Sab. Set 25th, 2021

Charles “Chas” Freeman: “Il mondo sta tornando alla situazione in cui era prima che il Rinascimento europeo e l’Illuminismo, insieme alla rivoluzione industriale, consentissero al mondo atlantico di dominare il resto”

Iscriviti alla newsletter del CeSEM

A cura di Andrea Turi

Charles “Chas” Freeman era uno dei componenti della delegazione statunitense che visitò per la prima volta la Repubblica Popolare Cinese.
Era il 1972, un mondo fa. Esperto conoscitore di Cina e dell’arte diplomazia e delle dinamiche politiche del proprio Paese, ha risposto alle domande del Centro Studi Eurasia e Mediterraneo relative alle attuali relazioni tra Washington e Pechino ma non solo.

Signor Freeman buongiorno, nel ringraziarLa per la sua disponibilità a rispondere alle mie domande, le pongo la prima: nel 1972, Lei faceva parte della delegazione statunitense al seguito del Presidente Nixon che si recava per la prima volta a Pechino. Quale è stata l’importanza di quell’evento per il suo Paese, per la Repubblica Popolare Cinese e per il mondo intero?

Ha cambiato il mondo geopoliticamente in una volta. Sul lungo periodo ha facilitato il ripristino della ricchezza e del potere della Cina, ha contribuito a far crollare l’Unione Sovietica e ha aperto la strada a un diverso ordine internazionale.

Che tipo di uomini erano i due presidenti Richard Nixon e Mao Zedong, e che rapporto si è stabilito tra i due dopo che si sono stretti la mano?

Entrambi erano politici che erano saliti al potere attraverso manovre ideologiche, ma entrambi erano anche statisti che avevano riflettuto a lungo sulla geopolitica.

L’incontro tra loro ha esteso la protezione americana alla Cina contro un’URSS predatoria che minacciava di agire contro la Cina sotto la “dottrina Brezhnev”.

Ciò rappresentava il riconoscimento americano dell’importanza della Cina nella geopolitica globale e, d’altro canto, il riconoscimento cinese della sua vulnerabilità all’attacco sovietico.

Questo fu senza dubbio un incredibile successo diplomatico per entrambe le parti. Ciò fu dovuto più al coraggio di Nixon, alla lucida analisi politica di Kissinger o alla volontà della Repubblica popolare cinese di uscire dall’isolamento internazionale?

L’iniziativa fu di Nixon, accolta dopo lo scetticismo iniziale da Kissinger.

È stato molto controverso in Cina e sarebbe stato ampiamente osteggiato se fosse stato noto all’élite politica cinese.

Per lo stesso motivo, Nixon lo tenne segreto negli Stati Uniti.

Oggi i rapporti tra le due potenze sono sempre più tesi. C’è qualcosa in quell’evento storico che potrebbe insegnare qualcosa a chi oggi deve gestire una situazione sempre più calda?

La lezione fondamentale dell’apertura di Nixon alla Cina è l’importanza sia della visione strategica che della comunicazione pragmatica anche con i presunti nemici. Ma le circostanze erano completamente diverse.

Nel settimo decennio del XX secolo, gli Stati Uniti e la Cina hanno scoperto un interesse comune nell’opporsi a un nemico condiviso sufficiente a consentire loro di ridurre il principale ostacolo politico che li divide: la questione di Taiwan.

La Cina allora, come oggi, considerava Taiwan alla stregua di un bastione della parte perdente e anticomunista sostenuto dagli americani in una guerra civile sospesa dall’intervento degli Stati Uniti ma non terminata.

Oggi non esiste un nemico condiviso paragonabile all’URSS.

Gli interessi comuni delle due parti sono meno ovvi e più astratti. Non c’è alcuna pressione strategica per mettere da parte le divergenze per perseguire l’intesa. E la finezza della questione di Taiwan non c’è più.

