Mar. Dic 6th, 2022

Iniziativa di sviluppo globale: una soluzione tempestiva alle battute d’arresto mondiali

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Xin Ge

ARTICOLO ORIGINALE

Il 16 ottobre si è aperto a Pechino il 20° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese (PCC). Oltre al tanto atteso progetto per lo sviluppo interno della Cina per i prossimi cinque anni e oltre, anche la politica estera della Cina e le sue risposte alle sfide globali sono state di grande importanza per il mondo.

Come ha sottolineato Xi Jinping, segretario generale del Comitato centrale del PCC, nel suo rapporto al Congresso del Partito, la Cina lavora per migliorare il coordinamento e l’interazione positiva con altri grandi paesi al fine di costruire relazioni caratterizzate da coesistenza pacifica, stabilità complessiva e sviluppo equilibrato.

Ciò che spicca come esempio degli sforzi della Cina per promuovere lo sviluppo globale è la Global Development Initiative (GDI) proposta da Xi un anno fa. Come ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin in una delle consuete conferenze stampa a Pechino il 19 ottobre 2022, dopo un anno il GDI dimostra che la Cina sta contribuendo con le sue soluzioni nell’ affrontare i deficit di governance globale e altre sfide globali, fungendo da acceleratore dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile.

Xi ha introdotto per la prima volta il GDI in un discorso virtuale all’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 21 settembre 2021, in risposta alle battute d’arresto mondiali causate dalla pandemia di COVID-19. Come Xi ha promesso nella sua dichiarazione, “Dobbiamo rivitalizzare l’economia e perseguire uno sviluppo globale più solido, più verde ed equilibrato“.

Essendo uno sforzo primario per aiutare ad accelerare lo slancio per l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile, le aree prioritarie previste dal GDI includono la riduzione della povertà, la sicurezza alimentare, i vaccini COVID-19, il finanziamento dello sviluppo, il cambiamento climatico e lo sviluppo verde, l’industrializzazione, l’economia digitale e connettività, pur attenendosi a sei principi di accompagnamento: un approccio incentrato sulle persone, lo sviluppo come priorità, vantaggi per tutti, sviluppo guidato dall’innovazione, armonia con la natura e approcci orientati all’azione.

È evidente che l’iniziativa è impegnata a colmare il divario tra nord e sud del mondo e a sradicare la disuguaglianza tra i paesi.

Il GDI è stato accolto calorosamente dalla comunità internazionale sin dal suo inizio. Più di 100 paesi e organizzazioni internazionali hanno espresso il loro sostegno all’iniziativa, mentre oltre 60 hanno aderito al Gruppo degli amici del GDI lanciato dalla Cina alle Nazioni Unite nel gennaio 2022.

La Cina e questi partner internazionali hanno costruito insieme reti per la cooperazione multilaterale in settori quali l’agricoltura, l’istruzione, le politiche anti-COVID-19 e i cambiamenti climatici e, cosa più importante, due piattaforme di finanziamento: il Fondo per lo sviluppo globale e la cooperazione sud-sud e la terza fase del Fondo Fiduciario FAO Cina-ONU per la Cooperazione Sud-Sud.

Solo un mese fa, il 21 settembre 2022, in occasione della riunione ministeriale dei gruppi di amici del GDI, tenutasi a margine della sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha annunciato ulteriori sette misure pratiche e rilasciato il primo elenco del pool di progetti GDI, comprendente 50 progetti concreti di cooperazione e altri 1000 progetti di rafforzamento delle capacità.

La proposta della Cina è certamente un’iniziativa opportuna per contrastare le battute d’arresto dello sviluppo mondiale. A quasi tre anni dall’inizio della pandemia globale, abbiamo assistito a milioni di vite perse e a gravi impatti socio-economici senza precedenti.

I conflitti interni e internazionali, i cambiamenti climatici, la crescente inflazione e la recessione economica, l’aumento della povertà e della fame, le crisi energetiche e tutte queste disuguaglianze strutturate tra e all’interno dei paesi sono peggiorate. Questa crisi globale della salute pubblica ha minacciato decenni di progressi nello sviluppo mondiale, ostacolando gli sforzi per la transizione verso economie più verdi e più inclusive. Gli sforzi di recupero sono stati implementati; tuttavia, sono stati tutt’altro che uniformi, equi e sufficienti per lo sviluppo sostenibile globale.

Come ha sottolineato il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, il mondo è andato fuori strada per il rispetto della scadenza del raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) entro il 2030; e il GDI è “una risposta promettente per aiutare il mondo a riprendersi dalle recenti battute d’arresto e accelerare il raggiungimento degli SDG in tutto il mondo”.

La Cina è diventata un pioniere attivo e un costruttore della pace mondiale, un motore indispensabile per plasmare una governance globale più equa ed efficace. Il lancio e la promozione del GDI non suggeriscono in alcun modo la diminuzione di un’altra ben nota iniziativa proposta dalla Cina: la Belt and Road Initiative (BRI). Si svilupparono lungo binari paralleli. Mentre il BRI è più orientato alla crescita economica e all’hardware, il GDI è più orientato allo sviluppo sociale e al software. Il BRI si concentra su infrastrutture, corridoi economici e commercio, mentre il GDI è incentrato sui mezzi di sussistenza delle persone, sul trasferimento di conoscenze e sullo sviluppo di capacità.

La Global Development Initiative è ancorata al principio che “Nessun paese e nessuno dovrebbe essere lasciato indietro“.

Data la continua volatilità del mondo, vedremo come la stabilità e la coerenza della Cina nella difesa del vero multilateralismo possono diventare una zavorra geoeconomica e geopolitica, contribuendo alla cooperazione internazionale, alla governance globale e alla pace mondiale.

Xin Ge è professore associato presso la School of Public Economics and Administration, Shanghai University of Finance and Economics.

0Shares