Ven. Gen 28th, 2022

https://www.flickr.com/photos/alexandrorodrigez/45620861122/

Eventi in Kazakistan e la nuova Eurasia

Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Aleksej Dzermant
Traduzione di Guido Benni

ARTICOLO ORIGINALE

I recenti eventi in Kazakistan tracciano una linea di demarcazione rispetto al periodo di 30 anni successivo al crollo dell’Unione Sovietica. È già abbastanza ovvio che stiamo entrando in una nuova era, che sarà fatidica per l’Eurasia, e forse per il mondo intero. Sta cominciando a formarsi una Nuova Eurasia, la cui traiettoria sarà determinata non tanto dalle realtà post-sovietiche quanto da quelle che emergeranno adesso.

Cause visibili della crisi

Le proteste, che hanno travolto quasi tutto il Kazakistan e si sono trasformate in rivolte con saccheggi, incendi dolosi, sparatorie, omicidi con la partecipazione attiva di criminali ed estremisti, sono iniziate nella parte occidentale del Paese a causa del duplice aumento del prezzo del gas liquefatto che è il principale tipo di carburante in queste regioni, per il trasporto su strada.

Il Kazakistan è un paese ricco di risorse naturali e il gas, tra esse, non manca. L’aumento dei prezzi si spiega con il fatto che il prezzo del gas per la popolazione era molto basso, il che causava spesso perdite ai produttori di combustibili liquefatti, soprattutto in considerazione del forte aumento dei prezzi sul mercato mondiale.

A tal proposito, nel 2019 è stata avviata in Kazakistan una riforma del gas: la vendita di carburante ha iniziato ad essere effettuata su apposite piattaforme elettroniche con la possibilità di autoregolazione dei prezzi in funzione della domanda della risorsa. La “mano invisibile del mercato” ha prevedibilmente provocato un forte balzo dei prezzi del gas, percepito come un complotto dei produttori, e questo ha provocato massicce proteste in regioni con una difficile situazione socio-economica.

Inoltre, si accende la componente politica: i manifestanti avanzano richieste di dimissioni dell’intera cupola di potere e, a quanto pare, alcune élite vicine al primo presidente del Kazakistan, Nursultan Nazarbaev, decidono di sfruttare la situazione per i propri scopi, indebolendo la posizione dell’attuale capo di stato, Kassym-Zhomart Tokaev.

Quale parte delle élite la vediamo dalle dimissioni di alto profilo nelle più alte sfere del potere. Il capo del Comitato per la sicurezza nazionale, il peso massimo politico Karim Massimov, il primo vicepresidente della KNB, il nipote di Nazarbaev, Samat Abish, e il capo dell’Agenzia per la pianificazione strategica e le riforme Kairat Kalimbetov sono stati rimossi dall’incarico.

Massimov non è stato solo licenziato, ma anche incarcerato per sospetto di alto tradimento. Le informazioni sullo stato di Abish sono contraddittorie, dove lo stesso Nursultan Nazarbaev non è ancora chiaro, sebbene abbia già parlato al telefono con Aleksandr Lukashenko.

Il presidente Tokaev e gli oratori a lui vicini parlano nei loro discorsi di una “cospirazione” e di un “colpo di stato” con la deliberata connivenza della leadership delle agenzie di sicurezza, che ha consentito una concentrazione critica di militanti ed estremisti nel Paese e la partecipazione esterna – addestramento all’estero e infiltrazione di terroristi in Kazakistan.

Contesto geopolitico

Il Kazakistan è la regione strategicamente più importante dell’Eurasia, occupa una posizione centrale, fulcro della logistica e delle vie di transito. Il Kazakistan è particolarmente importante per Russia e Cina. Il confine russo-kazako è lungo quasi 7.600 chilometri. L’ipotetico successo dell’insurrezione in Kazakistan significherebbe la sua trasformazione in un’enorme “zona grigia”, creando continui problemi a Russia e Cina.