Sulla scia, Le chiedo che ruolo ha oggi la diplomazia nel mondo delle relazioni internazionali e che definizione dareste, visto la sua profonda conoscenza di quel mondo, di “arte della diplomazia”?

La diplomazia è la gestione delle relazioni internazionali con misure a corto di guerra. Nella divisione sino-americana le due parti non si parlano attualmente.

Hanno bisogno di riscoprire il valore della comunicazione educata e dell’attenzione ai punti di vista dell’altro lato e alla loro logica.

In molti modi, ciascuno sta proiettando l’isteria domestica sull’altro, oltre i propri confini.

“Il mondo è fuori dal gold standard e l’abuso da parte degli Stati Uniti dell’egemonia del dollaro per imporre sanzioni unilaterali ad altre nazioni sta generando un grado di resistenza che minaccia il quasi monopolio del dollaro sull’accordo commerciale.

Il popolo americano è stato tagliato, tagliato a dadini e suddiviso in sotto-comunità dai social e dai media di nicchia e non gode più di un consenso su gran parte di nulla.

E l’America non è più lo standard di governo a cui aspira la maggior parte degli altri paesi”

Abbiamo parlato di Nixon, Mao, Kissinger. Ci sono leader oggi che sarebbero in grado di dare una svolta storica agli eventi? Oppure il livello dei leader chiamati a guidare i Paesi è calato notevolmente?

Se ci sono tali leader, non è chiaro chi siano. Ma, in tutta onestà con la scenario attuale, all’apparentemente mediocre leadership della maggior parte delle grandi potenze mondiali, c’è da dire che alla fine degli anni ’60 non era evidente che Nixon o Mao fossero statisti del calibro che, poi, si rivelarono essere.

Durante la sua carriera diplomatica ha incontrato, interagito e lavorato a stretto contatto con leader che hanno lasciato il segno nel corso della Storia più o meno recente. Ricorda qualcuno con un affetto particolare? Ha trovato caratteristiche ricorrenti negli uomini di potere?

Henry Kissinger si distingue sicuramente per la sua conoscenza della storia, realismo e abilità diplomatica.

Ha incontrato una degna controparte in Zhou Enlai.

A differenza di Kissinger, Zhou si è preso la briga di fare da mentore a un gruppo di subordinati che potessero portare lo stile e la sostanza della sua diplomazia.

Entrambi gli uomini sono ora venerati per la loro genialità, ma l’eredità diplomatica di nessuno dei due viene onorata nella pratica.

Il tempo cambia tutto, questo si sa. Come definiresti allora gli Stati Uniti rispetto a quelli di oggi?

Un paese diverso in un mondo diverso.

Nel 1971, gli Stati Uniti furono bloccati in una contesa ideologica e geopolitica con l’URSS, iniziando a cercare di trovare una strategia di uscita dalle sue guerre in Indocina ma non ancora traumatizzati dall’esperienza, con un governo che godeva della credibilità del periodo precedente al Watergate e la leadership finanziaria ed economica incontrastata del mondo, tolto l’impero sovietico e la Cina.

Oggi, nonostante gli sforzi americani per trovare una base ideologica per la contesa con la Cina, l’unica minaccia alla democrazia costituzionale è interna, e proviene da coloro che sono risentiti per la loro denigrazione e negligenza da parte delle élite politiche e finanziarie dei loro paesi.

Il mondo è fuori dal gold standard e l’abuso da parte degli Stati Uniti dell’egemonia del dollaro per imporre sanzioni unilaterali ad altre nazioni sta generando un grado di resistenza che minaccia il quasi monopolio del dollaro sull’accordo commerciale.

Il popolo americano è stato tagliato, tagliato a dadini e suddiviso in sotto-comunità dai social e dai media di nicchia e non gode più di un consenso su gran parte di nulla.

E l’America non è più lo standard di governo a cui aspira la maggior parte degli altri paesi.

Citando Eraclito, in un’intervista Lei ha detto che non si può visitare la stessa Cina due volte. Che definizione darebbe della Cina odierna rispetto a quella di allora?

