Lun. Dic 5th, 2022

Dichiarazione dei ministri degli Esteri del G7 sulla conservazione della pace e della stabilità attraverso lo stretto di Taiwan

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

Il testo della seguente dichiarazione è stato diffuso dai ministri degli Esteri del G7 di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti d’America e dall’Alto Rappresentante dell’Unione Europea.

Di seguito il testo della dichiarazione congiunta:

Noi, i Ministri degli Esteri del G7 di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti d’America e l’Alto rappresentante dell’Unione europea, riaffermiamo il nostro comune impegno a mantenere l’ordine internazionale basato sulle regole, la pace e stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan e oltre.

Siamo preoccupati per le recenti e annunciate azioni minacciose da parte della Repubblica popolare cinese (RPC), in particolare esercitazioni a fuoco vivo e coercizione economica, che rischiano un’inutile escalation. Non vi è alcuna giustificazione per usare una visita come pretesto per un’attività militare aggressiva nello Stretto di Taiwan. È normale e di routine per i legislatori dei nostri paesi viaggiare a livello internazionale. La risposta escalation della RPC rischia di aumentare le tensioni e destabilizzare la regione.

Chiediamo alla Repubblica popolare cinese di non modificare unilateralmente lo status quo con la forza nella regione e di risolvere le divergenze attraverso lo Stretto con mezzi pacifici. Non vi è alcun cambiamento nelle rispettive politiche cinesi, ove applicabili, e posizioni di base su Taiwan dei membri del G7.

Ribadiamo il nostro costante e condiviso impegno a mantenere la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan e incoraggiamo tutte le parti a rimanere calme, esercitare moderazione, agire con trasparenza e mantenere aperte linee di comunicazione per evitare malintesi.

0Shares