Mar. Gen 31st, 2023

Libro Bianco | LO SVILUPPO VERDE DELLA CINA NELLA NUOVA ERA

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

Ufficio informazioni del Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese | Traduzione dall’inglese di Giulio Chinappi

Visualizza il libro bianco “LO SVILUPPO VERDE DELLA CINA NELLA NUOVA ERA” in formato .PDF

Visualizza il libro bianco “LO SVILUPPO VERDE DELLA CINA NELLA NUOVA ERA” in formato TESTO ONLINE

Contenuti

Prefazione

I. Rimanere fermamente impegnati nello sviluppo verde

II. La configurazione territoriale verde di base in vigore

III. Adeguamento e miglioramento della struttura industriale

IV. Ampia applicazione di metodi di produzione ecologici

V. La vita ecologica diventa l’etica prevalente

VI. Migliorare le istituzioni e i meccanismi per lo sviluppo verde

VII. Rendere la Terra una Bella Casa

Conclusione

Prefazione

Il verde è il colore della natura e il simbolo della vita. Un sano ambiente ecologico è la base fondamentale per una vita migliore e l’aspirazione comune delle persone. Lo sviluppo verde è uno sviluppo che segue le leggi della natura per promuovere la convivenza armoniosa tra l’umanità e la natura, uno sviluppo che ottiene i massimi benefici sociali ed economici al minimo costo in risorse e impatto ambientale e uno sviluppo sostenibile e di alta qualità che protegge l’eco-ambiente . È diventato l’obiettivo di tutti i Paesi.

Il rispetto e la protezione della natura hanno dato un importante contributo alla sopravvivenza e alla prosperità della nazione cinese nel corso di migliaia di anni. Il concetto di “armonia tra umanità e natura” è una caratteristica distintiva della civiltà cinese. Per promuovere vigorosamente la costruzione di un’eco-civiltà socialista, la Cina ha stabilito una politica nazionale fondamentale di conservazione delle risorse e protezione dell’ambiente e una strategia nazionale di sviluppo sostenibile sin dall’avvio della riforma e dell’apertura.

Dal 18° Congresso Nazionale del PCC nel 2012, sotto la guida del Pensiero di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era, la Cina ha fermamente sostenuto la convinzione che le acque limpide e le montagne lussureggianti siano beni inestimabili. Ha dato la priorità alla conservazione eco-ambientale e allo sviluppo verde, ha promosso la trasformazione verde globale dello sviluppo economico e sociale e ha raggiunto la modernizzazione basata sull’armonia tra umanità e natura. Sono state compiute meraviglie nella protezione eco-ambientale e nello sviluppo verde, e sono stati fatti grandi passi avanti nella costruzione di una bella Cina. Il verde è la caratteristica distintiva della Cina nella nuova era e lo sviluppo verde caratterizza il percorso cinese verso la modernizzazione. Con più cieli azzurri, montagne verdi e acque limpide, il popolo cinese potrebbe godere di vantaggi ecologici più accessibili e sostenibili. Lo sviluppo verde della Cina ha contribuito a espandere le aree verdi del proprio Paese e della Terra, a vantaggio sia della Cina che del mondo in generale.

In quanto Paese in via di sviluppo più grande del mondo, la Cina è impegnata nell’idea di una comunità globale dal futuro condiviso. Ha offerto un sostegno incrollabile al multilateralismo, ha proposto l’Iniziativa per lo sviluppo globale e l’Iniziativa per la sicurezza globale, ha ampliato la cooperazione pratica e ha partecipato attivamente alla governance globale dell’ambiente e del clima. Ha contribuito con la saggezza e la forza cinese all’attuazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile, creando una comunità di vita per l’umanità e la natura e costruendo un mondo pulito, bello e prospero di sviluppo sostenibile.

Il governo cinese sta pubblicando questo libro bianco per presentare un quadro completo delle idee, delle azioni e dei risultati della Cina nello sviluppo verde nella nuova era e per condividere con il mondo la sua esperienza al riguardo.

I. Rimanere fermamente impegnati nello sviluppo verde

Per soddisfare il desiderio del popolo per una vita migliore, la Cina ha trattato le acque limpide e le montagne lussureggianti come beni inestimabili e ha lavorato per mantenere l’armonia tra l’umanità e la natura nel suo sviluppo. La Cina favorisce una crescita economica di alta qualità, una protezione ambientale di alto livello e un percorso di sano sviluppo basato su una produzione economica e standard di vita più elevati e su ecosistemi sani.

1. Applicare una filosofia di sviluppo incentrata sulle persone

La filosofia incentrata sulle persone è un principio guida del Partito Comunista Cinese (PCC) e un sano ambiente ecologico è il prodotto pubblico più equo e il beneficio pubblico più inclusivo. Man mano che la modernizzazione della Cina avanza e il tenore di vita migliora, la domanda popolare per un ambiente bello sta crescendo. Nell’indice di felicità delle persone è aumentato il peso dell’ambiente. Per soddisfare la crescente domanda di un ambiente bello, la Cina ha rafforzato la conservazione e la protezione eco-ambientale e promosso vigorosamente modi di lavoro e di vita eco-compatibili. Si è concentrata sulla risoluzione dei principali problemi ambientali che mettono seriamente in pericolo la salute delle persone, ha migliorato la qualità dell’ambiente e degli ecosistemi e ha fornito più beni eco-ambientali di qualità, in modo da aiutare il popolo a sentirsi più felice, più soddisfatto e più sicuro in un bellissimo ambiente.

2. Puntare sullo sviluppo sostenibile in Cina

La società prospera quando l’ambiente migliora e perde vigore quando l’ambiente si degrada. La natura fornisce le condizioni di base per la sopravvivenza e lo sviluppo umano. Rispettare, accogliere e proteggere la natura è essenziale per uno sviluppo sostenibile. Tenendo presente che la sua capacità ambientale è limitata e il suo ecosistema è fragile, la Cina non solo ha perseguito lo sviluppo per l’attuale generazione, ma ha anche tracciato piani per le generazioni a venire. Considera la conservazione eco-ambientale fondamentale per lo sviluppo sostenibile in Cina. Valorizza sia l’ambiente che lo sviluppo economico, lavora per tradurre i punti di forza eco-ambientali in punti di forza dello sviluppo e cerca sempre di realizzare il valore economico e sociale che hanno acque limpide e montagne lussureggianti, che porteranno ritorni finanziari, benefici eco-ambientali, benefici sociali e armonia tra umanità e natura.

3. Applicare il pensiero sistemico e un approccio coordinato

Lo sviluppo verde è un cambiamento rivoluzionario a tutto tondo nei nostri valori e nel modo in cui lavoriamo, viviamo e pensiamo. La Cina ha applicato il pensiero sistemico all’intero processo di sviluppo economico e sociale e di conservazione e protezione eco-ambientale. Ha adottato un approccio sano ai rapporti tra sviluppo e protezione, tra interessi generali e locali, tra presente e futuro. Ha adottato un approccio scientifico, moderato e ordinato all’uso dello spazio territoriale e ha promosso una solida struttura economica che facilita lo sviluppo verde, a basse emissioni di carbonio e circolare. Ha promosso un sistema istituzionale che combina vincoli e incentivi per coordinare la ristrutturazione industriale, il controllo dell’inquinamento, la conservazione eco-ambientale e la risposta climatica. La Cina ha cercato di ridurre le emissioni di carbonio, ridurre l’inquinamento, espandere lo sviluppo verde e perseguire la crescita economica. Ha dato la priorità alla protezione eco-ambientale, conserva le risorse e le utilizza in modo efficiente per uno sviluppo verde e a basse emissioni di carbonio. Ha sviluppato configurazioni spaziali, strutture industriali e modalità di lavoro e di vita che aiutano a conservare le risorse e proteggere l’ambiente e ha promosso uno sviluppo economico e sociale più verde sotto tutti gli aspetti.

4. Lavorare insieme per uno sviluppo globale sostenibile

Proteggere l’ambiente e contrastare il cambiamento climatico sono responsabilità comuni di tutti i Paesi. Solo quando tutti i Paesi si uniscono e lavorano insieme per promuovere uno sviluppo verde e sostenibile possiamo mantenere l’equilibrio generale nell’ecologia della terra e proteggere l’unica casa dell’umanità. La Cina si è assunta le proprie responsabilità, ha partecipato attivamente alla governance ambientale globale e si è impegnata a raggiungere il picco delle emissioni di carbonio entro il 2030 e la neutralità carbonica entro il 2060. Promuoverà la transizione verde con questi obiettivi come guida, svolgerà un ruolo più attivo nelle relazioni bilaterali e multilaterali per la cooperazione internazionale sullo sviluppo verde, promuoverà un sistema giusto ed equo di governance ambientale globale e contribuirà con la sua saggezza e forza allo sviluppo sostenibile globale.

II. La configurazione territoriale verde di base in vigore

La Cina sta compiendo sforzi per ottimizzare il proprio sistema di governo dello spazio territoriale. Il Paese ha rafforzato la pianificazione complessiva e la gestione coordinata e il controllo dello spazio territoriale per il lavoro e l’abitare e per l’ambiente. Ha intensificato gli sforzi per proteggere e ripristinare gli ecosistemi, ampliato efficacemente la capacità dell’eco-ambiente e promosso il rapido accumulo di ricchezza naturale e ricchezza eco-ambientale, portando a cambiamenti storici, trasformativi e globali nella protezione eco-ambientale e fornendo un forte sostegno allo sviluppo sostenibile e sano dell’economia e della società.