Quando ho incontrato la Cina per la prima volta, era un Paese arretrato, grigio, povero e isolato. La principale preoccupazione americana al riguardo era la sua apparente vulnerabilità alla sottomissione o all’umiliazione da parte dell’Unione Sovietica.

Ho visto la Cina modernizzarsi, esplodere nel chiassoso godimento della vita, sostituire la povertà con la ricchezza (compreso il proprio gruppo di miliardari) e far crescere la classe media più numerosa del mondo.

La Cina è ora connessa – forse più connessa – ad altri paesi come gli Stati Uniti, con un numero enorme di studenti all’estero e, fino a quando la pandemia non ha inibito i viaggi internazionali, la sua più grande classe turistica.

Arriviamo così ai nostri giorni. Da tempo in molti sostengono che la pandemia abbia cambiato la nostra quotidianità, i nostri stili di vita e le relazioni interpersonali.
Questo argomento sembrerebbe valido anche per le relazioni internazionali. Le chiedo, quindi, come il Covid19 abbia cambiato i rapporti tra gli Stati – in generale – e tra Usa e Cina – in particolare.
C’è stato un drastico cambio di scenario o la pandemia ha solo accelerato processi e dinamiche già presenti in precedenza?

La pandemia avrebbe dovuto stimolare la cooperazione internazionale per controllarla e contrastarla.

Invece, è diventato un argomento di propaganda, di conseguenza di più tra Stati Uniti e Cina. Non è ancora sopra o sotto controllo.

Né il mondo ha messo in atto un efficace contrasto ad essa.

Finora, rappresenta un fallimento del multilateralismo piuttosto che una sua rivendicazione.

Il centro di gravità del mondo si sta spostando verso est? Sarà questo il secolo asiatico così come sostiene l’analista Parag Khanna?

Storicamente, la maggior parte dell’attività economica e della ricchezza mondiale si trovava in Cina, India e nel mondo islamico.

Il mondo sta tornando alla situazione in cui era prima che il Rinascimento europeo e l’Illuminismo, insieme alla rivoluzione industriale, consentissero al mondo atlantico di dominare il resto.

Le principali potenze del futuro sono nell’Asia orientale e meridionale, sebbene l’Europa e il Nord America continueranno a esercitare un’influenza importante.

A Washington sembrano desiderosi di combattere la Cina. Cosa spinge gli Stati Uniti a voler affrontare Pechino in quella che sembra una partita destinata alla sconfitta? Quanto è importante il fattore psicologico della superpotenza in evidente e innegabile declino che non vuole condividere la scena con una nuova potenza emergente? O sono i fattori economico-politici ad orientare l’Occidente in questa competizione con il Drago?

La guerra fredda e il momento unipolare che ne seguì militarizzarono la politica estera americana.

La posizione predefinita degli Stati Uniti è ora quella di analizzare e rispondere a tutte le sfide con misure coercitive, minacce all’uso della forza e scontri militari. Psicologicamente, gli Stati Uniti stentano ad adattarsi a un mondo in cui, per la prima volta in un secolo e mezzo, non è necessariamente primus inter pares a livello internazionale.

Nel frattempo, la decadenza della democrazia americana, gli effetti dell’ascesa di una plutocrazia negli Stati Uniti e l’ingorgo politico nato da un’intensa faziosità hanno creato delusione popolare all’interno del paese.

È psicologicamente più facile e politicamente più conveniente dare la colpa dei propri mali dell’America alla Cina, alla Russia e ad altre nazioni straniere piuttosto che impegnarsi nell’introspezione e accettare la responsabilità della condizione nazionale.

