Mar. Gen 31st, 2023

Il Ghana si avvicina di un passo alla dedollarizzazione della sua economia

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Bishnu Rathi

FONTE ARTICOLO: https://tfiglobalnews.com/2022/12/11/ghana-moves-one-step-closer-to-dedollarizing-its-economy/

Il Ghana sta attraversando una crisi senza precedenti che è caratterizzata da difficoltà del debito, svalutazione della valuta e riduzione delle riserve valutarie. In una situazione del genere, il governo del Ghana ha scelto di agire per ridurre la sua dipendenza dai dollari USA. Ciò potrebbe alterare la storia economica della nazione africana.

La banca centrale del Ghana ha predisposto misure di soccorso per le banche che partecipano allo scambio del debito interno del governo nel tentativo di placare le loro preoccupazioni sul suo potenziale impatto.

Il paese dell’Africa occidentale sta attraversando la peggiore crisi economica della sua nascita e, in conseguenza di ciò, ha recentemente lanciato un piano per scambiare le sue obbligazioni locali con delle nuove con nuove date di scadenza e nuovi tassi di cedola per aiutare a ripristinare la stabilità macroeconomica.

[…] La nazione dell’Africa occidentale – produttrice di petrolio, oro e cacao – spera di ridurre, così, il suo rapporto debito/PIL dal 100% al 55% entro il 2027 mentre lotta per pagare gli interessi che, secondo il ministro delle finanze, ora rappresentano una quota che va dal 70% al 100% del prodotto interno.

Per essere chiari, questo è una continuazione della politica del Ghana di abbandonare il dollaro statunitensile a favore dell’oro. Il governo ghanese ha dichiarato che sta pensando di adottare una strategia per cui pagherà i prodotti petroliferi con l’oro invece che con i dollari Usa.

Le restanti riserve in dollari USA del Paese (da 9,7 miliardi di dollari alla fine del 2021 a 6,6 miliardi di dollari a settembre 2022) non sono adeguate a coprire le spese di importazione di petrolio per più di tre mesi.

La misura mira a contrastare il calo delle riserve di valuta estera del Ghana e a ridurre la domanda di dollari degli importatori, fattore che sta contribuendo al deprezzamento del cedi e alla crisi economica che l’accompagna; la valuta locale si sta indebolendo e il costo della vita sta, invece, aumentando a causa della contrazione delle riserve di valuta estera e della necessità di dollari da parte degli importatori di petrolio.

La nuova politica avrebbe, quindi, un impatto fondamentale sulla bilancia dei pagamenti e ridurrebbe notevolmente la persistente erosione della valuta ghanese.

Senza dubbio, il dollaro USA ha dominato a lungo il sistema finanziario mondiale. A seconda delle norme nazionali, le banche centrali conservano in dollari circa il 60% delle loro riserve valutarie. Serve come base per più della metà di tutti i prestiti internazionali e titoli di debito globali. Nel tentativo di frenare l’inflazione globale, la Federal Reserve statunitense ha alzato i tassi di interesse all’inizio di quest’anno. Secondo l’amministrazione Biden, questa azione scoraggerà le imprese, i governi e le famiglie dall’assumere più debiti, il che, secondo il piano varato a Washington, aiuterà a ridurre l’inflazione.

Questa decisione ha avuto effetti negativi sull’Africa poiché le sue banche centrali sono state costrette ad aumentare i tassi di interesse per evitare che le loro valute nazionali si deprezzassero ulteriormente e rendessero più costoso per i paesi africani l’acquisto di dollari.

La valuta del Ghana si sta infatti deprezzando a causa dei blitz per l’acquisto di dollari. Secondo la banca d’affari JP Morgan, la mossa della FED ha schiacciato il mercato della valuta locale aggravando, in tal modo, la svalutazione del cedi.

Così il cedi ha perso almeno il 52% rispetto al dollaro (al 20 ottobre 2022), diventando così la peggiore delle 148 valute monitorate da Bloomberg.

JP Morgan ha affermato che la decisione della Banca del Ghana di acquistare dollari dalle società minerarie ha ridotto la disponibilità di valuta estera all’interno del mercato interbancario; secondo i media locali che citano la società globale: “Per ridurre la volatilità, riteniamo che la BoG potrebbe aver bisogno di utilizzare i proventi degli acquisti di FX del settore minerario per aumentare gli interventi o, in alternativa, invertire la politica di acquisto di FX”. (sic)

Recentemente anche il Ghana ha deciso di commerciare il petrolio in oro al posto dei petrodollari in modo da alleviare l’eccessiva dipendenza della sua economia dai dollari.

Le azioni in corso rappresentano un cambiamento fondamentale nella strategia economica del Ghana. Il Ghana si impegna a compiere passi positivi per dedollarizzare le proprie economie. Ciò minerà il dominio del dollaro USA nell’economia globale ed eliminerà il miglior strumento geopolitico a disposizione della potenza egemone.

0Shares