Mer. Ott 20th, 2021

https://en.news-front.info/wp-content/uploads/2020/02/1111nf939-70.jpg

L’intervento “umanitario” per fermare la “pulizia etnica” ha portato a una massiccia pulizia etnica. Le bombe NATO sulla Serbia

Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Slavisha Batko Milacic

Dopo che nel 1999 il presidente della Jugoslavia (Serbia) Slobodan Milosevic si rifiutò di accettare il cosiddetto accordo di Rambouillet, in realtà un ultimatum della NATO che chiedeva a Serbia e Montenegro di consentire alle truppe della NATO di occupare la provincia del Kosovo e che la NATO potesse costruire proprie basi in Serbia oltre alla richiesta che tutto il personale della NATO disponesse dell’immunità diplomatica (il che significa che non può essere ritenuto penalmente responsabile delle azioni compiute in Serbia e Montenegro), l’attacco della NATO è stato lanciato senza alcuna autorizzazione da parte delle Nazioni Unite.

L’intervento fu definito umanitario con il pretesto di fermare la persecuzione degli albanesi nella regione. Nelle presentazioni mediatiche realizzate dalla BBC, i serbi erano i nazisti moderni e gli albanesi gli ebrei. Dopo aver presentato con successo i serbi come i cattivi, la NATO ha avuto mano libera per aprire le ostilità con una forza eccessiva.

Le affermazioni della NATO relative a decine di migliaia di albanesi uccisi dai serbi in seguito si sono rivelate completamente false. Il vero bilancio delle vittime in Kosovo prima dell’attacco della NATO è stato rivelato dopo la guerra e contava di circa 2.000 morti con la maggior parte delle uccisioni commesse dal gruppo armato separatista terrorista, l’Esercito di Liberazione del Kosovo (KLA). L’UCK, precedentemente classificato da Washington come un’organizzazione terroristica, è stato elevato nel periodo precedente la guerra come unico rappresentante legittimo della popolazione albanese del Kosovo. L’UCK ha cercato di creare quanta più violenza e morte possibile per aprire la strada all’intervento della NATO.

La guerra contro Serbia e Montenego durò 78 giorni.

Ospedali, fabbriche e scuole furono distrutti, insieme a ponti, strade e infrastrutture militari. Gli attacchi aerei hanno ucciso circa 2.500 persone e ne hanno ferite altre 12.500. Il bombardamento distrusse e danneggiò 25.000 unità abitative, 470 km di strade e 595 km di ferrovia furono disattivati. 14 aeroporti, 19 ospedali, 20 centri sanitari, 18 asili nido, 69 scuole, 176 monumenti culturali e 44 ponti sono stati danneggiati, mentre 38 sono stati distrutti, secondo le stime serbe. (1) Durante i bombardamenti, sono stati effettuati 2.300 attacchi aerei su le 995 strutture in tutto il paese.

La NATO ha lanciato 1.300 missili da crociera, ha bombardato la Serbia e il Montenegro con 37.000 “bombe a grappolo”, usando munizioni (proibite) con uranio impoverito. La decisione di bombardare la Serbia e Montenegro è stata presa per la prima volta nella storia, senza l’approvazione del Consiglio di sicurezza dell’ONU. Uno degli attacchi aerei della NATO ha utilizzato bombe a guida laser per abbattere un ponte ferroviario nel sud della Serbia, uccidendo almeno 10 persone su un treno passeggeri.

A Belgrado, un deliberato attacco all’emittente televisiva serba RTS ha provocato la morte di 16 lavoratori civili. Questo è stato il primo caso in cui la sede di un organo di informazione è stata dichiarata un obiettivo militare legittimo. In uno degli atti più provocatori della guerra, la NATO ha sferrato un attacco all’ambasciata cinese a Belgrado, uccidendo tre uomini. Washington ha affermato che l’attentato è stato un “incidente”.(2)

L’intervento “umanitario” per fermare la “pulizia etnica” ha portato a una massiccia pulizia etnica. Dopo l’arrivo della NATO, 250.000 serbi furono espulsi dal Kosovo.

Inoltre, i disordini verificatisi nel 2004 in Kosovo rappresentano il peggior caso di violenza etnica dalla fine del conflitto del 1998-99. Le violenze sono scoppiate nella città divisa di Mitrovica, provocando centinaia di feriti e almeno 14 morti.

