Mar. Gen 31st, 2023

Importante visita dell’Ambasciata del Kazakhistan in Italia al distretto ceramico di Sassuolo

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di REDAZIONE CESEM

Martedì 22 novembre S.E. Yerbolat Sembayev, Ambasciatore del Kazakistan in Italia, ha visitato il distretto ceramico modenese e reggiano. Il primo incontro è stato con Franco Manfredini, presidente dell’azienda Casalgrande Padana, dove l’Ambasciatore ha potuto visionare di persona lo stabilimento produttivo e controllare tutte le fasi di lavorazione del prodotto ceramico.

Nell’occasione S.E. Yerbolat Sembayev ha spiegato quali sono le principali opportunità di investimento per le aziende italiane in Kazakistan, Paese in via di sviluppo, ricco di risorse ma alla ricerca di alta tecnologia. Nello scambio di doni tra le due delegazioni, va sottolineato che Casalgrande Padana ha preparato una piastrella con lo stemma della bandiera kazaka.


Successivamente la delegazione si è spostata nella sede di Confindustria Ceramica Sassuolo – co-organizzatore della visita insieme a Stefano Vernole del CeSEM e all’assessore regionale Stefano Bargi – dove, oltre al direttore Armando Cafiero e al vicepresidente Emilio Mussini, figuravano diversi rappresentanti di Acimac (produttori di macchine per ceramica di cui controllano il 50% del mercato mondiale, erano presenti per l’Associazione il ​​Presidente Paolo Lamberti e il Direttore Esecutivo Gian Paolo Crasta) e dell’ANCE (Associazione nazionale costruttori edili). Il Vice-Presidente dell’Emilia di ANCE, Ing. Sandro Grisendi, si è detto particolarmente soddisfatto, essendo il Kazakistan caratterizzato negli ultimi anni da un vero boom edilizio.


L’Ambasciatore ha ricordato il record di scambi tra Italia e Kazakistan, 10 miliardi di dollari nel 2022, il 3° interscambio mondiale dopo quello con Russia e Cina, concordando sul fatto che le joint ventures siano il mezzo più appropriato per arricchire gli scambi reciproci.


Il Kazakistan è un Paese particolarmente appetibile per gli investitori stranieri data la presenza di diverse zone economiche speciali in differenti settori, con enormi agevolazioni fiscali, prezzi energetici bassi e possibilità di accesso senza dazi doganali e con la massima libertà di movimento al mercato dell’Unione Economica Eurasiatica.


Data la sua posizione strategica in Asia centrale, il Kazakistan intrattiene ottimi rapporti anche con la Turchia, uno dei maggiori attori nel settore delle infrastrutture.


Confindustria Ceramica ha a sua volta ricordato le collaborazioni con le Università di Modena/Reggio Emilia e Bologna, il suo impegno per lo sviluppo sostenibile e il nuovo portale internet in cinque lingue, tra cui il russo. Il settore ceramico modenese esporta oltre l’80% del proprio prodotto all’estero e ha invitato una delegazione kazaka alla più importante fiera delle piastrelle che si tiene ogni anno a Bologna a fine settembre (il 2023 sarà il quarantesimo anniversario del Cersaie).


Rispondendo alle domande dei vari imprenditori, l’Ambasciatore ha evidenziato che il Kazakistan presenta carenze nei materiali civili per l’edilizia e nelle costruzioni in ceramica, entrambi vengono importati principalmente dalla Spagna e dalla Cina ma in futuro si spera anche dall’Italia. A tal fine, il Kazakistan diversificherà le possibilità di raggiungere il Paese, ad esempio rafforzando il percorso transcaspico e aprendo il nuovo volo aereo diretto tra Milano e Almaty due volte alla settimana.

Grisendi dell’ANCE ha ricordato le grandi competenze delle imprese italiane nella realizzazione di infrastrutture nel settore ferroviario e stradale, manifestando interesse sui progetti governativi di Astana in questo comparto.
Presso la sede di Confindustria Ceramica si è svolto anche l’incontro e lo scambio di doni tra l’Ambasciatore e il Sindaco di Sassuolo, Gianfrancesco Menani, che si è concluso con un invito a recarsi in Kazakistan per stringere nuovi accordi politici e culturali.
Nel pomeriggio c’è stata invece una lunghissima visita della delegazione kazaka guidata dall’Ambasciatore presso l’azienda Atlas Concorde, una delle più importanti imprese del settore ceramico modenese, alla presenza del suo presidente Luca Mussini.

0Shares