Mar. Dic 6th, 2022

Analizzando la visione del presidente Putin sulle relazioni russo-africane

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Andrew Korybko

ARTICOLO ORIGINALE IN LINGUA INGLESE

La cooperazione interstatale e intersociale si espanderà grazie alle opinioni condivise dalle parti sulla transizione sistemica globale e all’importanza di difendere i valori tradizionali. Nel frattempo, continuerà la cooperazione strategica sulla sicurezza alimentare, energetica e democratica, il che porterà il ruolo dell’Africa nella grande strategia russa a crescere ulteriormente.

Durante la sessione di domande e risposte che ha fatto seguito al suo discorso alla riunione annuale del Valdai Club alla fine del mese scorso, il presidente Vladimir Putin ha elaborato la sua visione per le relazioni della Russia con l’Africa .

È vero che non ha avuto un ruolo di primo piano nelle sue discussioni, ma l’intuizione che ha condiviso consente comunque agli osservatori interessati di dare un’occhiata alle modalità con cui questa potenza mondiale appena restaurata si aspetta che le sue relazioni con quel continente si evolvano nel prossimo decennio. Ecco gli estratti pertinenti di quell’evento:

I valori tradizionali non possono essere imposti a nessuno. Devono semplicemente essere rispettati e tutto ciò che ogni nazione ha scelto per sé nel corso dei secoli deve essere gestito con cura.

Questo è il modo in cui comprendiamo i valori tradizionali e la maggior parte dell’umanità condivide e accetta il nostro approccio. Questo è comprensibile, perché le società tradizionali dell’Oriente, dell’America Latina, dell’Africa e dell’Eurasia costituiscono la base della civiltà mondiale.

Potrebbe valere la pena rivedere la struttura delle Nazioni Unite, compreso il suo Consiglio di sicurezza, per riflettere meglio la diversità del mondo. Dopotutto, nel mondo di domani molto più dipenderà dall’Asia, dall’Africa e dall’America Latina di quanto comunemente si creda oggi, e questo aumento della loro influenza è senza dubbio uno sviluppo positivo.

Stanno emergendo nuovi centri di potere, principalmente in Asia, ovviamente. Anche l’Africa, però, è in testa. Sì, l’Africa è ancora un continente molto povero, ma bisogna guardare al suo colossale potenziale.

Quando combattiamo per i nostri interessi e lo facciamo apertamente, onestamente e, ammettiamolo, coraggiosamente, questo fatto in sé, questo esempio in sé, è altamente contagioso e attraente per miliardi di persone sul pianeta.

Puoi vedere le bandiere russe in molti paesi africani, in alcuni di quei paesi. Lo stesso sta accadendo in America Latina e in Asia. Abbiamo molti amici. Non abbiamo bisogno di imporre nulla a nessuno, è solo che molte persone – politici e cittadini comuni – sono stanche di vivere sotto dettami esterni. Basta, la gente ne è stanca. E quando vedono un esempio della nostra lotta contro queste imposizioni, si schierano dalla nostra parte, internamente ed esternamente. E questo supporto continuerà a crescere.

La Carta delle Nazioni Unite ha registrato l’allineamento delle forze dopo la seconda guerra mondiale. Naturalmente, il mondo è cambiato radicalmente da allora. Giganti come la Cina, l’India e l’Indonesia con una grande popolazione stanno mostrando una crescita economica; in Africa grandi paesi – alcuni delle quali con una popolazione di 200 milioni di abitanti – stanno emergendo e stanno facendo progressi, così come i paesi dell’America Latina.

Il mondo sta cambiando. Naturalmente, il diritto internazionale dovrebbe stare al passo con questi cambiamenti e regolare i rapporti tra i paesi in armonia con l’equilibrio di forze che emerge nella realtà nel mondo. Tuttavia, questo dovrebbe essere fatto con calma, senza fretta e sulla base di principi chiari, piuttosto che di regole inventate da qualcuno.

