Mar. Dic 6th, 2022

Putin ha spiegato il ruolo della diplomazia militare russa nel rafforzamento del multipolarismo

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Andrew Korybko

ARTICOLO ORIGINALE IN LINGUA INGLESE

Questa dimostrazione dell’equipaggiamento militare russo e l’invito del presidente Putin rivolto ai molti partner del Sud del mondo ad aumentare la loro formazione correlata con la Russia ha lo scopo di migliorare le capacità di “sicurezza democratica” di quegli stessi Stati e, quindi, dopo aver difeso con maggiore sicurezza la loro sovranità dagli schemi di guerra ibrida, aiutarli a svolgere ruoli più significativi nella transizione sistemica globale verso il multipolarismo.

Al Forum tecnico-militare internazionale dell’esercito e ai Giochi internazionali dell’esercito 2022, il discorso di apertura del presidente Vladimir Putin  è stato conciso ma significativo.

Il leader russo, infatti, ha colto l’occasione per informare gli illustri ospiti del suo Paese sul ruolo che la diplomazia militare di Mosca ricopre nel rafforzamento del multipolarismo. Questo concetto si riferisce all’uso di mezzi militari per raggiungere risultati politici, che in questo caso riguardano l’accelerazione della transizione sistemica globale verso il multipolarismo e la garanzia che questa transizione rimanga sulla buona strada.

Quello che segue è un estratto dei suoi commenti pertinenti, seguito da una breve analisi in termini di quadro più ampio:

Il Centro Studi Eurasia e Mediterraneo propone ai suoi lettori la traduzione degli articoli più interesanti scritti da Andrew Korybko, stimato analista geopolitico.

“Vorrei sottolineare che la Russia rappresenta lo sviluppo più ampio e completo della cooperazione tecnico-militare. Ciò è particolarmente importante oggi nel contesto dell’emergente mondo multipolare .

Apprezziamo molto l’esistenza di molti alleati, partner e persone che la pensano allo stesso modo in diversi continenti. Questi sono Stati che non si inchinano al cosiddetto egemone. I loro leader mostrano un genuino carattere maschile e non si inchinano mentre stanno scegliendo una strada di sviluppo sovrana e indipendente; vogliono, così, risolvere collettivamente tutte le questioni di sicurezza globale e regionale sulla base del diritto internazionale, della responsabilità reciproca e della considerazione dei reciproci interessi, contribuendo così alla difesa del mondo multipolare.

La Russia apprezza sinceramente le relazioni storicamente ferme, amichevoli e veramente affidabili con gli stati latinoamericani, asiatici e africani. Siamo pronti a offrire ai nostri alleati e partner armi all’avanguardia, dalle armi leggere ai veicoli corazzati e all’artiglieria, dall’aviazione da combattimento e ai droni”.

La prima parte che attira l’attenzione è il riferimento esplicito del leader russo al mondo multipolare emergente, che si allinea con il manifesto rivoluzionario globale che – svelato alla fine del mese scorso – strumento che servirà da ispirazione per il Sud globale guidato dai BRICS affinché si sollevi contro il giogo neo-coloniale del Golden Billion dell’Occidente a guida statunitense. Il secondo aspetto degno di nota è il riconoscimento che molti paesi di diversi continenti condividono lo spirito della sua visione del mondo: a tal fine i loro leader stanno abbracciando la tendenza di cui il Presidente Putin ha parlato all’inizio di quest’estate, quella legata all’ascesa di Stati veramente sovrani, fatto che costituisce il terzo punto.

Passando alla quarta, il leader russo ha riaffermato le basi del diritto internazionale e altri principi universalmente concordati per la risoluzione delle controversie internazionali, ed è qui che entra in gioco la rilevanza della cooperazione tecnico-militare con la Russia.

Questo porta, il punto finale, a concentrarsi sul desiderio di Mosca di impegnarsi nella diplomazia militare con la schiera di quei partner internazionali che condividono le stesso modo di pensare il mondo e veramente sovrani, allo scopo di rafforzare la loro sicurezza e, quindi, consentire loro di scoraggiare minacce non provocate, per fare in modo che a loro volta contribuiscano alla difesa del mondo multipolare.

La differenza tra la pratica della diplomazia militare della Russia e quella degli Stati Uniti è che la prima volta mira a mantenere l’equilibrio di potere tra gli stati rivali al fine di scoraggiare i conflitti e quindi incoraggiare soluzioni politiche alle loro controversie, mentre i secondi aspirano a interrompere tale equilibrio a sostegno del partner egemone in modo da dare loro un vantaggio nel tintinnio di sciabole e possibilmente anche nel lancio di un primo attacco.

Abbastanza chiaro è il fatto che il modello di Mosca mira al mantenimento della stabilità internazionale ed è in pieno allineamento con il diritto internazionale, mentre quello di Washington destabilizza il suddetto e, quindi, viola palesemente le norme internazionali.

La transizione sempre più caotica dall’unipolarismo al multipolarismo ha visto Washington seminare irresponsabilmente i semi del conflitto in tutto il mondo in un ultimo disperato tentativo di manipolare i processi imprevedibili che sta cercando di provocare solo per aggrapparsi alla sua egemonia ormai sbiadita.

Questa grande tendenza strategica rende la diplomazia militare mirata dei paesi del Sud del mondo con la Russia più importante che mai, soprattutto considerando l’esperienza del Cremlino nel condurre strategie di “sicurezza democratica”: questo concetto si riferisce alla gamma creativa di tattiche e strategie di guerra anti-ibrida atte a rispondere alle minacce provenienti dall’estero, come quelle che il Mali sta attualmente affrontando provenienti dalla Francia, per esempio.

Con questa osservazione in mente, si può dire che il grande obiettivo strategico della Russia (che corrisponde al suo ruolo nella transizione sistemica globale verso il multipolarismo) è quello di respingere la suddetta tendenza alla destabilizzazione sostenuta dagli americani in modo da preservare la pace e la stabilità nelle relazioni internazionali. A differenza di Washington che con la sua caotica furia della guerra ibrida ha investito tutto il Sud del mondo, Mosca mira a garantire la massima certezza durante questo periodo molto delicato negli affari globali. Il Cremlino è fiducioso che questo approccio consentirà ai paesi di contribuire al massimo delle loro possibilità al multipolarismo e, di conseguenza, infliggere un colpo mortale all’unipolarismo; questo potrà avvenire fintanto che i Paesi possono difendersi dagli schemi di destabilizzazione americani.

[…] Questa dimostrazione al mondo dell’equipaggiamento militare russo e l’invito del presidente Putin rivolto ai molti partner del Sud del mondo ad aumentare la loro formazione correlata con la Russia ha lo scopo di migliorare le capacità di “sicurezza democratica” di quegli stessi Stati e, quindi, aiutarli a svolgere ruoli più significativi nel processo di transizione sistemica globale verso il multipolarismo, dopo aver difeso con maggiore sicurezza la sovranità dei partner dagli schemi di guerra ibrida statunitensi. Attraverso questi mezzi, la Russia è diventata una mazza per distruggere l’egemonia unipolare degli Stati Uniti.

0Shares