Ven. Gen 28th, 2022

L’epitome dei 100 anni del Partito Comunista Cinese. Intervista a Xie Maosong

Iscriviti alla newsletter del CeSEM

ARTICOLO ORIGINALE

Tra tutti i documenti ufficiali rilasciati in Cina nel corso del 2021, due spiccano in particolare: il Comunicato della VI Sessione Plenaria del 19° Comitato Centrale del PCC e la Risoluzione del Comitato Centrale del PCC sui Grandi Risultati e l’Esperienza Storica del Partito sul Secolo passato. Per comprendere il loro significato e il modo in cui i due documenti influenzeranno lo sviluppo futuro della Cina, TIO ha condotto un’intervista con il professor Xie Maosong, membro senior dell’Istituto Taihe. Di seguito la traduzione dell’intervista.

Iniziamo una discussione, Professor Xie, sulla funzione delle sessioni plenarie del Comitato Centrale del Partito. In particolare, qual è il significato storico della VI Sessione Plenaria del 19° Comitato Centrale? La Sessione ha adottato un documento chiave: la terza Risoluzione. Qual è la funzione storica di questa delibera? Perché dobbiamo adottare questa risoluzione in questo momento?

In primo luogo, le sessioni plenarie del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese (PCC) sono di grande importanza per la Cina perché l’obiettivo di ogni sessione plenaria è stato, ed è tuttora, quello di affrontare le questioni più significative che il Paese deve affrontare in tale periodo di tempo particolare. Ad esempio, i problemi economici e il cosiddetto knowng wenti (三农 问题), che significa questioni legate alla produzione agricola, al benessere degli agricoltori e allo sviluppo dell’area rurale cinese. L’obiettivo della VI Sessione Plenaria era la costruzione del Partito.

Per il PCC, l’unità di pensiero conta di più per il processo di elaborazione e attuazione delle politiche. Questa è una grande differenza tra la Cina e l’Occidente. In Paesi come gli Stati Uniti e alcuni Stati europei, i partiti politici sono partiti di interessi. Ci sono alcuni partiti che rappresentano le classi medio-basse, altri che rappresentano la classe superiore. Quindi, in Occidente, l’enfasi di un partito politico è sulla “parte”. In Cina, invece, il PCC, in quanto organo di governo, rappresenta il tutto. Rappresenta i diritti e gli interessi dell’intera nazione e dell’intera popolazione cinese. In altre parole, affinché una pratica politica possa essere attuata, deve esserci un consenso all’interno del Partito, dall’alto verso il basso.

In questo senso, le sessioni plenarie del Comitato Centrale del Partito sono incontri di lavoro con funzioni politiche perché convocano tutti i membri centrali e di spicco del Partito per lavorare sulla pianificazione dello sviluppo della Cina sulla base delle principali questioni che la Cina deve affrontare. L’incontro si tiene dopo che è stata raggiunta l’unità di pensiero a ogni livello dell’organizzazione del partito.

Le decisioni politiche adottate durante le sessioni non sono, quindi, retoriche, ma pratiche e sostanziali. Saranno attuate come affermato nei discorsi pronunciati da funzionari chiave o come indicato nel comunicato rilasciato dopo l’incontro. Quindi, è necessaria una grande quantità di lavoro in vista della sessione. Ci sarà molto tempo per la preparazione, la ricerca, l’indagine, il lavoro sul campo, la negoziazione e la consultazione. I partecipanti alle sessioni plenarie non hanno un dibattito in loco, in cui o il vincitore decide cosa fare per gli anni successivi o tutto si ferma fino alla sessione successiva se c’è un’impasse. Ogni iniziativa politica è inquadrata dopo che sono stati presi in considerazione gli interessi di tutte le parti interessate. Senza un consenso, la politica proposta non sarà messa sul tavolo per la discussione. Questo è ciò che rende unico il PCC. È un partito con un alto grado di disciplina. E questo è ciò che essenzialmente distingue il PCC dai partiti politici occidentali.

