Mar. Ago 16th, 2022

L’ex presidente russo Dmitry Medvedev presenta la futura mappa dell’Ucraina

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

a cura della redazione di Geopolitics.co

Medvedev ha offerto a Kiev una visione dello scenario peggiore che si può prospettare. È più probabile che l’Ucraina sia ridotta a Kiev e ai suoi dintorni piuttosto che possa ricomprendere la Crimea e le repubbliche del Donbass, ha detto l’ex presidente russo Dmitry Medvedev sul suo canale Telegram.

L’ex Presidente e Primo Ministro di lunga data che ora dirige il Consiglio di Sicurezza Nazionale ha anche pubblicato due mappe utili per illustrare la sua argomentazione.

La prima mappa postata mostrava l’Ucraina e i suoi confini prima del colpo di stato sostenuto dagli Stati Uniti nel 2014, compresa la Crimea e le due regioni orientali di Donetsk e Lugansk. Un mese dopo che i militanti sostenuti da Washington hanno preso il potere a Kiev, la Crimea ha votato per ricongiungersi alla Russia, mentre le due regioni del Donbass hanno dichiarato l’indipendenza.

“Nella mente del presidente dell’Ucraina, danneggiato da sostanze psicotrope, questa è la mappa del brillante futuro del suo paese”, Medvedev ha scritto su Telegram.

“Gli analisti occidentali credono che sarà così, in realtà”, ha detto, pubblicando una seconda mappa. Su di essa, “Ucraina” è ridotta a Kiev e dintorni. Sette regioni dell’Ovest sono state annesse dalla Polonia e tre nel sud-ovest rispettivamente dall’Ungheria e dalla Romania.

Tutto il resto è contrassegnato come “Russia”.

Non ha specificato quali esperti occidentali potrebbero aver immaginato una tale partizione.

Il governo ucraino ha ripetutamente respinto ogni possibilità di concessioni territoriali, insistendo sul fatto che gli obiettivi di Kiev erano (e sono) una capitolazione della Russia e una “reintegrazione” del Donbass e della Crimea.

Medvedev è stato Presidente della Russia tra il 2008 e il 2012, e poi Primo Ministro fino al 2020, quando è stato messo a capo del Consiglio di Sicurezza Nazionale. Nel corso del conflitto in Ucraina, si è fatto un nome con i post coloriti su Telegram. Proprio questo mese, ha avvertito Kiev del “Giorno del Giudizio” se avessero attaccato la Crimea e offerto una lista di “peccati russi”, seguita da quelli dell’Occidente.

La Russia ha inviato truppe in Ucraina il 24 febbraio, citando il fallimento di Kiev nell’attuare gli accordi di Minsk, progettati per dare alle regioni di Donetsk e Lugansk uno status speciale all’interno dello stato ucraino.

I protocolli, mediati da Germania e Francia, sono stati firmati per la prima volta nel 2014. L’ex presidente ucraino Pyotr Poroshenko ha ammesso che l’obiettivo principale di Kiev era quello di utilizzare il cessate il fuoco per guadagnare tempo e “creare potenti forze armate”.

Nel febbraio 2022, il Cremlino ha riconosciuto le repubbliche del Donbass come stati indipendenti e ha chiesto che l’Ucraina si dichiarasse ufficialmente un paese neutrale che non si unirà mai a nessun blocco militare occidentale. Kiev insiste sul fatto che l’offensiva russa è stata completamente non provocata.

0Shares