1. Ottimizzare lo sviluppo e la tutela dello spazio territoriale

Lo spazio territoriale di un Paese è il vettore dello sviluppo verde. La Cina ha implementato una strategia di zonizzazione funzionale e ha istituito un sistema unificato di pianificazione dello spazio territoriale basato sulla scienza, efficiente e basato su poteri e responsabilità chiaramente definiti. Prendendo in considerazione fattori come la distribuzione della popolazione, le strutture economiche regionali, l’uso del suolo e la protezione eco-ambientale, ha pianificato lo sviluppo e la protezione dello spazio territoriale con un approccio olistico, in modo da ottenere uno sviluppo più qualitativo e più sostenibile del suo spazio territoriale.

La Cina ha integrato diversi piani in un unico piano generale per lo sviluppo dello spazio territoriale. Ha integrato la zonizzazione funzionale, l’uso del suolo, la pianificazione urbana e rurale e altre pianificazioni spaziali in un piano spaziale territoriale unificato. Sta prendendo forma un sistema completo che integra l’approvazione della pianificazione, la supervisione dell’attuazione, i regolamenti, le politiche e gli standard tecnici. Il ruolo della pianificazione dello spazio territoriale è stato rafforzato nel guidare e vincolare vari piani specifici. Ha accelerato la stesura di vari piani per lo spazio territoriale a tutti i livelli. Di conseguenza, verrà infine elaborato un grande piano complessivo per lo sviluppo e la tutela dello spazio territoriale.

Sono stati compiuti sforzi concertati per ottimizzare l’uso dello spazio territoriale. Sulla base dei risultati delle indagini nazionali sulle risorse del territorio, la Cina ha effettuato una valutazione della capacità delle risorse e dell’ambiente e dell’idoneità dello sviluppo del territorio. Ha designato scientificamente zone agricole, ecologiche, urbane e altre zone funzionali e ha migliorato la disposizione dello spazio territoriale che consiste in tre zone principali: le principali zone di produzione agricola, le principali zone di servizi ecosistemici e le zone urbanizzate. Per rafforzare la sicurezza eco-ambientale nazionale e regionale, la Cina ha designato terre coltivate di base permanenti, tracciato linee rosse per la protezione eco-ambientale, delineato i confini per lo sviluppo urbano e fissato linee di protezione per tutti i tipi di aree marittime, in modo coordinato. Ha stabilito un controllo centralizzato sull’uso dello spazio territoriale e ha assicurato che queste linee non vengano oltrepassate.

La Cina ha rafforzato la gestione delle principali zone di servizi ecosistemici e si è adoperata per prevenire e controllare i rischi ecoambientali. Le unità amministrative a livello di contea che svolgono importanti funzioni ecologiche come la conservazione dell’acqua e del suolo, l’inibizione dei venti, il ripristino della sabbia e la protezione della biodiversità sono designate come zone chiave di servizi ecosistemici, che dovrebbero concentrarsi sulla protezione dell’ambiente e sulla fornitura di prodotti eco-ambientali e dove dovrebbero essere limitate l’industrializzazione e l’urbanizzazione su larga scala. Di conseguenza, gli ecosistemi naturali della Cina sono generalmente stabili o in miglioramento, i servizi eco-ambientali sono migliorati e la fornitura di prodotti eco-ambientali ha continuato ad aumentare.

2. Rafforzare la conservazione e il ripristino eco-ambientale

Montagne, fiumi, foreste, terreni agricoli, laghi, praterie e deserti sono comunità di vita. La Cina ha rafforzato una governance ambientale sistematica, completa e basata sulla legge, affrontando i problemi alla radice. Dando priorità alla protezione e concentrandosi sul ripristino naturale, ha portato avanti con vigore la protezione e il ripristino degli ecosistemi, in modo da costruire una solida barriera di sicurezza eco-ambientale nazionale e rafforzare le basi per lo sviluppo sostenibile della nazione cinese.

È stato istituito un nuovo tipo di sistema di aree protette (AP). Le AP sono importanti piattaforme per la conservazione eco-ambientale. La Cina sta sviluppando un sistema di AP con i parchi nazionali come pilastro, sostenuto da riserve naturali e integrato da parchi naturali. Ha creato il suo primo lotto di cinque parchi nazionali: il Three-River-Source National Park, il Giant Panda National Park, il Northeast China Tiger and Leopard National Park, l’Hainan Tropical Rainforest National Park e il Wuyishan National Park. Sta compiendo progressi costanti nella costruzione di parchi nazionali in regioni importanti dal punto di vista ambientale. Alla fine del 2021, erano state istituite quasi 10.000 AP di vari tipi e livelli, che coprivano oltre il 17% della superficie terrestre della Cina, mettendo sotto protezione effettiva il 90% dei suoi tipi di ecosistemi terrestri naturali e il 74% delle principali specie faunistiche protette dallo Stato.

Istituzione di linee rosse scientifiche di conservazione eco-ambientale (ECRL). Le ECRL sono l’ancora di salvezza della sicurezza eco-ambientale nazionale. La Cina ha portato aree funzionali di vitale importanza, aree estremamente fragili e aree di valore eco-ambientale potenzialmente vitale nell’ambito del quadro ECRL. Più del 30 percento della superficie terrestre della Cina, comprese le AP integrate e ottimizzate, è ora sotto la protezione delle ECRL. Attraverso la creazione della ECRL e la stesura di piani di protezione e ripristino ecologico, il Paese ha consolidato una configurazione complessiva di conservazione eco-ambientale composta da tre eco-zone e quattro cinture protettive: l’eco-zona dell’altopiano del Qinghai-Tibet, l’eco-zona del Fiume Giallo (compresa la Loess Plateau Ecological Barrier), la zona ecologica del fiume Yangtze (compresa la barriera ecologica Sichuan-Yunnan) e le cinture di protezione nord-orientale, settentrionale, meridionale e costiera.

Realizzazione di grandi progetti per la conservazione e ripristino dei principali ecosistemi nazionali. Con un focus sulle principali aree funzionali eco-ambientali nazionali, ECRL e PA, la Cina ha avviato progetti per la conservazione olistica e il ripristino di montagne, fiumi, foreste, terreni agricoli, laghi, praterie e deserti, adottando misure globali e sistematiche per affrontare i problemi e le loro cause profonde. Ha realizzato programmi di protezione e ripristino di foreste frangivento e foreste naturali come il programma shelterbelt nel nord-est della Cina, nel nord della Cina e nel nord-ovest della Cina, programmi di restituzione di terreni agricoli marginali a foreste e praterie, il programma per il ripristino ecologico delle miniere abbandonate, il miglioramento dell’ambiente dell’Iniziativa Blue Bay, il programma di protezione e ripristino delle fasce costiere, la gestione globale dell’ambiente acquatico del Mare di Bohai, la conservazione e il ripristino delle foreste di mangrovie e altri progetti di ripristino e riabilitazione di significativa importanza eco-ambientale. La Cina ha realizzato progetti di rimboschimento su larga scala, aumentando costantemente l’area di foreste, praterie, zone umide, fiumi e laghi e invertendo efficacemente la tendenza alla desertificazione.

Dal 2012 al 2021, sono stati piantati 64 milioni di ettari di alberi. Durante questo periodo, la prevenzione e il controllo della desertificazione sono stati effettuati su 18,53 milioni di ettari di terreno e 40 milioni di ettari di terreno sono stati migliorati attraverso la semina dell’erba e sono stati aggiunti o ripristinati più di 800.000 ettari di zone umide. Nel 2021, il rapporto di copertura forestale ha raggiunto il 24%, mentre il volume dello stock forestale è cresciuto a 19,5 miliardi di metri cubi. Entrambe le cifre rappresentano 30 anni consecutivi di crescita, rendendo la Cina il Paese con la più alta crescita delle risorse forestali e la più vasta area di foreste artificiali. La Cina è anche il primo Paese a realizzare un degrado netto del suolo pari a zero: le sue aree desertificate e sabbiose si stanno riducendo, e questo sta aiutando il mondo a raggiungere l’obiettivo globale di un degrado del suolo pari a zero nel 2030. Dal 2000, la Cina ha guidato il mondo nel rendere più verde il pianeta, contribuendo a circa un quarto delle nuove aree verdi nel mondo.

3. Promuovere lo sviluppo verde delle regioni chiave

La Cina svolge pienamente il ruolo di guida delle principali strategie di sviluppo regionale e l’attuazione di queste strategie, basate sulla priorità della conservazione eco-ambientale e sulla promozione dello sviluppo verde. Lavora per trasformare le regioni chiave in pionieri e modelli nello sviluppo verde per promuovere lo sviluppo sociale ed economico verde in tutto il Paese.

I progressi nella protezione ambientale nello sviluppo coordinato della regione Pechino-Tianjin-Hebei. La strategia per lo sviluppo coordinato della regione è stata attuata, stimolando lo sviluppo integrato di aree quali trasporti, ambiente, industria e servizi pubblici e rafforzando la prevenzione e il controllo congiunti dei problemi ambientali. Con la regione al centro, sono stati compiuti sforzi globali per affrontare l’eccessivo sfruttamento delle acque sotterranee nel nord della Cina, con il livello delle acque sotterranee in continuo calo dagli anni ’80 che è stato invertito. In questa regione, la Xiongan New Area viene costruita secondo piani lungimiranti e standard elevati, con l’obiettivo di trasformarla in una destinazione per entità trasferite da Pechino poiché le loro funzioni non sono essenziali per il ruolo di Pechino come capitale. Xiongan sarà costruita come una città ecologica esemplare di sviluppo verde di alta qualità con un layout razionale, un buon equilibrio tra acqua blu, aree verdi, aria pulita, cieli limpidi e strutture urbane. Nel 2021, in 13 città della regione, il 74% dei giorni ha avuto una buona qualità dell’aria. Questo è stato un aumento di 32 punti percentuali rispetto al 2013. Pechino ha dato l’esempio nel controllo della qualità dell’aria per il mondo.