“Le strategie politiche dell’amministrazione Usa per affrontare e prevenire l’egemonia cinese nel mondo devono puntare sulla pacifica convivenza tra le due nazioni”. Questo è uno dei concetti chiave che Henry Kissinger ha illustrato in una recente intervista al quotidiano tedesco Die Welt.
È ancora possibile ricostruire i rapporti Washington-Pechino sulla base della convivenza pacifica e della cooperazione, o, per citare Cesare, il dado è tratto e il Rubicone attraversato, segnando un punto di non ritorno?

Certo che è possibile. Ma attualmente non stiamo cercando di farlo. Ad un certo punto, potrebbe essere troppo tardi.

Nel contesto globale contemporaneo come si comportano i due Paesi?

Nessuno dei due paesi si sta comportando in modo tale da attirare consensi. Entrambi sono rozzi e incivili. Né stanno praticando una diplomazia volta a persuadere i governi e i pubblici stranieri del giusto delle loro posizioni sulle questioni internazionali, così che entrambi stanno alienando i precedenti partner e amici.

Né stanno cercando di guidare il mondo nell’affrontare le sfide planetarie.

La Cina sta recuperando la ricchezza, il potere e il prestigio che l’imperialismo europeo, giapponese e americano in precedenza le aveva privato.

Gli Stati Uniti non possono impedirlo, ma stanno stupidamente cercando di farlo piuttosto che concentrarsi sul miglioramento della propria competitività

L’Occidente vede negli altri le proprie colpe e, per questo, teme la forte ascesa cinese perché in essa vede un desiderio di egemonia globale. In realtà Pechino non ha mai espresso un simile desiderio, la Cina non ha mai provato a colonizzare il resto del mondo. La Cina sembra voler riconquistare il posto che le spetta in un mondo che vorrebbe con un destino condiviso. Si trova d’accordo con questa affermazione?

C’è una forte tendenza al “mirror imaging” sia negli Stati Uniti che in Cina. Ciascuno sembra immaginare che l’altro ragioni come egli si comporta.

Gli Stati Uniti vengono soppiantati dalla Cina dal primato globale e regionale. Ma lo spostamento non è la stessa cosa della sostituzione. La maggior parte delle nazioni non vuole essere subordinata né agli Stati Uniti né alla Cina.

Non ci sono prove che la Cina intenda subordinarli, anche se ha sollevato dubbi al riguardo con il suo trattamento prepotente nei confronti di paesi come la Corea del Sud e l’Australia.

La Cina non ha mostrato attitudine alla leadership mondiale. Non mi aspetto che la Cina succederà agli Stati Uniti come egemone globale.

Quali sono, secondo Lei, le ragioni principali della forte ascesa della Cina e fino a che punto gli Stati Uniti sono disposti a spingersi per cercare di contenere la sua espansione?

La Cina sta recuperando la ricchezza, il potere e il prestigio che l’imperialismo europeo, giapponese e americano in precedenza le aveva privato.

Gli Stati Uniti non possono impedirlo, ma stanno stupidamente cercando di farlo piuttosto che concentrarsi sul miglioramento della propria competitività.

Il cambio di amministrazione alla Casa Bianca sembra non aver comportato cambiamenti sostanziali nell’atteggiamento degli Stati Uniti nei confronti della Cina. Su quali basi si basa l’effettiva strategia di Washington?

Washington ha un atteggiamento, non una strategia.

L’atteggiamento è un consenso nazionale che trascende le affiliazioni di partito.

Quali sono, d’altra parte, i pilastri della strategia cinese nei confronti di Washington?

Respingere il cambio di regime, mantenere la tranquillità interna, continuare a ripristinare la ricchezza e il potere della Cina, rimuovere la minaccia militare americana attiva dalla sua periferia, rompere le dipendenze dagli Stati Uniti che rendono la Cina vulnerabile, costruire un mondo multipolare in cui nessun paese può minacciare l’aspetto ideologico o dettare l’ordine politico di qualsiasi altro.

Vede in Biden l’uomo giusto per guidare il Paese – e il mondo occidentale – in questo difficile passaggio storico?

