Lun. Ott 3rd, 2022

Il cambio di gioco di Kharkov

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Pepe Escobar

Traduzione di Lorenzo Maria Pacini per Ideeazione.com

Le guerre non si vincono con le psyops. Chiedete alla Germania nazista. Tuttavia, è stato uno spasso guardare i media della NATOstan su Kharkov, gongolando all’unisono su “il colpo di martello che mette fuori gioco Putin”, “i russi sono nei guai”, e inanità assortite.

I fatti: Le forze russe si sono ritirate dal territorio di Kharkov verso la riva sinistra del fiume Oskol, dove sono ora trincerate. La linea Kharkov-Donetsk-Lugansk sembra essere stabile. Krasny Liman è minacciata, assediata da forze ucraine superiori, ma non in modo letale.

Nessuno – nemmeno Maria Zakharova, l’equivalente femminile contemporaneo di Ermete, il messaggero degli dei – sa quali siano i piani dello Stato Maggiore russo (RGS), in questo caso e in tutti gli altri. Se dicono di saperlo, mentono.

Allo stato attuale, ciò che si può dedurre con un ragionevole grado di certezza è che una linea – Svjatogorsk-Krasny Liman-Yampol-Belogorovka – può resistere abbastanza a lungo con le loro attuali guarnigioni fino a quando le forze russe fresche non saranno in grado di piombare e costringere gli ucraini ad arretrare oltre la linea Seversky Donets.

Si è scatenato l’inferno – virtualmente – sul perché di Kharkov. Le repubbliche popolari e la Russia non hanno mai avuto abbastanza uomini per difendere un fronte di 1.000 km. L’intera capacità di intelligence della NATO se n’è accorta – e ne ha approfittato.

Non c’erano forze armate russe in quegli insediamenti: solo la Rosgvardia, e queste non sono addestrate a combattere forze militari. Kiev ha attaccato con un vantaggio di circa 5 a 1. Le forze alleate si sono ritirate per evitare l’accerchiamento. Non ci sono perdite di truppe russe perché non c’erano truppe russe nella regione.

È possibile che si sia trattato di un caso isolato. Le forze di Kiev, gestite dalla NATO, non possono fare un replay in nessuna parte del Donbass, né a Kherson, né a Mariupol. Tutte queste zone sono protette da forti e regolari unità dell’esercito russo.

È praticamente scontato che se gli ucraini rimarranno nei pressi di Kharkov e Izyum saranno polverizzati dalla massiccia artiglieria russa. L’analista militare Konstantin Sivkov sostiene che “la maggior parte delle formazioni pronte al combattimento delle Forze Armate ucraine sono ora a terra (…) siamo riusciti ad attirarle allo scoperto e ora le stiamo distruggendo sistematicamente”.

Le forze ucraine, gestite dalla NATO e piene di mercenari della NATO, hanno trascorso 6 mesi ad accumulare equipaggiamenti e a riservare risorse addestrate proprio per questo momento di Kharkov, mentre hanno spedito i materiali usa e getta in un enorme tritacarne. Sarà molto difficile sostenere una catena di montaggio di mezzi sostanziali di prima scelta per realizzare di nuovo qualcosa di simile.

I prossimi giorni mostreranno se Kharkov e Izyum sono collegati a una spinta molto più ampia della NATO. Lo stato d’animo nell’UE controllata dalla NATO si sta avvicinando alla “disperazione”. C’è una forte possibilità che questa controffensiva significhi che la NATO entra definitivamente in guerra, pur mostrando una plausibile negabilità piuttosto tenue: il loro velo di – finta – segretezza non può nascondere la presenza di “consiglieri” e mercenari in tutto lo spettro.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO

0Shares