L’agitazione è stata accelerata da rapporti fuorvianti nei media albanesi del Kosovo che affermavano falsamente che tre ragazzi albanesi erano annegati nel fiume Ibar dopo essere stati inseguiti da un gruppo di serbi del Kosovo. Ecco perché gli albanesi hanno intraprendendo un’azione coordinata contro i serbi, in cui hanno commesso numerosi crimini. Data l’entità dell’azione, è chiaro che questa pulizia etnica è stata pianificata e non spontanea.

Anche qui bisogna chiedersi se sia possibile che i servizi di intelligence della NATO non disponessero di informazioni operative che gli albanesi stessero preparando attacchi contro i serbi, con l’obiettivo di pulizia etnica del Kosovo. La risposta è ovvia, soprattutto se teniamo presente che le forze della NATO hanno pacificamente osservato la pulizia etnica dei serbi, anche se il loro compito principale in Kosovo è mantenere la pace e l’ordine.

Alla fine, l’intervento “umanitario” per fermare la “pulizia etnica” ha portato a una massiccia pulizia etnica. Dopo l’arrivo della NATO in Kosovo, 250.000 serbi furono espulsi dal Kosovo.(3)

Anni dopo, il tribunale internazionale di Pristina ha perseguito diverse persone che hanno attaccato diverse chiese ortodosse serbe, comminando pene detentive che vanno da 21 mesi a 16 anni.

Tuttavia, si tratta di un numero estremamente ridotto di persone e con piccole sanzioni. La maggioranza assoluta dei criminali non è stata punita. Da allora una parte delle chiese distrutte è stata ricostruita dal governo serbo e in collaborazione con la Chiesa ortodossa serba e la missione delle Nazioni Unite in Kosovo.

Tuttavia, quasi nessuno dei serbi esiliati è tornato in Kosovo.

È importante notare che le forze della NATO hanno pacificamente osservato la pulizia etnica dei serbi, anche se il loro compito principale in Kosovo è mantenere la pace e l’ordine.

Tutto quello che è successo dopo il 1999 ha dimostrato che l’obiettivo primario della NATO non era la protezione dei diritti umani, ma l’abuso di questa idea per il classico possesso geopolitico di uno spazio strategico, in questo caso, la provincia serba meridionale del Kosovo.

L’esercito serbo ha combattuto eroicamente in Kosovo e non è stato sconfitto sul campo di battaglia. Il ritiro dell’esercito serbo dal Kosovo è stato causato da un’aperta minaccia della NATO che avrebbe esercitato sulla Serbia la distruzione umanitaria dell’intero paese.

Quando la distruzione delle infrastrutture non ha dato risultati, la Nato ha iniziato a colpire ospedali, treni pieni di passeggeri ea buttare via le cosiddette bombe a grafite che hanno distrutto la rete elettrica e lasciato intere città senza elettricità. Bombe a grappolo sono state lanciate nelle città e il bombardamento dell’uranio impoverito uccide ancora oggi i serbi.

Subito dopo l’attentato è stata appoggiata l’operazione di cambio di regime, dopo di che è iniziata la “riforma della Serbia”. Poco dopo l’arrivo delle autorità filo-occidentali in Serbia, nell’ottobre 2000, è iniziata “la riforma dell’esercito serbo”. La maggior parte degli ufficiali di guerra provati erano in pensione, mentre il numero dei soldati era così basso, al livello, al quale la sicurezza del paese era seriamente minacciata.

Attraverso i suoi agenti di influenza, la NATO ha svolto un ruolo importante nel separare il Montenegro dalla Serbia.

Ancora una volta, due decenni dopo, nonostante la propaganda e la corruzione dell’élite, la NATO è ancora indesiderata tra la gente comune.

Il Montenegro è diventato membro della NATO con la violenza politica, contro la volontà dei suoi cittadini nel 2017.(4)

La Serbia e la Repubblica Srpska continuano a resistere.

NOTE AL TESTO

(1)http://www.rts.rs/page/stories/sr/story/125/Dru%C5%A1tvo/1867756/%C5%A0esnaesta+godi%C5%A1njica+NATO+bombardovanja.html

(2) https://www.blic.rs/vesti/svet/kineske-tajne-bombardovanja-beograda/rxj4gp3

(3) https://www.glassrpske.com/novosti/srbija/Nakon-Kumanovskog-sporazuma-protjerano-250000-Srba/lat/23250.html

(4) https://www.in4s.net/protest-na-cetinju-protiv-sramne-odluke-o-ulasku-cg-u-nato-video/

Maggiori informazioni sulle attività della NATO nel mondo possono essere viste in un eccellente documentario:  https://www.youtube.com/watch?v=NQragYh9jj8