Lun. Ott 3rd, 2022

Cosa si cela dietro il cosiddetto “rapporto sui diritti umani” nello Xinjiang?

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

A cura di Giulio Chinappi

ARTICOLO ORIGINALE

Il 5 settembre, la testata cinese Global Times ha pubblicato un articolo nel quale svela i retroscena del rapporto sullo Xinjiang pubblicato dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR, secondo la sua sigla inglese). Di seguito la traduzione integrale dell’articolo.

Il cosiddetto rapporto di valutazione sulla regione cinese dello Xinjiang, che è stato rilasciato dall’Ufficio dell’Alto Commissariato per i Diritti Umani (OHCHR), è stato rimuginato dal 2019 senza seguire il consiglio del governo cinese o ottenere l’autorizzazione dal Consiglio per i Diritti umani delle Nazioni Unite o avere basi credibili, il Global Times ha appreso da fonti correlate.

In risposta alla “valutazione delle preoccupazioni sui diritti umani” nella regione cinese dello Xinjiang rilasciata mercoledì dall’OHCHR, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha detto giovedì in una conferenza stampa che la “valutazione” è stata orchestrata e prodotta dagli Stati Uniti e da alcune forze occidentali, ed era un mosaico di disinformazione che funge da strumento politico per gli Stati Uniti e alcune forze occidentali al fine di utilizzare strategicamente le questioni relative allo Xinjiang per contenere la Cina.

Il Global Times ha appreso in esclusiva dalle fonti che gli Stati Uniti e alcune forze occidentali hanno saldamente conquistato molte posizioni importanti nell’OHCHR e vi hanno piazzato molti individui pieni di pregiudizi ideologici per assumere queste posizioni. Inoltre, insieme a organizzazioni non governative anti-cinesi, avevano esaltato la visita dell’Alto Commissario Michelle Bachelet in Cina, passando dall’esortarla a venire in Cina al criticarla per essere andata in Cina e persino chiedendole e facendole pressioni affinché si dimettesse dopo aver terminato la visita in Cina. Hanno anche fatto pressioni sull’OHCHR affinché rilasciasse immediatamente un “rapporto” sulla regione cinese dello Xinjiang.

Un prodotto con tre NO”

Da dove viene il “rapporto”? Perché il ministero degli Esteri cinese lo definisce “un mosaico di disinformazione?” Il Global Times ha appreso che l’OHCHR ha redatto il “rapporto” sulla base delle esigenze politiche delle forze anti-cinesi all’estero, non ha chiesto il parere del governo cinese e non è stato autorizzato dal Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite.

Esperti in questioni internazionali sui diritti umani hanno sottolineato che l’OHCHR è un dipartimento del Segretariato delle Nazioni Unite che dovrebbe lavorare per offrire assistenza e aiuto al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, compreso l’adempimento delle sue responsabilità in conformità con le relative risoluzioni delle Nazioni Unite e sotto l’autorità del Consiglio per i Diritti Umani dell’ONU. In quanto dipartimento dell’organismo delle Nazioni Unite per i diritti umani, l’OHCHR dovrebbe attenersi alla Carta delle Nazioni Unite e ai principi universali, oggettivi e non politici per promuovere gli scambi internazionali sullo sviluppo dei diritti umani e dialoghi costruttivi tra gli Stati membri. Non dovrebbe interferire negli affari interni degli Stati membri.

Tuttavia, secondo gli analisti, il “rapporto” fatto dall’OHCHR sulla regione cinese dello Xinjiang è un “prodotto senza basi fattuali, senza autorità e senza credibilità“.

Il Global Times ha anche appreso dalle fonti che gli Stati Uniti e alcune forze occidentali hanno offerto fondi all’OHCHR per dispiegare un “monitoraggio” a distanza su alcuni Paesi in via di sviluppo e hanno effettuato “revisioni” o “valutazioni” sulla situazione dei diritti umani di questi Paesi o di alcune regioni, intervistando “vittime” o “sopravvissuti” o scattando foto dubbie.

In questi “rapporti”, anche i materiali procenienti da questi Paesi sarebbero selezionati con pregiudizi per soddisfare la conclusione prestabilita: tali tattiche utilizzate dagli Stati Uniti e da alcune forze occidentali sono familiari alla comunità internazionale, hanno detto le fonti al Global Times.

