La Cina avanza attraverso il caos e le minacce

cina_covid

Articolo originale pubblicato in inglese su Asia Times

Pechino sta sovralimentando la Belt and Road Initiative e altri piani rivoluzionari nonostante il Covid-19 e la guerra ibrida degli Stati Uniti.

Nel mezzo della contrazione economica più profonda da un secolo a questa parte, già lo scorso mese il presidente Xi Jinping aveva chiarito che la Cina dovrebbe essere pronta per
sfide straniere senza precedenti e senza sosta.

Non si riferiva solo al possibile disaccoppiamento delle catene di approvvigionamento globali e alla demonizzazione non-stop di ogni progetto relativo alle Nuove vie della Seta o Belt and Road Initiative.

Un documento interno – presumibilmente trafugato – segreto e invisibile all’interno della Cina ma entrato comunque in possesso di una oscura fonte connessa all’Occidente, affermava in sostanza che che il di incolpare la Cina per il virus sarebbe stato come il contraccolpo sui fatti di Tiananmen.

Secondo il documento segreto e invisibile, la Cina dovrebbe “prepararsi allo scontro armato tra le due potenze globali” – un riferimento agli Stati Uniti. È come se questa fosse una strategia aggressiva implementata dallo stato cinese in primo luogo e non in risposta alla massiccia escalation della guerra ibrida 2.0 da parte del governo degli Stati Uniti.

A tutti gli effetti pratici, la demonizzazione isterica della Cina attraverso la Beltway ha ormai superato gli isterismi della demonizzazione precedente che riguardava la Russia.

Quello che Pechino definiva un “periodo di opportunità strategica” è finito.
Ci sono stati rumors nei circoli informativi secondo cui la leadership del PCC credeva che questa finestra strategica di opportunità sarebbe rimasta senza ostacoli fino alla data chiave del 2049, anno in cui il “ringiovanimento nazionale” avrebbe dovuto essere pienamente realizzato.

Dimenticatelo. Ora l’intero gioco riguarda gli strumenti di guerra ibrida 2.0 messi in campo dagli Stati Uniti nel tentativo di contenere la superpotenza emergente, qualunque cosa serva per farlo.
E ciò implica che una moltitudine di piani cinesi sono ora sottoposti ad una accelerazione.

Il primo punto all’ordine del giorno è ripristinare la produttività della macchina Made in China.
Durante la sua recente visita nella provincia dello Shaanxi, storicamente cruciale per il PCC, il presidente Xi ha insistito su questo tema insieme ad un’offensiva contro la povertà. Ha promesso, infatti, di eliminare la povertà quest’anno.

Contrariamente a tutte le previsioni occidentali, le esportazioni cinesi sono cresciute di un significativo 3,5% ad aprile rispetto a un calo del 6,6% registrato a marzo. Questo frantuma totalmente la logica del disaccoppiamento. Il governo giapponese, ad esempio, sta accelerando il trasferimento delle fabbriche dalla Cina. Non è una strategia molto intelligente.

Queste fabbriche stanno lasciando una nazione che ha quasi sradicato Covid-19 per trasferirsi in Vietnam, anche questa è un’economia socialista (con caratteristiche vietnamite).

La crescita del PIL cinese è diminuita del 6,8% nel primo trimestre del 2020 ma la ripresa è già iniziata. Ufficialmente, la disoccupazione era al 5,9% a fine marzo, (senza tenere conto dei lavoratori migranti che sono tornati nelle grandi città dopo aver trascorso l’apice di Covid-19 nelle campagne). Ci sono state proiezioni sul tasso di disoccupazione al 20% che sono stato, poi, successivamente ritirate.

Per Pechino, la ripresa sarà un mix di stimolo economico per le aziende, grandi e piccole; investimenti in infrastrutture; e buoni per molte delle masse lavoratrici. Anche il sistema hukou, che collega i diritti sociali al luogo di residenza, sarà riformato. La data chiave da tenere d’occhio sarà il 22 maggio quando si terrà la sessione posticipata del Congresso Nazionale del Popolo.

 

Belt & Road on track

Per quanto riguarda gli aspetti legati alla geopolitica, l’analisi del Centre d’analyse, de prévision et de stratégie , una filiale del Ministero delle relazioni estere di Parigi, è diventata praticamente un mantra in tutto l’Occidente.

CAPS è allarmato dal fatto che la Cina sia diventata indispensabile, mentre ha messo in discussione i suoi “valori” e “agenda nascosta”. Con l’UE totalmente paralizzata e dimostrando graficamente la sua irrilevanza su una miriade di livelli, soprattutto in termini di accordo su un pacchetto di salvataggio efficace per tutti i suoi membri, l’Occidente in declino – quasi in blocco – è terrorizzato dal fatto che la Cina sia in un processo irreversibile che la porterà ad essere il massimo potere globale.

Anche dopo aver subito il duro colpo del Covid-19, Pechino sembra avere ripreso il controllo di tutte le variabili di base della sua politica economica (istituzioni finanziarie, grandi società). Il PCC raddoppierà lo sviluppo dell’intera macchina di produzione parallelamente all’applicazione diffusa di tecniche di intelligenza artificiale.