Promuovere una conservazione ambientale ben coordinata ed evitare uno sviluppo eccessivo durante lo sviluppo della cintura economica del fiume Yangtze. Il fiume Yangtze è il fiume madre della nazione cinese e una centrale elettrica per lo sviluppo della Cina. Il ripristino dell’eco-ambiente del fiume Yangtze è una priorità assoluta. La Cina sta coordinando lo sviluppo economico e la protezione dell’ambiente e sta costruendo una cintura economica che incarna lo sviluppo verde e l’armonia tra l’umanità e la natura.

Sfruttando le opportunità offerte dall’integrazione industriale, la cintura economica del fiume Yangtze sta costruendo un sistema industriale verde e accelerando la sua trasformazione economica verde. È stata lanciata una dura battaglia per proteggere e ripristinare l’eco-ambiente nel bacino del fiume Yangtze: sono stati compiuti intensi sforzi per realizzare il progetto “4+1” – il trattamento delle acque reflue e dei rifiuti urbani, l’inquinamento chimico, i rifiuti agricoli inquinanti, inquinamento da navi e inquinamento da bacini di decantazione; è stato attuato un divieto totale di pesca di 10 anni nel bacino del fiume Yangtze; sono state intraprese azioni per regolamentare i progetti di sviluppo delle banche e rimuovere gli argini illegali. Dal 2018 sono state demolite strutture non autorizzate lungo 162 chilometri di argini del fiume, più di 12 chilometri quadrati lungo gli argini sono stati ripuliti dalla vegetazione e 4.533 ettari sono stati restituiti all’acqua. La qualità dell’acqua nelle sezioni monitorate dallo stato della corrente principale del fiume Yangtze ha raggiunto il livello II (il secondo miglior livello) negli ultimi due anni.

Il ruolo pionieristico della regione del delta del fiume Yangtze nello sviluppo verde. La costruzione della zona dimostrativa per lo sviluppo verde integrato del delta del fiume Yangtze sarà accelerata, per esplorare modi per tradurre i punti di forza eco-ambientali in benefici sociali ed economici e modi per la regione di passare dall’esecuzione coordinata del progetto all’innovazione istituzionale integrata regionale. Con paesaggi pittoreschi, una ricca cultura, industrie specializzate e risorse per l’innovazione, la regione getterà solide basi per lo sviluppo verde e si svilupperà in un hub per lo sviluppo verde e guidato dall’innovazione.

Conservazione eco-ambientale e sviluppo di qualità nel bacino del Fiume Giallo. La protezione del Fiume Giallo è una strategia a lungo termine di fondamentale importanza per la nazione cinese. La Cina ha elaborato piani coordinati e realizzato la protezione e il miglioramento ecologico dell’intero bacino del Fiume Giallo, compreso il controllo dell’erosione del suolo e della desertificazione nel suo corso superiore e medio e il trattamento completo dei corsi e degli argini del fiume nel corso inferiore. Il carico di sedimenti del Fiume Giallo è costantemente diminuito, il che contribuisce a garantirne la sicurezza. La disponibilità di acqua è stata un fattore determinante nello sviluppo urbano e industriale, nell’agricoltura e nella distribuzione della popolazione. È stato seguito un percorso di conservazione intensiva dell’acqua in modo che la sicurezza idrica sia stata effettivamente garantita, le risorse idriche siano utilizzate in modo efficiente e l’ecologia sia migliorata. Le aree lungo il Fiume Giallo vengono protette al fine di portare avanti e diffondere la cultura del Fiume Giallo, sviluppare industrie specializzate e coltivare nuove industrie e modelli di business. Ciò ha innalzato il valore sia eco-ambientale che economico del fiume, a vantaggio della popolazione.

Costruire una bellissima area della baia di Guangdong-Hong Kong-Macao. La Cina ha notevolmente migliorato la qualità dell’eco-ambiente nell’area della baia, ha esplorato modelli di costruzione e funzionamento urbani verdi e a basse emissioni di carbonio e ha promosso lo sviluppo sostenibile, rendendo i suoi cieli più blu, le montagne più verdi e l’acqua più limpida. L’area godrà di un ambiente ecologico sicuro e bello, di una società stabile e di prosperità culturale.

4. Costruire una bella casa con un piacevole ambiente di vita

Le aree urbane e rurali sono portatrici di insediamenti e attività umane. La Cina integra la filosofia dello sviluppo verde nell’edilizia urbana e rurale e promuove belle città e belle iniziative di campagna. Con la priorità data al controllo dell’inquinamento ambientale, la Cina si impegna a migliorare l’ambiente di vita per costruire una bella casa con montagne lussureggianti, campi verdi, uccelli che cantano e fiori che sbocciano.

Costruire belle città caratterizzate dall’armonia tra umanità e natura. La Cina ha posto grande enfasi sulla conservazione eco-ambientale urbana e ha adottato un approccio all’urbanizzazione incentrato sulle persone. Ha progettato spazi validi per il lavoro, l’abitare e la conservazione eco-ambientale e ha lavorato per rendere le città vivibili, resilienti e intelligenti. L’obiettivo è trasformare le città in belle case dove l’umanità e la natura convivono in armonia. Nel perseguire l’urbanizzazione, la Cina rispetta e accoglie le esigenze della natura. Ha utilizzato montagne, acque e altri paesaggi unici per integrare le città nella natura, in modo che gli abitanti delle città possano godere del panorama e ricordare le loro origini rurali. Sono stati compiuti sforzi per espandere lo spazio eco-ambientale urbano attraverso la costruzione di città giardino nazionali e città forestali, nonché parchi e percorsi verdi nelle città. Con una maggiore copertura del verde, l’ecoambiente urbano è stato efficacemente ripristinato. Dal 2012 al 2021, la copertura verde delle aree urbane edificate è aumentata dal 39% al 42% e la superficie pro capite del verde del parco è aumentata da 11,8 metri quadrati a 14,78 metri quadrati. Sono stati compiuti grandi sforzi per costruire edifici verdi e a basse emissioni di carbonio e si è promosso il rinnovamento di quelli esistenti, contribuendo a un’efficienza energetica sempre più elevata.

Costruire una campagna bella e armoniosa in cui sia piacevole vivere e lavorare. Lo sviluppo verde è un nuovo motore di rivitalizzazione rurale e la Cina sta esplorando nuovi percorsi per lo sviluppo verde nelle aree rurali. Sta attivamente sviluppando nuove industrie e nuove forme di business come l’eco-agricoltura, il commercio elettronico rurale, l’agricoltura per il tempo libero, il turismo rurale, la salute e l’assistenza agli anziani, mentre promuove progetti per proteggere e ripristinare gli ecosistemi. Questi sforzi consentono alla Cina di avvicinarsi al suo obiettivo di avere un’agricoltura forte e una campagna bella e rivitalizzata. La Cina continua a riqualificare l’intero ambiente di vita rurale e promuove costantemente la costruzione di case moderne e vivibili con servizi igienici nelle aree rurali, rafforzando il trattamento e il riciclaggio dei rifiuti domestici e delle acque reflue. Di conseguenza, sempre più aree rurali hanno accesso ad acqua potabile e pulita, strade asfaltate, illuminazione stradale ed energia pulita. Con un ambiente migliore, le vaste aree rurali sono diventate più sostenibili. Lussureggianti boschetti, frutteti e giardini di fiori e ortaggi si esaltano a vicenda e la splendida scena pastorale è un piacere per gli occhi. Una bellissima campagna dove i cieli sono azzurri, le terre sono verdi e le acque limpide delizia le persone con la sua vista panoramica. Sono stati inoltre compiuti maggiori sforzi per proteggere e utilizzare i villaggi tradizionali e portare avanti le loro belle tradizioni, che ne hanno accresciuto il fascino culturale.

Adottare ulteriori misure per prevenire e controllare l’inquinamento. L’ambiente ha un impatto significativo sulla qualità della vita. Le montagne verdi mostrano bellezza e i cieli blu portano felicità. La Cina sta riducendo l’inquinamento in modo legale, scientifico e mirato. È stata data priorità all’affrontare i problemi più spinosi di contaminazione dell’aria, dell’acqua e del suolo che sono di maggiore preoccupazione per il pubblico. Sono state prese misure efficaci per mantenere i cieli blu, le acque limpide e il suolo privo di inquinamento. Il meccanismo di prevenzione e controllo coordinati tra le regioni e gli approcci nell’affrontare l’inquinamento atmosferico pesante hanno ottenuto risultati notevoli. La densità media di PM2,5 delle città cinesi a livello di prefettura e oltre è scesa da 46 microgrammi per metro cubo nel 2015 a 30 microgrammi per metro cubo nel 2021. Nell’87,5% dei giorni nel 2021, le persone hanno goduto di una buona qualità dell’aria. La Cina sta facendo i progressi più rapidi nel miglioramento della qualità dell’aria. Con un ritmo accelerato nel limitare le fonti di inquinamento industriale, agricolo e domestico e nella regolamentazione dei sistemi ecologici idrici, la Cina ha ridotto in modo significativo i corpi idrici gravemente inquinati e i corpi idrici al di sotto degli standard e la sicurezza dell’acqua potabile è garantita. Nel 2021, la percentuale di acqua superficiale pari o superiore al grado III nel sistema di qualità dell’acqua a cinque livelli del Paese ha raggiunto l’84,9%. La Cina ha vietato l’importazione di rifiuti stranieri, realizzando il suo obiettivo di “importazione zero” di rifiuti solidi, tenendo sostanzialmente sotto controllo la minaccia di contaminazione del suolo. I cieli azzurri brillanti sono punteggiati di nuvole bianche durante il giorno; quando il sole tramonta, stelle scintillanti modellano il firmamento. Le rive sono verdi e le acque sono pulite, con i pesci che scivolano sotto l’acqua limpida. Le persone respirano aria più fresca, bevono acqua più pulita e mangiano cibi più sicuri. Vivendo in un bellissimo ambiente, le persone possono veramente sentire la felicità e la bellezza portate dalla conservazione eco-ambientale.

