Mar. Gen 31st, 2023

L’Egitto ha aderito alla campagna di de-dollarizzazione Dei BRICS 

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Michael Mahanta

FONTE ARTICOLO: https://tfiglobalnews.com/2022/12/17/egypt-has-joined-brics-de-dollarisation-campaign/

È risaputo che il modo in cui gli Stati Uniti usano il loro peso economico per raggiungere gli obiettivi di politica estera. Il mondo, però, ha visto gli Stati Uniti spesso imporre sanzioni ai paesi che non si allineano ai suoi interessi. Il ruolo dominante del petrodollaro nell’economia globale offre anche l’opportunità di esercitare un’influenza significativa su altre economie.

Tuttavia, ora sempre più paesi nel mondo si stanno unendo alla campagna “ de-dollarizzazione ”. Le principali economie come l’India, la Cina e il blocco dell’UE sono già attori importanti in questo processo. Ora sembra che anche l’Africa non voglia essere lasciata indietro.

In uno sviluppo significativo, l’Egitto ha ora aderito alla New Development Bank of BRICS.

Che cos’è la de-dollarizzazione?

La de-dollarizzazione è il processo di riduzione del dominio del dollaro nei mercati globali con il quale si intende sostituire il dollaro USA come valuta utilizzata per il trading di petrolio e/o altre materie prime, acquisto di dollari USA per le riserve forex, accordi commerciali bilaterali, attività denominate in dollari.

Dall’istituzione del sistema di Bretton Woods, il dollaro USA è stato utilizzato come mezzo per il commercio internazionale. Tuttavia, negli ultimi anni, diversi paesi come India, Cina, Australia, Russia, tra gli altri, stanno passando a scambi commerciali nelle proprie valute nazionali.

L’Egitto si unisce alla New Development Bank

L’Egitto ha recentemente ratificato la sua partecipazione alla New Development Bank, creata da Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica (BRICS) nel 2014.

Pertanto, l’Egitto diventa il secondo paese africano ad aderire alla BRICS New Development Bank. Con questa campagna di de-dollarizzazione il BRICS sta guadagnando slancio e momentum. Alcuni stati BRICS sono già passati alle valute locali al fine di ridurre la loro dipendenza dal dollaro USA e dall’euro.

BRICS sta lavorando allo sviluppo di una propria infrastruttura finanziaria, compresa una rete di pagamento congiunta. In questo contesto, l’Egitto che si unisce al blocco BRICS non fa che aumentare ulteriormente la campagna.

La pandemia di Covid-19 e successivamente la guerra Russia-Ucraina hanno insegnato al mondo l’importanza dell’autosufficienza.

Mentre Russia e Cina stanno guidando l’iniziativa di de-dollarizzazione – grazie alla loro rivalità geopolitica con Stati Uniti – anche India, Brasile, e il Sudafrica hanno sostenuto questa iniziativa volta a modificare il sistema finanziario globale secondo i loro propri interessi.

Perché la de-dollarizzazione?

La de-dollarizzazione è guidata dal desiderio di isolare le banche centrali dei paesi membri dai rischi geopolitici. Attualmente, circa il 60% delle riserve valutarie delle banche centrali e circa il 70% del commercio globale vengono espressi utilizzando il petrodollaro.

Per circa il 20% della produzione economica mondiale, tuttavia, più della metà di tutte le riserve valutarie globali e del commercio è in dollari. Ci sono preoccupazioni su come gli Stati Uniti abbiano usato il dollaro come arma per proteggere i propri interessi. Il potere del dollaro viene utilizzato dagli Stati Uniti per prendere di mira persone, entità, organizzazioni o un intero paese attraverso sanzioni.

In paesi come la Nigeria e la Somalia il dollaro forte è responsabile dell’impennata dei prezzi di cibo, carburante e medicinali importati. Inoltre, non è di buon auspicio per paesi oppressi dal debito come l’Egitto e il Kenya, poiché questi vengono spinti verso il fallimento a causa del rafforzamento del dollaro.

Sforzi per la de-dollarizzazione

Ci sono sforzi per la possibile introduzione di un nuovo sistema di pagamento Russia-Cina, per bypassare il sistema SWIFT e combinando il SPFS (Sistema per il trasferimento di messaggi finanziari) russo con il CIPS (Sistema di pagamento interbancario transfrontaliero) cinese.

La Russia ha anche ridotto la sua quota di attività denominate in dollari a circa il 16% nel 2021. Ha anche ridotto la sua quota di scambi effettuati in USD dando la priorità alle valute nazionali nel commercio bilaterale. L’uso di USD nelle esportazioni della Russia verso i BRICS è crollato a meno del 10% nel 2020 da circa il 95% nel 2013.

Anche l’India ha esplorato piani per ridurre la sua dipendenza dal dollaro in passato. Nel 2012, il Ministero del Commercio e dell’Industria indiano ha riunito una task force per analizzare l’idea di utilizzare la rupia indiana nel commercio bilaterale dell’India, in particolare raccomandando l’idea di utilizzare la rupia per commerciare con i paesi esportatori di petrolio.

Inoltre, poiché la Russia ha dovuto affrontare sanzioni occidentali, anche l’India sta esplorando Meccanismo a rupia per gli scambi con la Russia.

Sebbene sia troppo presto per concludere se una tale coalizione sarà efficace nella de-dollarizzazione dell’economia globale, date le preoccupazioni geopolitiche dei rispettivi paesi, nei tempi del cambiamento della geopolitica globale la dedollarizzazione è diventata una priorità condivisa da un numero crescente di paesi che vogliono affrontare l’egemonia del dollaro USA e ridurre gli shock valutari causati dal dollaro. Molti altri paesi come Argentina, Algeria, Iran, Indonesia, Turchia e Arabia Saudita stanno dimostrando interesse a far parte del blocco BRICS.

Dopo che l’Egitto è stato l’ultimo ad entrare nel blocco BRICS, sembra che la campagna di de-dollarizzazione sarà sostenuta anche dall’Africa.

0Shares