Mar. Gen 31st, 2023

burning dollars money

La de-dollarizzazione accelera: l’inizio della fine per l’egemonia del dollaro USA nel sud-est asiatico?

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Timothy Alexander Guzman

FONTE ARTICOLO: https://www.globalresearch.ca/de-dollarization-accelerates-beginning-end-us-dollar-hegemony-southeast-asia/5804315

Gli Stati Uniti stanno affrontando importanti mosse da parte della comunità globale per dedollarizzare le loro economie.  Lo stato di valuta riserva internazionale del dollaro USA finirà, forse non presto, ma in futuro, poiché si trova ad affrontare numerose sfide non solo da parte di grandi potenze come la Russia e la Cina che stanno attivamente cercando di liberarsi della valuta tossica, ma anche paesi con economie più piccole che hanno sede nella regione del sud-est asiatico che comprende Singapore, Malesia, Indonesia, Cambogia, Tailandia e Laos.

Il think tank globalista, Carnegie Endowment for International Peace (CEIP) il 22 agosto 2022 ha pubblicato un articolo sull’influenza calante del dollaro USA nel sud-est asiatico intitolata ‘Il crescente interesse del sud-est asiatico nei canali finanziari non in dollari — e il potenziale ruolo del renminbi’  in cui ha dichiarato cosa stava succedendo tra la Cina e in diversi paesi del sud-est asiatico:

La banca centrale cinese ha annunciato il lancio di un nuovo accordo di liquidità di emergenza che può essere finanziato utilizzando il renminbi e sfruttato dalle banche centrali partecipanti durante i periodi di stress del mercato. Tre delle cinque banche centrali partecipanti sono quella di Singapore, della Malesia e dell’Indonesia, ognuna delle quali ha recentemente rinnovato accordi con la Banca del Popolo della Cina volti implicitamente a ridurre l’uso del dollaro nei pagamenti transfrontalieri. Ciò segue i responsabili politici di Thailandia, Laos, Cambogia e Myanmar che hanno tutti annunciato sforzi per ridurre l’utilizzo del dollaro, nonché i commenti del capo della banca centrale indonesiana secondo cui i consumatori di cinque delle maggiori economie del sud-est asiatico saranno presto in grado di effettuare transazioni transfrontaliere intraregionali pagamenti tramite collegamenti che evitano di utilizzare il dollaro come intermediario, come spesso accade attualmente“.

È interessante notare che il CEIP ha elencato diversi motivi per cui i paesi del sud-est asiatico vogliono ridurre drasticamente l’uso di dollari USA:

Diversi fattori sono alla base dei vari sforzi volti a ridurre l’utilizzo del dollaro nel sud-est asiatico. Per cominciare, molti funzionari sono preoccupati per i potenziali impatti economici dell’inasprimento della politica monetaria statunitense sulla regione, dato il suo elevato utilizzo del dollaro; di conseguenza, alcuni stanno cercando di ridurre l’uso del dollaro nei pagamenti commerciali intraregionali come mezzo per frenare la dipendenza dal dollaro in modo più ampio. Le recenti sanzioni potrebbero anche stimolare la domanda di canali finanziari alternativi: ad esempio, il governo militare del Myanmar sta esplorando attivamente come aggirare le sanzioni dell’UE e degli Stati Uniti per effettuare transazioni con la Russia”.

Secondo un articolo pubblicato da almayadeen.netBank Indonesia chiede pagamenti in dollari USA” che ha tradotto il rapporto di un portale di notizie indonesiano chiamato Tempo.net su ciò che Nugroho Joko Prastowo dell’ufficio di rappresentanza di Solo Bank Indonesia ha detto riguardo alle imprese indonesiane che utilizzano valute per ridurre la propria dipendenza dal dollaro USA:

Bank Indonesia ha esortato importatori ed esportatori a utilizzare le valute nazionali nei pagamenti internazionali al fine di ridurre la dipendenza dei mercati finanziari indonesiani dal dollaro USA, secondo Tempo.co, un portale di notizie indonesiano. “Circa il 90% dei pagamenti export-import viene effettuato in dollari USA, mentre la quota delle esportazioni dirette indonesiane negli Stati Uniti è stimata solo al 10% e le importazioni statunitensi rappresentano il 5%”

Il rapporto menzionava anche che – secondo l’opinionista – Cina, Giappone, Tailandia e Malesia hanno già accettato di utilizzare il meccanismo di pagamento bidirezionale, con Singapore e Filippine che intendono aderire al sistema.