Abbiamo avuto rapporti molto buoni, tradizionalmente buoni, con l’Africa in generale, inclusa la Repubblica del Sud Africa dalla lotta dell’Africa per l’indipendenza e contro il colonialismo, come sapete. Queste relazioni assolutamente uniche sono state forgiate durante gli anni in cui l’Unione Sovietica e la Russia hanno sostenuto i paesi africani nella loro lotta per la libertà.

E questa base per le nostre relazioni che si sono formate negli ultimi decenni deve senza dubbio essere utilizzata oggi, nelle nuove condizioni, per sviluppare relazioni multilaterali con gli Stati africani, compresa la Repubblica del Sud Africa, che, come sapete, è un paese molto attivo e nostro partner effettivo all’interno dei BRICS.

Apprezziamo questo e siamo consapevoli delle capacità del Sud Africa. Siamo consapevoli delle sue capacità e abbiamo fiducia nel futuro del continente africano, e svilupperemo sicuramente le nostre relazioni con i paesi africani, sia con quelli con cui abbiamo avuto rapporti tradizionali negli ultimi decenni, sia con quelli con cui stiamo appena iniziando per svilupparli.

Chi è colpito (dal monopolio finanziario dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e dall’acquisto di più cibo nei mercati mondiali di quanto non si venda lì)? Innanzitutto i paesi dell’Africa e in parte America Latina e Asia. Qualcuno ci pensa? Ovviamente chi lo fa ci pensa. Ma non gliene frega niente delle conseguenze. Stanno perseguendo i loro interessi senza pensare alle conseguenze che ne derivano per i paesi africani.

Abbiamo più volte affermato che abbiamo 300.000 tonnellate di fertilizzanti agli sequestrati nei porti europei. Le nostre aziende sono pronte a regalare i fertilizzanti gratuitamente, ma non li rilasciano, nemmeno per i paesi africani. Alcuni leader africani mi hanno chiesto dove sono esattamente i fertilizzanti. Ho chiesto ai miei collaboratori di informarli della posizione e degli importi: 300.000 tonnellate, che valgono milioni di dollari. Dateli ai paesi più poveri, ne hanno bisogno. Tuttavia, non rilasciano i fertilizzanti”.

Molto può essere intuito da ogni estratto, che ora verrà analizzato nell’ordine in cui il presidente Putin ha condiviso, tutto come ripubblicato in questo articolo. Per quanto riguarda la prima parte, il leader russo sta riconoscendo l’Africa come una culla unica della civiltà umana, che conserva ancora i suoi tradizionali sistemi socio-culturali. Questa affermazione è un cenno alla sua tacita convinzione nelle civiltà che sorgono come attori distinti nell’emergente Ordine Mondiale Multipolare così come l’opposizione di molti stati africani alla propaganda LBGT+.

Ciò fornisce una base su cui costruire le relazioni future con la Russia, in primo luogo per quanto riguarda l’agevolazione dell’ascesa del continente nel suo insieme all’interno di questo ordine mondiale emergente mentre il secondo aspetto riguarda il fatto di sostenere la resistenza delle società africane alle ideologie iperliberali imposte dall’Occidente.

In altre parole, ci sono basi strutturali e sociali per espandere rispettivamente i legami tra Stato e Stato e tra persone all’interno del contesto contemporaneo della Nuova Guerra Fredda.

I successivi i due estratti parlano, invece, dell’interesse della Russia nell’aiutare a riformare la suddetta base strutturale delle relazioni internazionali in modo che l’Africa – nel suo insieme e i suoi stati più influenti in particolare – possano finalmente svolgere un ruolo nel plasmare gli affari commisurati al loro nuovo status. La riforma delle Nazioni Unite, comunque alla fine si svilupperà, è quindi inevitabile. Questo obiettivo condiviso fornisce ancora un’altra base per espandere le relazioni multilaterali e bilaterali, la prima con l’Africa nel suo insieme e la seconda con Stati particolari.

Andando avanti, il presidente Putin ha poi accennato al nuovo appello di soft power russo in tutto il continente. Dopo aver accelerato senza precedenti la transizione sistemica globale al multipolarismo nel corso della sua operazione speciale in Ucraina, Mosca rappresenta la forza trainante mondiale nella riforma attiva delle relazioni internazionali. Questo risultato serve gli interessi delle società e degli stati africani poiché essi e la Russia condividono la stessa visione di costruire insieme un ordine mondiale più democratico, equo e giusto.