III. Adeguamento e miglioramento della struttura industriale

La Cina è impegnata nella filosofia dello sviluppo innovativo, coordinato, verde, aperto e condiviso e considera lo sviluppo guidato dall’innovazione come forza trainante per creare nuovo slancio e costruire nuovi punti di forza per lo sviluppo economico. La Cina ha imposto rigidi vincoli allo sfruttamento delle risorse e dell’ambiente per promuovere un completo adeguamento della struttura industriale e ha rafforzato la cooperazione regionale per ottimizzare la configurazione spaziale dell’industria. Di conseguenza, l’economia cinese ha registrato un costante miglioramento della qualità dello sviluppo pur mantenendo un ritmo di crescita ragionevole.

1. Industrie emergenti strategiche in forte sviluppo

La Cina attua la strategia di sviluppo guidata dall’innovazione. Prende l’innovazione scientifica e tecnologica come forza trainante e garanzia per l’adeguamento della struttura industriale e la transizione verde e a basse emissioni di carbonio dell’economia e della società e considera le industrie strategiche emergenti come un motore chiave per lo sviluppo economico, raccogliendo notevoli benefici economici e sociali come risultato.

La Cina ha intensificato gli investimenti nell’innovazione scientifica e tecnologica. La spesa interna lorda per ricerca e sviluppo (R&S) della nazione è cresciuta da 1,03 trilioni di RMB nel 2012 a oltre 2,8 trilioni di RMB nel 2021, avvicinandosi al livello medio dei Paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). Gli investimenti delle imprese cinesi in R&S hanno continuato ad aumentare, rappresentando oltre il 76% dell’investimento totale in R&S del Paese. Entro la fine del 2021, l’industria cinese del risparmio energetico e della protezione ambientale possedeva 49.000 brevetti di invenzione validi e la nuova industria energetica ne deteneva 60.000, 1,6 e 1,7 volte in più rispetto al 2017. Dal 2011 al 2020, il numero di domande di brevetto depositate dalla Cina per le invenzioni tecnologiche legate all’ambiente erano vicine al 60% del totale mondiale, rendendola il Paese più attivo nell’innovazione tecnologica ambientale.

Le tecnologie emergenti sono diventate i principali sostegni dello sviluppo economico della Cina. Grazie agli sforzi accelerati per implementare tecnologie emergenti come l’intelligenza artificiale (AI), i big data, la blockchain e la comunicazione quantistica, sono stati coltivati nuovi prodotti e forme di business tra cui terminali intelligenti, telemedicina e istruzione online, e il loro ruolo nel promuovere la crescita è continuato ad aumentare. L’economia digitale cinese è al secondo posto nel mondo. Nel 13° Piano Quinquennale (2016-2020), il tasso di crescita medio annuo del valore aggiunto della trasmissione delle informazioni, del software e dei servizi informatici ha raggiunto il 21%. Internet, big data, Al, 5G e altre tecnologie emergenti sono profondamente integrate con le industrie tradizionali, facilitando l’integrazione della produzione avanzata con i servizi moderni. La produzione a valore aggiunto della produzione di alta tecnologia e attrezzature nel 2021 ha rappresentato il 15,1 e il 32,4% di quella delle industrie al di sopra delle dimensioni designate, rispettivamente in aumento di 5,7 e 4,2 punti percentuali rispetto al 2012. La Cina è sulla buona strada per realizzare la trasformazione e l’aggiornamento dal “made in China” alla “produzione intelligente in Cina”.

Le industrie verdi cinesi continuano a crescere. L’industria delle energie rinnovabili sta crescendo rapidamente e la Cina è leader mondiale nella produzione di impianti di generazione di energia pulita per l’energia eolica e fotovoltaica. La Cina produce oltre il 70% del totale mondiale di polisilicio, wafer, celle e moduli. La qualità e l’efficienza delle industrie del risparmio energetico e della protezione ambientale hanno continuato a migliorare. La Cina ha sviluppato un sistema di produzione di attrezzature tecniche verdi che copre vari settori come il risparmio energetico e idrico, la protezione ambientale e le energie rinnovabili. La capacità di produzione e fornitura di attrezzature tecniche verdi aumenta notevolmente mentre il costo continua a diminuire. La tecnologia nei settori delle attrezzature per la conservazione dell’energia e dell’acqua, il controllo dell’inquinamento e il monitoraggio ambientale soddisfa i più elevati standard internazionali. Nuove forme e modelli di business continuano a crescere, come i servizi energetici completi, la gestione dell’energia e dell’acqua su base contrattuale, il trattamento dell’inquinamento ambientale da parte di terzi e i servizi completi di gestione delle emissioni di carbonio. Nel 2021, il valore della produzione delle industrie cinesi di risparmio energetico e protezione ambientale ha superato gli 8 trilioni di RMB. Ampi progetti pilota sono stati realizzati a livello locale per esplorare metodi e percorsi per realizzare il valore dei prodotti eco-ambientali. Nuovi modelli di industria eco-compatibile come l’agricoltura urbana moderna, l’agricoltura per il tempo libero, il turismo eco-ambientale, la cura delle foreste, gli alloggi in famiglia e i complessi ricreativi pastorali hanno assistito a un rapido sviluppo.

2. Adottare misure ben ordinate per sviluppare industrie basate sulle risorse

La Cina continua a espandere la riforma strutturale dal lato dell’offerta e a invertire il modello di sviluppo estensivo che si basa fortemente sul consumo di risorse al costo dell’elevato inquinamento e delle emissioni. Con la capacità ambientale come rigido vincolo, ha esercitato uno stretto controllo sulla capacità produttiva delle industrie ad alta intensità energetica e delle industrie con elevate emissioni o consumo di acqua, al fine di ottimizzare la propria struttura industriale.

Ridurre la sovraccapacità e chiudere gli impianti di produzione obsoleti. Pur proteggendo le catene industriali e di approvvigionamento, la Cina ha adottato misure attive e ben ordinate per ridurre la sovraccapacità e chiudere gli impianti di produzione obsoleti. Sono state prese misure per frenare le industrie che sfruttano eccessivamente le risorse e causano danni ambientali, come l’acciaio, il cemento e l’alluminio elettrolitico. È stato introdotto un sistema di scambio che consente ai produttori di aprire quantità uguali o inferiori di nuova capacità in cambio di chiusure altrove. Durante il periodo del 13° piano quinquennale (2016-2020), la Cina ha rimosso più di 150 milioni di tonnellate di capacità produttiva in eccesso di acciaio e 300 milioni di tonnellate di capacità produttiva in eccesso di cemento. I prodotti siderurgici scadenti sono stati eliminati ed è stata eliminata quasi tutta la capacità produttiva obsoleta in industrie come la produzione di alluminio elettrolitico e cemento.

La Cina è decisa a fermare lo sviluppo cieco di progetti ad alta intensità energetica con elevate emissioni e tecniche di produzione obsolete. Ha alzato la soglia di ingresso per alcuni settori chiave in termini di uso del suolo, protezione ambientale, risparmio energetico e idrico, tecnologia e sicurezza. È stato introdotto un sistema differenziato per le industrie ad alta intensità energetica, che copre prezzi dell’elettricità differenziati, prezzi dell’elettricità a più livelli e prezzi dell’elettricità punitivi. Per i progetti ad alta intensità energetica con emissioni elevate e tecniche di produzione obsolete, la Cina applica un approccio di gestione basato su elenchi che prevede la classificazione e il monitoraggio dinamico. Indaga con determinazione e punisce tutti i progetti che violano leggi o regolamenti. Nelle aree con problemi di scarsità d’acqua o di consumo eccessivo, vengono imposte restrizioni a vari tipi di nuove zone di sviluppo e progetti che richiedono un elevato consumo di acqua.

3. Ottimizzazione della distribuzione regionale delle industrie

Considerando a fondo fattori come le risorse energetiche, la capacità ambientale e il potenziale di mercato, la Cina promuove la convergenza di alcune industrie in aree con condizioni più idonee e maggiori potenzialità di sviluppo. Per accelerare la formazione di una configurazione di sviluppo industriale moderna ed efficiente, migliora la distribuzione delle forze produttive ed espande la divisione delle industrie e il coordinamento tra le regioni.

Lavorare per realizzare una distribuzione razionale delle industrie di materie prime. La Cina impiega una pianificazione generale delle risorse come il carbone e l’acqua e prende in considerazione la capacità ambientale. Nelle regioni centrali e occidentali sono state istituite numerose zone dimostrative dell’industria chimica del carbone per progetti pilota di aggiornamento tecnologico nell’industria chimica del carbone. Un gruppo di basi industriali petrolchimiche di alta qualità su larga scala è stato costruito nelle aree costiere per promuovere lo sviluppo sicuro, verde, intensivo ed efficiente dell’industria.

Espandere la divisione delle industrie e la cooperazione tra le regioni. La Cina sta cercando di stabilire e migliorare un meccanismo di condivisione dei benefici impiegando i punti di forza comparativi di ogni regione, ciascuna basata sulle proprie risorse e sui propri vantaggi ambientali e sulle basi dello sviluppo industriale. La divisione e il coordinamento industriale multitipo sono stati rafforzati, insieme alla cooperazione tra le regioni orientali, centrali e occidentali, creando un quadro di coordinamento, complementarità di forze e sviluppo comune. Il trasferimento di industrie e la cooperazione tra regioni sono misure che aiutano a superare i vincoli ambientali e di risorse che soffocano lo sviluppo industriale. Inoltre danno spazio allo sviluppo di industrie ad alta tecnologia nella regione orientale e promuovono il processo di industrializzazione e urbanizzazione delle aree sottosviluppate nelle regioni centrali e occidentali, migliorando l’equilibrio e rafforzando il coordinamento dello sviluppo regionale.