Ora, parliamo in termini di funzioni della Risoluzione Storica. Finora, ci sono state tre risoluzioni in totale. La prima è stata adottata nel 1945, la seconda nel 1981 e la terza alla VI Sessione Plenaria del 19° Comitato Centrale.

Dovremmo capire il significato della Risoluzione Storica. Ma poiché è passato solo un mese dall’adozione della terza risoluzione, è ancora troppo presto per comprendere appieno il suo impatto storico a lungo termine. Tuttavia, possiamo fare alcune previsioni e offrire alcune prospettive esaminando l’impatto storico dei due documenti precedenti, in particolare la Risoluzione del 1945.

Sappiamo che la prima Risoluzione stabilì la posizione guida di Mao Zedong all’interno del PCC. Stabiliva il pensiero di Mao Zedong come ideologia guida del Partito. Criticava le pratiche di ultra-sinistra, dogmatismo e settarismo, che quasi distrussero il Partito, e individuò la strada corretta per combattere le guerre rivoluzionarie, che era quella di condurre la guerriglia, secondo la strategia elaborata da Mao Zedong.

In breve, la prima Risoluzione passava in rassegna l’esperienza storica del Partito. Illuminava l’importanza di scegliere la strada giusta ogni volta che il Partito e il Paese si trovavano di fronte a una decisione fatale. L’idea di seguire fermamente la retta via è ciò che unisce tutti i membri del Partito. Quale sia la strada giusta o quale sia la strada da seguire è un consenso che deve essere raggiunto in tutto il Partito in quanto guida dello sviluppo del Paese. Il pensiero di Mao Zedong è un esempio di tali percorsi.

Deng Xiaoping una volta disse nel 1981 che il pensiero di Mao Zedong aveva educato un’intera generazione di membri del Partito. Ancora oggi, il pensiero di Mao Zedong è ampiamente studiato tra i leader di diversi settori.

Per quanto riguarda la recente terza Risoluzione, sappiamo che il documento afferma “le due istituzioni”, vale a dire stabilire il segretario generale Xi Jinping come il principale leader del PCC e stabilire il ruolo guida del pensiero di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi nella nuova era.

A mio avviso, “le due istituzioni” hanno la stessa importanza dell’istituzione del Pensiero di Mao Zedong come principio guida del Partito nel 1945. Durante quegli anni, il Pensiero di Mao Zedong guidò la Guerra di Resistenza contro l’aggressione giapponese, la Guerra di Liberazione e l’istituzione della Repubblica Popolare Cinese. Oggi, il pensiero di Xi Jinping è quello di guidare il PCC a realizzare l’obiettivo del secondo centenario di trasformare la Cina in un grande Paese socialista moderno a tutti gli effetti. È un obiettivo per il quale generazioni di leader del PCC, a partire da Mao Zedong, hanno guidato il popolo cinese a lottare. È un processo continuo piuttosto che un’innovazione politica personale. È una staffetta.

Ciò significa che la terza Risoluzione differisce dalle due precedenti in modi importanti. Le precedenti hanno evidenziato gli errori commessi dal Partito e hanno illustrato l’importanza di correggerli. Ma dopo cento anni, penso che sia verosimile che il PCC come partito al governo abbia relativamente successo. Questo è il motivo per cui definisco la terza Risoluzione Jidacheng (集大成), che significa “epitome”. Allora, cos’è una “epitome”?

Ho studiato la civiltà cinese e i classici cinesi per un periodo piuttosto lungo. Quando guardo agli ultimi cento anni del PCC, spesso lo comprendo all’interno di un quadro più ampio della civiltà cinese della durata di 5.000 anni.

Nella storia della Cina, due individui hanno un’importanza speciale: il duca di Zhou e Confucio. Il duca di Zhou stabilì un’intera serie di sistemi di governo creando rituali e musica. In altre parole, ha gettato le basi per lo sviluppo e la prosperità della civiltà dell’intera nazione cinese. Confucio una volta disse: “La dinastia Zhou si riferiva ai rituali delle ultime due dinastie per creare il proprio sistema di riti. Questo è il motivo per cui i riti Zhou erano così ricchi e colorati. Io seguo i riti Zhou“. Ciò significa che la dinastia Zhou adottò gli elementi eccezionali dei riti delle dinastie Xia e Shang, ed è stata questa integrazione di riti a rendere i riti Zhou migliori e più diversificati. Confucio non chiedeva di ripristinare i vecchi rituali, ma faceva appello al popolo perché seguisse il tempo e seguisse la “giusta” marea.