Le opinioni di Biden si sono formate in un’epoca passata. È un restauratore, non un innovatore. È un utile correttivo per Trump (di cui forse non abbiamo visto l’ultimo) ma si dedica, a modo suo, a rendere di nuovo grande l’America, questa volta in riferimento al suo stato passato.

I subordinati chiave di Biden non sono pensatori strategici, hanno un’esperienza limitata nell’arte dello stato e non sembrano aver compreso e assimilato completamente il grado in cui sia il mondo che il posto dell’America in esso sono cambiati.

Sospetto che Biden verrà visto nel tempo come una figura di transizione, non un rimodellatore o restauratore dell’ordine mondiale.

E che dire di Xi Jinping? Vede in lui la personalità giusta per guidare la Cina verso il suo nuovo ruolo nel mondo?

Xi è troppo preoccupato per il controllo della Cina a livello nazionale per farlo. Gli succederà nel tempo, come lo sarà per Biden, una nuova generazione con idee diverse e forse più efficaci sugli affari esteri e interni.

È politicamente attraente semplificare tutto al livello di una gara tra democrazia e autoritarismo, ma questo è un falso costrutto

All’ultimo vertice annuale della Nato a Bruxelles, la Cina è entrata per la prima volta nella lista dei “rischi” per la sicurezza insieme alla Russia di Putin. La Cina è una minaccia reale o solo uno spettro mentale per l’Occidente?

L’Occidente e la Cina sono in competizione per vedere cosa può offrire la prosperità, la sicurezza e la tranquillità domestica alla loro gente.

Questa sfida non può e non sarà determinato da strategie o orientamenti militari ma sarà deciso da quanto bene le varie parti se la cavano economicamente, tecnologicamente e culturalmente.

È politicamente attraente semplificare tutto al livello di una gara tra democrazia e autoritarismo, ma questo è un falso costrutto. Il risultato sarà determinato dalla performance, non da atteggiamenti o dimostrazioni di forza militari, tanto meno da diatribe ideologiche.

In un’intervista Lei ha sostenuto che il più grande difetto dei cinesi agli occhi degli occidentali è che continuano ad essere testardamente cinesi. Cos’è che non riesci a capire l’Occidente della Cina? Qual è l’errore più grande che stiamo facendo?

L’Occidente ha inventato l’idea della sovranità nazionale e l’ha sancita nella pace della Westfalia. Ora stiamo in qualche modo contraddicendo quell’eredità così come la nozione di uno stato di diritto internazionale governato da un consenso tra stati sovrani nominalmente uguali.

La Cina non insiste sul fatto che qualcuno all’estero emuli il suo sistema. Questo è sia realistico che saggio.

È sia irrealistico che sciocco per noi immaginare di poter imporre la nostra cultura politica preferita alla Cina.

La Cina può modernizzarsi, ma non cesserà di essere cinese più di quanto altri paesi che si sono modernizzati abbiano cessato di essere fedeli alle loro essenze nazionali.

Quanto della mentalità della Guerra Fredda è ancora presente nell’élite politico-militare? Ammesso e non concesso che stiamo vivendo una nuova guerra fredda, con quali armi verrà combattuta?

Questa non è una nuova Guerra Fredda, nonostante lo sforzo degli Stati Uniti di dipingerla come tale. Il mondo non è diviso in modo significativo tra ideologie, né è diviso in blocchi di nazioni contendenti. L’idea che il mondo possa essere compreso e organizzato in termini di “rivalità tra grandi potenze” nega ai paesi di rango medio e ai paesi più piccoli qualsiasi ruolo nel determinare il proprio destino o nel plasmare l’ordine mondiale.

Questa non è un’idea molto attraente al di là della politica interna americana. L’idea che ci sia una grande lotta manichea tra democrazia e autoritarismo presuppone che gli autoritari condividano un’ideologia. In realtà, sono universalmente preoccupati solo di mantenersi al potere e non si vedono come partecipi di un sistema di valori. Le democrazie sono in difficoltà, ma le difficoltà sono fatte in casa. Questa è una nuova situazione. Le sfide che presenta sono reali ma richiedono una nuova visione e strategia. Applicare il ragionamento della Guerra Fredda, come fanno molti, è una ricetta per l’irrilevanza e/o il fallimento.