IV. Ampia applicazione di metodi di produzione ecologici

La Cina ha accelerato la costruzione di un’economia verde, circolare e a basse emissioni di carbonio. Pratica metodi di produzione verdi, promuove la rivoluzione energetica, l’uso economico e intensivo delle risorse e una produzione più pulita e persegue la sinergia nella riduzione dell’inquinamento e delle emissioni di carbonio. Tutti questi sforzi hanno contribuito allo sviluppo coordinato e al progresso equilibrato dell’economia, della società e della tutela dell’ambiente.

1. Promuovere la trasformazione verde delle industrie tradizionali

Per costruire un sistema di produzione verde, circolare e a basse emissioni di carbonio, la Cina ha integrato il concetto di sviluppo verde nell’intero ciclo di vita dell’industria, dell’agricoltura e del settore dei servizi. Per risparmiare energia, ridurre le emissioni, aumentare l’efficienza e facilitare la completa trasformazione verde delle industrie tradizionali, la Cina ha incoraggiato le innovazioni nella tecnologia, nei modelli e negli standard.

Promuovere lo sviluppo verde dell’industria. La Cina è impegnata a stabilire un sistema di produzione verde e a creare fabbriche verdi, parchi industriali verdi, catene di approvvigionamento verdi e standard di valutazione dei prodotti verdi. Al fine di accelerare la costruzione di catene industriali e catene di approvvigionamento verdi, la Cina fornisce indicazioni alle imprese per ottenere innovazioni nella progettazione di prodotti verdi e adottare processi e attrezzature verdi, a basse emissioni di carbonio ed ecologici, e ottimizza la disposizione spaziale di imprese, industrie e infrastrutture nei parchi industriali. Seguendo i principi di “accoppiamento delle industrie, responsabilità estesa delle imprese e uso circolare delle risorse”, ha promosso la trasformazione dei parchi industriali, la combinazione circolare delle industrie e la produzione circolare nelle imprese. La Cina ha trasformato le sue principali industrie per ottenere una produzione pulita e ha effettuato ispezioni complete della produzione pulita. Ha promosso la trasformazione digitale su tutta la linea. Il tasso di controllo digitale dei processi chiave in aree chiave è aumentato dal 24,6% nel 2012 al 55,3% nel 2021 e il tasso di penetrazione degli strumenti di progettazione e ricerca e sviluppo digitale è aumentato dal 48,8% al 74,7% nello stesso periodo. Entro la fine del 2021, la Cina ha ospitato un totale di 2.783 fabbriche verdi, 223 parchi industriali verdi e 296 imprese di gestione della catena di approvvigionamento verde. Il settore manifatturiero è stato notevolmente aggiornato per la produzione verde.

Trasformare i metodi di produzione dell’agricoltura. La Cina ha creato nuovi sistemi e meccanismi per lo sviluppo verde dell’agricoltura, ampliato le funzioni dell’agricoltura, esplorato i valori rurali diversificati e rafforzato la protezione e l’uso efficiente delle risorse agricole. Ha gradualmente migliorato il sistema di protezione dei terreni agricoli e il sistema di maggese e rotazione delle colture, ha posto sotto protezione speciale le colture di base permanenti, compiendo così i primi progressi nel contenere il declino delle dimensioni dei terreni agricoli. Ha costantemente avanzato la conservazione del suolo di černozëm1. La qualità dei terreni agricoli è stata costantemente migliorata in tutto il Paese. Sono state prese misure per risparmiare acqua per l’irrigazione agricola e ridurre il volume di fertilizzanti chimici e pesticidi utilizzati mirando a una maggiore efficienza. Nel 2021 l’efficienza irrigua è stata portata a 0,568. La Cina ha sviluppato un’economia agricola circolare promuovendo modalità di produzione agricola circolari, integrando la semina e l’allevamento con la lavorazione, l’agricoltura e l’allevamento con la pesca e la produzione e la trasformazione con il marketing. Ha aumentato l’utilizzo dei rifiuti agricoli come risorsa. Ha adottato un approccio coordinato per promuovere i prodotti agricoli verdi e biologici, i prodotti con certificazioni di qualità e quelli con indicazioni geografiche, coltivare nuove razze, migliorare la qualità dei prodotti, promuovere i marchi agricoli e standardizzare la produzione agricola. La Cina ha implementato programmi per proteggere i prodotti agricoli con indicazioni geografiche. Ora ci sono 60.000 tipi di alimenti verdi e prodotti agricoli biologici in tutto il Paese. Gli standard di qualità e sicurezza dei prodotti agricoli sono stati costantemente aggiornati. L’offerta di prodotti agricoli di alta qualità è aumentata in modo significativo, il che ha effettivamente contribuito al miglioramento dell’intero settore e ha generato redditi più elevati per gli agricoltori.

Promuovere la trasformazione verde del settore dei servizi. La Cina ha coltivato attivamente aziende verdi di circolazione aziendale e ha lanciato una campagna per creare centri commerciali verdi. A livello nazionale, entro la fine del 2021 erano stati costruiti un totale di 592 centri commerciali verdi. La Cina ha continuato a migliorare l’efficienza energetica del settore dei servizi di informazione, con alcuni data center verdi leader a livello mondiale. Per accelerare la riduzione, la standardizzazione e il riciclaggio dei pacchi per corriere espresso, ha aggiornato e migliorato il sistema standard di imballaggio per corriere espresso. Per promuovere lo sviluppo ecologico delle imprese di e-commerce, ha fornito indicazioni a produttori e consumatori affinché utilizzino pacchetti di consegna espressa rinnovabili e degradabili. Entro la fine del 2021, l’80,5% dei pacchi di e-commerce era privo di imballaggio secondario, tutti i pacchi di consegna espressa erano sigillati con nastro più sottile (45 mm) e tutti i sacchetti di trasporto utilizzati nel settore erano rinnovabili.

La Cina ha promosso lo sviluppo verde del settore fieristico e congressuale formulando standard verdi e facilitando l’uso ripetuto delle strutture. La Cina ha notevolmente ridotto l’utilizzo della carta introducendo i biglietti ferroviari elettronici a livello nazionale e incoraggiando la fatturazione elettronica. Nel settore della ristorazione, le stoviglie usa e getta sono in fase di eliminazione. Le pensioni e gli hotel sono stati incoraggiati a non offrire articoli usa e getta come parte dei loro servizi.

2. Promuovere l’energia verde e a basse emissioni di carbonio

La Cina applica il principio di costruire il nuovo prima di scartare il vecchio in modo ben pianificato. Con la crescente capacità di garantire l’approvvigionamento energetico, si è mossa più velocemente per costruire un nuovo sistema energetico. La percentuale di fonti di energia pulita è aumentata in modo significativo. Il successo è stato raggiunto nella trasformazione verde e a basse emissioni di carbonio del mix energetico del Paese.

Energia non fossile in forte sviluppo. La Cina ha compiuto rapidi progressi nella costruzione di centrali eoliche e fotovoltaiche su larga scala su terreni sterili e rocciosi e nei deserti. Ha costantemente sviluppato parchi eolici offshore, ha promosso attivamente la generazione di energia fotovoltaica sui tetti nelle aree urbane e rurali e ha incoraggiato la generazione di energia eolica distribuita nelle aree rurali. La Cina ha costruito una matrice strutturata di grandi centrali idroelettriche nei bacini dei grandi fiumi, soprattutto quelli del sud-ovest. In conformità con le condizioni locali, ha sviluppato l’energia solare, da biomassa, geotermica e oceanica e la produzione di energia attraverso l’incenerimento dei rifiuti solidi urbani. Ha sviluppato l’energia nucleare in modo sicuro e ordinato. Impegnata nello sviluppo guidato dall’innovazione, la Cina ha lavorato allo sviluppo dell’energia a idrogeno. Ha accelerato la costruzione di un nuovo sistema di alimentazione per adattarsi al costante aumento della percentuale di nuova energia. Per promuovere l’uso efficiente dell’energia rinnovabile, ha effettuato valutazioni delle prestazioni delle parti interessate nel raggiungere gli obiettivi fissati per il consumo di energia generata da energia rinnovabile. La percentuale di fonti di energia pulita nel consumo totale di energia è aumentata dal 14,5% nel 2012 al 25,5% entro la fine del 2021 e la percentuale del carbone è diminuita dal 68,5% al 56% nello stesso periodo. La capacità installata di energia rinnovabile è stata di oltre un miliardo di kilowatt, pari al 44,8% della capacità installata complessiva della Cina. La capacità installata di energia idroelettrica, eolica e fotovoltaica ha superato ciascuna i 300 milioni di kilowatt, tutte classificate come le più alte al mondo.

Promuovere l’uso pulito ed efficiente dell’energia fossile. Per promuovere lo sviluppo pulito e a basse emissioni di carbonio dell’energia a carbone, la Cina ha potenziato le centrali elettriche a carbone per conservare le risorse, ridurre le emissioni di carbonio e rendere il loro funzionamento più flessibile, e ha trasformato gli impianti di riscaldamento. Ha implementato standard di risparmio energetico più severi per le unità di generazione a carbone di nuova installazione. I livelli di efficienza e controllo degli inquinanti di queste unità sono in linea con i più avanzati standard internazionali. La Cina ha promosso l’energia pulita per uso finale sostituendo il carbone con gas naturale, elettricità ed energia rinnovabile. Ha sostenuto attivamente il riscaldamento pulito in inverno nel nord della Cina. Ha reso più efficiente l’uso del gas naturale nelle aree urbane, nonché nei combustibili industriali, nella generazione di energia e nei trasporti, e ha promosso il raffreddamento, il riscaldamento e l’energia combinati a gas naturale (CCHP). Ha lanciato una campagna per migliorare la qualità dei prodotti petroliferi raffinati. In meno di 10 anni, la Cina ha raggiunto il miglioramento che ha richiesto ai Paesi sviluppati oltre 30 anni, e i suoi prodotti petroliferi raffinati sono ora della migliore qualità secondo gli standard internazionali. Di conseguenza, lo scarico di inquinanti dei veicoli è stato ridotto efficacemente.