C’è anche un altro detto negli Analetti di Confucio. Zizhang, uno studente di Confucio, chiese: “Possiamo sapere cosa accadrà dopo dieci generazioni?“. In passato, una generazione equivaleva a trent’anni. Stava chiedendo se si potessero conoscere i sistemi sociali e le norme morali di 300 anni dopo. Confucio rispose che sapevamo quanto era stato modificato dai Xia ai Shang e quanto era stato cambiato dagli Shang ai Zhou. La dinastia a venire avrebbe ereditato qualcosa dagli Zhou e lo schema sarebbe andato avanti all’infinito. Quindi, le cose sarebbero potute essere previste.

Quindi, c’è una norma nella cultura tradizionale cinese. Prendiamo come esempio la disciplina del Partito. Tutti i membri del PCC devono attenersi al codice di condotta previsto dai documenti disciplinari del Partito. Devono essere severi con sé stessi, il che significa che l’auto-coltivazione e l’autogoverno sono un processo continuo fintanto che questa persona è un membro del Partito. Si tratta di una manifestazione contemporanea della tradizione confuciana dello xiuqi zhiping (修齐治平): solo coltivando se stessi, regolando la propria famiglia e governando bene il Paese si può vivere in un mondo di pace e prosperità. La tradizione prevale dai tempi antichi ad oggi. La caratteristica di Jidacheng è quindi ciò che rende il Duca di Zhou e Confucio significativi nella storia tradizionale cinese: erano disposti a imparare dalle esperienze passate e ad applicare le idee fondamentali ai tempi attuali per apportare miglioramenti. Il pensiero di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi nella nuova era, per me, è qualcosa della stessa linea. È un’integrazione dei pensieri chiave dei leader precedenti, tra cui il pensiero di Mao Zedong, la teoria di Deng Xiaoping, la teoria delle tre rappresentanze e la prospettiva scientifica sullo sviluppo.

La nuova Risoluzione sottolinea quattro periodi distinti nei 100 anni di storia del Partito. Il primo è il periodo rivoluzionario mentre il secondo è il periodo della costruzione socialista. Il pensiero di Mao Zedong è stato il pensiero guida del Partito durante questi due periodi. Il terzo è il nuovo periodo di riforma e apertura, con la teoria di Deng Xiaoping, le tre rappresentanze e la prospettiva scientifica sullo sviluppo come principi guida. E la quarta è la nuova era in cui stiamo marciando proprio ora. Lo sviluppo della Cina in questa era procederà quindi con il pensiero di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi nella nuova era come pensiero guida. Quindi, c’è un senso di coerenza e continuità lungo il percorso di sviluppo della Cina. Tuttavia, la terza Risoluzione differisce dalle due precedenti in quanto le prime due sono andate a lungo a rivedere e criticare i principali errori che il Partito aveva commesso in passato.

Sembra che il significato delle due precedenti Risoluzioni risieda nel fatto che entrambe miravano a stabilire la legittimità del PCC come partito al governo cinese perché all’epoca il Partito era molto giovane. Si era appena trasformato da partito rivoluzionario a partito di governo. Ciò significa che mentre governava un Paese, il Partito doveva “attraversare il fiume sentendo i sassi sott’acqua” e a volte gli errori erano inevitabili. Quindi, le prime due Risoluzioni riguardavano in gran parte la revisione del processo di ricerca della giusta via di sviluppo. Ora, mentre il Partito ha celebrato il suo centenario quest’anno, abbiamo questa terza Risoluzione. Quindi, questa Risoluzione non riguarda solo la revisione di ciò che abbiamo ottenuto in passato, ma anche, cosa più importante, il dover pensare in modo più ampio e guardare avanti.