Un altro articolo pubblicato dal Global Times il 15 dicembre del 2021 titolato “Esclusiva GT: il Myanmar accetta lo yuan come valuta di regolamento ufficiale per il commercio di frontiera con la Cina“, affermava che, sul lungo periodo, l’uso dello yuan cinese da parte del Myanmar contribuirà a rompere il dominio del dollaro USA:

Lo yuan è stato incluso nel paniere delle valute di regolamento ufficiali del Myanmar nel gennaio 2019. La mossa in quel momento era più simbolica che altro, poiché tutti i contratti e gli scambi non erano ancora regolati nella valuta cinese. Zhou ha affermato che la mossa, a lungo termine, contribuirà a rompere il monopolio del dollaro USA nelle riserve di valuta estera del Myanmar. Gli analisti hanno detto che gli Stati Uniti hanno abusato dello status dominante del dollaro per imporre sanzioni arbitrarie ad altri paesi e l’ulteriore espansione dello yuan negli accordi commerciali del Myanmar potrebbe fornire uno scudo contro tale potenziale arma”.

La Cambogia è a bordo del dumping di dollari USA

Il motivo per cui la Cambogia, con una popolazione di quasi 17 milioni di persone e un impatto economico molto minore sull’economia mondiale, è disposta a perdere dollari USA è un fattore di riflessione importante. The Diplomat, una rivista di attualità basata su analisi e commenti di vari autori sugli sviluppi in Asia e nel resto del mondo, ha pubblicato un articolo di Luke Hunt dal titolo “La Cambogia riduce la sua dipendenza da il dollaro USA‘ e che mette in risalto lo stato d’animo del Governo cambogiano e il tentativo della Cambogia di smettere di usare dollari USA.

Da quando le forze di pace delle Nazioni Unite sono arrivate nella Cambogia dilaniata dalla guerra per sovrintendere alle elezioni tenutesi nel 1993, il dollaro USA è stato un pilastro dell’economia locale con un sistema a doppia valuta che fornisce tassi di cambio costanti in un luogo volatile; “ma c’è stato un enorme cambiamento in corso da quando la Banca nazionale della Cambogia (NBC) ha annunciato che “avrebbe eliminato gradualmente le banconote da un dollaro USA di piccolo taglio – banconote da $ 1, $ 2 e $ 5 – a seguito di negoziati con banche e istituti di microfinanza (MFI)”. Naturalmente è un passo per ridurre la dipendenza dal dollaro USA; secondo la NBC “la Cambogia deve incoraggiare di più l’uso del suo riel. Quindi, consentire la circolazione di banconote di piccolo taglio degli Stati Uniti è un ostacolo per sollecitare l’uso del riel”.

Ci sono diverse ragioni per la mossa della Cambogia: una di queste è quella di consentire l’uso delle valute digitali per “dare alla banca centrale un maggiore controllo sull’economia cambogiana e rafforzare la valuta locale riel, che per decenni ha sofferto di una mancanza di fiducia a causa del negativo sentimento derivante da una guerra di 30 anni”; un’altra, inoltre, è consentire alla banca centrale “il controllo sulla politica monetaria e sulle impostazioni dei tassi di interesse e la riduzione dei costi nella gestione dell’enorme volume di banconote da $ 1 dollaro che circolano nell’economia“.

Hunt menziona il periodo oscuro della storia cambogiana con Pol Pot e Khmer rossi sostenuti dagli Stati Uniti che distrussero la Cambogia e le sue tradizioni e iniziarono una nuova rivoluzione con una nuova cultura che sarebbe iniziata nell’anno zero, quindi tutto ciò che era prima sarebbe considerato irrilevante, “è molto diverso dalla fine degli anni ’70, quando il dominio dei Khmer Rossi abbandonò il denaro, le banche furono abolite e la NBC fu fatta saltare in aria mentre Pol Pot cercava di creare una società agricola utopica che portò alla morte di circa 1,7 milioni di cambogiani“.

Uno dei periodi più bui nella storia del mondo davvero. È uno sviluppo positivo che la NBC stia incoraggiando l’uso del Riel cambogiano per la sua economia; quindi, alla luce di questi sviluppi, il futuro sembra promettente. Il governatore della NBC Chea Chanto, nei giorni del 40° anniversario del ristabilimento del Riel, ha parlato affermando che “la domanda di valuta è aumentata in media del 16% all’anno negli ultimi 20 anni, tra tassi di crescita medi annui del 7,8% e inflazione intorno al 2,5%“.

Chanto ha anche affermato di credere” fermamente che tutti i ministeri, le istituzioni, le aziende, le imprese e coloro che partecipano attivamente al processo di sviluppo del sistema bancario promuovano l’uso del riel, che è la nostra valuta nazionale“. Secondo un analista non identificato si tratta anche di una questione di sovranità e orgoglio. È il loro paese e hanno il diritto di avere la propria valuta come in qualsiasi altro luogo”.