3. Costruire una rete di trasporti verdi

Il settore dei trasporti è un settore che consuma una grande quantità di energia e genera significative emissioni di inquinanti e di gas a effetto serra. Questa è un’area che merita maggiore attenzione nella ricerca dello sviluppo verde. Migliorando l’efficienza energetica delle attrezzature di trasporto, la Cina ha accelerato la costruzione di una rete di trasporto verde, con l’ottimizzazione della struttura del consumo energetico e il miglioramento dell’efficienza dell’organizzazione come sue priorità, in modo che i trasporti siano più ecologici e i viaggi possano essere più a basso tenore di carbonio.

Ottimizzazione della struttura dei trasporti. La Cina ha accelerato la costruzione di linee ferroviarie speciali, ha promosso il trasferimento del trasporto merci dalla strada alla ferrovia e alle vie navigabili e ha incoraggiato il trasporto intermodale. Nel 2021, il volume delle merci ferroviarie e per via navigabile ha rappresentato il 24,56% del totale in Cina, con un aumento di 3,85 punti percentuali rispetto al 2012. La Cina ha anche sottolineato la strategia di dare priorità al trasporto pubblico urbano. Alla fine del 2021, erano in esercizio 275 linee di trasporto ferroviario urbano in 51 città, per una lunghezza totale dei binari di oltre 8.700 chilometri. La lunghezza delle corsie riservate agli autobus è aumentata da 5.256 chilometri nel 2012 a 18.264 chilometri nel 2021.

Promuovere la trasformazione verde dei veicoli di trasporto. La Cina ha promosso con forza l’uso di veicoli di nuova energia nei trasporti pubblici, nel servizio taxi, nei servizi igienico-sanitari ambientali, nella logistica, nella distribuzione, nell’aviazione civile, negli aeroporti e nelle istituzioni del Partito e del governo. Alla fine del 2021, il numero di veicoli a nuova energia immatricolati in Cina aveva raggiunto i 7,84 milioni, pari a circa la metà della cifra globale. C’erano 508.900 autobus di nuova energia, pari al 71,7% del numero totale di autobus in Cina. C’erano 207.800 taxi a nuova energia. La Cina ha continuato la trasformazione ecologica delle attrezzature ferroviarie mobili. La percentuale di locomotive a combustione interna è diminuita dal 51 percento nel 2012 al 36 percento nel 2021. La Cina ha anche aggiornato gli standard di scarico degli inquinanti sulle barche alimentate a gas (GNL) e la trasformazione degli impianti di alimentazione a terra e ha accelerato la trasformazione o l’eliminazione di veicoli e imbarcazioni obsoleti. Dal 2012, sono stati eliminati più di 30 milioni di veicoli con etichetta gialla ad alte emissioni e 47.100 imbarcazioni fluviali interne obsolete sono state riprogettate o messe fuori servizio.

Potenziamento delle infrastrutture di trasporto per lo sviluppo verde. La Cina ha avviato un programma speciale per la costruzione di autostrade verdi e il riciclaggio dei materiali stradali di scarto. Alla fine del 2021, oltre il 95% dei materiali di scarto delle autostrade e l’80% dei materiali di scarto delle strade nazionali e provinciali erano stati riciclati. La Cina ha costantemente migliorato il rimboschimento lungo le sue strade. Cinture verdi sono state costruite lungo 570.000 chilometri delle sue strade principali, circa 200.000 chilometri in più rispetto al 2012. La Cina ha continuato l’elettrificazione delle sue ferrovie, con una percentuale di ferrovie elettriche in aumento dal 52,3% nel 2012 al 73,3% nel 2021. Ha ha anche costruito più porti verdi e strutture di supporto al trasporto su strada. Entro la fine del 2021, cinque tipi di impianti di alimentazione a terra erano stati costruiti nel 75% degli ormeggi specializzati dei principali porti e 13.374 pile di ricarica erano state costruite nelle aree di servizio delle superstrade, il numero più alto al mondo.

4. Promuovere l’uso economico e intensivo delle risorse

In quanto Paese con una grande domanda di risorse, la Cina ha accelerato il cambiamento fondamentale nel modo in cui le risorse vengono utilizzate. Per dare un importante contributo allo sviluppo sostenibile delle risorse globali e dell’ambiente, e per garantire una vita felice alle persone di oggi e risorse sufficienti per soddisfare i bisogni delle generazioni future, la Cina cerca di ottenere i massimi benefici sociali ed economici a un costo minimo in materia di risorse e ambiente.

Migliorare l’efficienza dell’uso dell’energia. La Cina sta esercitando un migliore controllo sulla quantità e sull’intensità del consumo di energia, in particolare il consumo di combustibili fossili. Ha fortemente promosso il risparmio energetico tecnico, gestionale e strutturale, per migliorare costantemente l’efficienza dell’uso dell’energia. Ha avviato campagne per tutte le imprese industriali, in particolare i grandi consumatori di energia, per risparmiare energia, ridurre le emissioni di carbonio e migliorare l’efficienza dell’uso dell’energia. I “precursori” sono stati incoraggiati a svolgere un ruolo esemplare per altre imprese. La Cina ha organizzato la trasformazione di industrie ad alta intensità energetica come l’acciaio, la produzione di energia e la chimica, per aiutarle a risparmiare energia e ridurre le emissioni di carbonio. Ha inoltre rafforzato la gestione del risparmio energetico dei principali consumatori di energia, per consentire alle grandi e medie imprese nei settori chiave di raggiungere livelli internazionali avanzati di efficienza energetica. Dal 2012, la crescita economica media annua della Cina del 6,6% è stata sostenuta da una crescita media annua del 3% del consumo di energia e il consumo di energia per 10.000 RMB del PIL nel 2021 è stato inferiore del 26,4% rispetto al 2012.

Migliorare l’efficienza dell’utilizzo dell’acqua. La Cina ha imposto vincoli sempre più rigidi all’uso dell’acqua. Le configurazioni industriali e urbane sono determinate scientificamente in base alla disponibilità di acqua. La Cina ha lanciato campagne di risparmio idrico a livello nazionale per controllare la quantità totale e l’intensità del consumo idrico. Ha aggiornato le tecnologie di risparmio idrico per le industrie con un elevato consumo di acqua e ha promosso un’irrigazione altamente efficiente dal punto di vista idrico per l’agricoltura. Ha sostenuto la costruzione di città a risparmio idrico, ha istituito un sistema di etichettatura dell’efficienza idrica, ha introdotto standard di certificazione per i prodotti per il risparmio idrico e ha promosso l’uso di prodotti e apparecchi a risparmio idrico. Il consumo complessivo di acqua pro capite nelle città è in costante calo. La Cina ha anche incorporato fonti idriche non convenzionali, come l’acqua recuperata, l’acqua di mare desalinizzata, l’acqua piovana raccolta, l’acqua salmastra e l’acqua di miniera, nell’allocazione unificata delle risorse idriche, che ha effettivamente alleggerito la pressione sulla domanda nelle aree con carenza di acqua. Il consumo di acqua per 10.000 RMB del PIL nel 2021 è stato inferiore del 45% rispetto al 2012.

Rafforzare l’uso economico e intensivo del suolo. La Cina ha migliorato gli standard per l’uso del suolo urbano e rurale. La designazione, gli standard e l’approvazione dell’uso del suolo per tutti i tipi di progetti di costruzione sono rigorosamente controllati e viene incoraggiato l’uso economico e intensivo del suolo nella costruzione di infrastrutture di trasporto, energia e acqua. La Cina ha rafforzato la gestione dei terreni rurali e ha promosso l’uso economico e intensivo dei terreni rurali per progetti di costruzione collettiva. Ha inoltre stabilito meccanismi per coordinare l’uso delle risorse terrestri esistenti e ha preso accordi per risorse aggiuntive e per recuperare terreni inutilizzati, al fine di fare buon uso di tutte le risorse terrestri esistenti. Dal 2012 al 2021, la superficie destinata a progetti di costruzione per unità di PIL è diminuita del 40,85%.

Fare un uso scientifico delle risorse marine. La Cina ha controllato rigorosamente la bonifica dei terreni dal mare. Ha vietato tutte le attività di bonifica costiera ad eccezione di quelle per i grandi progetti nazionali, e ha affrontato i problemi lasciati dalla storia in questo senso con approcci diversi. Ha stabilito un sistema di controllo per mantenere i litorali naturali e ne ha effettuato una protezione classificata e un utilizzo economico. Ha rigorosamente protetto le isole disabitate in mare e ne ha ridotto al minimo lo sviluppo e l’utilizzo.

Garantire l’uso completo delle risorse. La Cina ha sostenuto la costruzione di miniere verdi, ha promosso l’esplorazione e lo sfruttamento verdi e ha lavorato per aumentare il tasso di recupero, il tasso di recupero dell’elaborazione e il tasso di utilizzo multiuso delle principali risorse minerarie. Sono state costruite un totale di 1.101 miniere verdi a livello statale. La Cina ha selezionato un totale di 100 progetti pilota e 100 imprese portanti per promuovere l’uso completo delle risorse e ha avviato la costruzione di basi dimostrative nazionali per il recupero di risorse minerarie dai rifiuti urbani. Ha inoltre aggiornato la rete di raccolta dei materiali di scarto, coordinato il riciclaggio delle risorse di scarto e migliorato il trattamento e l’utilizzo delle risorse rinnovabili. Nel 2021, 385 milioni di tonnellate di nove risorse rinnovabili – rifiuti di ferro e acciaio, rame, alluminio, piombo, zinco, carta, plastica, gomma e vetro – sono state riciclate per nuovi scopi.

