Mar. Gen 31st, 2023

Consegnare All’Ucraina Le Moderne Armi Della NATO Non È Un Punto Di Svolta

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Daniel Davis

FONTE ARTICOLO: https://www.19fortyfive.com/2023/01/giving-ukraine-modern-nato-weapons-is-no-game-changer/

L’equipaggiamento moderno della NATO potrebbe non essere sufficiente per produrre un’offensiva ucraina di successo.

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ospiterà l’ultima iterazione del Gruppo di contatto per la difesa dell’Ucraina presso la base aerea di Ramstein in Germania dove i leader della difesa occidentale dovrebbero annunciare ancora più consegne di carri armati e blindati per il trasporto del personale in Ucraina.

Non appena crescenti forniture di moderne tipologie di armi NATO sono state promesse all’ Ucraina, molti sono fiduciosi che il flusso della battaglia cambierà presto a favore di Kiev.

Armi NATO moderne per l’Ucraina: un punto di svolta oppure no? 

Un esame più attento di ciò che viene offerto e una comprensione più profonda di come funziona il combattimento corazzato moderno, tuttavia, dovrebbero mitigare le aspettative.

La situazione non è buona come molti credono.

Questo sarà il primo di una serie di articoli che esamineranno i fondamenti militari necessari per consentire all’Ucraina di sviluppare una capacità offensiva praticabile esaminando le sfide e le opportunità per raggiungere tale obiettivo. La speranza è che sia comprensibile sia per il pubblico occidentale che per quello ucraino.

Sapendo che le truppe di Zelensky hanno resistito alle forze di Putin per quasi un anno usando vecchi equipaggiamenti sovietici, sembra intuitivo credere che se l’Occidente fornisce a Kiev gli stessi moderni sistemi d’arma in dotazione alla NATO, le forze di Zelensky saranno in grado di invertire le perdite e di riporteare la Russia entro i propri confini.

Sfortunatamente, la situazione ha molto più bisogno di qualcosa nella creazione del potere di combattimento che nell’introduzione di armi, anche se queste sono veramente buone e moderne.

Oggi ci sono pochissime persone negli Stati Uniti che hanno esperienza di combattimento e solo una percentuale molto piccola di questi hanno combattuto o hanno un addestramento in battaglie con il carro armato. Inconscio o no, la verità è un po ‘equilibrare la “realtà” raffigurata nel videogioco Call of Duty con l’analisi di come funzionano le cose nel vero combattimento.

Nel videogioco, il giocatore semplicemente “ottiene” equipaggiamento o veicoli militari e, quindi, possiede la piena capacità di combattimento di quel kit. Quindi, una volta che un giocatore ottiene un veicolo blindato, ne ottiene il beneficio per intero semplicemente con il suo possesso.

Il vero combattimento non è niente del genere. Carri armati, veicoli da combattimento di fanteria (IFV), obici, sistemi di difesa aerea, aerei da combattimento e simili, forniscono la massima capacità solo se gli utenti sono completamente addestrati ed esperti.

Inoltre, anche con operatori ed equipaggi qualificati, i veicoli devono essere riforniti di carburante e munizioni sufficienti, mantenuti correttamente e regolarmente e impiegati con competenza a livello di equipaggio, plotone, compagnia e battaglione. Un guasto in una qualsiasi di queste aree e anche il migliore equipaggiamento diventa di utilità marginale o una carcassa in fiamme in guerra.

Durante i miei 21 anni di carriera nell’esercito, ho osservato queste verità in prima persona durante l’addestramento, le operazioni e il combattimento diretto.

La mia esperienza dell’esercito americano su questo problema

Ho prestato servizio in unità corazzate e meccanizzate in combattimento, in ambienti operativi e in unità di addestramento.

Nel 1999, come nuovo tenente dell’esercito, ho prestato servizio come ufficiale di supporto antincendio in un corazzato M981 Veicolo di supporto antincendio a sostegno di Eagle Troop, 2° Squadrone, 2° Reggimento di cavalleria corazzata ( 2° ACR ). Nel 1991, con Eagle Troop ho combattuto nella più grande battaglia di carri armati americani dalla seconda guerra mondiale, la Battaglia di 73 Easting, durante l’operazione Desert Storm.