Ciò che sembra essere ormai acclarato è che la Cina prima garantirà i propri interessi nazionali – in termini di catene di approvvigionamento globali ed esportazioni.
A breve e medio termine, ci si concentrerà su selezionati corridoi terrestri e di connettività marittima di nuove strade della seta – Health Silk Road inclusa.

Anche in tempi di emergenza dovuti al Covid-19, il commercio della Cina con le nazioni incluse nella Belt and Road è cresciuto del 3,2% nel primo trimestre, non male anche se confrontato con il 10,8% per tutto il 2019.

Secondo il Ministero del Commercio, il commercio di Pechino con le 56 nazioni incluse nella Belt and Road Initiative sparse in Asia, Africa, Europa e Sud America rappresenta un 30% molto importante del commercio annuale totale. Ora confrontalo con la contrazione che va dal 13% al 32% nelle previsioni del commercio globale dell’Organizzazione mondiale del commercio per il 2020.

Quindi, anche se un calo commerciale nel primo trimestre del 2020 era più che prevedibile, questo è destinato a riprendersi rapidamente soprattutto in relazione al Sud-est asiatico, all’Europa orientale e al mondo arabo.

La Belt and Road si trova prevedibilmente di fronte a una miriade di sfide a breve e medio termine, tutte collegate ad interruzioni della connettività: rotture della catena di approvvigionamento, diffuse restrizioni di viaggio e visti, severi controlli alle frontiere, ritardi nei progetti a causa dell’aumento dei costi.

Gli esempi includono la ferrovia ad alta velocità Jakarta-Bandung da 6 miliardi di dollari, lunga 150 km in Indonesia, con esperti tecnici cinesi che lentamente rientrano dopo essere stati assenti a causa delle restrizioni del governo.
Lungo il corridoio economico Cina-Pakistan, la quarantena obbligatoria per i tecnici cinesi ha congelato i progressi per almeno due mesi. Lo stesso vale per i progetti in Bangladesh e Sri Lanka.

Secondo un rapporto dell’Economist Intelligence Unit, Covid-19 farà deragliare Belt and Road nel 2020. Questo potrebbe essere stato il caso solo per i primi quattro mesi dell’anno. Anche sotto Covid-19, Pechino ha firmato accordi per nuovi progetti Belt and Road in Myanmar, Turchia e Nigeria.

La ferrovia ad alta velocità Cina-Laos lunga 414 km – che collega lo Yunnan, via Vientiane, con Thailandia, Malesia e Singapore – rimane in linea con completamento previsto per la fine del 2021. L’ASEAN è ora il partner commerciale numero uno della Cina , davanti ad una UE che sta annegando.

 

Occhio allo yuan digitale

L’aspetto chiave di tutto ciò è che la complessa macrostrategia del PCC sarà indisturbata.
Ciò implica che la Cina rimarrà il motore principale dell’economia globale – con o senza disaccoppiamento – e con Belt and Road al centro della strategia di politica estera della Cina, unita a una solida spinta verso il multilateralismo.

Per quanto vaste aree dell’economia mondiale (in particolare in tutto il Sud del mondo) non mostrino alcuna intenzione di disaccoppiarsi dalla Cina, Pechino dovrà essere pronta a contrastare la guerra ibrida a spettro completo di Washington su tutti i fronti: geoeconomica, cibernetica, biologica, psicologica.

Come ha scritto in modo dettagliato Kishore Mahbubani nel suo ultimo libro, ciò non significa che la Cina avrà l’intenzione – e la capacità – di diventare un nuovo gendarme del mondo.
Certamente caricherà il suo potere economico e finanziario, come nell’attenta attuazione dello yuan digitale, eventualmente sostenuto dall’oro.

E poi c’è il cambio di gioco in continua evoluzione e responsabile delle notti insonni dell’establishment americano: il partenariato strategico Russia-Cina.

Due settimane fa, uno sviluppo geopolitico immensamente importante è stato praticamente sepolto dall’isteria dovuta al Coronavirus.
Mosca è ben consapevole del fatto che Washington sta schierando sistemi di difesa antimissile molto vicini ai confini della Russia con il potenziale per lanciare un primo attacco nucleare.

Pechino sta seguendo questo sviluppo con allarme.

La consapevolezza di Mosca è solo una parte della storia: il punto chiave è che la Russia è sicura che armi sofisticate come il Sarmat e l’Avangard se ne occuperanno.

Più complesso è il problema dei laboratori di armi biologiche del Pentagono situate nell’ex Unione Sovietica, problema seguito anche da Pechino.
Mosca ha identificato un laboratorio vicino a Tblisi in Georgia, e 11 in Ucraina.
Nel lontano 2014, quando la Crimea era riunita con la Russia, gli scienziati hanno anche trovato un laboratorio a Simferopoli.
La prossima grande mossa sulla scacchiera geopolitica punta alla partnership che negozia le loro relazioni bilaterali con gli Stati Uniti come una squadra.

Nulla potrebbe essere più razionale, considerando che sono considerate le due principali “minacce” per gli Stati Uniti, secondo la strategia di sicurezza nazionale.

Si parla di un grande cambiamento di paradigma.