Lun. Ott 3rd, 2022

Il ruolo dell’Africa nella nuova guerra fredda

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Andrew Korybko

ARTICOLO ORIGINALE IN LINGUA INGLESE

Il Golden Billion guidato dagli Stati Uniti vuole mantenere la sua egemonia neo-imperiale su quei paesi africani che vengono considerati all’interno della sua “sfera di influenza” auto-dichiarata mentre il Global South guidato dai BRICS (in questo contesto rappresentato dalla Russia) vuole, invece, aiutarli a portare a termine completamente i loro processi di decolonizzazione, esattamente come ha promesso di recente il ministro degli Esteri Lavrov.

I media occidentali mainstream (MSM) in mano statunitense a malapena parlavano dell’Africa a parte per la paura della sua presunta instabilità perenne; eppure, oggi, la narrativa si sta spostando verso una discussione sul ruolo del continente in quella che molti hanno iniziato a chiamare la Nuova Guerra Fredda . 

Questa lotta globale non è tra capitalismo e comunismo come la Vecchia Guerra Fredda, ma può essere semplificata così: il dGolden Billion occidentale guidato dagli Stati Uniti si aggrappa all’unipolarità di fronte ad un Sud Globale guidato dai BRICS che promuove la multipolarità.

L’unipolarità si riferisce alla convinzione che solo un paese (o un suo gruppo come le economie sviluppate occidentali – che in questo contesto includono anche il Giappone come parte del G7 ) dovrebbe dominare le relazioni internazionali, mentre il multipolarismo ritiene che tutti i paesi dovrebbero essere trattati allo stesso modo. 

Il primo è entrato in vigore subito dopo lo scioglimento dell’ex Unione Sovietica, nel 1991, mentre il secondo ha iniziato a emergere in seguito alla disastrosa invasione occidentale dell’Iraq guidata dagli Stati Uniti nel 2003.

L’Africa è apparsa improvvisamente sui radar dell’opinione pubblica occidentale dopo che i loro governi hanno cospirato per distruggere la Libia nel 2011, ma subito dopo è svanita dalla loro coscienza quando il MSM si è concentrato maggiormente sul conflitto siriano iniziato quello stesso anno e, poi, su quello ucraino iniziato nel 2014.

Il Centro Studi Eurasia e Mediterraneo propone ai suoi lettori la traduzione degli articoli più interesanti scritti da Andrew Korybko, stimato analista geopolitico.

L’attenzione per l’ultima fase del conflitto ucraino che è stata causata dall’operazione militare speciale della Russia, tuttavia, ancora una volta ha fatto sì che l’Occidente prestasse maggiore attenzione all’Africa.

Anche se poco più della metà dei suoi paesi ha votato per condannare l’operazione speciale della Russia all’ONU, nessuno di loro ha rispettato le pressioni statunitensi per sanzionarla. 

Inoltre, il presidente dell’Unione africana Macky Sall, durante la sua visita all’inizio di giugno,  ha concordato con il presidente russo Vladimir Putin che le sanzioni occidentali volute da Washington erano da considerarsi le principali responsabili dell’aggravamento della crisi alimentare globale che in realtà deve le sue origini a eventi precedenti al conflitto ucraino come come la pandemia di COVID-19, et al.

Le ultime settimane hanno visto una raffica di attività diplomatiche in tutta l’Africa. Il capo dell’USAID Samantha Power si è recentemente recato nel continente per convincere i suoi paesi che il presidente Sall aveva torto e che l’Occidente ha ragione nell’incolpare la Russia per questa imminente crisi umanitaria. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov poco dopo ha visitato quattro paesi; durante le visite ha contrastato in modo convincente la falsa narrativa della Power

Anche il presidente francese Emmanuel Macron ha visitato l’Africa in quel periodo per inveire sulla Russia.

Anche il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha appena concluso un viaggio lì, il che ha portato molti osservatori a concludere che al momento c’è un’accesa lotta per l’influenza che si sta svolgendo in tutto il continente esattamente come accadde in precedenza durante la Vecchia Guerra Fredda.

A differenza di allora, però, la competizione non è tra ideologie, ma tra modelli ideali di relazioni internazionali: unipolarità contro multipolarità.

Tornando al tema del ruolo dell’Africa nella Nuova Guerra Fredda, ci sono diversi motivi per cui questo continente sta diventando sempre più importante e un teatro di competizione tra Russia e Occidente. In primo luogo, i suoi oltre 50 paesi costituiscono un impressionante blocco elettorale alle Nazioni Unite, quindi ne consegue che Mosca e i suoi rivali vogliono che sostengano le loro interpretazioni di qualunque cosa possa essere per mostrare al resto della comunità internazionale che un tale numero di stati appoggia le proprie opinioni.

In secondo luogo, si prevede che l’Africa sperimenterà una rapida crescita della popolazione nel prossimo secolo, fatto che può tradursi in un enorme potenziale di mercato. 

In terzo luogo, ciò può a sua volta contribuire a far emergere davvero paesi come l’Etiopia , la Nigeria e il Sud Africa quali importanti attori dotati di un’influenza di vasta portata sulla propria massa continentale e forse anche più lontano.

In quarto luogo, i principali paesi come la Russia e i suoi rivali occidentali hanno interesse a stringere partnership strategiche con le loro controparti emergenti in anticipo.

E, infine, l’ultima ragione si riduce alla base ideologica della Nuova Guerra Fredda, vale a dire rispetto alla diffusione della visione del mondo di ciascuna parte in tutta l’Africa. 

Per spiegare, il Golden Billion guidato dagli Stati Uniti vuole mantenere la sua egemonia neo-imperiale su quei paesi che considera all’interno della sua “sfera di influenza” auto-dichiarata; il Global South guidato dai BRICS (in questo contesto rappresentato dalla Russia) invece vuole aiutarli a portare a termine completamente i rispettivi processi di decolonizzazione, esattamente come ha promesso di recente il ministro degli Esteri russo Lavrov.

Questi grandi obiettivi strategici a lungo termine sono incompatibili tra loro poiché il primo riguarda il perpetuare di uno status di servitù a contratto nelle condizioni contemporanee; il secondo riguarda la liberazione delle nazioni da questa perniciosa influenza egemonica. 

In realtà è il Golden Billion, e non il Sud del mondo come sostiene l’MSM dell’Occidente, che arma la corruzione e conduce guerre per procura per portare avanti i propri interessi in Africa, il che li rende estremamente pericolosi.

Tuttavia, l’Africa è destinata a svolgere un ruolo di primo piano nella transizione sistemica globale verso il multipolarismo , anche se alcuni paesi potrebbero trovarsi a dover lottare per liberarsi completamente dal giogo neocoloniale dell’Occidente. 

Si può quindi affermare che l’importanza del continente nella Nuova Guerra Fredda è dovuto al fatto che rappresenti il teatro di un nuovo movimento di liberazione nazionale sul modello del suo predecessore della Vecchia Guerra Fredda. 

Proprio come allora, l’Occidente sostiene l’egemonia coloniale mentre la Russia sostiene la vera libertà.

0Shares