Mar. Gen 31st, 2023

Come l’anno 2022 ha posto fine all’era unipolare americana

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Timur Fomenko

FONTE ARTICOLO: https://geopolitics.co/2022/12/31/how-the-year-2022-ended-the-american-unipolar-era/

Il mondo post-Guerra Fredda si era sgretolato da tempo e, dopo quest’anno, è finalmente sparito. Il 2022 è stato un anno dalle conseguenze significative per il futuro della geopolitica globale, e come tale sarà ricordato nei libri di storia.

Il 2022, in particolare, ha segnato la chiusura di tre decenni di unipolarismo americano, iniziato con il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, e scardinato da un nuovo mondo multipolare costituito da numerose grandi potenze in competizione.

Quando l’URSS cadde nel 1991, gli Stati Uniti entrarono in un periodo di dominio senza precedenti in cui definirono la loro posizione di egemone globale. Il loro potere politico, economico e militare non aveva eguali e come tale aveva libero sfogo nel plasmare l’ordine globale a proprio piacimento. Non sorprende che in questo periodo gli Stati Uniti non abbiano perseguito la “grande competizione di potere“, ma si siano attivamente impegnati in decine di operazioni di cambio di regime in tutti i continenti mentre cercavano di attuare ciò che George H.W. Bush descritto come “il nuovo ordine mondiale“.

Ciò includeva guerre in Iraq, ex Jugoslavia, Libia, Afghanistan e Siria, solo per citarne alcune. Allo stesso modo, gli USA sono stati in grado di usare questo potere indiscusso su istituzioni come le Nazioni Unite per imporre sanzioni su paesi più piccoli che hanno osato sfidare la volontà di Washington, come l’Iran e la Corea del Nord.

A causa della tracotanza derivante dalla vittoria ottenuta nella Guerra Fredda, nella convinzione dell’inevitabilità della loro ideologia e ne “la fine della storia” teorizzata da Fukuyama, durante questo periodo gli Stati Uniti non cercarono di contrastare Stati come la Russia o la Cina proprio perché credevano, almeno inizialmente, che questi si trovavano a percorrere un percorso predeterminato verso l’occidentalizzazione e la liberalizzazione. In quanto tali, gli Stati Uniti hanno promosso attivamente la globalizzazione attraverso il libero scambio e gli investimenti, percependoli come mezzi per veicolare i propri valori.

Avanti veloce fino al 2022, anno in cui gli ultimi resti di queste speranze premature sono stati spazzati via. Anche se lunghi, gli ultimi 12 mesi hanno segnato il definitivo consolidamento di una nuova era geopolitica. L’operazione militare della Russia in Ucraina si è rivelata una svolta decisiva, che ha rappresentato la rottura definitiva con il mondo stabilito in seguito alla caduta dell’URSS.

Il principale catalizzatore di questo cambiamento, però, sono stati gli stessi Stati Uniti, a cui non piaceva più ciò che la globalizzazione – una volta sostenuta a spada tratta – ora stava fornendo, cioè l’esaurimento della loro egemonia attraverso la rinascita di stati rivali che non si sono riformati secondo il piacimento di Washington (Russia e Cina).

Vedendo l’ascesa di questi paesi, che grazie alla stessa approvazione americana si erano integrati nell’economia globale e in questa prosperavano ma, contrariamente alle previsioni, senza adottare i valori americani, gli Stati Uniti sono tornati indietro sui loro passi verso una grande competizione di potere e hanno iniziato a provocare conflitti geopolitici al fine di riaffermare il controllo sugli alleati ribelli.

Ciò è diventato estremamente evidente nella politica estera dell’amministrazione Biden, il quale ha cercato di adottare un approccio senza compromessi all’espansione della NATO (accendendo il conflitto in Ucraina), accelerando anche in modo aggressivo i tentativi di contenere la Cina attraverso la creazione di nuovi sistemi di alleanze come AUKUS e l’escalation delle tensioni sullo Stretto di Taiwan.

Queste azioni statunitensi hanno cambiato il mondo.

Mentre il cittadino occidentale medio, ingannato dal discorso propagato dai media mainstream, incolpa Putin, la realtà è che gli Stati Uniti sono quelli che hanno attivamente smantellato l’ordine internazionale post Guerra Fredda del 1991 proprio perché credono che ora vada a spese proprio del potere americano. Parte di questo è lo sforzo di “arretrare” attivamente la globalizzazione.

Creando un conflitto geopolitico, gli Stati Uniti si sforzano di riaffermare la propria influenza militare mentre costringono i propri alleati a separarsi dal paese nemico preso di mira – anche se ciò comporta un grande dispendio per l’economia di quell’alleato.

Gli Stati Uniti hanno cercato di strappare i mercati dell’energia alla Russia, quindi i paesi europei sono costretti ad acquistare in alternativa il gas americano. Allo stesso modo, stanno demolendo l’intera catena di fornitura di semiconduttori mentre la ricostruisce con la forza attorno a sé stessa nel tentativo di isolare la Cina. In tal modo, mira a distruggere l’integrazione di alcune regioni, come la Russia con l’Europa, la Cina con l’Asia.

Le implicazioni di queste azioni sono enormi.

Mentre gli Stati Uniti cercano di rivendicare la propria egemonia, altri paesi sono successivamente costretti ad aumentare le proprie capacità nazionali e l’autonomia strategica per evitare di essere dominati. Ciò ha creato nuove corse agli armamenti, nuove corse tecnologiche e anche l’espansione di blocchi alternativi all’Occidente, come i BRICS, la Shanghai Cooperation Organization (SCO) e altri. Che agli Stati Uniti piaccia o meno, questa è la realtà del multipolarismo che, in primo luogo, hanno cercato di impedire.

Il mondo ora assomiglia sempre più a come appariva prima del 1914, o peggio, prima del 1939, dove non ci sono solo due grandi potenze rivali, ma una pletora di nazioni che lottano per l’influenza.

Mentre gli Stati Uniti si sforzano di mantenere la loro egemonia, affrontano gli sfidanti di Cina e Russia, ma ci sono anche altre potenze emergenti, tra cui India e Indonesia.

Pertanto, l’anno 2022 rappresenterà un momento definitivo di cambiamento. Il mondo post-1991, sebbene a lungo palpitante, è finalmente finito. Il nuovo mondo è un’arena sempre più incerta di conflitto geopolitico, il che lo rende meno stabile, meno certo e più diviso che mai dai tempi della fine della seconda guerra mondiale.

Questa non è una nuova Guerra Fredda in quanto tale, è un nuovo grande gioco.

0Shares