Giusto. Per poter parlare di esperienza, devi prima avere un periodo di storia abbastanza lungo. Quindi, il tempo è una necessità; il processo è una necessità. Le prove le revisioni sono entrambe molto importanti. Questo è il motivo per cui i cinesi credono che gli errori siano preziosi. È importante guardare le cose dialetticamente.

Un altro punto che avete menzionato è la legittimità. Ogni risoluzione ha questa funzione politica di rafforzare la legittimità politica del Partito. Ma la legittimità in Cina è diversa da quella in Occidente. In Occidente, un partito non ha mai emesso qualcosa come una risoluzione storica. Per loro, la religione può essere più importante della storia. Quindi, non capiscono perché le risoluzioni siano così importanti per la Cina.

La Cina ha formato una civiltà diversa dalle altre civiltà antiche. Le civiltà occidentali, o la civiltà indiana, erano orientate alla religione e la separazione tra chiesa e stato è stata solo un’idea rilevante nella storia moderna. Quindi, in Cina, la legittimità della politica può tradursi nella legittimità della storia. Questo perché la legittimità politica di un organo di governo deve essere verificata con risultati storici. Se uno è legittimo o credibile non deve essere giudicato da ciò che dice o promette, ma dai risultati effettivi o dai risultati delle sue pratiche politiche. Vale a dire, la storia punta al futuro. La storia è un processo continuo, in cui i risultati passati funzionano come un vincolo che incentiva lo sviluppo futuro.

Da questa prospettiva, possiamo vedere che il pensiero guida dei leader cinesi non è qualcosa che hanno creato in isolamento, né un culto della personalità. Piuttosto, è il risultato di tutto il duro lavoro e dell’esperienza di tutti i membri del PCC per molti anni. Quindi, l’idea di una leadership collettiva è molto importante per la Cina. Dobbiamo anche essere consapevoli che credere nei leader non significa diffidare del sistema. In Cina, il sistema e la persona che gestisce il sistema sono entrambi importanti e nessuno dei due può essere trascurato perché crediamo che le persone possano unire il popolo.

Sì, il sistema è molto importante, ma le persone che realizzano le politiche all’interno del sistema hanno la stessa importanza. Quando un sistema è progettato, può servire la società in quel periodo di tempo. Ma la società cambia. Non è statica. Quindi, ci deve essere una riforma in modo che le politiche siano al passo con i tempi. In Cina modifichiamo costantemente le nostre politiche e persino il nostro sistema. Abbiamo generazioni di dirigenti, ma i dirigenti non prevarranno sul Partito, e il Partito deve servire il popolo. Quindi, la Cina ha una maggiore capacità di portare avanti riforme continue rispetto alle nostre controparti occidentali, in particolare perché la polarizzazione politica sta ponendo gravi sfide al governo statale nei Paesi occidentali in questo momento.

Giusto. Avete toccato un punto molto importante. Negli Stati Uniti c’è la polarizzazione di due partiti e in Europa ci sono i piccoli partiti che ricattano i grandi partiti. Entrambi hanno portato all’instabilità politica e sociale negli ultimi anni. Ed è anche per questo che in Cina il Partito sottolinea che non si deve ammettere la fazione e perché la costruzione del Partito è di grande importanza.

Grazie, Professor Xie. Ora discutiamo della trasformazione del settore manifatturiero. La transizione economica della Cina ha importanti implicazioni per la comunità internazionale. La Cina è un mercato enorme. Qualsiasi modifica politica in questo caso sarà al centro dell’attenzione per i decisori di vari settori a livello regionale e globale. Sappiamo che il rapido sviluppo economico degli ultimi decenni in Cina è stato guidato dal nostro settore manifatturiero. Ma negli ultimi anni, la scienza e l’innovazione tecnologica, la digitalizzazione e lo sviluppo sostenibile sono diventati gradualmente aree di sviluppo chiave nel contesto della transizione economica. In che modo questo può influire sull’industria manifatturiera tradizionale? In che modo questo cambiamento può avere un impatto sul mondo?