Pertanto, la richiesta di Tokaev per l’aiuto degli alleati della CSTO e l’immediata reazione della Russia, l’invio di un contingente di mantenimento della pace di tutti gli altri paesi membri dell’organizzazione: Russia, Bielorussia, Tagikistan, Kirghizistan e Armenia sono state azioni del tutto adeguate e corrette nella situazione attuale.

La partecipazione del CSTO inciderà seriamente sul contesto geopolitico di quanto sta accadendo. L’introduzione di un contingente di mantenimento della pace in Kazakistan, che dovrebbe assistere le forze di sicurezza kazake nella protezione delle strutture e delle infrastrutture strategiche del Paese, liberando le loro forze per sconfiggere i militanti, è un passo che ha un forte significato stabilizzante dal punto di vista tattico e psicologico.

È anche importante che il CSTO si dimostri un’alleanza politico-militare capace, in grado di risolvere rapidamente i compiti assegnati in qualsiasi punto dello spazio dell’unione. Quasi tutti gli osservatori hanno notato che la decisione positiva sull’introduzione del contingente CSTO è stata annunciata dal primo ministro armeno Nikol Pashinjan, salito al potere a sua volta sulla scia delle proteste antigovernative. Sotto di lui, l’Armenia ha perso la guerra per il Karabakh contro l’Azerbaigian ed è stato apparentemente percepito come un politico “filo-occidentale”. Ma vediamo che sia lui che la stessa Armenia, così come altri stati membri della CSTO, sono completamente subordinati alla disciplina del blocco. E questo dimostra al mondo intero che la Russia e i Paesi ad essa vicini “possono formare alleanze” e intraprendere azioni collettive nell’ambito della sicurezza.

La partecipazione delle forze di pace della CSTO alla stabilizzazione della situazione in Kazakistan è la prima operazione di questo tipo nella storia dell’organizzazione, che parla del suo rafforzamento, di un cambiamento in meglio dell’atmosfera di funzionamento e gestione. Questo può anche essere visto come un duro colpo alle idee del panturkismo, alla creazione dell'”esercito del Grande Turan” e fantasmi simili.

La Turchia, pur sforzandosi di essere un leader tra gli stati di lingua turca, difficilmente potrebbe dimostrarlo in alcun modo, in questa situazione e si è limitata solo alle dichiarazioni di politici e diplomatici. Ma quando russi, bielorussi, kirghisi, tagiki e armeni aiutano insieme il Kazakistan, questo è qualcosa di molto eurasiatico nello spirito.

Ovviamente, nella politica estera e interna del Kazakistan, è il vettore eurasiatico che dovrebbe essere rafforzato, ovvero l’orientamento verso la Russia e le alleanze di integrazione che si sono create attorno ad essa. Inoltre, come si vede, la Cina, che ha una posizione seria in Kazakistan, lo dà per scontato.

Vettore eurasiatico

A seguito della crisi in Kazakistan, possiamo davvero aspettarci un’intensificazione dei processi di integrazione in Asia centrale. In primo luogo, le rinnovate élite del Paese, guidate dal presidente Tokaev, dovranno, da parte loro, riaffermare il loro impegno nei confronti degli impegni alleati. Ciò si esprime in misura maggiore nel rispetto delle problematiche economiche nel formato EAEU, nell’eventuale dotazione di questa organizzazione di nuove funzioni in ambito umanitario, informativo e (perché no) in ambito socio-politico. In precedenza, la leadership del Kazakistan si è opposta categoricamente a ciò, insistendo sul fatto che l’EAEU è un progetto di integrazione puramente economica. Ma ora molto può cambiare ed è del tutto possibile che si arrivi alla convergenza dell’EAEU come unione economica e della CSTO come blocco politico-militare. In ogni caso, sarebbe logico e tempestivo.