Questo è esattamente ciò che ha spiegato il presidente Putin nel suo Manifesto Rivoluzionario Globale; da qui il motivo per cui il ministro degli Esteri Lavrov ha dichiarato durante l’estate che, in conformità con i suoi precetti, la Russia aiuterà i paesi africani a completare totalmente i loro processi di decolonizzazione. A tal fine, verranno sperimentate soluzioni su misura di “Sicurezza democratica”, i cui dettagli non possono essere letti in questa analisi poiché esulano dall’ambito della presente analisi.

Il punto trasmesso sia dal presidente Putin che nella presente analisi è che non si può negare che la Russia, in Africa, ha conquistato con successo i cuori e le menti grazie al ruolo che sta giocando nella transizione sistemica globale.

È davvero il caso, come dimostrato dalla tendenza di vedere delle bandiere russe che sventolano in tutto il continente, che c’è un appassionato sostegno di base per questa potenza mondiale appena restaurata, che le persone credono sinceramente li aiuterà a completare i loro processi di decolonizzazione esattamente come promesso.

Il presidente Putin ha, poi, elaborato un po’ di più sulle riforme sistemiche che ha in mente quando si tratta dell’Africa e di altre regioni del Sud del mondo che, nella sua visione, finalmente ricevono i ruoli istituzionali globali che meritano. Suggerendo che il diritto internazionale cambi inevitabilmente ma “senza fretta e sulla base di principi chiari”, suggerisce che ciò avvenga con calma e attenzione per evitare di contribuire inavvertitamente al caos esistente che è arrivato a caratterizzare la contemporanea “Età della complessità” .

Questo è un approccio ragionevole e implica una cooperazione imminente, estremamente stretta tra la Russia e tutti i suoi partner africani, in particolare potenze emergenti come Egitto, Etiopia, Nigeria e Sud Africa, i quattro paesi che hanno le maggiori possibilità di ottenere seggi permanenti dell’UNSC.

È prematuro prevedere come tutto andrà a finire, ma l’importanza di questa osservazione risiede nella probabilità che una più stretta cooperazione su questo tema porti a un’ulteriore espansione globale dei legami russo-africani.

Lo stralcio successivo parla un po’ di più del Sud Africa, sia perché il presidente Putin stava rispondendo a una domanda posta da un esperto di quel paese, ma anche perché fa parte dei BRICS insieme alla Russia – che in questo momento guida congiuntamente il Sud del mondo insieme alla SCO (anche se stanno salendo anche altri leader come l’Unione Africana). Ne consegue quindi naturalmente che questo Paese manterrà il suo ruolo privilegiato nella grande strategia della Russia, sia in senso lato che nei confronti dell’Africa in particolare.

L’ultima intuizione pertinente condivisa dal presidente Putin mette in contrasto l’approccio del suo Paese all’Africa con quello dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti, i quali sfruttano regolarmente il continente con mezzi neoimperialisti economico-finanziari e stanno persino tentando di armare la carestia. Quel secondo complotto viene messo in atto come punizione per la neutralità di principio dei suoi stati nella Nuova Guerra Fredda dopo che tutti si sono rifiutati di sanzionare la Russia nonostante alcuni di loro l’abbiano condannata alle Nazioni Unite.

Tutto sommato, il presidente Putin ha vagamente descritto la sua visione delle relazioni russo-africane attraverso l’attuale “Era della complessità” che probabilmente caratterizzerà almeno il decennio in corso se non il prossimo. La cooperazione interstatale e intersociale si espanderà grazie alle loro opinioni condivise sulla transizione sistemica globale e all’importanza di difendere i valori tradizionali. Nel frattempo, continuerà la cooperazione strategica sulla sicurezza alimentare, energetica e democratica, il che porterà il ruolo dell’Africa nella grande strategia russa a crescere ulteriormente.

0Shares