Diamo prima un’occhiata ai principali compiti che il governo ha ricevuto dall’istituzione della Repubblica Popolare Cinese. Qual è stato il primo compito? Si trattava di trasformare la Cina da Paese agricolo a paese industriale. Durante la guerra dell’oppio, la Cina era ancora una società agricola tradizionale. Ecco perché siamo stati ripetutamente vittime di bullismo da parte delle potenze imperiali. Questo è il motivo per cui la Cina ha dato la priorità alla sua agenda di sviluppo dell’industria siderurgica negli anni ’50.

Nei 30 anni successivi, la Cina ha costruito un sistema industriale. Nel frattempo, la Cina ha anche costruito un enorme mercato interno, un punto spesso trascurato quando si parla dello sviluppo economico della Cina. Mentre l’inizio della riforma e l’apertura sono stati un momento spartiacque, i trent’anni prima non dovrebbero essere ignorati. Senza il sistema industriale completo o l’enorme mercato interno, non era realistico che la Cina diventasse la più grande fabbrica del mondo dopo la riforma e l’apertura. Quindi, lo sviluppo industriale era un prerequisito per noi per attrarre capitali e investimenti esteri. Anche questo è un processo continuo. Durante i primi trent’anni dopo l’istituzione della Repubblica Popolare Cinese, abbiamo posto le basi per la sua ulteriore trasformazione da Paese agricolo a Paese industriale; dopo aver attuato la politica di riforma e apertura, la Cina si è trasformata in un grande Paese manifatturiero.

Nel giro di pochi decenni, la Cina ha completato qualcosa che l’Occidente ha impiegato diverse centinaia di anni per realizzare. Tuttavia, la modernizzazione ha avuto due risultati. In primo luogo, ha portato una distruzione irreversibile dell’ecologia. In secondo luogo, durante la globalizzazione, ha legato i Paesi in via di sviluppo e le economie sviluppate in una relazione di dipendenza, che è altamente diseguale.

In effetti, la globalizzazione è, in sostanza, il capitalismo transnazionale. In effetti, le imprese internazionali hanno beneficiato dell’ordine mondiale. Ma all’interno di ogni Paese, come negli Stati Uniti, le persone delle classi medie e basse non hanno davvero goduto dei benefici della globalizzazione. Quindi, la modernizzazione è un’arma a doppio taglio. Produce due problemi.

Così ora, in Cina, abbiamo rivolto la nostra attenzione allo sviluppo di alta qualità. Puntiamo a realizzare la modernizzazione con metodi socialisti, nell’ottica di superare i problemi che ho appena menzionato. Come ottenere uno sviluppo di alta qualità? La chiave non è l’efficacia, ma l’efficienza. L’efficienza si ottiene con la scienza e l’innovazione tecnologica. E i progressi della Cina nella scienza e nella tecnologia rappresentano una seria sfida per gli Stati Uniti, perché l’egemonia del dollaro e l’egemonia militare americana sono sostenute dalla tecnologia statunitense. La Cina si trovava in una posizione intermedia e inferiore della catena del valore globale. Ma ora vogliamo salire. Ciò significa che è probabile che la Cina interrompa il rapporto di dipendenza nella divisione del lavoro tra le economie sviluppate e quelle in via di sviluppo durante la globalizzazione.

Pochi giorni fa, gli Stati Uniti hanno emesso un altro elenco di sanzioni contro le società cinesi. Sembra che gli Stati Uniti siano ora determinati a sopprimere la Cina, indipendentemente dall’uso per cui l’azienda utilizzerà la tecnologia. Quindi, lo sviluppo della nostra capacità tecnologica è fondamentale per la Cina.

Anni prima avevo avanzato questo concetto di “civiltà digitale”. Questo per dire che la Cina è stata prima una civiltà agricola tradizionale, poi una civiltà industriale, ma in futuro saremo una civiltà digitale.

