Mar. Gen 31st, 2023

Il Coordinamento Globale della Dedollarizzazione dovrebbe essere rafforzato

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Wang Yi

FONTE ARTICOLO: https://www.globaltimes.cn/page/202210/1277915.shtml

Così nell’ottobre del 2022 scriveva Wang Yi sulle pagine del Global Times

Il governatore della Banca Centrale egiziana ha detto che l’Egitto svilupperà un nuovo indicatore valutario in parte per riformulare l’idea che la sterlina egiziana dovrebbe essere ancorata al dollaro USA; poiché un dollaro forte è diventato un pericolo per l’economia globale, le economie di tutto il mondo hanno realizzato l’urgenza della de-dollarizzazione. Molti paesi hanno iniziato la propria esplorazione secondo le loro condizioni nazionali per affrontare l’impatto causato dalla politica finanziaria altamente spericolata e irresponsabile degli Stati Uniti. 

Il nuovo indicatore valutario dell’Egitto è un processo utile tra i paesi che mirano alla de-dollarizzazione.

Al fine di affrontare gli impatti di ricaduta della politica monetaria rafforzata degli Stati Uniti sulle altre economie, molti paesi in tutto il mondo hanno iniziato la loro esplorazione della de-dollarizzazione in vari modi, incluso l’uso di accordi valutari bilaterali e multilaterali per regolare le transazioni nell’ambito del commercio internazionale, promuovendo la diversificazione delle riserve valutarie, e, al contempo, la riduzione delle partecipazioni del Tesoro USA.

La de-dollarizzazione non è una scelta volontaria fatta da paesi come, ad esempio, l’Egitto, ma una risposta forzata all ‘”armamento” del dollaro. La forte politica del dollaro USA sta aggravando la già grave inflazione, causando la svalutazione delle valute nazionali, oltre al deflusso di capitali dai paesi in via di sviluppo. Per evitare di essere trascinati in una crisi, la de-dollarizzazione è diventata una priorità crescente per queste nazioni.

Certo, non è un compito facile evitare di essere trascinati in una crisi finanziaria causata dalla forza del dollaro. Permangono ancora incertezze negli sforzi di questi paesi per far fronte agli attuali problemi finanziari. Devono ancora affrontare sfide crescenti su come mantenere la stabilità del mercato finanziario e del commercio estero e adottare misure e misure adeguate per evitare una crisi.

La fine dell’egemonia del dollaro non è un obiettivo facile, ma il processo è già iniziato e lo slancio diventerà più evidente e più forte nel tempo. Man mano che sempre più paesi si uniscono, è ora necessario che il mondo esplori come i diversi paesi dovrebbero lavorare insieme per coordinare gli sforzi per affrontare la sfida comune all’egemonia del dollaro USA e mantenere la stabilità del sistema monetario mondiale mentre la dedollarizzazione accelera.

Ora alcuni paesi e alcune piattaforme di cooperazione internazionale hanno iniziato a coordinare i tentativi di dedollarizzazione, come i BRICS. Nel contesto dell’indebolimento dell’egemonia del dollaro USA, i paesi in via di sviluppo di tutto il mondo hanno bisogno di un tipo più stabile di meccanismo finanziario come nuovo canale per condurre transazioni finanziarie. I BRICS e altre piattaforme internazionali stanno cercando di elaborare soluzioni.

A giugno, in una riunione relativa ai BRICS, la Russia ha proposto di promuovere lo sviluppo di una valuta di riserva basata sul paniere di valute BRICS.

Già nel 2019, Germania, Regno Unito e Francia hanno istituito il sistema INSTEX per aiutare le aziende europee a eludere gli accordi in dollari USA e ora sempre più paesi hanno aderito al sistema.

In Asia, a luglio la Banca Centrale indiana ha lanciato un meccanismo di regolamento in rupie per il commercio internazionale; cinque economie dell’ASEAN hanno raggiunto un consenso a luglio per pianificare la creazione di una rete di pagamento integrata regionale per aggirare il dollaro USA e per il regolamento diretto in valuta estera.

Tuttavia, questo coordinamento è ancora nelle sue fasi iniziali. Vale la pena esplorare come tutte le parti dovrebbero rafforzare il coordinamento globale. Rafforzare il coordinamento globale per la de-dollarizzazione è fondamentalmente una decisione politica, non economica, per molte economie. Di fronte al nuovo panorama geopolitico e all’impatto di un dollaro forte, i paesi di tutto il mondo dovrebbero adottare una visione a più lungo termine e sforzarsi di rafforzare il coordinamento della dedollarizzazione.

0Shares