Ho anche prestato servizio con Eagle Troop attraverso il Combat Maneuver Training Center (CMTC), in Germania (dove le operazioni di combattimento vengono replicate in ogni modo, tranne lo scambio di “proiettili con tag laser” per colpi vivi), e durante la Guerra Fredda, ho prestato servizio con il 2 ° ACR in missioni di pattugliamento – armato di munizioni vere – su un tratto del confine tedesco est-ovest, difendendosi da una possibile incursione dei massicci eserciti del Patto di Varsavia.

A metà degli anni 2000, ho servito come secondo in comando dello squadrone di cavalleria divisionale a supporto della 1a divisione corazzata di stanza in Germania.

In tutte queste unità ho partecipato o condotto tutte le operazioni necessarie per condurre operazioni di combattimento, dall’addestramento individuale (per essere esperto nelle mie armi personali), addestramento dell’equipaggio (sul mio veicolo da combattimento), addestramento dell’unità (presso il plotone, compagnia, e livello di squadriglia) e come responsabile nel garantire la consegna e il mantenimento della logistica, della manutenzione e della fornitura necessarie per condurre le operazioni di combattimento nel tempo.

Senza eccezioni, ogni aspetto del combattimento in un’unità corazzata che ho sperimentato è pienamente applicabile alla situazione che devono affrontare oggi le forze armate ucraine (UAF). Zelensky e i suoi alti capi militari hanno chiesto armamenti pesanti quasi dall’inizio della guerra. Sostengono che se l’Occidente potesse fornire un numero sufficiente di carri armati, veicoli da combattimento di fanteria, pezzi di artiglieria e sistemi di difesa aerea, gli ucraini saranno in grado di cacciare la Russia dalla loro terra.

Ma c’è bisogno di molto di più per creare potenza di combattimento che semplicemente possedere un dato tipo e quantità di veicoli corazzati moderni. Non posso sottolineare abbastanza quanto sarà difficile, nelle condizioni attuali, per l’Ucraina produrre forze meccanizzate di una forza sufficiente per espellere le forze russe.

Cosa succede dopo?

Al momento, l’Ucraina sta andando verso il traguardo di un anno nella sua sanguinosa guerra con la Russia. Le truppe di Zelensky hanno probabilmente subito centinaia di migliaia di morti e feriti nelle molte feroci battaglie che hanno combattuto. L’UAF è attualmente bloccato in una grande battaglia con la Russia nel Donbass che è considerata un “tritacarne”. Il numero di vittime subite è applicato, forse, allo stesso modo a entrambe le parti, ma ai fini di questa analisi, mi occuperò delle implicazioni per la parte ucraina, in particolare per quanto riguarda l’acquisizione di moderni carri armati NATO e IFV allo scopo di costruire la forza di combattimento necessaria per cacciare la Russia dall’Ucraina.

La prossima pubblicazione di questa serie esaminerà, invece, gli elementi costitutivi necessari per costruire la potenza di combattimento in un moderno esercito da campo.

La parte successiva affronterà la centralità dell’addestramento al combattimento individuale e collettivo e spiegherà perché questo sia di vitale importanza.

Poiché ultimamente gran parte dell’attenzione dei media si è concentrata sui veicoli da combattimento Bradley che gli Stati Uniti consegneranno presto all’Ucraina, spiegherò come un’unità militare statunitense si addestra per la guerra (come mezzo per evidenziare ciò che le forze armate ucraine dovranno fare).

L’ultimo scritto della serie collegherà tutto insieme e illustrerà le sfide che dovranno essere superate dall’UAF per raggiungere l’obiettivo di Zelensky di riconquistare tutto il territorio ucraino.

La guerra è uno sforzo così dinamico, brutale e crudele e letteralmente nulla è mai garantito. Ma i politici, i legislatori e i cittadini americani devono essere consapevoli della ripida salita che l’Ucraina dovrà affrontare per convertire queste moderne macchine da guerra in una potenza di combattimento sufficiente per vincere la sua guerra.

Come questa serie dimostrerà – e la mia pluriennale esperienza nelle unità corazzate conferma – le possibilità di successo sono di gran lunga inferiori a quanto comunemente si creda.

0Shares