La guerra commerciale, iniziata nel 2018, ha visto come gli Stati Uniti abbiano soppresso Huawei e altre società tecnologiche cinesi. Ciò riflette come la Cina abbia compiuto enormi progressi nello sviluppo della tecnologia digitale e nella promozione di un’era di civiltà digitale. La tecnologia 5G è un esempio calzante. Perché la Cina attribuisce così tanta importanza alla digitalizzazione economica ora? Perché lo sviluppo di software industriali è essenziale? Perché mentre abbiamo già la civiltà industriale, con il supporto della tecnologia digitale, l’economia in Cina si svilupperà con maggiore velocità e maggiore efficienza. Questa è l’idea di base della cosiddetta Industria 4.0.

Quindi, penso che la competizione sino-americana sia essenzialmente una competizione nel campo della scienza e della tecnologia. La guerra commerciale che gli USA hanno lanciato contro la Cina è essenzialmente una guerra tecnologica. Affinché la Cina vinca questa guerra, l’innovazione e i talenti legati all’innovazione sono fondamentali. Come stimolare tale innovazione? Come coltivare più talenti? Come alimentare lo slancio delle entità innovative? La chiave è fare buon uso del nuovo sistema nazionale cinese.

Allora qual è il nuovo sistema? Quando le persone si riferiscono al nuovo sistema, molti lo vedono come la mobilitazione e l’integrazione delle risorse con l’economia di mercato cinese. Una volta ho menzionato in un mio articolo di qualche anno fa che il punto chiave del nuovo sistema non è solo la combinazione delle risorse con l’economia di mercato, ma anche l’integrazione delle risorse con la globalizzazione e con la tecnologia digitale. Ma non si tratta di svuotare il settore manifatturiero. Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno cercato di sopprimere e contenere la Cina. L’obiettivo è danneggiare la Cina spostando tutte le fabbriche di produzione fuori dalla Cina. In origine, volevano riportare le fabbriche negli Stati Uniti, ma hanno fallito. Quindi, si sono rivolti ai Paesi più piccoli del sud e del sud-est asiatico.

Ma ci sono due problemi con questi Paesi del sud-est asiatico. In primo luogo, sono troppo piccoli per ricevere un settore così vasto della catena di approvvigionamento. In secondo luogo, la pandemia ha colpito questi Paesi così gravemente che non c’è modo per loro di iniziare tutto il lavoro. Quindi, la catena di approvvigionamento non può essere spostata completamente fuori dalla Cina e la produzione in Cina non sarà svuotata. In breve, mentre dobbiamo sviluppare scienza e tecnologia per una maggiore efficienza, allo stesso tempo, continueremo a migliorare la nostra industria manifatturiera per sviluppare e migliorare ulteriormente l’intera catena industriale.

E questa è la cosiddetta economia della “doppia circolazione”.

Esatto, il piano a doppia circolazione. Questo piano rilascia due messaggi chiave al mondo. In primo luogo, la Cina rimane aperta al mondo esterno. Ma di fronte alla repressione da parte degli Stati Uniti, dovremo essere completamente preparati ad affrontare situazioni indesiderate.

Quindi, da un lato, dobbiamo avere uno sviluppo di alta qualità a livello nazionale e dovremmo migliorare i nostri consumi. D’altra parte, dovremmo continuare la battaglia contro la povertà. In futuro, l’area rurale nazionale sarà un nuovo mercato di consumo. In passato, la nostra crescita economica è stata generalmente trainata dalle esportazioni, il che significa che i cambiamenti nel mercato statunitense avrebbero avuto un enorme impatto sull’economia cinese. Ora, miriamo a ridurre gradualmente la nostra dipendenza dalle esportazioni. Ciò significa che, sebbene non chiudiamo le porte al mondo esterno, dobbiamo prepararci a qualsiasi crisi.