V. La vita ecologica diventa l’etica prevalente

Lo sviluppo verde richiede l’impegno di tutti e ognuno di noi può promuovere e praticare la vita verde. La Cina promuove attivamente i valori e le idee della conservazione eco-ambientale, sensibilizza l’opinione pubblica per conservare le risorse e proteggere l’eco-ambiente e sostiene la pratica di uno stile di vita più semplice, più verde e a basse emissioni di carbonio, creando un’atmosfera sociale favorevole alla promozione congiunta dello sviluppo verde.

1. Continui progressi verso la sensibilizzazione alla conservazione

La Cina pone particolare enfasi sulla coltivazione della consapevolezza della conservazione dei suoi cittadini. Organizza pubblicità sistematica e altre attività di sensibilizzazione al riguardo e sostiene un ambiente sociale e uno stile di vita di diligenza e frugalità. Le attività pubblicitarie a tema Settimana nazionale della pubblicità per il risparmio energetico, Settimana cinese dell’acqua, Settimana nazionale del risparmio idrico urbano, Giornata nazionale a basse emissioni di carbonio, Giornata nazionale della piantagione di alberi, Giornata mondiale dell’ambiente, Giornata internazionale per la diversità biologica e Giornata della terra, sono organizzate su base regolare per incoraggiare e persuadere l’intera società a impegnarsi in attività di sviluppo verde. L’idea di una vita ecosostenibile è stata ampiamente accettata nelle famiglie, nelle comunità, nelle fabbriche e nelle aree rurali. Il materiale sullo sviluppo verde è stato incorporato nel sistema educativo nazionale cinese attraverso la compilazione di libri di testo sulla conservazione eco-ambientale e l’insegnamento nelle scuole primarie e secondarie sulla condizione delle risorse nazionali tra cui foreste, praterie, fiumi e laghi, terra, acqua e grano. Il rispetto e l’amore per la natura sono stati sostenuti. Il codice di condotta ambientale per i cittadini (per l’attuazione della sperimentazione) è stato pubblicato per guidare il pubblico a seguire uno stile di vita verde. Di conseguenza, una cultura della protezione ecologica e ambientale si è unita al mainstream ed è amata da tutti.

2. Iniziative diffuse per promuovere stili di vita ecosostenibili

La Cina ha avviato iniziative per promuovere la costruzione di uffici governativi e del Partito che conservino le risorse e per sviluppare famiglie, scuole, comunità, servizi di trasporto, centri commerciali ed edifici eco-compatibili, diffondendo abitudini eco-compatibili in tutti i settori, inclusi abbigliamento, cibo, abitazioni, trasporti e turismo. Ad oggi, il 70 percento degli uffici del Partito e del governo a livello di contea e oltre sono impegnati nella conservazione delle risorse, quasi 100 college e università hanno realizzato un monitoraggio intelligente del consumo di acqua ed elettricità, 109 città hanno partecipato a iniziative di trasporto e pendolarismo ecologici. La raccolta differenziata dei rifiuti domestici è stata ampiamente promossa nelle città a livello di prefettura o superiore. Si stanno facendo molti progressi man mano che i residenti adottano gradualmente l’abitudine di differenziare i propri rifiuti. È stata emanata la legge della Repubblica Popolare Cinese sullo spreco alimentare e sono state lanciate iniziative per promuovere il risparmio alimentare e frenare lo spreco alimentare, inclusa una campagna “piatto pulito” su larga scala, che ha prodotto risultati notevoli poiché sempre più persone risparmiano cibo.

3. Il crescente mercato dei prodotti verdi

La Cina ha promosso attivamente prodotti a risparmio energetico e a basse emissioni di carbonio come veicoli a nuova energia ed elettrodomestici a basso consumo energetico. Ha fornito riduzioni o esenzioni fiscali e sussidi governativi per i veicoli a nuova energia e ha continuato a migliorare le infrastrutture di ricarica. Di conseguenza, le vendite di veicoli a nuova energia sono rapidamente aumentate da 13.000 nel 2012 a 3,52 milioni nel 2021. Per i sette anni dal 2015, la Cina si è classificata al primo posto nel mondo nella produzione e vendita di veicoli a nuova energia. Inoltre, la Cina ha costantemente migliorato il sistema di certificazione e promozione per i prodotti verdi e il sistema di appalti pubblici verdi, ha implementato un sistema di etichettatura per l’efficienza energetica e l’efficienza idrica per incoraggiare il consumo di prodotti verdi. Ha promosso la realizzazione di infrastrutture verdi nel settore della circolazione come i centri commerciali verdi, e ha sostenuto nuovi modelli di business come la sharing economy e le transazioni dell’usato. C’è una più ricca varietà di prodotti verdi e un numero crescente di persone che spendono per prodotti verdi.

VI. Migliorare le istituzioni e i meccanismi per lo sviluppo verde

Istituzioni e meccanismi solidi sono essenziali per lo sviluppo verde. Con questa comprensione, la Cina ha intensificato gli sforzi per creare un sistema di conservazione eco-ambientale basato su un chiaro orientamento, un solido processo decisionale, un’attuazione efficace e forti incentivi, e ha continuato a migliorare le prestazioni del governo nella promozione dello sviluppo verde. Ciò fornisce una solida garanzia per la realizzazione degli obiettivi di sviluppo verde del Paese.

1. Rafforzare lo Stato di diritto

La Cina è impegnata nello Stato di diritto nel perseguire progressi nella conservazione eco-ambientale. Ha scritto il miglioramento e la conservazione eco-ambientale nella sua Costituzione e in leggi promulgate e/o riviste come la legge sulla protezione del fiume Yangtze, la legge sulla protezione del fiume Giallo, la legge sull’amministrazione del territorio, la legge sulle foreste, la legge sulle praterie, la legge sulla protezione delle zone umide, la legge sulla protezione ambientale, la legge sulla tassa sulla protezione ambientale, la legge sulla prevenzione e il controllo dell’inquinamento atmosferico, la legge sulla prevenzione e il controllo dell’inquinamento idrico, la legge sulla prevenzione e il controllo dell’inquinamento del suolo e la legge sulla sicurezza nucleare. Ha preso forma un sistema legale per la conservazione eco-ambientale che copre tutte le aree chiave, tutti i tipi di risorse e tutti i fattori ambientali. La Cina ha anche compiuto sforzi costanti per perfezionare gli standard di sviluppo verde per le aree chiave: più di 3.000 standard di questo tipo sono stati formulati o modificati.

Per indagare meglio e punire severamente le violazioni di leggi e regolamenti in materia di risorse naturali ed eco-ambiente, la Cina ha riformato il sistema che pone le attività di monitoraggio, supervisione e applicazione della legge degli organismi di protezione ambientale al di sotto del livello provinciale sotto la guida dello stesso tipo di corpi al livello immediatamente superiore. Per rafforzare il coordinamento tra il sistema di giustizia penale e le forze dell’ordine da parte dei dipartimenti governativi, la Cina ha istituito un sistema per procuratori, tribunali, organi di pubblica sicurezza e dipartimenti governativi responsabili del coordinamento delle forze dell’ordine per la protezione ambientale, consentendo loro di condividere informazioni rilevanti. Ciò ha creato una forte sinergia per l’indagine e la punizione dei reati ambientali e ha fornito potenti tutele legali per lo sviluppo verde.

2. Supervisione e gestione del serraggio

La Cina ha migliorato il sistema di valutazione delle prestazioni per lo sviluppo verde e ha adottato misure rigorose per garantire che le imprese adempiano alle loro principali responsabilità e che il governo svolga il dovere di supervisione nel perseguire lo sviluppo verde. La crescita del PIL non è più l’unico criterio per valutare lo sviluppo delle regioni o il rendimento dei funzionari. Al contrario, vengono fissati obiettivi vincolanti in materia di risorse e ambiente per lo sviluppo economico e sociale ed è in corso un sistema di valutazione più equilibrato per lo sviluppo economico e sociale, che misuri l’uso delle risorse, il consumo di energia, il danno ambientale e l’impatto eco-ambientale. Ciò consente alla valutazione di svolgere pienamente il suo ruolo di guida nella promozione dello sviluppo verde.

La Cina ha messo in atto un sistema di responsabilità per i principali funzionari e ha formulato e/o rivisto una serie di regolamenti del PCC, comprese le misure per la detenzione di alti funzionari del Partito e del governo responsabili per i danni ambientali (per l’attuazione del processo), i regolamenti sulle ispezioni ambientali centrali e I regolamenti sull’audit delle risorse naturali per alti funzionari al termine del loro mandato (per l’attuazione del processo). Questi sono progettati per garantire che i comitati di Partito e i governi si assumano pari responsabilità per la protezione ambientale, che i funzionari principali svolgano le loro responsabilità di protezione ambientale con diligenza, in aggiunta agli altri doveri prescritti, e che siano ritenuti responsabili quando non lo fanno. La Cina impone la revisione contabile di fine mandato delle risorse naturali per i principali funzionari e impone la responsabilità a vita per i danni ambientali. Implementando il sistema centrale di ispezione ambientale, la Cina ha assicurato che tutte le parti interessate adempissero veramente alle proprie responsabilità per la protezione ambientale e ha risolto molte questioni ambientali di pressante interesse pubblico.

