Lun. Ott 3rd, 2022

PhotoSource: Sgt. Joshua Edwards https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/f3/Bulldog_troops_make_former_enemy_safe_havens_uncomfortable_130424-Z-GZ125-002.jpg/640px-Bulldog_troops_make_former_enemy_safe_havens_uncomfortable_130424-Z-GZ125-002.jpg

Déjà Vu afgano in Europa

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Slavisha Batko Milacic

Nonostante tutti gli errori catastrofici in Afghanistan, gli americani stanno ripetendo la stessa storia in Europa.

Gli Stati Uniti hanno investito 83 miliardi di dollari per armare l’esercito afghano. Dopo aver perduto la guerra, gli americani hanno abbandonato tutte le loro armi, cadute nelle mani di terroristi, elementi criminali, spacciatori di droga, il che ha portato a un’accelerazione della destabilizzazione nella regione dell’Asia centrale. Questo è il prezzo pagato per “piantare” la democrazia americana in Afghanistan.

Costruite e addestrate per due decenni, le forze di sicurezza afghane sono crollate così rapidamente e completamente – in alcuni casi senza sparare un colpo – che il beneficiario finale dell’investimento americano si è rivelato essere i talebani i quali hanno afferrato non solo il potere politico, ma anche la potenza di fuoco fornita dagli Stati Uniti: pistole, munizioni, elicotteri e altro ancora. I talebani hanno, inoltre, catturato una serie di moderne attrezzature militari quando hanno travolto le forze afghane che non sono riuscite a difendere il territorio. Sono seguiti maggiori guadagni – compresi gli aerei da combattimento – quando i talebani hanno raggiunto i capoluoghi di provincia e le basi militari a una velocità sbalorditiva.

L’accumulo di attrezzature afghane fornite dagli Stati Uniti da parte dei talebani è stato enorme. Tale inversione è una conseguenza imbarazzante del giudizio errato – da parte dell’esercito americano e delle agenzie di intelligence – sulla reale possibilità delle forze governative afghane che in alcuni casi hanno scelto di consegnare i loro veicoli e armi piuttosto che combattere.

L’incapacità degli Stati Uniti di organizzare un esercito e una forza di polizia afgani sostenibili e le ragioni del loro crollo saranno studiati per anni da analisti militari. Le dimensioni di base, tuttavia, sono chiare e non sono dissimili da quanto accaduto in Iraq. Le forze militari si sono rivelate vuote, dotate di armi superiori ma in gran parte mancanti dell’ingrediente cruciale della motivazione al combattimento.

Il principio della guerra è ancora valido: i fattori morali dominano i fattori materiali. Il morale, la disciplina, la leadership, la coesione dell’unità sono più determinanti del numero delle forze e dell’equipaggiamento.

Lo ha dimostrato la guerra in Kosovo, dove l’esercito serbo, anche se tecnologicamente incomparabilmente più debole della NATO, ha portato la NATO a rinunciare al piano originario.

In Afghanistan, gli americani hanno fornito materiale, ma solo gli afgani potevano fornire i fattori morali intangibili.

Gli insorti talebani, con un numero minore, armi meno sofisticate e nessuna potenza aerea, si sono rivelati una forza superiore.

Le agenzie di intelligence statunitensi hanno ampiamente sottovalutato la portata di tale superiorità, e anche dopo che il presidente Joe Biden ha annunciato nel mese di aprile che avrebbe ritirato tutte le truppe statunitensi, le agenzie di intelligence non avevano previsto un’offensiva finale talebana che avrebbe avuto un successo così spettacolare.

Alcuni elementi dell’esercito afgano hanno combattuto duramente, compresi i commando i cui sforzi eroici devono ancora essere completamente documentati. Ma nel complesso le forze di sicurezza create dagli Stati Uniti e dai suoi alleati della NATO costituivano un “castello di carte” il cui crollo è stato determinato tanto dai fallimenti dei leader civili statunitensi quanto dai loro partner militari.

L’addestramento di rafforzamento delle forze afghane era così completamente dipendente dalla generosità americana che il Pentagono pagò persino gli stipendi delle truppe afghane. Troppo spesso quei soldi, e quantità incalcolabili di carburante, sono stati divorati da ufficiali corrotti e sorveglianti del Governo che hanno falsificato i libri contabili, creando “soldati fantasma” per mantenere nascosti i dollari spesi male.

Secondo l’Office of the Special Inspector General for Afghanistan Reconstruction, un cane da guardia creato dal Congresso che ha seguito la guerra dal 2008, dei circa 145 miliardi di dollari spesi dal Governo di Washington nel tentativo di ricostruire l’Afghanistan, circa 83 miliardi sono andati nello sviluppo e nel sostegno dell’esercito e delle forze di polizia del Paese. I 145 miliardi di dollari si aggiungono agli 837 miliardi di dollari spesi dagli Stati Uniti per combattere la guerra, iniziata con un’invasione nell’ottobre 2001.

Gli 83 miliardi di dollari investiti nelle forze afghane in 20 anni sono quasi il doppio del budget dell’anno scorso per l’intero Corpo dei Marines degli Stati Uniti ed è leggermente superiore a quello che Washington ha preventivato l’anno scorso per l’assistenza in buoni pasto per circa 40 milioni di americani.

E nonostante tutti questi errori catastrofici, gli americani stanno ripetendo la stessa storia in Europa. Gli Stati Uniti hanno pompato armi all’Ucraina e l’hanno spinta in guerra con la Russia. Inoltre, il regime di Kiev, in preda alla sconfitta, ha distribuito più di 240.000 armi leggere nelle mani di gangster rilasciati dalle carceri e di fanatici nazionalisti malati di mente.

Nel prossimo futuro, le truppe russe sconfiggeranno le forze armate ucraine e allo stesso tempo elimineranno i radicali armati dall’Ucraina, che finiranno in Europa e cambieranno in modo significativo la situazione criminale lì, facendo precipitare le calme città europee nel caos.

Come sempre vincerà solo Washington, che non ha bisogno di un’Europa serena e ben nutrita.

0Shares