Ora, in termini di politica di esportazione, la Cina ha appena lanciato il piano del circolo economico Chengdu-Chongqing Economic Circle. Questa è la quarta zona di crescita economica in Cina, le prime tre sono il circolo economico del delta del fiume Yangtze, la Greater Bay Area di Guangdong-Hong Kong-Macao e la regione metropolitana di Pechino-Tianjin-Hebei. Diversamente dalle tre zone di sviluppo precedenti, il Circolo economico di Chengdu-Chongqing si trova nell’entroterra. E mira a sviluppare un doppio circolo economico con Chengdu e Chongqing al centro. In particolare, il piano è quello di rendere questo circolo economico un altopiano economico incentrato su Chengdu e Chongqing per incorporare Paesi vicini come i Paesi del sud-est asiatico, i Paesi dell’Asia meridionale, nonché i Paesi dell’Asia centrale attraverso l’Afghanistan e l’Iran, e i Paesi europei attraverso i treni merci Cina-Europa. Sebbene questo sia un risultato naturale della crescita economica della Cina, in una certa misura, è anche un modello economico che si è formato sotto la pressione americana. Quindi, la strategia della doppia circolazione è, in sostanza, un’interazione di entità economiche nazionali e internazionali.

Se ci concentriamo sulle aree specifiche del cambiamento, come si trasformerà l’industria manifatturiera negli anni futuri? Con un’ulteriore automazione degli impianti?

La svolta green e la digitalizzazione della produzione sono, a mio avviso, un metodo di aggiornamento della produzione e per il quale l’alta tecnologia gioca un ruolo importante.

Grazie, Professore. È ovvio che la continuità e la coerenza sono fondamentali per tutta la definizione delle politiche. La Cina ha ormai emesso 14 piani quinquennali. Ogni piano deve adeguarsi, riformarsi e innovare sulla base del precedente.

Assolutamente giusto. E questo è il vantaggio del socialismo. Molte persone non capiscono cosa significhi socialismo con caratteristiche cinesi. Lasciate che lo spieghi usando l’esempio della costruzione di infrastrutture. Quasi tutti i leader politici sanno che le infrastrutture sono importanti. Obama, Trump e Biden, uno dopo l’altro, danno priorità alla costruzione di infrastrutture americane nella loro agenda. L’infrastruttura degli Stati Uniti è stata costruita negli anni ’20 e ’30, ben prima della seconda guerra mondiale. La Cina ha un avanzato sistema ferroviario ad alta velocità. Gli Stati Uniti, l’economia numero uno al mondo, non lo hanno. Come mai? Washington non ne vuole uno? Sì, ne vuole uno. Ma sappiamo tutti che la costruzione di un tale sistema ferroviario influenzerà i gruppi di interesse che rappresentano le industrie petrolifere e automobilistiche. Quindi, questi gruppi impediranno l’approvazione di atti o progetti di legge correlati al Congresso. Pertanto, il socialismo in Cina sottolinea l’obiettivo nazionale, che è il benessere dell’intero popolo, piuttosto che quello delle grandi capitali, e questa è la differenza fondamentale tra la Cina e gli altri Paesi.

Quindi, la Cina è un Paese socialista piuttosto che capitalista, il che significa che il nostro Paese non sarà controllato dal capitalismo. Sappiamo che il capitale stimola la creatività. Porta vigore e vitalità al mercato. Ma dobbiamo anche riconoscere che questa vitalità ha gravi effetti collaterali. Quindi, in Cina, facciamo buon uso della vitalità portata dal capitalismo, ma allo stesso tempo ci assicuriamo anche di non essere controllati dal capitalismo. E questo è il socialismo con caratteristiche cinesi. È fortemente basato sui principi, il che significa che il Partito deve sempre dare la priorità al benessere dell’intera popolazione cinese. Nel frattempo, è anche flessibile, il che significa che non rifiutiamo il capitale e non rifiutiamo le tecnologie avanzate, ma il principio è che li usiamo senza esserne utilizzati. Questo è il punto chiave. Quindi, la Cina non permetterà l’esistenza di giganteschi monopoli tecnologici. Ecco perché vogliamo garantire la conformità di tutti i grandi capitali come Alibaba, Ant Financial e Didi. Una manifestazione importante del socialismo in Cina è la regolamentazione e il controllo macro come i piani quinquennali. Proprio come abbiamo detto prima, prima di attuare determinate politiche, dobbiamo testarle in città pilota. Facciamo continui aggiustamenti per adattarci a nuove situazioni. E questo è ciò che rende unica la Cina.