Ven. Gen 28th, 2022

SPECIALE PLENUM PCC| Promuovere ulteriormente la sinizzazione del marxismo

Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Li Haiqing e Hang Shanshan | China Daily | 22 novembre 2021

Nel suo discorso in occasione del 100° anniversario della fondazione del Partito Comunista Cinese il 1° luglio, Xi Jinping, segretario generale del Comitato Centrale del PCC, ha affermato: “A livello fondamentale, le capacità del nostro Partito e le forze del socialismo con caratteristiche cinesi sono attribuibili al fatto che il marxismo funziona”.

Il marxismo è il pensiero guida fondamentale che ha portato alla fondazione del PCC nel 1921 e della Nuova Cina nel 1949. È l’anima e la bandiera del PCC. E la storia centenaria del PCC, è la storia di come il marxismo è stato localizzato in Cina, la storia di come il popolo cinese ha sviluppato e praticato il marxismo.

Il mondo sta attraversando profondi cambiamenti con la situazione internazionale che diventa sempre più complicata, l’economia mondiale in rallentamento, il protezionismo commerciale in aumento e la globalizzazione economica che affronta sfide ancora più gravi.

All’interno, la principale contraddizione della Cina si è evoluta da quella tra i sempre crescenti bisogni materiali e culturali delle persone e la produzione sociale arretrata, a quella tra “sviluppo squilibrato e inadeguato e le sempre crescenti esigenze del popolo per una vita migliore”, mentre il popolo cinese andava verso la realizzazione del ringiovanimento nazionale.

In questa importante congiuntura di opportunità strategiche, il Partito ha bisogno di gestire efficacemente gli imperativi sia interni che internazionali. Dovrebbe iniziare adottando misure per risolvere la principale contraddizione della società cinese e promuovendo la sinizzazione del marxismo con una chiara comprensione del complicato e mutevole ambiente internazionale.

Primo, il Partito dovrebbe adattare i principi fondamentali del marxismo alla realtà cinese. Il marxismo è il sistema del socialismo con una visione scientifica del mondo. È una filosofia pratica e aperta, che è stata sinizzata e meticolosamente messa in pratica in Cina.

“Sparare la freccia al bersaglio” è il modo in cui il presidente Mao Zedong ha descritto il processo per localizzare il marxismo. La Cina non avrebbe potuto vincere la nuova rivoluzione democratica senza l’adattamento del marxismo al contesto cinese.

Quanto a Deng Xiaoping, ha sottolineato che: “Crediamo fermamente nel marxismo, ma il marxismo deve essere combinato con le realtà cinesi. Solo il marxismo integrato con le realtà cinesi è il vero marxismo di cui abbiamo bisogno”. Dal lancio della riforma e dell’apertura alla fine degli anni ’70, la teoria di Deng Xiaoping è stata il principio guida dell’integrazione del marxismo con le condizioni pratiche della Cina.

Per sinizzare il marxismo nella nuova era, come ha detto Xi Jinping, dovremmo continuare a prendere il marxismo come guida per studiare i principali problemi teorici e pratici che hanno dovuto affrontare la Cina nello sviluppo e il PCC nella governance, e proporre il corretto corso di pensiero e metodi efficaci per superare le sfide.

La comprensione del PCC delle condizioni reali deve essere basata sulle circostanze specifiche della Cina e dovrebbe sempre cercare la verità dai fatti. Solo in questo modo i principi fondamentali del marxismo possono essere applicati per risolvere i problemi e affrontare le contraddizioni della nuova era.

In secondo luogo, i principi di base del marxismo e della raffinata cultura tradizionale cinese dovrebbero essere integrati. La raffinata cultura tradizionale corrisponde ai valori intrinseci che il marxismo sostiene ed è terreno fertile per la sinizzazione del marxismo.

Il pensiero di Mao Zedong è un ottimo esempio di integrazione dei principi del marxismo con la raffinata cultura tradizionale. Ad esempio, il termine “cercare la verità dai fatti” è apparso per la prima volta nell’antico libro di Storia della dinastia Han, ma Mao gli ha dato un significato ideologico utilizzandolo nel suo discorso teorico marxista.

Allo stesso modo, xiaokang (moderatamente prospero) è apparso per la prima volta nel Libro dei Cantici, ma Deng lo ha dotato del significato di modernizzazione di tipo cinese, e quindi lo ha reso un termine cardine nello sviluppo del socialismo con caratteristiche cinesi nell’era della riforma e dell’apertura-up.

E Xi ha evidenziato i valori di essere incentrati sulle persone, mantenere l’integrità, sostenere la giustizia e l’armonia e cercare l’unità per integrare ulteriormente la raffinata cultura tradizionale con i valori e i pensieri marxisti.

Solo cogliendo la quintessenza della raffinata cultura tradizionale e garantendo il continuo sviluppo della società cinese, il PCC può accelerare l’integrazione dei principi del marxismo con la raffinata cultura tradizionale e la localizzazione del marxismo.

Terzo, il Partito dovrebbe continuare a osservare e guidare la nuova era mentre aderisce al marxismo, poiché ha portato il popolo cinese a ottenere una vittoria dopo l’altra, dalla rivoluzione e dalla costruzione cinesi alla riforma e all’apertura, mentre usa il marxismo per vedere e cogliere l’andamento dei tempi.

Dal 18° Congresso Nazionale del PCC, il Partito con Xi al centro ha valutato accuratamente l’era e la sua tendenza allo sviluppo, stabilendo il pensiero di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era. Infatti, nella sua risoluzione, la recente Sesta Sessione Plenaria del XIX Comitato Centrale del PCC ha descritto il pensiero di Xi come il marxismo della Cina contemporanea e del XXI secolo, sottolineando al tempo stesso che incarna il meglio della cultura e dell’ethos cinese dei nostri tempi e rappresenta una nuova svolta nell’adattare il marxismo al contesto cinese.

Il motivo per cui il pensiero di Xi è stato descritto come il marxismo della Cina contemporanea è che analizza la posizione del Paese nella nuova era, propone una serie di teorie necessarie per mettere la Cina su una nuova strada verso la modernizzazione socialista e offre una nuova prospettiva sulla civiltà, lo sviluppo, la governance e la sicurezza.

E a questo nuovo punto di partenza storico, il Partito dovrebbe attuare pienamente il pensiero di Xi e osservare, comprendere e guidare la nuova era aderendo al marxismo.

Le opinioni non rappresentano necessariamente quelle del China Daily.

Traduzione: redazione CeSEM