Secondo Michael Finn del Khmer Times, autore dell’articolo ‘ De-dollarizzazione: opinioni dall’Asia, dagli Stati Uniti e dall’Europa“, il passaggio dal dollaro USA al Riel cambogiano non sarà un compito facile per la Cambogia. Egli sostiene che

Qualsiasi riduzione nell’uso del dollaro deve essere gestita con attenzione, in accordo con le camere di commercio straniere in Cambogia. Dicono che è improbabile che la banca centrale elimini completamente la valuta statunitense e qualsiasi mossa improvvisa per porre fine alla dipendenza dal dollaro sarebbe dannosa per le imprese“.

Il responsabile dell’advocacy della Camera di commercio europea, Noe Schellinck, ha affermato che “in una certa misura, la dollarizzazione ora può essere attribuita al successo dell’economia cambogiana, che ha fatto registrare un grande afflusso di investimenti diretti esteri, rispetto al contesto storico in cui è avvenuta la dollarizzazione”.

Ma il presidente della Camera di commercio indonesiana, Dalton Wong, non è d’accordo con la valutazione di Schellinck:

La de-dollarizzazione non è una brutta cosa in quanto è un riequilibrio degli strumenti di politica fiscale e monetaria. Non è certamente un completo spostamento e sostituzione del dollaro USA a favore del Khmer Riel nel commercio e negli investimenti, come alcuni osservatori e analisti sembrano maliziosamente suggerire. Infatti, promuovere un maggior uso del riel Khmer darà maggiori strumenti di politica monetaria alla Cambogia.

Il crollo del dollaro USA sta diventando, quindi, una realtà mentre Cina e Russia continuano ad acquistare oro e commerciare con le proprie valute a un ritmo accelerato con molti altri paesi in tutto il mondo, i quali, a loro volta, stanno correndo per de-dollarizzare le loro economie. Come già sappiamo, infatti, diversi paesi del sud-est asiatico faranno presto la loro mossa per sbarazzarsi della valuta tossica statunitense, ma ci sono anche altri paesi che si stanno muovendo tra cui India, Iran, Sudafrica, Siria e Venezuela, tutti motivati far cadere il dollaro USA. Uno dei motivi principali per cui questi paesi vanno avanti eliminando l’uso del dollaro USA è da ricercarsi nel fatto che Washington usa lo status della propria valuta come arma per imporre dure sanzioni ai paesi che sono considerati nemici.

Anche i paesi africani stanno iniziando a cercare alternative al dollaro USA, incluso il Ghana, ad esempio; secondo un rapporto pubblicato da Reuters il 24 novembre 2022, “il Ghana prevede di acquistare petrolio con l’oro invece dei dollari USA“, e “il governo del Ghana sta lavorando a un nuova politica per acquistare prodotti petroliferi con riserve in oro piuttosto che in dollari USA”.

La motivazione del Ghana è leggermente diversa da quella di altri paesi poiché “la mossa ha lo scopo di affrontare la diminuzione delle riserve di valuta estera che unita alla domanda di dollari da parte degli importatori di petrolio, sta indebolendo il cedi locale e aumentando costo della vita”. Ciò significa che il dollaro USA sta causando inflazione. La mossa dovrebbe avvenire nel primo trimestre del 2023 quando il vicepresidente del Ghana, Mahamudu Bawumia, ha affermato che la nuova politica “cambierà radicalmente la nostra bilancia dei pagamenti e ridurrà significativamente il persistente deprezzamento della nostra valuta”, spiegando che “l’utilizzo dell’oro impedirebbe al tasso di cambio di influire direttamente sui prezzi del carburante o delle utenze poiché i venditori nazionali non avrebbero più bisogno di valuta estera per importare prodotti petroliferi“.

La Libia è stato uno dei primi paesi in Africa a proporre l’idea di creare una valuta alternativa per aggirare il dollaro USA; questa valuta, chiamata Dinaro africano, sarebbe stata sostenuta dall’oro ma il regime di Obama ha sostenuto un violento colpo di stato per rovesciare il suo presidente che ha suggerito l’idea, Muammar Gheddafi, prima torturato e, poi, ucciso nel processo che ha la Libia un focolaio di terrorismo e, allo stesso tempo, ricreato la secolare industria della schiavitù.

La linea di fondo è che il dominio del dollaro USA nel mercato globale finirà in un prossimo futuro. Nessuno ha la sfera di cristallo per dire con esattezza quando accadrà, ma è certamente che accadrà. Il mondo sperimenterà una realtà economica alternativa che cambierà le dinamiche politiche degli Stati Uniti e delle potenze occidentali che attualmente dominano l’economia mondiale con una valuta obsoleta e imperfetta che alla fine si troverà ad avere lo stesso valore della carta igienica.

0Shares