Mar. Dic 6th, 2022

IL VIRUS FINANZIARIO STATUNITENSE STA INFETTANDO IL MONDO

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Markku Siira

ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SU GEOPOLITIKA.RU

Si dice che quando l’America starnutisce, il mondo intero prende il raffreddore, il che significa che se l’economia statunitense entra in recessione, le economie di tutti gli altri paesi entrano in recessione con essa“, scrive Mark Blacklock.

Nel 1929, la speculazione nel mercato azionario causò il crollo di Wall Street e scatenò la Grande Depressione.

Allo stesso modo, la crisi finanziaria globale del 2008, iniziata negli Stati Uniti, ha portato a una recessione e alla crisi del debito in Europa.

Oggi, l’economia globale è ancora una volta minacciata da una malattia finanziaria che si sta diffondendo dagli Stati Uniti“, afferma Blacklock. 

Questa volta è a causa di un dollaro forte. Materie prime come petrolio e gas sono scambiate a livello globale in dollari, il cui valore in aumento ne aumenta i costi. Ciò ha un impatto diretto su quasi tutti gli altri aspetti dell’economia globale, nonché sull’inflazione.

La forza artificiale del dollaro è dovuta agli sforzi della Federal Reserve statunitense per frenare l’inflazione interna attraverso forti aumenti dei tassi di interesse. 

Un dollaro forte rende i prodotti più costosi rispetto ad altre valute.

Tassi di interesse elevati sul dollaro stanno facendo ammalare l’America, ma stanno danneggiando l’economia globale con qualcosa di molto peggio dell’influenza. La medicina somministrata dalla Fed libera la malattia all’estero, perché lascia che siano gli altri a soffrire“, ha diagnosticato il signor Blacklock.

La Federal Reserve degli Stati Uniti deciderà su ulteriori aumenti dei tassi di interesse. La previsione è di un ulteriore aumento di 75 punti base del tasso di policy. Se ciò accade, tale decisione eserciterà maggiore pressione sulle valute in difficoltà e aumenterà il rischio di una recessione.

Claudia Sahm, un ex funzionario della Fed, afferma che le condizioni geopolitiche ed economiche globali non giustificano un altro aumento dei tassi. La politica monetaria statunitense sta “schiacciando l’Europa ei mercati emergenti“. L’economista non sembra capire che questo è esattamente ciò che si sta facendo, per mantenere il dominio dell’élite che governa l’Occidente.

Un dollaro più forte rende qualsiasi bene scambiato in valuta statunitense più costosa rispetto ad altre valute e queste altre valute sono meno attraenti per gli investitori.

La sterlina inglese è stata svalutata. L’euro è sceso al livello più basso nei confronti del dollaro in due decenni. Lo yen giapponese è crollato al livello più basso in quasi un quarto di secolo. Trentasei valute in tutto il mondo hanno perso almeno un decimo del loro valore quest’anno.

L’America sta cercando di curare la propria inflazione infettando il resto del mondo“, afferma Blacklock. 

Alla luce della storia, sembra che gli avidi capitalisti stiano ancora una volta intensificando le loro guerre valutarie, per sostenere il loro sistema fallimentare.

Ci vorranno il collasso dell’intera economia globale e l’instabilità che porta alla guerra per superare la dipendenza dal dollaro e il liberalismo economico? Un nuovo ordine emergerà da fuori Ovest per sfidare la City di Londra e Wall Street? Siamo a un punto di svolta nella storia?

0Shares