3. Migliorare i meccanismi basati sul mercato

La Cina sta creando istituzioni e meccanismi per lo sviluppo verde attraverso i quali il governo fornisce una guida forte, le imprese sono pienamente coinvolte e il mercato svolge un ruolo efficace, generando così entusiasmo e partecipazione a livello sociale. Ha introdotto nuove misure per migliorare i meccanismi di tariffazione in aree chiave come il risparmio idrico ed energetico, il trattamento delle acque reflue e dei rifiuti e il controllo dell’inquinamento atmosferico, ha adottato più di 50 politiche preferenziali per ridurre tasse e imposte, ha incoraggiato una migliore allocazione delle risorse e ha sostenuto la conservazione e l’uso efficiente delle risorse per promuovere lo sviluppo verde. La Cina ha applicato un sistema di registrazione unificato per la proprietà delle risorse naturali e un sistema di compensazione per la conservazione eco-ambientale che copre foreste, praterie, zone umide, deserti, corpi idrici e terreni agricoli. Sta lavorando sui meccanismi per realizzare il valore di mercato dei beni e dei servizi ecosistemici. La Cina incoraggia e sostiene anche gli investimenti privati nella conservazione e nella riabilitazione ambientale.

Sulla base di un tetto ragionevole per il consumo totale, la Cina ha stabilito sistemi iniziali di assegnazione e scambio di permessi per acqua, energia, inquinamento e carbonio. Con l’apertura del mercato nazionale per lo scambio di quote di emissione di carbonio e la sperimentazione nel commercio di elettricità verde, si stanno compiendo progressi nel consentire al mercato di svolgere un ruolo fondamentale nell’allocazione delle risorse eco-ambientali.

Al fine di promuovere la finanza verde, la Cina ha sviluppato un mercato multilivello e un portafoglio di prodotti finanziari verdi, come credito verde, obbligazioni verdi, assicurazioni verdi, fondi verdi e fiducia verde. Alla fine del 2021 il saldo dei prestiti verdi della Cina in RMB e valute estere era di 15,9 trilioni di RMB e le sue obbligazioni verdi in circolazione erano pari a 1,1 trilioni di RMB, entrambi tra i più grandi al mondo.

VII. Rendere la Terra una Bella Casa

Lo sviluppo verde e il progresso eco-ambientale sono responsabilità di tutta l’umanità. La Cina è sempre stata uno dei principali partecipanti, contributori e portavoce nel movimento globale per la costruzione di un’eco-civiltà. Salvaguarda fermamente il multilateralismo e sta attivamente forgiando un modello di governance eco-ambientale internazionale in cui i Paesi allineano i propri interessi e condividono i propri diritti e le proprie responsabilità. È così che la Cina fa la sua parte nel perseguire lo sviluppo sostenibile dell’umanità.

1. Partecipare alla governance climatica globale

Seguendo i principi di equità, responsabilità comuni ma differenziate e rispettive capacità, la Cina ha agito in conformità con la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, ha partecipato attivamente ai negoziati globali sul clima in modo costruttivo e ha fornito contributi storici alla conclusione e all’attuazione dell’Accordo di Parigi. In tal modo, aiuta a costruire un sistema di governance globale del clima equo, razionale e reciprocamente vantaggioso.

La Cina ha intensificato gli sforzi per raggiungere i suoi contributi determinati a livello nazionale. Farà i tagli più ripidi al mondo all’intensità delle sue emissioni di carbonio e completerà il processo dal picco delle emissioni di carbonio alla neutralità carbonica nel più breve lasso di tempo. Questo dimostra pienamente il suo forte senso di responsabilità come grande Paese.

La Cina partecipa anche attivamente alla cooperazione Sud-Sud sui cambiamenti climatici. Dal 2016, lavorando in altri Paesi in via di sviluppo, ha lanciato 10 zone dimostrative a basse emissioni di carbonio, 100 progetti per la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici, sessioni di formazione sulla risposta ai cambiamenti climatici per 1.000 persone e più di 200 programmi di assistenza estera sul cambiamento climatico.

La cooperazione internazionale sui cambiamenti climatici potrebbe incontrare difficoltà e battute d’arresto, ma la Cina continuerà a impegnarsi a migliorare la governance climatica globale e ad intraprendere azioni concrete. Come sempre, lavorerà con ferma determinazione verso gli obiettivi del raggiungimento del picco delle emissioni di carbonio e della neutralità carbonica, parteciperà attivamente alla cooperazione internazionale sui cambiamenti climatici, si impegnerà nei negoziati internazionali sui cambiamenti climatici in modo costruttivo e farà tutto ciò che è in suo potere per sostenere e assistere altri Paesi in via di sviluppo in questo ambito. In tal modo, la Cina continuerà a contribuire agli sforzi globali per affrontare la grave sfida del cambiamento climatico.

2. Costruire una Belt and Road verde

La Cina è impegnata a collaborare con altri Paesi per promuovere lo sviluppo verde nell’ambito della Belt and Road Initiative (BRI), rendendola un’iniziativa verde. Al fine di istituire un meccanismo di cooperazione per lo sviluppo verde e a basse emissioni di carbonio nell’ambito della BRI, la Cina ha firmato un protocollo d’intesa con il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente sulla costruzione di una Belt and Road verde e ha raggiunto più di 50 accordi di cooperazione sulla conservazione eco-ambientale con Paesi interessati e organizzazioni internazionali. Ha inoltre lanciato l’Initiative for Belt and Road Partnership on Green Development con 31 Paesi, istituito la Belt and Road Energy Partnership (BREP) con 32 Paesi, guidato la creazione della Belt and Road Initiative International Green Development Coalition (BRIGC), fondato il BRI Green Development Institute e ha lanciato la BRI Environmental Big Data Platform.

La Cina ha aiutato gli altri partecipanti alla BRI a rafforzare la propria capacità di governance ambientale e a migliorare il benessere della propria popolazione. Aiuta anche questi Paesi nella formazione del personale per lo sviluppo verde, avendo formato 3.000 persone provenienti da oltre 120 Paesi nell’ambito del programma Green Silk Road Envoys. La Cina ha formulato i Green Investment Principles for the Belt and Road per incoraggiare tali investimenti nelle regioni collegate. Allo stesso tempo, le imprese cinesi hanno finanziato progetti di energia rinnovabile in altri Paesi BRI e li hanno aiutati a costruire una serie di importanti impianti di energia pulita. Tutti questi sforzi hanno favorito lo sviluppo verde in questi Paesi.

3. Implementare un’ampia cooperazione bilaterale e multilaterale

La Cina ha adottato misure attive per promuovere la cooperazione pratica sul risparmio delle risorse e sulla protezione dell’ecoambiente. Ha ospitato con successo la prima parte della 15ma riunione della Conferenza delle Parti della Convenzione sulla diversità biologica (COP15) e la 14ma riunione della Conferenza delle Parti contraenti della Convenzione di Ramsar sulle zone umide. La Cina partecipa attivamente alla cooperazione in materia di transizione energetica ed efficienza energetica nell’ambito del G20, del partenariato Cina-ASEAN, dell’ASEAN + 3, del vertice dell’Asia orientale, del Forum sulla cooperazione Cina-Africa, dei BRICS, dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai e dell’Asia-Pacific Economic Cooperation (APEC). Ha preso l’iniziativa nella formulazione del programma leader per l’efficienza energetica del G20, un risultato chiave del vertice del G20 di Hangzhou. Ha messo in atto la Global Development Initiative e ha lavorato per la costituzione della Global Clean Energy Cooperation Partnership.

La Cina ha anche collaborato con altri Paesi e regioni, tra cui India, Brasile, Sudafrica, Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia e Paesi dell’ASEAN, nei settori del risparmio energetico, della protezione ambientale, dell’energia pulita, della risposta al cambiamento climatico, della protezione della biodiversità, della prevenzione e controllo della desertificazione e della conservazione delle risorse marine e forestali.

La Cina sostiene anche le organizzazioni internazionali, tra cui le agenzie delle Nazioni Unite, la Banca asiatica di sviluppo, la Banca asiatica di investimento per le infrastrutture, la Nuova banca di sviluppo, il Fondo globale per l’ambiente, il Fondo verde per il clima, l’Agenzia internazionale per l’energia e l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili, nella realizzazione di assistenza tecnologica, sviluppo di capacità e programmi sperimentali per lo sviluppo verde e a basse emissioni di carbonio in settori chiave come l’industria, l’agricoltura, l’energia, i trasporti e lo sviluppo urbano-rurale. Attraverso questi sforzi, la Cina ha dato un contributo significativo al progresso dello sviluppo sostenibile in tutto il mondo.

Conclusione

La Cina ha intrapreso un nuovo viaggio per trasformarsi in un moderno Paese socialista sotto tutti gli aspetti e promuovere il ringiovanimento della nazione cinese. L’armonia tra umanità e natura è una caratteristica importante della modernizzazione della Cina.

Il 20° Congresso Nazionale del PCC appena conclusosi ha elaborato i piani strategici per lo sviluppo futuro della Cina che contribuiranno a creare un ambiente migliore con montagne più verdi, acqua più pulita e aria più limpida. La Cina manterrà la strada dello sviluppo verde, continuerà a costruire un’eco-civiltà e si sforzerà di realizzare uno sviluppo con un livello più elevato di qualità, efficienza, equità, sostenibilità e sicurezza. Faremo del “verde” una caratteristica distintiva di una bella Cina e consentiremo alle persone di condividere la bellezza della natura e della vita in un ambiente sano.

La Terra è la nostra sola e unica casa, e l’umanità e la natura formano una comunità di vita. È responsabilità comune di tutti i Paesi proteggere l’ambiente e promuovere lo sviluppo sostenibile. La Cina è pronta a lavorare con la comunità internazionale per promuovere la conservazione eco-ambientale, promuovere lo sviluppo verde, proteggere la Terra verde e costruire un mondo più pulito e più bello.

1Un černozëm è una particolare tipologia di suolo, generalmente associata agli ambienti di prateria. ndt.

0Shares