Costoro hanno anche sottolineato che la maggior parte dei Paesi in via di sviluppo è stata vigile nei confronti degli Stati Uniti e dell’Occidente che utilizzano l’OHCHR per attaccare i Paesi rivali e hanno espresso una forte opposizione. La Cina ha rilasciato una dichiarazione congiunta a nome di quasi 100 Paesi al Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite per esortare l’OHCHR a obbedire rigorosamente alla Carta delle Nazioni Unite, difendere il vero multilateralismo, rispettare la sovranità e l’integrità degli Stati membri, lavorare per avere un dialogo e una cooperazione costruttivi e opporsi alla politicizzazione delle questioni relative ai diritti umani o all’adozione di doppi standard.

L’OHCHR è stata ridotta a un mero esecutore e complice degli Stati Uniti e di alcune forze occidentali nel costringere i Paesi in via di sviluppo ad allinearsi con loro“, ha sottolineato giovedì il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin in una conferenza stampa.

I resoconti dei media stranieri hanno affermato che l’OHCHR ha preparato il “rapporto” sullo Xinjiang dal 2019, il che secondo gli analisti ha mostra come il “rapporto” non sia basato sulla visita dell’Alto Commissario Bachelet nella regione dello Xinjiang a maggio.

Il 28 maggio, Bachelet ha concluso la sua visita in Cina, inclusiva della regione dello Xinjiang nel nord-ovest della Cina, e ha rilasciato una dichiarazione per rappresentare la sua posizione e quella dell’OHCHR sulla regione dello Xinjiang, durante la quale il capo delle Nazioni Unite per i diritti umani ha ringraziato l’invito del governo cinese e ha presentato il suo programma a Urumqi, la capitale regionale, e nella prefettura di Kashi nella regione dello Xinjiang.

Bachelet ha notato che la sua missione ha avuto discussioni ampie e aperte con persone di diversi settori della regione, inclusi prigionieri ed ex tirocinanti di centri di istruzione e formazione professionale, e tutti questi incontri sono stati “senza supervisione”. Gli analisti hanno notato che tali osservazioni contrastavano con la menzogna del secolo forgiata dagli Stati Uniti e da alcune forze occidentali sul “genocidio”, il “lavoro forzato” o la “sterilizzazione forzata”.

Esaminando la sequenza temporale del “rapporto”, il Global Times ha scoperto che il periodo di tempo in cui l’OHCHR ha iniziato nel rapporto coincidevano con l’inizio dell’intensificazione degli sforzi nel promuovere argomenti relativi allo Xinjiang per attaccare la Cina su piattaforme diverse da parte delle forze statunitensi e occidentali, il che ha anche dimostrato come il “rapporto” sia stato redatto per servire allo scopo di contrastare la Cina.

Dal 1990 alla fine del 2016, in collusione con le forze straniere, le forze separatiste, terroristiche ed estremiste hanno lanciato migliaia di attacchi terroristici nello Xinjiang, uccidendo un gran numero di persone innocenti e centinaia di agenti di polizia e provocando danni incommensurabili alla proprietà. In tale contesto, il governo regionale dello Xinjiang ha adottato misure efficaci per combattere il terrorismo e l’estremismo e ha efficacemente arginato il frequente verificarsi di attività terroristiche nello Xinjiang.

Non ci sono stati attacchi terroristici nella regione dello Xinjiang per cinque anni dal 2017 e la situazione della sicurezza sociale è fondamentalmente migliorata con la protezione dei diritti alla vita e allo sviluppo delle persone di tutti i gruppi etnici nello Xinjiang, secondo il governo regionale dello Xinjiang.

Tuttavia, è anche dal 2017 che le forze anti-cinesi non si sono riconciliate con il loro fallimento nel fomentare separatismo e problemi nella regione, e si sono ridotte a diffondere voci e mentire per attaccare la Cina. L’OHCHR, a sua volta, ha improvvisamente avuto interesse a “prendersi cura” della situazione dei diritti umani nella regione, mentre è rimasto cieco di fronte al precedente frequente verificarsi di attacchi terroristici nella regione, il che ha anche sollevato interrogativi sul suo vero scopo di prestare attenzione alla regione, hanno sottolineato gli analisti.

I comportamenti contraddittori rivelano scopi dannosi

Mentre preparavano il “rapporto” anti-cinese, le forze statunitensi e occidentali hanno anche esortato l’Alto Commissario a visitare la Cina. Fonti hanno riferito al Global Times che il piano delle forze statunitensi e occidentali era di spingere il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite a condurre indagini in Cina con la presunzione di colpevolezza e di perfezionare ulteriormente la loro accusa infondata nei confronti della Cina. Tuttavia, i loro piani sono falliti, poiché l’Alto Commissario non ha agito come si aspettavano, il che in seguito ha portato a una serie di farse incoerenti.