Ultimamente questo centro studi si è occupato dello Xinjiang. Cosa nascondono le accuse di Washington di genocidio del popolo uiguro contro Pechino, quali obiettivi?

Non credo che abbiano un obiettivo coerente se non quello di assumere una posa morale e ipocrita.

La Cina ha pagato un prezzo di reputazione per le sue politiche sbagliate nello Xinjiang. Se sottratto alla campagna americana per diffamare la Cina, quel prezzo reputazionale potrebbe indurre i cinesi a modificare il loro comportamento.

Le sanzioni e le denunce esagerate di Washington fanno sì che la Cina resista ai cambiamenti politici desiderabili per timore che sembri cedere alle pressioni straniere, mentre privando queste misure si pretende di sostenere i loro mezzi di sussistenza e screditare le loro cause sembrando renderle parte dell’ampia lotta anti-cinese della politica americana.

Di cosa parla Pechino quando parla dello Xinjiang e di cosa parla Washington – e di conseguenza i suoi alleati – quando si riferiscono a questa regione della Cina?

La Cina è preoccupata per il terrorismo islamista. Gli Stati Uniti, nonostante la propria campagna controproducente contro tale terrorismo, non riconosceranno la preoccupazione cinese.

Le politiche della Cina sono sia brutali che improbabile che funzionino. Ma le due parti stanno parlando sopra di tra loro ma nessuna delle due parti è interessata alle opinioni dell’altra.

Tibet, Hong Kong, Xinjiang. Tre pedine nella strategia di contenimento, accerchiamento e destabilizzazione condotta dalle forze occidentali contro Pechino? Perdonatemi per la brutalità della domanda, ma fino a che punto l’Occidente è direttamente coinvolto sul campo in queste azioni

Non tanto. Gli attivisti di Hong Kong sono diventati una folla senza leader che non ha un’agenda coerente relativa a “due sistemi” ma stanno attaccando attivamente “una Cina“. Il consiglio legislativo di Hong Kong non è stato in grado di approvare la legislazione sulla sicurezza nazionale come richiesto dalla Legge fondamentale. Alla fine, la Cina è stata spinta all’azione diretta, con tragici risultati per le libertà politiche del popolo di Hong Kong.

Noto, tuttavia, che non c’è mai stata “democrazia” a Hong Kong. Ciò che è stato distrutto non è stata la democrazia, ma la migliore prospettiva e possibilità per essa.

In Tibet e nello Xinjiang, come a Hong Kong, il sostegno straniero ben intenzionato ha incoraggiato livelli di dissenso e resistenza al dominio cinese che non possono avere successo o essere sostenuti.

Si pensi all’incoraggiamento occidentale ad ungheresi e cechi a ribellarsi al controllo sovietico. Questi erano scatti economici che sono finiti male.

Nessuno andrà in guerra o intraprenderà azioni efficaci per sostenere l’autodeterminazione o la secessione dalla Cina da parte dello Xinjiang, del Tibet o di Hong Kong.

Indurre i loro abitanti ad aspettarsi tale sostegno è moralmente riprovevole.

Visto che abbiamo fatto una piccola digressione sullo Xinjiang, Lechiedo anche quali opportunità offre al mondo la Belt and Road Initiative lanciata da Xi Jinping.

La connettività non è il mezzo esclusivo di una nazione per condurre il commercio, facilitare lo sviluppo o creare influenza.

Una strada o un porto possono essere utilizzati da chiunque il paese ospitante desideri o permetta.

La Belt and Road Initiative è guidata bilateralmente da Governi, aziende e individui in Cina e altri partecipanti, non solo in Cina.

Va accolto, non temuto.

