Lun. Ott 3rd, 2022

Il Kiev Security Compact, le raccomandazioni sulla sicurezza avanzate dall’Ucraina

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

https://www.president.gov.ua/en/news/andrij-yermak-ta-anders-fog-rasmussen-prezentuyut-rekomendac-77729

A Kiev, il Capo dell’Ufficio del Presidente dell’Ucraina Andriy Yermak e il 12° Segretario Generale della NATO Anders Fogh Rasmussen hanno presentato le raccomandazioni sulle garanzie di sicurezza per l’Ucraina, sviluppate secondo le istruzioni del Presidente Volodymyr Zelenskyy.

Un gruppo di esperti lavorava allo sviluppo delle raccomandazioni e comprendeva specialisti di tutto il mondo democratico, in particolare ex primi ministri, ministri, nonché alti funzionari e scienziati.

Le raccomandazioni contengono un appello per la creazione del Trattato di sicurezza di Kiev, un documento congiunto sul partenariato strategico che unisce l’Ucraina e gli Stati garanti.

Le raccomandazioni prevedono un approccio multilivello alle garanzie. 

Un gruppo centrale di alleati assumerebbe impegni chiari a sostegno delle forze armate ucraine, mentre un gruppo più ampio fornirebbe garanzie non militari basate su meccanismi sanzionatori.

Oggi presentiamo il risultato di un lavoro senza precedenti nella storia moderna, così come è senza precedenti l’atto di aggressione su vasta scala da parte di una potenza nucleare e di un membro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite contro uno Stato sovrano europeo. Con l’aiuto degli alleati, L’Ucraina sta resistendo con successo a questo assalto, ma va notato che spesso le decisioni dovevano essere prese ad hoc e lo sviluppo di meccanismi per questa assistenza ha richiesto molto tempo, che in guerra è sempre carente e che si compra con dolore, sangue e vite“, ha detto Andriy Yermak, parlando alla presentazione delle raccomandazioni.

Il Capo dell’Ufficio del Presidente ha sottolineato che gli ucraini hanno sventato i piani dell’aggressore e hanno difeso il loro Paese, e le terre occupate saranno sicuramente restituite a Kiev. Allo stesso tempo, è necessario garantire che l’Ucraina sia pienamente protetta in futuro.

Dobbiamo assicurarci che lo slogan “Possiamo ripetere” provochi attacchi di panico e brutti ricordi tra i russi, che rispondano solo “Mai più!”. Per questo, abbiamo bisogno di una potenza militare abbastanza forte da scoraggiare il desiderio dei russi per vendetta. E in grado di causare danni irreparabili all’aggressore se questo desiderio si rivela irresistibile. Le garanzie di sicurezza sono volte ad aiutarci a creare tale potere“, ha detto Andriy Yermak.

Allo stesso tempo, ha sottolineato che l’accordo sulle garanzie di sicurezza per l’Ucraina non sostituisce l’adesione alla NATO, ma è un mezzo per garantire la sicurezza fino a quando questa adesione non avrà luogo.

L’ex segretario generale della NATO e primo ministro danese Anders Fogh Rasmussen ha osservato che la vittoria dell’Ucraina in questa guerra è una priorità immediata.

Proprio ora gli ucraini stanno dimostrando in prima linea che, con le risorse necessarie, possono sconfiggere la Russia sul campo di battaglia. Gli ucraini dimostrano la volontà di combattere e il mondo democratico deve continuare a fornire loro i mezzi per combattere. Quando questa guerra sarà finita oltre, dobbiamo assicurarci che la Russia non possa mai più invadere l’Ucraina. Il modo migliore per farlo è che l’Ucraina disponga di una forza militare significativa in grado di resistere a qualsiasi futuro attacco russo“, ha sottolineato.

Come ha osservato Anders Fogh Rasmussen, costruire e sostenere una tale forza richiederebbe decenni di impegno da parte degli alleati dell’Ucraina.

L’adozione di queste raccomandazioni invierà un segnale potente a Vladimir Putin. Ciò dimostrerebbe che la nostra lealtà all’Ucraina non vacillerà, che la sua guerra è inutile. Invierebbe anche un segnale al popolo ucraino che sosterremo lealmente l’indipendenza e sovranità dell’Ucraina per tutto il tempo necessario. Farlo nel modo giusto significa porre una nuova pietra angolare della sicurezza europea. Se ciò non verrà fatto, significherà un aggravamento della crisi sul suolo europeo“, ha affermato l’ex segretario generale della Nato.

Raccomandazioni chiave contenute nel rapporto:

– La più forte garanzia di sicurezza per l’Ucraina risiede nella sua capacità di difendersi da un aggressore ai sensi dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite. A tal fine, l’Ucraina ha bisogno delle risorse per mantenere una forza difensiva significativa in grado di resistere alle forze armate e ai paramilitari della Federazione Russa.

– Ciò richiede uno sforzo pluridecennale di investimenti sostenuti nella base industriale della difesa dell’Ucraina, trasferimenti di armi scalabili e supporto dell’intelligence da parte degli alleati, missioni di addestramento intensivo ed esercitazioni congiunte sotto le bandiere dell’Unione europea e della NATO.

– Le garanzie di sicurezza dovrebbero essere affermative e chiaramente formulate; delineano una serie di impegni presi da un gruppo di garanti, insieme all’Ucraina. Devono essere giuridicamente e politicamente vincolanti sulla base di accordi bilaterali, ma riuniti in un documento di partenariato strategico congiunto, chiamato Kyiv Security Compact.

– Il pacchetto di garanzie comprende misure preventive di natura militare, finanziaria, infrastrutturale, tecnica e informativa per prevenire nuove aggressioni, nonché misure da adottare immediatamente in caso di nuova invasione della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina. Inoltre, la struttura del Kyiv Security Compact include un vero e proprio pacchetto di sanzioni contro lo Stato aggressore e può includere anche componenti aggiuntivi, come accordi sulla fornitura all’Ucraina di moderni sistemi di difesa aerea/antimissilistica, accordi regionali sulla sicurezza in il Mar Nero e altri.

– Il Patto riunirà un gruppo centrale di paesi alleati insieme all’Ucraina che potrebbe includere Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Polonia, Italia, Germania, Francia, Australia, Turchia e paesi nordici, baltici e dell’Europa centrale. 

–Le garanzie di sicurezza non sostituiscono l’ambizione dell’Ucraina di aderire alla NATO. Questa aspirazione è salvaguardata nella costituzione ucraina ed è una decisione sovrana per l’Ucraina. Anche l’Ucraina è sulla strada per l’adesione all’UE. In quanto membro dell’UE, l’Ucraina beneficerà della clausola di difesa reciproca dell’UE. Sia l’adesione alla NATO che all’UE rafforzeranno la sicurezza dell’Ucraina a lungo termine. Le garanzie delineate oggi non pregiudicano in alcun modo questi obiettivi, ma garantiranno all’Ucraina ciò di cui ha bisogno per difendersi in ogni circostanza. 

THE-KYIV-SECURITY-COMPACT

0Shares