Dom. Set 26th, 2021

Il Cremlino ha le prove che dietro il presunto avvelenamento di Navalny c’è l’Occidente

Iscriviti alla newsletter del CeSEM

A cura di Marco Ghisetti

La commissione della camera bassa dell’assemblea di Stato russa (la Duma) sull’interferenza negli affari interni della Russia considera le incongruenze temporali presenti nella bozza del rapporto dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) circa il presunto avvelenamento di Alexey Navalny la prova della complicità della Germania nella provocazione anti-russa, ha detto il presidente della commissione Vasily Piskarev.

Prima di ciò, la portavoce del ministero degli esteri russo Maria Zakharova aveva scritto sul suo canale Telegram che la bozza del rapporto presentato dall’OPCW presenta grosse incongruenze nella ricostruzione dell’avvelenamento di Navalny, incongruenze che il Segretariato tecnico non è stato in grado di giustificare.

La bozza sostiene che il Segretariato tecnico dell’OPCW aveva preparato una missione di assistenza tecnica “in relazione al sospettato avvelenamento di un cittadino russo” su richiesta della Germania il 20 agosto 2020, cioè il giorno dell’incidente Navalny. Il diplomatico ha sottolineato che la stesura della richiesta presentata dalla Germania all’OPCW è una procedura che dovrebbe richiedere molto tempo, per cui non è possibile che sia stata presentata il medesimo giorno.

“Prendendo spunto da Maria Zakarova, abbiamo sottolineato diverse stranezze presenti nel rapporto dell’OPCW. Le informazioni secondo cui è su richiesta della Germania che alcuni esperti hanno indagato il presunto avvelenamento di Navalny, tramite un agente chimico bellico, prima ancora che avvenisse il ricovero del blogger richiedono chiarimenti ufficiali. Attualmente pensiamo al rapporto dell’OPCW come prova del legame tra le autorità tedesche e la provocazione contro la Russia”, ha affermato Piskarev.

Il legislatore russo ha anche sottolineato che la Commissione non sembra interessata a “stabilire la verità di questo caso”: otto richieste presentate dall’ufficio del procuratore generale russo circa un’eventuale assistenza legale nel caso Navalny non hanno ancora ricevuto alcuna risposta. “La Commissione della Duma di Stato aveva presentato una richiesta alla dirigenza del Bundestag tedesco per fornire assistenza nello svolgimento delle indagini. Ma finora non abbiamo ricevuto nessuna risposta chiara dal Presidente del Bundestag, Wolfgan Schauble”, ha affermato il deputato.

“Osserviamo la campagna di propaganda che è attualmente in corso e promossa con l’obiettivo di imporre sanzioni alla Russia; questo è un problema che rimane all’ordine del giorno per la Commissione”, ha detto Piskarev.

Alexey Navalny fu portato d’urgenza in un ospedale locale nella città siberiana di Omsk il 20 agosto 2020 dopo esser collassato su di un volo diretto verso Mosca da Tomsk. Lì cadde in come e fu attaccato ad un respiratore in un’unità di terapia intensiva. Il 22 agosto fu trasportato in aereo a Berlino e ricoverato all’ospedale Charite.

Il 2 settembre il governo tedesco ha affermato che il blogger era stato vittima di un agente tossico appartenente alla famiglia Novichok. Il portavoce del Cremlino Dimitry Peskov ha sottolineato che nessuna sostanza velenosa era stata rilevata nel corpo di Navalny prima che egli fosse trasferito a Berlino.