Gli Stati Uniti e alcune forze occidentali avevano pensato che la Cina non avrebbe accettato la visita dell’Alto Commissario, e quindi hanno chiesto con veemenza all’Alto Commissario di visitare la Cina. Esaminando i rapporti correlati, il Global Times ha scoperto che quando la Cina e l’Alto Commissario hanno raggiunto un accordo sulla sua visita in Cina nel maggio 2022, gli Stati Uniti e alcune forze occidentali sembravano essere in preda al panico e hanno cambiato la loro retorica, proponendo una serie di condizioni per la visita, spingendo per una “visita illimitata” e chiedendo addirittura all’Alto Commissario di annullare la visita.

Ad esempio, il Dipartimento di Stato degli USA ha affermato a maggio che la decisione dell’Alto Commissario di visitare la Cina era una decisione sbagliata prima della visita di Bachelet in Cina. Alcuni politici e legislatori statunitensi hanno anche affermato che la visita di Bachelet sarebbe stata utilizzata dalla Cina come “propaganda”.

Sono loro che hanno esortato l’Alto Commissario a venire in Cina e sono sempre loro che si sono opposti alla visita, ed è sempre lo stesso gruppo di persone che non risulta soddisfatto dopo la visita dell’Alto Commissario“, una fonte anonima che conosce il problema ha detto al Global Times. “Tali continui cambi di posizione da parte degli Stati Uniti e di alcune forze occidentali, che non hanno limiti, sono ridicoli e comici“.

Il 23 maggio, Bachelet è arrivata a Guangzhou, nella provincia del Guangdong, nella Cina meridionale, e ha tenuto una videoconferenza con i diplomatici stranieri in Cina. Alcuni diplomatici occidentali hanno accusato il capo delle Nazioni Unite per i diritti umani di aver accettato “indiscretamente” la visita, e le hanno chiesto di intraprendere un’indagine “costruttiva” “illimitata” nella regione cinese dello Xinjiang e hanno rilasciato immediatamente il rapporto.

Altri diplomatici che hanno partecipato alla riunione in videoconferenza hanno detto al Global Times che questi diplomatici occidentali, senza etichetta diplomatica, avevano agito in modo arrogante e prepotente. E di fronte a tali pressioni e critiche infondate, Bachelet ha affermato che la sua visita non era un’indagine, e che avrebbe dialogato con la Cina con atteggiamento aperto. Alcuni diplomatici dei Paesi in via di sviluppo hanno espresso il loro sostegno alla visita di Bachelet in Cina, hanno riconosciuto i risultati conseguiti dalla Cina nella protezione dei diritti umani e hanno incoraggiato l’Alto Commissario ad avere una cooperazione costruttiva con la Cina.

Come aveva affermato il consigliere di Stato cinese e ministro degli Esteri Wang Yi durante il suo incontro con Bachelet a Guangzhou a maggio, la visita del capo dei diritti umani delle Nazioni Unite in Cina è stata un viaggio che avrebbe contribuito a rafforzare la comprensione e la cooperazione e a chiarire la disinformazione.

A maggio, quando il viceministro degli Esteri cinese Ma Zhaoxu ha informato i media della visita di Bachelet, ha affermato che, nello Xinjiang, all’Alto Commissario Bachelet sono state presentate le misure adottate e i risultati raggiunti nella regione in materia di lotta al terrorismo e deradicalizzazione, sviluppo sociale ed economico, etnie e religione, e tutela dei diritti del lavoro. Bachelet ha anche fatto viaggi sul campo a Kashi e Urumqi dove ha avuto conversazioni con persone di varie comunità, comprese minoranze etniche, accademici e rappresentanti di diversi settori sociali.

Quando si sono resi conto che l’Alto Commissario non aveva agito come avevano pianificato e previsto, gli Stati Uniti e alcune forze occidentali non hanno potuto aspettare oltre. Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha rilasciato una dichiarazione per diffamare la Cina, affermando che la Cina ha manipolato la visita e il ministro degli Esteri tedesco ha affermato che la visita “non è stata all’altezza delle aspettative“.

Da queste osservazioni possiamo vedere che coloro che hanno affermato di “avere a cuore” la situazione dei diritti umani nella regione cinese dello Xinjiang non si sono preoccupati della vera situazione, ma hanno solo chiesto a tutte le parti di soddisfare le loro bugie e dicerie sulla regione“, hanno detto le fonti il Global Times. “Altrimenti, attaccherebbero, diffamerebbero, farebbero pressioni e minaccerebbero altri“.

