidata dalla Cina, né furono contenti quando la Cuba di Fidel Castro si allineò con l’URSS 60 anni fa. Né gli Stati Uniti né la Russia vogliono l’esercito dell’altro a portata di mano.

È stato particolarmente avventato nel 2008 per il presidente George W. Bush aprire le porte all’adesione dell’Ucraina (e della Georgia) alla NATO.

La Russia ha a lungo temuto le invasioni da ovest, sia da parte di Napoleone, di Hitler o, infine, della NATO.

L’Ucraina dovrebbe aspirare ad assomigliare ai membri non NATO dell’UE: Austria, Cipro, Finlandia, Irlanda, Malta e Svezia“.

0Shares