Mar. Gen 31st, 2023

LA NUOVA ALLEANZA BRICS È UNA MINACCIA MORTALE PER L’OCCIDENTE

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Philip Pilkington

FONTE ARTICOLO: https://unherd.com/thepost/the-new-brics-alliance-is-a-mortal-threat-to-the-west/

Una nuova valuta di riserva globale minerà la supremazia del dollaro USA.

Questa settimana è stato annunciato che l’Iran e l’Argentina avevano chiesto di aderire ai BRICS. Il BRICS — che fino a poco tempo fa è stato composto da Brasile, Russia, India, Cina, e il Sudafrica — è un forum che consente ai paesi al di fuori delle economie sviluppate occidentali di stringere alleanze su questioni economiche. Man mano che il numero di aderenti aumenta, la sua influenza e importanza economica cresce.

La scorsa settimana in uno dei forum BRICS il presidente Putin ha annunciato che la Russia, insieme alla Cina e alle altre nazioni BRICS, si sta preparando al lancio una nuova valuta di riserva globale costituito da un paniere di valute dei paesi BRICS.

In caso di successo, una tale valuta di riserva costituirebbe una minaccia diretta per il dollaro USA, valuta attualmente dominante.

È difficile non leggere le due storie come parte dello stesso quadro generale.

L’Iran e l’Argentina stanno saltando sul carro perché intravedono un’opportunità per costruire un’alleanza alternativa alla globalizzazione guidata dall’Occidente.

Nel frattempo, gli altri membri del BRICS li stanno invitando a bordo perché sentono l’odore del sangue poiché vedono grandi debolezze economiche messe in luce dal rapido crollo delle sanzioni occidentali contro la Russia.

Un nuovo blocco commerciale, con una propria valuta di riserva, potrebbe rappresentare una minaccia per l’Occidente e per il dominio del dollaro USA?

Quasi certamente sì.

Nella loro forma attuale, i BRICS rappresentano circa il 31,5% del PIL mondiale, dato aggiustati sulla base della parità del potere d’acquisto.

Con l’aggiunta di Iran e Argentina, questo sale al 33% del PIL mondiale.

Questo è un enorme potenziale blocco commerciale e il 33% del PIL globale è certamente sufficiente per giustificare una valuta di riserva.

Ma oltre a questo, il potenziale per le sinergie tra i paesi è enorme.

Presi insieme, i paesi BRICS espansi producono attualmente circa il 26% della produzione globale di petrolio e il 50% della produzione di minerale di ferro utilizzato per produrre acciaio.

Producono, inoltre, circa il 40% della produzione mondiale di mais e il 46% della produzione mondiale di grano.

Se questi fossero tutti scambiati nella nuova valuta di riserva, diventerebbe immediatamente una pietra angolare dell’economia mondiale.

Nel frattempo, il dollaro USA sta già cedendo.

All’inizio di giugno, il FMI ha pubblicato un rapporto dimostrando che il dollaro USA oggi costituisce il 59% delle riserve globali — scenario molto diverso da quel 70% che ha costituito nel 1999. Il rapporto rilevava che i gestori delle riserve della banca centrale stavano spostando attivamente i loro portafogli lontano dai dollari e verso valute non tradizionali.

Ora immagina cosa succederebbe se i BRICS lanciassero la loro valuta di riserva; chiamiamola “BRIC”.

Supponiamo che il BRIC fosse detenuto come una riserva più o meno in linea con l’importanza del blocco in termini di PIL globale e che prendesse ugualmente un morso da tutte le altre riserve. L’impatto sarebbe simile al grafico qui sotto.

Come possiamo vedere, anche questo semplice esercizio dimostra che il BRIC potrebbe facilmente reggere il confronto con il dollaro USA.

I cambiamenti che stanno avvenendo nell’economia globale sono certamente i più grandi che si siano visti dal 1945.

Eppure se ne parla molto poco sulla stampa o negli ambienti politici. I leader occidentali stanno pianificando questo? Hanno una strategia per questo nuovo mondo coraggioso? Dovremmo sperarlo, poiché questi sconvolgimenti potrebbero avere un impatto drastico sugli standard di vita occidentali e sul nostro posto nel mondo.

0Shares