Se l’Occidente è preoccupato che la connettività acquisisca un’influenza eccessiva nei paesi partecipanti per la Cina, dovrebbe competere per ottenere influenza per sé stesso, non cercare di ostacolare progetti che altri paesi trovano utili e a cui la Cina è pronta a unirsi nella pianificazione, nel finanziamento e nell’esecuzione.

Recentemente è stato nominato il nuovo ambasciatore cinese a Washington, Qin Gang si dice che sia uomo fidato di Xi Jinping. Quale sarà il suo compito, quali sono i suoi obiettivi e quali difficoltà incontrerà nel suo lavoro e su quali basi si rapporterà con il potere degli Stati Uniti?

L’ambasciatore Qin ha espresso chiaramente il desiderio di ripristinare una relazione razionale e reciprocamente gradevole tra il suo Paese e gli Stati Uniti.

Prevedo un sistema in cui molti attori avranno la capacità di manovrare, cooperare e competere

Secondo la sua visione e la sua esperienza, nel lungo periodo il mondo sarà dominato da una potenza egemonica, sarà bipolare o multipolare? E nel prossimo futuro, quale sarà il ruolo della Russia e dell’Unione Europea?

Non credo che in futuro ci sarà un unico ordine mondiale, ma uno multi-dimensionalmente multipolare.

I paesi possono avere scarse relazioni politiche ma forti legami economici.

Possono avere relazioni militari che soddisfano interessi comuni ma essere rivali tecnologicamente o meno. Ecc., ecc.

In alcune dimensioni, un paese può essere preminente. In altri, un altro paese.

Prevedo un sistema in cui molti attori avranno la capacità di manovrare, cooperare e competere.

Le basi della forza russa stanno declinando, ma Mosca sta dimostrando di poter essere un astuto attore diplomatico nel nuovo contesto. L’Europa dovrebbe unirsi ma è sempre più disunita. Solo gli europei possono decidere le caratteristiche e le dimensioni del loro ruolo futuro.

Le chiedo un’ultima cosa. Quanto è importante lo studio della geopolitica classica (con tutte le sue derivazioni ed evoluzioni) per comprendere le complesse dinamiche di questo mondo interconnesso?

Molto importante. Stiamo tornando a un mondo di relazioni internazionali fluide che non si vedevano dall’era dei classici rapporti di forza nell’Europa del XIX secolo. Avremo bisogno di riacquistare l’agilità diplomatica e le capacità dei grandi statisti di quell’epoca.

CHARLES “CHAS” FREEMAN

L’Ambasciatore Freeman è un diplomatico di carriera (in pensione) che è stato Assistente Segretario della Difesa per gli Affari di Sicurezza Internazionale dal 1993 al 1994, ottenendo i più alti riconoscimenti di servizio pubblico del Dipartimento della Difesa per i suoi ruoli nella progettazione di una sicurezza europea post Guerra Fredda centrata sulla NATO sistema e nel ristabilire le relazioni di difesa e militari con la Cina.
Ha servito come ambasciatore degli Stati Uniti in Arabia Saudita (durante le operazioni Desert Shield e Desert Storm). È stato vice segretario di Stato aggiunto principale per gli affari africani durante la storica mediazione degli Stati Uniti per l’indipendenza della Namibia dal Sudafrica e il ritiro delle truppe cubane dall’Angola.
L’ambasciatore Freeman ha lavorato come vice capo della missione e incaricato d’affari nelle ambasciate americane sia a Bangkok (1984-1986) che a Pechino (1981-1984). È stato direttore per gli affari cinesi presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti dal 1979 al 1981. È stato il principale interprete americano durante la visita pionieristica del defunto presidente Nixon in Cina nel 1972. Oltre alla sua esperienza diplomatica in Medio Oriente, Africa, Asia orientale ed europea, ha svolto un servizio in India.
(da Chas W. Freeman, Jr. – American diplomat, businessman, and writer. (chasfreeman.net))