È vero, una tale prospettiva ha le sue insidie. Da un punto di vista economico, il successo dell’integrazione eurasiatica dovrebbe consistere, ad esempio, nel raggiungimento di un compromesso tra i paesi produttori di risorse (Russia, Kazakistan) e quelli che consumano le risorse (Bielorussia, Armenia, Kirghizistan), l’EAEU sotto forma della creazione di un mercato unico del petrolio e del gas entro il 2025. Ma questo significa che i prezzi del petrolio e del gas dovrebbero essere orientati verso i prezzi mondiali. A causa di ciò e della cosiddetta “manovra fiscale”, Russia e Bielorussia per molto tempo non sono riuscite a trovare una comprensione reciproca sui termini delle forniture di petrolio. Dopo la firma di 28 programmi di integrazione profonda, è stata trovata una formula di compromesso per il prezzo del petrolio, sebbene non sia stata ancora annunciata pubblicamente.

Non potrebbe darsi che il progresso dell’integrazione eurasiatica sotto forma di mercato unico dell’energia porti a un nuovo balzo dei prezzi del petrolio e del gas in Kazakistan e alle stesse tristi conseguenze sotto forma di una rivolta popolare, che le forze distruttive proverebbero di nuovo a guidare? Questa è una questione molto importante da cui dipende in gran parte il successo della nostra integrazione. E qui serve un compromesso tra una logica di mercato incentrata sui prezzi mondiali e un aumento dei profitti per i produttori di energia, i monopoli delle materie prime, da un lato, e gli interessi dei produttori, per i quali i prezzi elevati dell’energia riducono la competitività dei loro beni, così come i cittadini comuni, dall’altra parte. L’EAEU suggerisce la necessità di regolamentare i prezzi delle risorse energetiche prodotte all’interno dei suoi confini per sostenere i suoi produttori e i cittadini, ma ancora una volta è necessario trovare una formula per questo processo tra i membri dell’unione.

Dopo la stabilizzazione della situazione in Kazakistan, il successo dell’integrazione eurasiatica nella sfera economica e politico-militare attirerà inevitabilmente altri Stati dell’Asia centrale, in primis l’Uzbekistan e il Tagikistan. Stanno già partecipando ad alcuni formati di integrazione: l’Uzbekistan è osservatore nell’EAEU, è stata recentemente conclusa una stretta alleanza bilaterale con il Kazakistan, il Tagikistan è membro della CSTO. I formati di integrazione devono essere avvicinati, per riunirli infine, anche se per traiettorie diverse, a un denominatore comune: la formazione dell’Unione Eurasiatica, la Nuova Eurasia, un unico spazio economico, militare-politico e umanitario.

Vale la pena di menzionare separatamente la sfera umanitaria. Sono più di 16mila le ONG attive in Kazakistan, la stragrande maggioranza delle quali è finanziata da strutture occidentali o mediorientali. Queste ONG, i loro attivisti, i media ad esse associati, come mostra l’esempio di Georgia, Moldova, Ucraina, Kirghizistan e Bielorussia, sono potenziali e reali elementi dell’infrastruttura per un colpo di stato. In Bielorussia, questa infrastruttura ha iniziato a essere ripulita dopo gli eventi del 2020 e le autorità kazake avrebbero dovuto dare un’occhiata più da vicino all’esperienza bielorussa nella lotta all’influenza sovversiva. Qui, nell’ambito delle relazioni dell’unione, è necessaria una mutua assistenza metodologica e tecnologica, nonché la creazione della nostra propria infrastruttura eurasiatica di organizzazioni non governative e dei media.

Ciò è necessario per generare e promuovere una visione del mondo costruttiva e pro-unione e in modo che nessun nazionalista, panturco e islamista stabilisca il tono e l’agenda politica nel paese, in modo che l’integrazione eurasiatica abbia sostegno sia tra le ampie masse popolari che tra i decisori.

Aleksej Dzermant è politologo, filosofo e geopolitico bielorusso