Dopo che Bachelet ha concluso la sua visita in Cina, negli Stati Uniti, alcune forze occidentali e ONG anti-cinesi hanno iniziato attacchi tempestosi e l’hanno accusata di non aver affrontato efficacemente la “violazione dei diritti umani” in Cina. Non solo le hanno chiesto di dimettersi, ma hanno anche esercitato ulteriori pressioni sull’OHCHR affinché rilasciasse immediatamente il “rapporto” nel tentativo di utilizzare il “rapporto” per lanciare un altro giro di attacchi contro la Cina.

Un foglio di carta straccia e il fallimento della menzogna del secolo

Il “rapporto” dell’OHCHR è solo un foglio di carta straccia e il tentativo degli Stati Uniti e dell’Occidente di utilizzare le questioni relative allo Xinjiang per contenere la Cina non avrà mai successo. Persino un tale “rapporto”, privo di credibilità e legittimità, non osa mettere in scena le menzogne su “lavoro forzato”, “genocidio”, “repressione religiosa” e “sterilizzazione forzata”, che a quanto pare hanno mostrato che la menzogna del secolo inventata dall’Occidente è fallita e l’Occidente si è sparato ai piedi, ha detto al Global Times un esperto di questioni relative ai diritti umani, osservando che Fatti sull’antiterrorismo e sforzi di deradicalizzazione nello Xinjiang, un rapporto pubblicato giovedì dal governo regionale dello Xinjiang, rappresenta il vero rapporto sulla situazione dei diritti umani nello Xinjiang.

Il Global Times ha appreso che molti Paesi in via di sviluppo hanno espresso il loro sostegno alla posizione legittima della Cina sugli affari legati allo Xinjiang attraverso dichiarazioni congiunte, lettere o altri mezzi, opponendosi al tentativo di interferire negli affari interni della Cina in nome delle cosiddette questioni relative ai diritti umani. Il numero di Paesi che si uniscono a tale giusta causa è aumentato da 50 a quasi 100 e continua ad aumentare.

Fonti hanno affermato che “oltre 60 Paesi in via di sviluppo hanno scritto congiuntamente a Michelle Bachelet dopo la sua visita in Cina e salutato la sua visita e il risultato positivo raggiunto con la parte cinese, ma hanno anche espresso gravi preoccupazioni poiché l’OHCHR ha scritto il rapporto senza autorizzazione. Inoltre, credono che la pubblicazione del rapporto potrebbe pregiudicare la cooperazione dell’OHCHR con gli Stati membri e hanno fortemente invitato Bachelet a respingere la pubblicazione del rapporto“.

Nel frattempo, circa 1.000 organizzazioni non governative cinesi e straniere hanno scritto congiuntamente a Bachelet, chiedendo all’OHCHR di rispettare le gravi preoccupazioni di tutto il popolo cinese e della comunità internazionale e di difendere la giustizia e rifiutarsi di pubblicare il rapporto.

Persone dello Xinjiang hanno a loro volta scritto a Bachelet presentando la vera situazione dello Xinjiang nella lotta al terrorismo e nel mantenimento della stabilità.

Gli Stati Uniti, l’Occidente e le forze anti-cinesi che hanno tentato di usare gli affari legati allo Xinjiang per sopprimere la Cina hanno effettivamente fatto calcoli sbagliati, e gli 1,4 miliardi di cinesi, inclusi i 25 milioni di persone nello Xinjiang, non accetteranno mai queste mosse“, ha detto un esperto.

Gli esperti hanno affermato che le vere questioni relative ai diritti umani a cui la comunità internazionale dovrebbe prestare maggiore attenzione e che dovrebbe affrontare con urgenza sono il genocidio degli indiani d’America, l’aggravarsi della violenza armata, la sistematica discriminazione razziale contro le minoranze etniche e il vasto numero di vittime della tratta della schiavitù moderna e il lavoro forzato negli Stati Uniti, le sanzioni unilaterali illegali contro altri Paesi e i crimini contro l’umanità per l’uccisione di civili in operazioni militari all’estero in regioni come Iraq, Afghanistan e Siria.

L’OHCHR dovrebbe condurre immediatamente un’indagine seria e rilasciare un rapporto su queste gravi violazioni dei diritti umani condotte dagli Stati Uniti e dall’Occidente in modo da fornire una spiegazione alla comunità internazionale e alle vittime“, ha affermato l’esperto.

0Shares